Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi n. 1815 del 6 e 7 maggio 2016

Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi n. 1815 del 6 e 7 maggio 2016

Je suis Charlie

# No al facismo”

# Se togliendo i diritti agli operai si incentiva l’Occupazione, perché non togliere i diritti -privilegi ai politici italiani per incentivare la Democrazia?

# Non si può condannare la parola

#stiamoconDavigo”

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronacachenonce sarà anticipata da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE: il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole. E’ assicurato il diritto di replicare. Evitiamo le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc.. Precisato ciò, il blog liberacroanacachenonce non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

20° anniversario alluvione in Versilia: al via le manifestazioni con la mostra nel Palazzo della Cultura in Cardoso “S’i’ fossi acqua”FullSizeRender

Da Ufficio Urp del Comune di Stazzema,6.5.2016

Stazzema_ Prendono il via con la mostra “S’i’ fossi acqua” le celebrazioni per il 20° anniversario dell’alluvione in Versilia del 19 giugno 1996. L’inaugurazione è prevista per sabato 7 maggio alle ore 16,30 al Palazzo della Cultura in Cardoso. Un programma denso di appuntamenti che coinvolgeranno i quattro comuni della Versilia storica in cui si ricorderà il giorno che ha segnato la storia recente di queste Comunità che dovettero imparare a conoscere la forza distruttiva dell’acqua, ma da cui si imparò una nuova cultura della messa in sicurezza e del vivere sicuri. L’Alluvione in Versilia portò con sé un nuovo modello di protezione civile che coinvolse in prima persona i cittadini e che divenne la base per la protezione civile di oggi. Tra gli appuntamenti culturali di maggiori rilievo la mostra “S’i’ fossi acqua” che prenderà il via sabato 7 maggio sino al 5 giugno al Palazzo della Cultura in Cardoso con opere sul tema dell’acqua dei ragazzi del Liceo Artistico Stagio Stagi di Pietrasanta e della scuola secondaria dell’Istituto Comprensivo Martiri di Sant’Anna di Pontestazzemese. A Giugno verrà presentato un volume sull’alluvione realizzato dall’Amministrazione Comunale di Stazzema, una mostra presso la Sede del Parco Regionale delle Alpi Apuane e la presentazione di una via Crucis nel Paese di Cardoso che ricordi la tragedia dell’alluvione. Due i convegni in programma: il primo sulla Difesa del Suolo a cui ha dato la sua adesione il Ministro dell’Ambiente Galletti, l’altro il 18 giugno a Pietrasanta con tutti i soggetti istituzionali che furono impegnati nei soccorsi. Il 19 giugno sarà il giorno della memoria con un consiglio comunale congiunto tra le Amministrazioni di Stazzema, Seravezza, Forte dei Marmi, Pietrasanta e Fornovolasco che si svolgerà presso il Palazzo della Cultura in Cardoso al mattino. Alle 13,32 in corrispondenza con l’ora in cui la piena travolse il Paese di Cardoso vi sarà un momento di raccoglimento per poi proseguire nel pomeriggio con la staffetta che dalla foce del Versilia porta gli atleti sino a Pontestazzemese quando inizierà la fiaccolata per Cardoso.

Quest’anno il 20° anniversario”, commentano l’assessore alla Protezione Civile Egidio Pelagatti e l’assessore alla Cultura Serena Vincenti, “imponeva non solo un momento di commemorazione, ma soprattutto di riflessione su cosa si è fatto dopo quel 19 giugno per rendere le nostre comunità più sicure e una riflessione con i ragazzi che non hanno vissuto quella tragedia, ma hanno sentito raccontare dai propri nonni e dai propri genitori di come improvvisamente, la natura fu stravolta da un evento eccezionale. Ci fu una volontà comune di ricostruire i paesi colpiti e di dare di nuovo sicuro alle persone in cui vivere e crescere. Oggi ad anni di distanza ricordiamo, ma soprattutto riflettiamo su quegli eventi a partire dalla cultura del ricordo, che ci deve insegnare ad avere un nuovo rapporto con la natura, e della prevenzione, che ci deve far trovare preparati in caso di nuove calamità”. Stazzema, 3 maggio 2016

La mostra “S’i’ fossi acqua”

