Libera Cronaca da Lauterbourg 1801 del 19 e 20 aprile 2016

Libera Cronaca da Lauterbourg 1801 del 19 e 20 aprile 2016

 Je suis Charlie

# No al facismo”

# Se togliendo i diritti agli operai si incentiva l’Occupazione, perché non togliere i diritti -privilegi ai politici italiani per incentivare la Democrazia?

# Non si può condannare la parola

 

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronacachenonce sarà anticipata da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE: il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole. E’ assicurato il diritto di replicare. Evitiamo le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc. Precisato ciò, il blog  liberacroanacachenonce non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

 

Senza sgravi, calano le assunzioni stabili:- 33% a febbraio.

Continua l’eldorado dei voucher al posto del Jobs Act: + 45%  nel bimestre 2016 rispetto al 2015

Giuseppe Vezzoni,addì 19.4.2016

Dai dati Inps, a febbraio si sono contate 341mila assunzioni, con un calo di 48mila unità (–12%) sul febbraio 2015.  A far precipitare in basso il dato hanno contribuito i 46mila rapporti di lavoro a tempo indeterminato in meno, che corrispondono al -33% rispetto a febbraio 2015.  L’euforia governativa aveva azzittito lo scetticismo, ma adesso la realtà starebbe dimostrando che non c’era alcun gufare da parte di coloro che erano più propensi a credere che la crescita dell’occupazione a tempo indeterminato era sostenuta dal sostanzioso sgravio contributivo. L’avvisaglia dell’inversione di tendenza si era già evidenziata a gennaio, quando il numero complessivo di assunzioni era sceso del 17%, mentre i nuovi rapporti stabili erano calati del 34%.  Emerge dai dati Inps che il flusso di trasformazioni a tempo indeterminato è diminuito del 50%.  Cresce invece l’eldorado dei voucher nonostante il cambio delle regole del Jobs Act: + 45%  nel bimestrale 2016 rispetto al 2015.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

L’assessore di Stazzema Marco Viviani si è dimesso!

lettera

Buongiorno Giuseppe, in allegato ti invio la lettera di dimissioni dalla carica di assessore del comune di Stazzema consegnata questa mattina. Come precisato nella lettera, illustrerò dettagliatamente le motivazioni che hanno portato alla mia decisione nel prossimo consiglio comunale dove consegnerò a tutti i consiglieri un documento scritto.

Saluti, Marco Viviani,addì 19.4.2016

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Il programma delle iniziative per la celebrazione del 25 aprile in VersiliaProgramma 25 aprileListener

Settantunesimo  anniversario della LiberazioneiNVITO 25 APRILE DEFINITIVO

 

^^^^^^^^^^^^^^^^^

Domenica Assemblea soci Croce Bianca per approvare il Bilancio consultivo 2015

Da Roberto Roni,presidente della Croce Bianca di Querceta, addì 19.4.2016

Querceta di Seravezza­_ Domenica mattina, dalle ore 10,30 in poi, i soci della Croce Bianca si riuniranno in assemblea per discutere e approvare il bilancio consuntivo del 2015. All’incontro sono invitati tutti i soci in regola con il tesseramento; chi fosse impossibilitato a intervenire può farsi rappresentare da altro associato munito di delega. Sono invitati anche le autorità e gli esponenti delle altre associazioni locali.

Il bilancio è già stato discusso dal consiglio direttivo nella riunione del 4 aprile scorso. I risultati economici sono positivi. Grazie agli sforzi compiuti da tutto l’apparato – dai volontari ai dipendenti, dai collaboratori ai dirigenti – è stato possibile realizzare anche un piccolo ma significativo utile di esercizio. Ottimi i risultati relativi ai servizi che saranno illustrati dal presidente. Il bilancio sociale ed economico del 2016 prevede il consolidamento di tali risultati. (Il presidente Roberto Roni , Querceta 18 marzo)

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

HEGEL (1770-1831): presentazione di un filosofo

Conversazione 22.04.16

Da Giuseppe Tartarini,presidente del Circolo Sirio Giannini,addì 18.4.2016

 Querceta di Seravezza_Venerdì prossimo,22 aprile, Paolo Salvatori, laureatosi in filosofia con una tesi su Karl Marx, ci intratterà con una conversazione sulla vita ed il pensiero di G.W.F. Hegel, grandissimo filosofo tedesco degli inizi del XIX secolo, il fondatore dell’idealismo filosofico e maestro dello stesso Marx.

