Libera Cronaca da Lauterbourg 1809 del 29 e 30 aprile 2016

Libera Cronaca da Lauterbourg 1809 del  29 e 30  aprile 2016

#Je suis Charlie”

# No al facismo”

# Se togliendo i diritti agli operai si incentiva l’Occupazione, perché non togliere i diritti -privilegi ai politici italiani per incentivare la Democrazia?

# Non si può condannare la parola”

   #noistiamocon Davigo”

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronacachenonce sarà anticipata da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE: il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole. E’ assicurato il diritto di replicare. Evitiamo le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc. Precisato ciò, il blog  liberacroanacachenonce non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

 

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

 

In Italia si sta delineando il contrasto tra cittadini e gli interessi di parte

 

Da Giuseppe Vezzoni,addì 29.4.2016

Sta emergendo in maniera chiara l’acuirsi del contrasto tra cittadini e la preservazione interessi di parte. Una disfida, quella che vede i cittadini contrapposti a chi vuole preservare gli interessi di parte, che contraddistinguerà la politica italiana dei prossimi anni. In questo momento sembrano averla vinta gli interessi di parte, dietro cui si cela il sistema politico e l’azione riformatrice, ma la situazione dell’ingiustizia sociale potrebbe determinare la svolta per mandare a casa una classe politica che per i propri privilegi ha svenduto i valori di una Repubblica fondata sull’equità sociale e sulla giustizia uguale per tutti e che con l’alibi della governabilità ha snaturato l’effettiva rappresentazione in Parlamento del corpo elettorale. A ottobre, con il referendum  costituzionale, sapremo se i nominati che fanno spesso gli interessi personali, dei partiti e delle lobby economiche prevarranno sugli spodestati sovrani di una Repubblica che rischia di divenire sempre più bene comune di pochi.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

 

Il Sindaco Maurizio Verona e la maggioranza replicano all’ex Assessore Viviani.

Dall’Ufficio Up del Comune di Stazze, Pontestazzemese 29/04/201613124693_10201925806862200_2663989401321244615_n

 

 La replica del Sindaco Maurizio Verona:

Stazzema_ “Nell’ultimo consiglio comunale il dibattito sul rendiconto si è allargato con la discussione delle dimissioni dell’assessore al bilancio attività produttive personale e pubblica istruzione, che ha sottolineato l’insoddisfazione rispetto all’attuazione dei programmi di questi 23 mesi di amministrazione. Il gruppo di maggioranza ha assistito con compostezza, ma corre l’obbligo di precisare che alcune critiche sollevate non trovano fondamento e sono opinabili.

Il primo stupore nasce dalla mancata discussione nel gruppo di certe sofferenze, scegliendo la via del Consiglio Comunale come per voler spettacolarizzare l’accaduto e per mettere in difficoltà i colleghi del gruppo consiliare, quasi come se il fatto assumesse più un profilo personale che politico, e nell’esposizione critica si è voluto sottolineare che tutti hanno agito in questi mesi con un metodo sbagliato e tutti hanno palesato incapacità amministrativa.

Le critiche programmatiche sono a nostro avviso premature e strumentali, quasi non si tenesse in considerazione il contesto di una squadra fortemente rinnovata con la quale ci siamo presentati ai cittadini che ci hanno premiato anche per questa espressione di cambiamento, che ha portato idee nuove e proposte di rinnovamento i cui frutti si stanno già raccogliendo ed oggi ci presentano prospettive positive. Sapevamo che ci sarebbe voluto un periodo anche di rodaggio per i nuovi amministratori, che sin da subito però hanno sopperito alla inesperienza con entusiasmo e con la passione che si chiedeva loro per una discontinuità rispetto al passato, che non significa damnatio memoriae, ma nuove idee in circolo per rendere i nostri paesi sempre più accoglienti e vivibili.

La nostra Amministrazione non ha agito sulle leve tributarie e non ha incrementato l’indebitamento, ma ha lavorato nella ricerca di finanziamenti straordinari da Stato e Regione per la realizzazione di interventi sul territorio, interventi che stanno partendo come i 400.000 € ricevuti dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti per progetti di regimazione idraulica e difesa dal rischio idrogeologico, i finanziamenti del MIBAC quelli della Regione, quelli della Fondazione CRL. In questi giorni è stato appaltata la progettazione per l’ampliamento del polo scolastico per 1.100.000€ , progetto che volevamo già aver realizzato lo scorso anno con molte meno risorse a disposizione cioè 700.000€ : solo in fase di gara abbiamo acquisito coscienza che per un progetto completo servivano ulteriori risorse, che in pochi mesi abbiamo reperito dalla Regione Toscana.

