Libera Cronaca da Lauterbourg 1808 del 28 e 29 aprile 2016

Libera Cronaca da Lauterbourg 1808 del  28 e 29  aprile 2016

#Je suis Charlie”

# No al facismo”

# Se togliendo i diritti agli operai si incentiva l’Occupazione, perché non togliere i diritti -privilegi ai politici italiani per incentivare la Democrazia?

# Non si può condannare la parola”

   #noistiamocon Davigo”

 

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronacachenonce sarà anticipata da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE: il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole. E’ assicurato il diritto di replicare. Evitiamo le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc. Precisato ciò, il blog  liberacroanacachenonce non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

 

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

 

 

Il Comune di Stazzema emette un’ordinanza per il corretto smaltimento dei rifiuti

Da Ufficio Urp Comune di Stazzema,addì 28.4.2016

Stazzema_Il Comune di Stazzema vista la necessità di salvaguardare l’ambiente e la salute pubblica attraverso una riduzione della quantità di rifiuti indifferenziati, ha emesso una ordinanza per il corretto sistema di raccolta e smaltimento  dei rifiuti urbani ed assimilati. Su tutto il territorio comunale è stato istituito il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti, con il collocamento nelle rispettive frazioni, di appositi cassonetti presso i quali gli utenti devono depositare le varie tipologie di rifiuti. Per migliorare il sistema di raccolta il Sindaco ha emesso una ordinanza per cui è fatto obbligo di conferire i rifiuti urbani e assimilati esclusivamente negli appositi servizi organizzati nel territorio del Comune  (cassonetti dell’indifferenziato e contenitori  per la raccolta differenziata, servizi di ritiro a domicilio,  stazione ecologica, ecc.) e di depositare i rifiuti selezionati vetro, carta e multimateriale,   nei rispettivi  contenitori e di non abbandonare e/o depositare rifiuti di qualsiasi genere al di fuori degli appositi contenitori, sul suolo e nel suolo, nelle acque superficiali e sotterranee e comunque in luoghi diversi da quelli stabiliti per la raccolta dei rifiuti. L’ordinanza comporta anche il divieto di abbandonare su tutto il territorio comunale, mozziconi di sigarette, rifiuti di piccolissime dimensioni, quali scontrini, fazzoletti di carta e gomme da masticare. L’inosservanza delle disposizioni contenute nell’ordinanza è punita, a norma del disposto del Testo unico sugli Enti Locali con sanzione amministrativa pecuniaria compresa tra un valore minimo di € 25,00  ad un massimo di € 500,00, fermo restando l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria prevista dall’art. 255 (abbandono di rifiuti) del D.Lgs. 152/2006  e/o da altre normative e regolamenti specifici. Tali sanzioni sono previste anche dalla più recente normativa in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali.

“E’ un’ ordinanza che ribadisce”, commenta il Sindaco di Stazzema, Maurizio Verona “alcuni principi che aiutano il servizio di raccolta e garantiscono la sua efficienza. Anche in questi giorni grazie alle telecamere siamo riusciti ad individuare alcuni automobilisti che hanno abbandonato rifiuti in aree non idonee allo smaltimento e procederemo a risalire ai proprietari dei mezzi. I corretti gesti quotidiani sono quelli che possono consentire di raggiungere il risultato di diminuire i rifiuti e abbassare le tariffe in prospettiva, oltre che aiutare l’ambiente. A breve partirà anche la raccolta differenziata di prossimità che darà al cittadino, per adesso in alcuni paesi, ulteriori strumenti al cittadino per svolgere bene lo smaltimento dei rifiuti e aiutare il nostro ambiente. Da gennaio 2016 la normativa sulle green economy colpisce i comportamenti scorretti anche per quanto attiene rifiuti di piccole dimensioni come fazzoletti, gomme da masticare o mozziconi di sigaretta: non è solo una questione di educazione, ma anche di riduzione dei costi per la pulizia del territorio: risorse che il Comune potrà impegnare diversamente. Serve la collaborazione di tutti i cittadini perché l’ordinanza divenga efficace e si consumi sempre meno la risorsa naturale sporcandola ed inquinandola”.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Presentazione lista Idee in Comune – Cavirani sindacopresentazione_candidati_20160430

Da Francesco Speroni , Addetto stampa IDEE IN COMUNE,addì 27.4.2016

 

Seravezza_ Sabato 30 aprile, alle ore 11:00, in piazza Carducci a Seravezza, ci sarà la presentazione pubblica dei candidati della lista Idee in Comune che sostiene Riccardo Cavirani a sindaco di Seravezza. La stampa e la cittadinanza tutta è caldamente invitata a partecipare all’evento. Al‎ termine della presentazione sarà possibile degustare alcuni prodotti tipici del territorio. In caso di maltempo la presentazione verrà effettuata nei vicini locali‎ della Pro Loco di Seravezza in via Del Greco.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Un dipinto di Carlo Carli sul dramma dei migranti arricchirà la Sala Consiliare del Comune di Seravezza.  Domani la presentazione.foto-Carlo-Carli