^^^^^^^^^^^^^^^^^
Mostra “La leggerezza delle intuizioni” del designer Paolo Ulian

Ricevo e volentieri trasmetto la notizia della mostra “La leggerezza delle intuizioni” del designer Paolo Ulian, che si terrà dal 30 aprile al 29 maggio al Palazzo Mediceo di Seravezza (Lucca) Con preghiera di diffusione. Grazie e un saluto.R.Ercole Mellone, Comunicato Stampa, 18/04/2016.P.Ulian-Vaso introversoP. ULIAN ph Lucia Baldini

 

Grande attesa per ”La leggerezza delle intuizioni”

personale di Paolo Ulian a Seravezza

Dal 30 aprile al 29 maggio p.v., il famoso designer esporrà sue opere al Palazzo Mediceo, in provincia di Lucca.

Seravezza_ Sabato 30 aprile alle ore 18.00 verrà inaugurata la rassegna antologica dedicata al designer italiano di fama internazionale Paolo Ulian.  La mostra, a cura di Associazione culturale Imaginificat, sarà ospitata al Palazzo Mediceo di Seravezza (LU) fino al 29 maggio. La struttura – situata ai piedi delle Alpi Apuane e a pochi passi da Pietrasanta – è da sempre sede di eventi prestigiosi e dal 2013 è stata riconosciuta dall’Unesco come patrimonio mondiale dell’umanità e inserita nel “Sito seriale delle ville e giardini medicei della Toscana”.

L’esposizione dal titolo Paolo Ulian, la leggerezza delle intuizioni, nelle parole della curatrice Elisa Zannoni, traccia lo sviluppo sperimentale del designer, portando in primo piano i progetti che lo hanno reso famoso, e che compongono il racconto personale di chi crede che il buon design debba essere senza tempo e far riflettere attraverso l’ironia. “Paolo si vede come l’uomo-bambino che porta a spasso un palloncino che racchiude le sue idee”: questa è la suggestione che ha ispirato l’intero progetto.

Ulian, formatosi all’Accademia di Belle Arti di Carrara e all’Isia di Firenze, è considerato erede e ideale continuatore del fil rouge della creatività che parte da Castiglioni, Sottsass, Munari, Mari (di cui è stato assistente fino al 1992), e che ha rinnovato, con ironia, versatilità, sensibilità estetica ed anche etica l’insieme di oggetti che “popolano” il nostro quotidiano. Muovendosi con delicatezza e misura è capace di reinventare oggetti che fanno parte della memoria collettiva, portando a nuova vita materiali poveri e/o di scarto.

A proposito di lui Domitilla Dardi, curatrice del MAXXI di Roma, scrive nel testo inedito presente nella pubblicazione che accompagna la mostra: Per diversi anni il design di Paolo Ulian è stato più riconosciuto all’estero che nel nostro paese e questa è già di per sé un’anomalia. Unico italiano presente nel collettivo olandese Droog Design, le principali riviste internazionali gli hanno dedicato copertine e articoli importanti, confermando il trito adagio del nemo propheta in patria. Si è avvicinato a campi tra i più disparati del progetto, toccando materie prime considerate anticonvenzionali come il cibo, quando ancora non si parlava di Food Design. I suoi progetti sono sempre stati messaggi in bottiglia che mandano segnali a chi è in grado di scoprirli. Il suo lessico non è urlato e violento, ma riflessivo. Eppure Paolo ha continuato a vivere nei suoi territori senza mai decidere di separarsene alla ricerca di nuova accoglienza.