La pubblica illuminazione oggi è in uno stato di grossa sofferenza, soprattutto a seguito degli eventi del 5 marzo 2015: non siamo intervenuti nell’immediato semplicemente perché abbiamo fatto una scelta precisa di attendere e creare le condizioni di cambiare tutte le lampade del territorio e ripristinare e potenziare in questa occasione il servizio che è anche ambientalmente ed economicamente più vantaggioso, ed oggi il progetto ha finalmente avviato il suo percorso ed a breve si concretizzerà con interventi su tutto il territorio.

Abbiamo già affidato i lavori per la collocazione di guard rail sul territorio che rispecchia in pieno le priorità programmatiche della messa in sicurezza delle viabilità esistenti.

Dal primo luglio anche il Comune di Stazzema partirà con una raccolta differenziata di prossimità nelle frazioni del fondovalle per dare una risposta alle politiche dell’ambiente e migliorare la nostra percentuale di differenziato che nel corso degli anni è cresciuta, ma ancora sotto le nostre aspettative. In questo settore le difficoltà sono molteplici a causa di un territorio vastissimo e di una maleducazione crescente nell’abbandono dei rifiuti, per cui ci stiamo organizzando per implementare controlli e irrigidire le sanzioni.

Nelle politiche del lavoro l’attività estrattiva, che è stata un po’ l’oggetto della discussione in questo periodo, vedrà a Stazzema la partenza di un accordo di programma per la realizzazione dei piani attuativi di iniziativa pubblica.

L’attività estrattiva a Stazzema è l’economia che ha permesso di evitare che i nostri borghi si trasformassero in borghi fantasma; e non è uno slogan, è una realtà basti pensare alla frazione di Arni che ha subito uno spopolamento enorme. Il fenomeno è proseguito a catena nelle altre frazioni a seguito della chiusura delle cave nel bacino marmifero di Arni. La nostra Amministrazione non ha mai nascosto la necessità di difendere questa economia, lo ha fatto e lo continuerà a fare. Ma al tempo stesso non rimaniamo sordi alle richieste dei cittadini e  abbiamo cercato di valutare tutti gli aspetti e gli interlocutori a seguito di segnalazioni e preoccupazioni come per la cava la Ratta, oggi sospesa in attesa di approfondimenti per ulteriori valutazioni. Ma quando c’è un problema l’amministrazione non deve sfuggire, ma agire affrontarlo e cercare di arginarlo nella legalità.

Siamo stati criticati anche nel campo culturale dove in 23 mesi abbiamo realizzato un programma di iniziative mai visto prima nel nostro Comune, dalla proiezione di film alle mostre di pittura ad esposizioni di oggetti artigianali, incontri sui diritti civili incontri e corsi con il volontariato corsi sulla sicurezza in montagna escursioni, con la consapevolezza che non sono sforzi di consenso, ma sono importanti per una crescita culturale fondamentale per il cambiamento che ci siamo imposti di ottenere o meglio avviare nel corso del nostro mandato. Abbiamo cercato di parlare di arte, attualità, abbiamo svolto iniziative sul mondo del volontariato e con la scuola con una particolare attenzione alla valorizzazione delle ricchezze del nostro territorio e dei nostri borghi. Il tutto cercando di coinvolgere quanto più possibile le nostre comunità dei paesi e le altre esperienze culturali già operanti ed attive sul territorio come le forze che lavorano nella Consulta del Volontariato che in questi mesi ha continuato le proprie attività, cercando di proporsi non come semplice emanazione dell’Amministrazione, ma come soggetto autonomo che operi a supporto delle iniziative della stessa e con una propria autonomia organizzativa. Siamo certi del fatto che nei prossimi mesi sempre di più la Consulta saprà essere l’espressione del tessuto di tutto il nostro territorio, anche quello che è stato meno coinvolto in questi anni, e che vogliamo sempre più vivo.

Siamo partiti con il progetto dei certificati verdi, un progetto ambizioso, innovativo che fa della purezza della nostra aria una ricchezza da promuovere e che invece, delle critiche necessita di un impegno concreto per la sua attuazione da parte di tutti.