SCHEDA OPERA

Biografia Carlo Carli

Da Fabrizio Lucarini, Agenzia Ilogo,addì 27.4.2016

Seravezza_  Domani , Venerdì 29 aprile alle ore 10.30 sarà scoperta al pubblico nella Sala Consiliare del Comune di Seravezza, in Via XXIV Maggio a Seravezza (Lu), l’opera “Avanti nella Speranza”, un dipinto dell’artista donato dall’artista versiliese Carlo Carli ( nato a Pietrasanta con all’attivo mostre in Italia e in Europa ed un passato politico come ex sottosegretario ai Beni e Attività culturali), che arricchirà la già importante raccolta artistica presente nel Palazzo Comunale. Saranno presenti il sindaco Ettore Neri, l’assessore alla cultura Riccardo Biagi, il direttore della Fondazione Terre Medicee Franco Carli, gli altri amministratori e lo stesso Carlo Carli. Una iniziativa organizzata nell’ambito delle celebrazioni del 1 Maggio.

^^^^^^^^^^

La Memoria che resisteLaMemoriaCheResiste

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Proiezione film Senza lasciare traccia alle Scuderie Granducali di Seravezza

6 Maggio, ore 21,15

6 MAGGIO volantino

Senza lasciare traccia Regia:Gianclaudio Cappai; Attori:Michele Riondino (Bruno),  Valentina Cervi, Vitaliano Trevisan, Elena Radonicich, Stefano Scherini, Fabrizio Ferracane, Giordano De Plano, Luciano Curreli Soggetto: Gianclaudio Cappai, Lea Tafuri

Sceneggiatura: Gianclaudio Cappai, Lea Tafuri; Fotografia: Fabio Paolucci; Musiche: Teho Teardo;Montaggio: Alessio Doglione; Scenografia: Alessandro Bertozzi ; Costumi: Sandra Cianci Effetti: Ercole Cosmi; Suono: Carlo Missidenti (anche montaggio) Riccardo Spagnol (montaggio), Roberto Cappannelli (mix)

Realizzato con il sostegno di: regione Lombardia, Lombardia film commission film fund 2014, regione Lazio-fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo, Banco credito cooperativo di San Marzano; in compartecipazione con: Media sponsor, Obiettivo energia, Vesa ufficio (ai sensi della legge sul tax credit)

Bruno ha cercato di dimenticare un passato di cui porta i segni sulla pelle e dentro di sé, nella malattia che lo consuma lentamente: di quel passato non ha mai parlato con nessuno, neanche con la sua compagna. Fino a quando Bruno non ha l’occasione di tornare nel luogo dove tutto è cominciato:una fornace ormai abbandonata, diventata il rifugio di un uomo e della figlia. Nessuno dei due riconosce quell’intruso, né immagina le sue intenzioni. Per guarire, Bruno deve trovare un colpevole, guardare in faccia l’origine del suo male. Cercare tracce, cancellarle, per tentare di fermare l’intruso che è in lui.

Bifest Bari International Film Festival – 2016 ”Un thriller d’atmosfera, dove il fuoco entra sopra e sotto la pelle.” Mauro Gervasini, FILM TV

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

La Versilia ricorda i volontari antifranchisti in Spagna (1936-1939)

Croce Verde di Pietrasanta 7 maggio 2016,ore 18.00ipg

Da Giovanni Cipollini,addì 27.4.2016

Pietrasanta_  Sabato 7 maggio 2016 Croce Verde – Sala “Maurizio Tosi” Pietrasanta, via Capriglia, 5

Ore 18,00: Relatore: prof. Umberto Sereni, docente universitario e figlio di volontario antifranchista. Introduzione: prof. Giovanni Cipollinisezione ANPI “Gino Lombardi”

Ore 20,00 : presso Circolo Arci Croce Verde cena antifascista. Menu: antipasto: salumi e crostini: tordelli e penne all’arrabbiata; arrosti misti, patate arrosto  e sformati di verdura; vino, frutta, acqua minerale, caffé, dolce.

Quota di partecipazione: venti euro.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

I venerdi del Pepenero: a cena con gli autori

Ristorante Pepenero, piazza Crispi, Pietrasanta  Prenotazioni tel. 0584792877egidio lossicavallo 1

Pietrasanta_ Domani, venerdi 29 aprile, alle 20 Demetrio Brandi conduce l’incontro  con Eugenio Riotto, Lodovico Gierut e Egidio Lossi.  Ci sarà la presentazione in assoluta anteprima della nuova mostra di Eugenio Riotto dal titolo Horses. Interviene lo scrittore Egidio Lossi con il libro “Anima & Cuore” (Pezzini Editore).  Per partecipare alla cena – al costo di 25 euro – tel. 0584 792877 (Ristorante Pepenero, piazza Crispi, Pietrasanta).

Anima & Cuore di Egidio Lossi.

L’amicizia, l’amore, una grande storia che attraversa gli anni bui della guerra. Una storia che vuole ricordare i vincoli ed i valori della vita. L’unione di due anime è l’amore che non vacilla mai. La mente segue il cuore, come un faro illumina la rotta della nave in balia della tempesta; per rifugiarsi nel porto più sicuro fino al giorno estremo del giudizio. La sorte può allontanare, dividere. Ma l’amore impavido non tramuta. Così che l’anima, divenuta stella, brillerà per sempre. Per l’eternità.