Nella sua presentazione Dardi pone l’accento anche sulla ricerca e la sperimentazione nel recupero dei materiali che Ulian conduce con un suo peculiare metodo fatto di intuizioni e riflessioni riguardo al contesto sociale, etico e ambientale: “Paolo diventa un maestro nel progettare attraverso lo scarto, utilizzando il negativo generato da un positivo. Il lavorare per via di levare di michelangiolesca memoria produce infatti non solo un positivo – la scultura – ma anche un materiale di risulta, che di solito non si considera. Ma per il designer quel materiale è oro puro. Egli riscopre allora una radice molto profonda e autoctona; l’incontro col marmo attiva una memoria che, con una maturità affatto diversa, lo fa avvicinare a una lezione squisitamente italiana. Mi piace definirlo il “genio del quinto quarto” e ha la sua analogia col campo culinario. D’altra parte al design piace la similitudine col mondo della cucina da molto prima che questa diventasse di moda e in entrambi i casi si tratta di processi, materie prime, strumenti di lavoro e dell’avanzare per tentativi.” […]“Nessuno come lui oggi in Italia – e forse anche oltre – sa lavorare con lo scarto e trasformarlo in un progetto sublime. Nel farlo egli non si limita a utilizzare il materiale attraverso il riciclo o il riuso, ma sfrutta il taglio del marmo come momento fondamentale del progetto. D’altra parte questa lezione l’ha appresa alla scuola di un grande maestro, Enzo Mari.”

Se si lega tutto questo alla migliore tradizione artigiana del nostro paese ne risultano creazioni emozionanti e riconoscibili, riconducibili a un vissuto comune ma nel contempo adeguate a essere collocate sul mercato internazionale, come la parete di pixel, realizzata con tasselli in marmo a base rettangolare grandi quanto un dito su cui Ulian interviene staccandone uno dopo l’altro così da creare un disegno. Oppure Introverso, il vaso in marmo bianco di Carrara che cela un altro vaso di forma differente da “liberare” attraverso l’uso di un martello.

Semplicità, naturalezza, pochi orpelli, molta sostanza: l’allestimento guida attraverso le dieci sale interne e gli spazi esterni di Palazzo Mediceo alla lettura storica e tematica della produzione di Ulian, accompagnando i visitatori in un percorso pieno di sorprese e suggestioni. La manifestazione deve la sua realizzazione anche al sostegno di alcune tra le più importanti aziende del Made in Italy, tra cui Valcucine Spa, Driade, Paola Lenti srl, Schiffini, Bonacina1889, Ceccotticollezioni, Danese e Artemide, Roda, Bufalini marmi, Archimek, Le Fablier, Giulio Vanelli Marmi, Sanlorenzoyacht, G.I.A.D.A. srl, Zava, Carraradesignfactory, Alpha marmi.

Inaugurazione: 30 aprile 2016 alle ore 18.00 a Palazzo Mediceo-Viale Leonetto Amadei, 230 – 55047 Seravezza (LU). Apertura: giovedì-domenica ore 16.00-20.00. Date: dal 30 aprile al 29 maggio   Ingresso libero. Per informazioni, interviste e fotografie: Eleonora Lombardo cell. 349/7252647. Organizzazione:  imaginificat@gmail.com  cell. 334/3642524