Non abbiamo bisogno di difendere l’operato della nostra Amministrazione perché già i risultati di questi primi due anni sono confortanti. Chi credeva che sarebbe arrivato tutto e subito, commette un errore di valutazione, ma di fronte alle difficoltà una vera squadra si stringe senza pessimismo ed impazienza e raddoppia i propri sforzi per il bene del nostro Comune.

Abbiamo avuto il consenso per un mandato amministrativo che, come scritto nel simbolo arriva fino al 2019: a quella data ci presenteremo agli elettori con un rendiconto del nostro operato ed a loro chiederemo in giudizio su questi cinque anni. Non sfuggiremo al nostro impegno, anzi, cercheremo di onorarlo fino in fondo”.

RE: Tramite un’email abbiamo chiesto al consigliere Viviani il testo del suo intervento in maniera da poterlo pubblicare. Intanto postiamo l’articolo de Il Tirreno acciocché i nostri lettori possano comprendere meglio la replica del sindaco e dell’attuale maggioranza del comune di Stazzema.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Domani grande giornata di pulizia dei fiumi nel  loro tratto terminale.

Interessati 6 corsi d’acqua della costa Versiliese e Apuana

Sabato 30 aprile 2016,alle 9,00unnamed

Versilia e Apuania_ Abbiamo organizzato 6 punti di ritrovo (tutti alle 9,00) lungo il nostro litorale! In contemporanea, armati di sacchi e guanti, raccoglieremo i rifiuti abbandonati sulle sponde e sugli argini.

Con l’aiuto delle associazioni venatorie, ambientaliste e di volontariato, dei Comuni di Massa, Carrara, Montignoso, Forte dei Marmi, Pietrasanta Camaiore e Viareggio e degli Istituti scolastici, che collaborano all’evento, puliremo gli argini per ricordarci sempre che i nostri fiumi devono essere rispettati, per la sicurezza del territorio e per la salvaguardia dell’ambiente!

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Domani commemorazione dei caduti della II Guerra mondiale a Castello Tesino

Castello Tesino_  Domani si terrà la commemorazione dei caduti della II Guerra mondiale e sarà apposta una nuova targa a memoria in Piazza San Giorgio a Castello Tesino. Siamo più che convinti che nell’occasione  sarà ricordato anche la medaglia d’oro don Fiore Menguzzo, ormai a tutti gli effetti riconosciuto martire e memoria trentina contro il ripetersi della barbarie nazifascista e  nuove barbarie.

 Agli amici dell’Anpi di Trento e di Castello Tesino e Trento, e per tutti citiamo Sandro Schmid, Graziella Menato, Anselmo Baroni e la casa editrice Il Margine, vogliamo manifestare la nostra gratitudine e la vicinanza morale  all’evento di domani e per quanto hanno fatto a favore della memoria di don Menguzzo e delle vittime di Mulina. Grazie.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Da domani Paolo Ulian espone al Mediceo con la mostra La leggerezza delle intuizionipanchina.jpginvito-ULIAN-10x21cm

Palazzo Mediceo- Seravezza (Lucca) da sabato 30 aprile – vernissage ore 18 – al 29 maggio 2016

Da Fabrizio Lucarini,agenzia iLogo,addì 28.4.2016

Seravezza_ Situato ai piedi delle Alpi Apuane ed a pochi passi da Pietrasanta, Palazzo Mediceo,  voluto da Cosimo I ed  ufficialmente riconosciuto dall’Unesco come Patrimonio Mondiale dell’Umanità nel “Sito seriale delle Ville e Giardini Medicei della Toscana” nel 2013, è da sempre sede di eventi prestigiosi. Nel rispetto di questa tradizione dal 30 aprile al 29 maggio 2016 ospiterà la rassegna antologica dedicata al famoso designer italiano Paolo Ulian, evento a cura dell’Associazione culturale Imaginificat.

Ulian, in questo momento fra i più versatili ed importanti designer italiani, è considerato erede e ideale continuatore del fil rouge della creatività che, a partire da Castiglioni, Sottsass, Munari e Mari, ha rinnovato, con ironia, versatilità, sensibilità estetica ed anche etica l’insieme di oggetti che “popolano” il nostro quotidiano. Il suo vaso Vago è stato inserito da Domus nel numero speciale 1000 tra i 100 migliori progetti dal 1928 a oggi. Muovendosi con delicatezza e misura è capace di reinventare oggetti che fanno parte della memoria collettiva, portando a nuova vita materiali poveri e/o di scarto.