Lodovico Gierut presenterà buona parte dei disegni realizzati da Eugenio Riotto in un recente soggiorno negli Stati Uniti, tracciandone una sintesi del percorso professionale.

“In arte esistono colori sicuramente non facili ad essere adeguatamente riprodotti, cioè usati, tipo il verde, ma anche soggetti particolarmente difficili (mi riferisco alla tecnica), quali l’uomo e il cavallo, per cui un figurativo degno di tale nota vi giunge – per dare soluzione a tali specifici elementi – dopo un lavoro impegnativo, spesso faticoso soprattutto per quanto attiene il disegno, che è alla base di ogni cosa.

A proposito del cavallo, sorvolando accattivanti citazioni (Michelangelo Buonarroti, Caravaggio, Franco Miozzo, Igor Mitoraj, Pablo Picasso…), vengo al dunque per sottolineare “Horses”, cioè “Cavalli”, la personale di Eugenio Riotto al Pepenero di Pietrasanta.

Di lui – di chiara origine siciliana e maggiormente conosciuto come scultore, del quale troneggia una monumentale opera bronzea nel “Parco Internazionale della Scultura Contemporanea”, fiore all’occhiello di Pietrasanta che ne contempla una cinquantina (Botero, Cascella, Finotti…) – ho peraltro pubblicato sul catalogo/documento “Pietrasanta e Cefalù. Gemellaggio d’Arte” proprio un “Cavallo” dalla bella patina nera e di cui è in questa sede impossibile per motivi di spazio dare una esaustiva analisi: ha iniziato la carriera come pittore, specializzandosi successivamente in scultura (terracotta, gesso, bronzo, resina e via dicendo). Ha molti lavori collocati in spazi pubblici e privati. Con “Horses”, una quindicina di opere su carta e su tela, porta a Pietrasanta un impegno realizzato tra il 2015 e questo inizio 2016 sia a Camaiore, sia negli Stati Uniti d’America, al quale ho però voluto simbolicamente unire tre dipinti raffiguranti altri animali: un toro, un alligatore, un airone, giacché, come mi ha detto in una recente conversazione: “… il cavallo, alla stregua di ogni altra creatura similare, mi dà il senso della libertà…, e in più, ogni volta che lo ritraggo, penso al mito e alle leggende…, è l’immagine stessa della nobiltà vitale”.

Entrando in merito alla tematica specifica, è opportuno sottolinearne una piena armonia di insieme, in specie per un segno fluidamente e finemente espresso, unito in quasi ogni occasione a cromatismi rosseggianti eseguiti a tempera, ad acrilico, ad olio. Il rosso/forza/sacrificio si coniuga ad un tutto realizzato senza fronzoli e concretato con personalità.

Lo possono e potranno facilmente capire i tanti visitatori del Pepenero che pure in questa ennesima occasione organizzata da Demetrio Brandi, potranno gustare il cosiddetto “contenuto””.

Ai Venerdì del Pepenero intervengono  artisti ed autori, che hanno modo di confrontarsi tra loro per dar vita a delle serate sempre interessanti ‘condite’ dai sapori della cucina toscana.

 A tal proposito Silvia e Gianmarco vi invitano a prenotare per la cena, 25 euro tutto compreso, telefonando allo 0584.792877.

^^^^^^^^^^^^^^^

Cosa si intende per varata

Da Renato Sacchelli,addì 27.4.2016

 

Caro Giuseppe, ho letto la tua ultima notizia che hai pubblicato ieri sulla Cronaca libera con la quale  hai accennato a quanto state facendo in Versilia per onorare la memoria delle due valorose sorelle Berretti.. Grazie a tutti coloro che lavorano insieme a te a tale progetto. Approfitto per ringraziarti per avermi dato una ulteriore informazione  per quanto attiene, cosa si intende dire, quando si parla della varata, Ciò che io ho scritto in merito l’ho copiato integralmente dal vocabolario di Gilberto Cocci con integrazioni di Silvio Belli. Grazie ancora e tanti cari saluti, Renato Sacchelli

Re: Renato, per noi la varata è la parte che  previo un lavoro preparatorio e una valutazione della qualità del materiale (non sempre rispondente) si stacca dalla montagna e si fa appoggiare sul “bacio” (spianata) che i cavatori hanno appositamente preparato. La varata o barata non è la mina che produce il distacco ma la massa del materiale fatta cadere sul piazzale.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Oggi è tornato il sole e la temperatura si è rialzataDSCN4173DSCN4174DSCN4172DSCN4177

 

Nel pomeriggio la situazione meteo è radicalmente mutata: è tornato il sole e la temperatura si è notevolmente rialzata. Siamo andati al Centro Marche o Brand di Roppenhein, un outlet inserita in un villaggio alsaziano creato appositamente. Il centro si pone a mezzavia tra Lauterbourg e Haguenau, prima del barage sul Reno direzione Baden Baden.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...