Paolo Ulian: Si forma all’Accademia di Belle Arti di Carrara e successivamente si diploma all’ Isia di Firenze. Alla fine del 1990 é assistente nello studio di Enzo Mari a Milano dove collabora fino al 1992. Successivamente si dedica alla sperimentazione e partecipa a numerose mostre collettive in Italia e all’estero. Durante la settimana del design a Milano nel 2000 espone al Salone Satellite  dove vince il primo premio  del Design Report Award. Nel 2009, Beppe Finessi cura la sua prima mostra personale  alla Fabbrica del Vapore a Milano. Nel gennaio 2010 viene ospitata alla Triennale di Milano la sua seconda personale curata da Enzo Mari.  Nel 2011 vince il 1° Social design Prize promosso dall’ADI e nel 2013 partecipa alla VI edizione del Triennale Design Museum con un’importante istallazione dedicata a Vico Magistretti. Dal 2014, cura l’allestimento delle mostre annuali alla Fondazione Magistretti a Milano. Parallelamente al suo lavoro di designer, dal 1998 svolge attività didattica presso diversi atenei e scuole di design come il Politecnico di Milano, lo Ied, la Naba, l’istituto Marangoni e l’Accademia di Belle Arti. Ha insegnato inoltre all’Isia di Firenze e di Faenza, alla facoltà di design di Bolzano e di Palermo. Ha collaborato con Droog Design e con alcune aziende italiane come Driade, Fontana Arte, Danese, Zani e Zani, Coop, Azzurra Ceramiche, Skitsch, Officinanove, Up Group, Bufalini Marmi, Basile Arteco Edizioni, Carrara Design factory, Robot City, Zava Illuminazione, Alfa Marmi, Roche Bobois. Alcuni suoi progetti sono entrati nella collezione permanente del London Design Museum e del Montreal Museum of Fine Art.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Letto lo scritto di Giuseppe Vezzoni su don Innocenzo Lazzeri

Da Simone Tartarini,assessore all’ Istruzione del Comune di Pietrasanta,addì 19.4.2016.

Caro Giuseppe,ho letto  il tuo scritto agli alunni del Don Lazzeri veramente molto bello e assai apprezzato da tutti i presenti. E’ stata una bella giornata.
grazie. Simone

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Renato Sacchelli ha apprezzato il testo su don Innocenzo Lazzeri

Da Renato Sacchelli,addì 19.4.2016

Caro Giuseppe,sento il dovere di ringraziarti per quanto hai scritto che onora la memoria di don Innocenzo Lazzeri, martire della  ferocia   nazifascista, proclamato  giusto tra le Nazioni.

Insieme a lui hai evidenziato, fino a strapparmi ancora  le lacrime, il tributo di sangue innocente che versarono centinaia e centinaia di gente innocente  trucidata a S.Anna di Stazzema e dintorni. Ben 120 furono i bambini che furono massacrati, tra le quali la bimba più piccina aveva venti giorni. Ma io non  posso invocare il perdono di Dio nei confronti di coloro che ordinarono questa violenta carneficina perché non sapevano quello che ordinarono, si che lo sapevano, e per questo trovo giusto che le loro anime meritano di continuare a bruciare all’inferno.

Tu sei un grande uomo e ai saputo chiedere al nostro Dio ciò che io non sono riuscito a chiedergli. Spero che voglia perdonarmi.

Cari saluti,

Renato Sacchelli

Re: Caro Renato, non sono un grande uomo ma uno piccolo piccolo,tuttavia, quando si scrive su uomini come don Innocenzo Lazzeri e per giovani studenti, dobbiamo avere la consapevolezza che il messaggio che proviamo a trasmettere sia costruttivo in ogni suo aspetto.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Lilia con le banettes della mattinaDSCN4069

Lauterbourg­_ Giornata splendida: cielo celeste e un aria “peperina” che sveglia tanto è fresca. In giornate simili Lauterbourg si  ridesta. Il cielo è alto, pone spazio fra esso e i tetti aguzzi alsaziani. Elisa dorme, Lilia torna dalla boulangerie con la banette quotidiana.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

“SERATA PIG DAY da Luciano a La Culla

 XII° EDIZIONE”.Pag 2Pag 1

Con la presente per informarvi che.. “Trattoria Da Luciano La Culla” organizza.. Venerdì 29 Aprile 2016..

“SERATA PIG DAY XII° EDIZIONE”.. il Maialino sale in tavola; neanche a dirlo, cucina casalinga.. massima qualità.;-)..!!!.

In allegato inviamo Menù della serata con alcuni piatti serviti nelle serate precedenti.. nell’attesa di riscontrare..Vostra gradita presenza..

per INFO & PRENOTAZIONI (Obbligo di prenotazione per motivi organizzativi entro Giovedì 28 Aprile 2016)..

0584.989091 (Consigliato il Fisso) – 329.4587934 – 333.3385230

Un caloroso saluto.. per TRATTORIA DA LUCIANO

 

Daniele Razzuoli.

 

 

 

 

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...