Da Ufficio Urp del Comune di Stazzema,6.5.2016

Stazzema_ Il Liceo Artistico Stagio Stagi di Pietrasanta e la scuola secondaria dell’Istituto Comprensivo Martiri di Sant’Anna di Stazzema di Pontestazzemese allestiscono dal 7 maggio al 5 giugno 2016 una mostra che parla dell’Acqua come risultato di un percorso di studi durato per tutto l’anno scolastico. I ragazzi dello Stagio Stagi mettono in opere l’acqua, immortalata dai poeti, ascoltata dai musicisti, come fonte di vita e di gioia, come materia necessaria alla vita ed essa stessa vita. In fondo anche gli uomini sono fatti prevalentemente di acqua e le lacrime lo provano. L’uomo che si crede padrone del pianeta viene rappresentato invece, come uno degli inquilini del mondo, che ha bisogno di aria e acqua.

L’Istituto Comprensivo Martiri di sant’Anna gioca con le parole sul tema dell’acqua con la tecnica del Caviardage che potremmo tradurre come annerire. In effetti l’azione di “caviardage” era quella che si faceva in passato per sopprimere in alcuni scritti dei passaggi ritenuti immorali dalla censura. In questo caso in un testo verranno ‘annerite’ le parti  (frasi o parole ) che non ci servono, per mettere in evidenza quanto resta, o meglio quelle parole che più hanno colpito i ragazzi per ottenere un componimento poetico. I ragazzi di Pontestazzemese lo hanno applicato a d un testo di 20 anni fa di Giuseppe Guidi. L’obiettivo è quello di far riflettere sull’acqua, capace di tutto e di nulla.

Apertura mostra 7 maggio 5 giugno dal giovedì alla domenica dalle 16,30 alle 18,30.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Viviani: Non ho esagerato ho detto la verità e denunciato le scelte sbagliate di un Sindaco che sta distruggendo Stazzema.

Invio in allegato il comunicato in risposta a quanto dichiarato dal Sindaco e dall’amministrazione comunale sulle mie dimissioni dalla carica di assessore.
Saluti– Marco Viviani,addì 6.5.2016

Stazzema_ Leggendo gli articoli pubblicati dai giornali locali sabato 30 aprile u.s. mi sembra che il Sindaco di Stazzema e i componenti della sua amministrazione oltre ad essersi dimenticati il programma elettorale si sono dimenticati anche quale sia la funzione degli organi istituzionali.

Nella mia scelta di riferire in Consiglio Comunale le motivazioni delle dimissioni dalla carica di assessore non c’è stata nessuna volontà di spettacolarizzazione, ho ritenuto la sede del Consiglio Comunale quella più appropriata per esporre le motivazioni di una scelta dettata non da questioni personali, ma da una mancata condivisione del modo di amministrare il Comune portata avanti dal Sindaco.

I fatti dimostrano senza ombra di dubbio lo scarso valore che Verona ha sempre dato al Consiglio Comunale visto che non ha ritenuto necessario che il più alto organo di indirizzo dell’ente fosse coinvolto in decisioni fondamentali per il territorio come la riperimetrazione delle aree estrattive.

Non sono interessato ad intrighi politici di partito, credo nella partecipazione della comunità alla vita amministrativa del Comune, quindi i cittadini devono essere informati dei problemi che li riguardano e sono pronto ad un confronto pubblico con il Sindaco sui temi e problemi da me sollevati.

In questi quasi due anni sono stati diversi i temi che mi hanno visto in contrapposizione rispetto alle posizioni del Sindaco e dell’Amministrazione, dalla situazione economica del Comune, alla gestione delle manutenzioni delle strade e del patrimonio pubblico alle scelte inerenti la scuola. Le mie perplessità le ho sempre manifestate apertamente con tutto il gruppo di maggioranza ed ho sempre cercato di lavorare in squadra anche se questo metodo è sempre stato ostacolato dal Sindaco. Le discussioni a volte anche aspre ed accese con il Sindaco sono state nei mesi scorsi anche oggetto di articoli sulla stampa. Di tutte le problematiche ho informato sempre e dettagliatamente il Capogruppo di maggioranza Massimiliano Bazzichi che fino a poche settimane fa sembrava condividere le mie posizioni tanto da manifestare la sua volontà di presentare una mozione di sfiducia nei confronti del Sindaco.