A proposito della sua ricerca sul recupero dei materiali, Domitilla Dardi del MAXXI di Roma scrive:“Nessuno come lui oggi in Italia – e forse anche oltre – sa lavorare con lo scarto e trasformarlo in un progetto sublime. Nel farlo egli non si limita a utilizzare il materiale attraverso il riciclo o il riuso, ma sfrutta il taglio del marmo come momento fondamentale del progetto. D’altra parte questa lezione l’ha appresa alla scuola di un grande maestro, Enzo Mari.”

Il suo metodo è fatto di intuizioni ma anche di riflessioni su aspetti legati al contesto sociale, all’etica e alla questione ambientale, il tutto sempre legato alla migliore tradizione artigiana del nostro paese: ne risultano creazioni emozionanti e riconoscibili, riconducibili alla nostra tradizione e nel contempo adeguate ad essere collocate sul mercato internazionale.

Siamo quindi felici, dopo il lavoro di un anno, di vedere finalmente realizzata la manifestazione chedeve il suo successo anche al sostegno di alcune tra le più importanti aziende del Made in Italy, tra cui Driade- Valcucine, Paola Lenti, Schiffini, Vittorio Bonacina, Ceccotticollezioni , Danese- Artemide, Roda, Sanlorenzo, Bufalini marmi, Le Fablier, Giulio Vanelli Marmi, Alpha Marmi, Zava, Carraradesignfactory, G.I.A.D.A. e Archimek ed ha il patrocinio dell’ADI-Associazione per il disegno industriale.

Semplicità, naturalezza, pochi orpelli e molta sostanza: l’allestimento guida alla lettura storica e tematica della produzione di Ulian, accompagnando i visitatori in un percorso pieno di sorprese e suggestioni.

Inaugurazione: 30 aprile 2016 h 18.00 Palazzo Mediceo – Viale Leonetto Amadei, 230 – 55047 Seravezza (LU)

Apertura: giovedì-domenica 16.00-20.00. Ingresso libero

Info: imaginificat@gmail.com  tel 349/7252647 – 334/3642524

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Un altro stazzemese ha conseguito il titolo di Dottorato di ricerca

Stazzema_ Il giorno 31 Marzo scorso Diego Pieruccioni di Cardoso ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Scienze Geologiche presso il Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche dell’Università di Cagliari con una tesi ha il titolo “Analysis of geological parameters for optimization of geothermal probes applied to heat pumps: individuation of a technical and procedural iter”. I tutor della ricerca sono stati il Prof. Antonio Funedda dell’Università di Cagliari ed il Prof Luigi Carmignani dell’Università di Siena. Il tema della ricerca riguarda le energie rinnovabili, ed in particolare la geotermia di bassa temperatura. L’intero lavoro di ricerca intende costituire un esempio applicativo di come l’informazione geologica ad una scala di dettaglio, le informazioni stratigrafiche diffuse e la conoscenza dei parametri fisici del terreno, possono essere combinate per realizzare cartografie tematiche utili per impieghi pubblici e privati, al fine di realizzare una progettazione oculata ed una maggiore consapevolezza della reale predisposizione del territorio all’istallazione dei sistemi di geoscambio.

RE: Libera Cronaca si complimenta con Diego Pieruccioni  per questo ennesimo risultato che consegue un altro giovane di Stazzema e augura al neo dottore i più fervidi auguri per la futura professione che svolgerà nel campo della ricerca.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Nell’isola magica di Mariella Schulz, a LauterbourgDSCN4228

Da Giuseppe Vezzoni,addì 29.4.2016DSCN4210

 

Nei prossimi giorni scriveremo dell’artista tedesca  Mariella Schulz, che oggi ci ha fatto approdare nella sua isola ispiratrice composta da tre tipiche casette alsaziane in Lauterbourg, dove vive e lavora,  e un giardino dove scorazza il suo cagnolino Topo. E’ stata un’esperienza molto bella vedere gli spazi dove l’artista si ispira e lavora, scoprire una signora tedesca che ama parlare in italiano e che ha aperto sorprendentemente la sua casa alla famiglia di Giuseppe Vezzoni. La pittrice-scultrice ha donato un libro da lei illustrato The Pied Piper of Hamelin  nella versione in lingua inglese,mentre noi abbiamo contraccambiato con l’ultimo libro Tra le pieghe della strage nazifascista nel settantesimo della Liberazione.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...