Verona ha dichiarato nel Consiglio Comunale del 27 aprile scorso di non accettare le menzogne. A questo punto però ci deve dire se lui ha mentito in passato o sta mentendo oggi. In merito alla cava “La Ratta”, durante la campagna elettorale per le amministrative del 2014, fu proprio lui a dichiarare in un incontro pubblico, con la frazione di Pomezzana, che in tale sito non potevano sorgere nuove cave in quanto non vi era un area estrattiva, mentre dagli atti emerge chiaramente, come dallo stesso confermato, che l’area estrattiva de La Ratta, è stata creata nel 2009 con la variante straordinaria fatta dalla Regione Toscana e da lui stesso gestita come assessore alle attività estrattive, carica che ricopre fin dal 2004. Stessa cosa per la Cava San Piera, dove nell’autunno 2014 Verona dichiarava che i vecchi proprietari rischiavano di aver fatto un atto di vendita illegittimo in quanto i terreni venduti non erano più estrattivi.

Anche in merito alla scuola le posizioni di Verona risultano abbastanza contrastanti l’una con l’altra. Dichiara di essere sempre stato a favore del mantenimento dell’autonomia del nostro istituto comprensivo, ma i suoi scritti e posizioni espresse anche in incontri pubblici lo smentiscono palesemente.

Stessa cosa rispetto alla chiusura delle scuole materne di Ruosina e Mulina, oggi dichiara di non saperne niente, ma i documenti dimostrano il contrario, per avere conferma di questo basta andare a rileggere la relazione allegata al progetto preliminare con il quale è stato richiesto il contributo alla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, in tale relazione si afferma che l’intervento previsto porterà alla chiusura di due scuole materne.

Il vero showman del Consiglio Comunale mi sembra comunque che sia stato il Sindaco di Stazzema che ha cercato di giustificare le sue scelte sciagurate scaricando responsabilità che da dodici anni fanno capo a lui su altri, utilizzando anche aggettivi e frasi poco garbate e rispettose e sicuramente non appropriate al ruolo che ricopre. Stazzema li 5 maggio 2016. Marco Viviani

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Tre comuni versiliesi verso il cracLa Nazione 06.05.2016

Da Baldino Stagi,addì 6.5.2016

Quali saranno i tre comuni di cui parla il giornalista??? Un saluto, 

Re. Da una  successiva email inviataci da Baldino Stagi:

Ho visto che hai pubblicato il ritaglio di giornale ricavato da La Nazione sullo stato disastroso delle finanze di tre comuni versiliesi. Colto da irrefrenabile curiosità, ho voluto parlare col giornalista che lo ha redatto il quale mi ha detto che fra i tre comuni analizzati non c’è Stazzema. Il nostro “comunetto” non è nemmeno stato preso in considerazione in quanto, essendo piccolino, non può presentare situazioni critiche. Sono rimasto d’accordo col giornalista che avrei invece mandato un breve scritto descrivendo una situazione che va ben oltre l’immaginabile. Te lo mando.

NB: L’intervento del consigliere Stagi sarà postato stasera o domani. (Giuseppe Vezzoni,addì 7.5.2016)

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Elenco candidati lista Idee in Comune- Cavirani sindacopresentazione_candidati_20160430

Da Francesco Speroni,addì 6.5.2016

  1. SPERONI Francesco – Seravezza, 1 gennaio 1969 (capolista)‎
  2. ANTONELLI Alessio – Pietrasanta, 28 dicembre 1987
  3. BACCI Claudio -‎ Pietrasanta, 28 gennaio 1964
  4. CUZZOCREA Anna in SALVATORI – Milano, 19 settembre 1973
  5. LARI Elisa – Pietrasanta, 24 giugno 1986
  6. LASTA Pasquale detto Lino – Caivano (NA), 18 aprile 1956
  7. LEONARDI Luca – Pietrasanta, 22 luglio 1991
  8. LOMBARDI Niccolò – Pietrasanta, 11 maggio 1984
  9. LUISI Elena – Seravezza, 19 aprile 1963
  10. MOZZONI Valentina – Seravezza, 6 febbraio 1972
  11. NERI Manola – Viareggio, 20 marzo 1967
  12. PAPINI Rita – Pietrasanta, 22 gennaio 1964
  13. PELLEGRINI Michele – Pietrasanta, 13 settembre 1995
  14. PELLEGRINI Stefano – Pietrasanta, 10 dicembre 1980
  15. SIMI Fabrizio – Pietrasanta, 30 agosto 1964
  16. TONACCI Pietro – Pietrasanta, 15 luglio 1979

Breve descrizione del candidato sindaco Riccardo Cavirani

Nato a Massa il 20 aprile 1984, residente da sempre a Querceta. Laureato in storia medievale e appassionato di storia locale. Collaboratore per La Gazzetta di Viareggio e La Gazzetta di Massa-Carrara come giornalista e fotografo. Dal 2015 ho una attività imprenditoriale nel settore dell’arte‎. Dal 2011 sono consigliere comunale di minoranza dell’amministrazione Neri – il più votato tra ‎i candidati di opposizione – e non ho mai fatto assenze nei consigli comunali di questi cinque anni.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

“Fresche di Giornata”

LOCANDINA FRESCHE DI GIORNATA

Da Associazione Turistica Pro Loco Seravezza, Il Presidente Marco Bertagna,addì 6.5.2016

Seravezza_ Anche quest’anno, a Seravezza, si terrà la terza edizione di “Fresche di giornata”, nata da un’dea di Leonardo Leonardi e sostenuta da “La Seravezziana” e dall’Associazione turistica Pro Loco di Seravezza. L’ appuntamento, per fotoamatori non professionisti, si terrà nell’intera giornata di Domenica 15 Maggio dalle ore 9:00 alle 19:00. Chi partecipa potrà così riscoprire e catturare con il proprio obbiettivo quei particolari di Seravezza e del territorio circostante che, di norma, sfuggono all’occhio della routine quotidiana. Le foto, fatte con macchinette digitali, che il partecipante stesso riterrà essere le più belle e rappresentative verranno stampate al momento ed esposte su plance lungo Via Roma, così da ricreare una sorta di camera oscura all’aperto. Questa edizione è dedicata al ricordo di Nino Gomei, fotografo non professionista del capoluogo versiliese.

Chi vuole partecipare può iscriversi presso la sede della Pro Loco di Seravezza, in via Corrado del Greco, 11 a Seravezza, entro il 15 Maggio alle ore 12:30.

Contemporaneamente sono stati invitati i pittori itineranti della Versilia Piero Moriconi, Carla Jacobelli, Claudio Amadei, Alfio Bichi, Angelo Fornaciari, Amedeo Giusti, Aurelia Badea, Sara Fattoretto, Tiziano Mutti, Piero Crivellari, Paola Torrisi, Carla Moriconi, Mirko Babboni, che dipingeranno su tela quello che, secondo la propria arte, rintegano essere il logo rappresentante di Seravezza e, a fine giornata, sarà il pubblico a scegliere il vincitore, la cui opera sarà utilizzata come simbolo ufficiale delle manifestazioni estive della Pro loco di Seravezza.

^^^^^^^^^^^^^^^^^

Mostra collettiva d’arte contemporanea

Artisti della Versilia espongono domani a VolterraPomodoro, Vestale del silenzio, 2013, 134+ù92,5+ù27 cm, marmo biancoBartolucci, Le Stanze del Cielo 1, 2012, 100 +ù 150 cm, stampa Hahnemu¦êhle fine art

Volterra-Seravezza_ Nella stupenda cornice del centro storico di Volterra, da domani, sabato 7 maggio, fino al 31 luglio 2016,  avra’ luogo la mostra collettiva d’arte contemporanea “SPAZIOTEMPO – Quattro dimensioni della materia”.  La mostra è organizzata e patrocinata dal Comune di Volterra (PI) Assessorati Cultura, Assessorato Turismo, all’interno di uno scambio culturale con il Comune di Seravezza (LU) e la Fondazione Terre Medicee ed abbraccia tre differenti discipline artistiche: la fotografia, la pittura e la scultura. Autori delle opere esposte sono il fotografo Andrea Bartolucci, il pittore Vezio Moriconi, gli scultori Giuseppe Bartolozzi-Clara Tesi e Bruto Pomodoro.

La fotografia di Andrea Bartolucci e la pittura di Vezio Moriconi sono ospitate al secondo piano del centralissimo Palazzo dei Priori nella omonima piazza, la scultura monumentale di Bartolozzi-Tesi in piazza San Giovanni e piazza  XX settembre,  la scultura di Bruto Pomodoro in piazza San Michele e all’interno dell’omonima chiesa. Il progetto espositivo “SPAZIOTEMPO – Quattro dimensioni della materia” intende unire idealmente città in cui la pietra abbia rappresentato e rappresenti ancora oggi l’identità storico-artistica e socio-economica primaria delle comunità che vi abitano, sottolineando  l’influenza che tale ambiente esercita su ogni tipo di realizzazione artistica, quando il creatore dell’opera ha la ventura di vivere a contatto ed interiorizzare la maestosità di siffatto ambiente, in una stimolante simbiosi quotidiana di passato e presente.

Il suddetto progetto propone ed ulteriormente valorizza l’opera di quattro artisti contemporanei operanti in tre diverse discipline creative. Quattro artisti per quattro percorsi generazionali e linguaggi espressivi diversi, ma accomunati per provenienza geografica e per la costante ricerca nel rapporto uomo-spazio; quest’ultimo inteso non solo come dimensione fisica, ma soprattutto come dimensione mentale e dell’anima. “ Questa iniziativa  è nata da Andrea Bartolucci e altri artisti – ha spiegato l’assessore alla cultura del Comune di Seravezza Riccardo Biagi – ma è stata fatta propria dai due assessorati alla cultura, il nostro e quello del Comune di Volterra, non solo per la mostra ma per avviare una collaborazione, una sorta di gemellaggio nel segno dell’arte  tra le nostre città ricche di storia e cultura.  Nell’ambito di questo progetto e di scambio – conclude Biagi –, abbiamo in programma nei prossimi mesi una mostra di artigiani dell’alabastro di Volterra nel Palazzo Mediceo”.

Catalogo mostra a cura di WF Editore Lucca, presso gli spazi espositivi ed on line su info@synersea.it.

Info:  cristiano.pellegrini@agenziaimpress.it –  press@ilogo.it –

tel.  0584756046 –

Titolo:    “SPAZIOTEMPO – Quattro dimensioni della materia”.

Date:     da sabato 7 maggio – vernissage ore 17 – al 31 luglio 2016

Dove:      Volterra (PI) Palazzo dei Priori e piazze del centro storico.

Cos’è:     Mostra collettiva d’arte contemporanea (fotografia, pittura, scultura monumentale).

Autori:    Andrea Bartolucci fotografia, Giuseppe Bartolozzi-Clara Tesi scultura, Vezio Moriconi pittura, Bruto Pomodoro scultura.

Patrocinata da:  Comune di Volterra – Assessorato Cultura e Turismo, Comune di Seravezza, Fondazione Terre Medicee.

Main sponsor:   Fastbook spa, Conad Tirreno, Henraux spa, Umberto Ronchieri Marmi.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Pedalata oggi: Mulina, Ripa, Vallecchia, Ciclo Aliverti, Pietrasanta , marginetta alla Croce di Stazzema, sterrato Stazzema-Gallicano, Curva del Selvano, Stazzema capoluogo, Mulina.DSCN4311DSCN4312DSCN4309

Giuseppe Vezzoni,addì 6.5.2016

Oltre 40 km quelli di stamani. La salita da Pontestazzemese alla marginetta in località Croce di Stazzema, circa sette chilometri, trova la parte più impegnativa dalla curva del Selvano alla marginetta. Sono circa tre chilometri che si caratterizzano per due rettifili che dopo alcuni chilometri di ascesa disturbano più psicologicamente che muscolarmente. Per il resto tutto bene. Dopo quattro uscite iniziamo a risentire la gamba. Occorrerà ancora una settimana di pedalate per ritrovare il fiato e la condizione fisica che avevamo prima di partire per Lauterbourg.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

AUGURI A LILIA: OGGI HA COMPIUTO TRE ANNI

DSCN4156

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...