Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1775 del 15 e 16 marzo 2016

Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1775 del 15 e 16 marzo 2016

Je suis Charlie

# No al facismo”

# Se togliendo i diritti agli operai si incentiva l’Occupazione, perché non togliere i diritti -privilegi ai politici italiani per incentivare la Democrazia?

# Non si può condannare la parola

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronacachenonce sarà anticipata da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE: il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole. E’ assicurato il diritto di replicare. Evitiamo le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc.. Precisato ciò, il blog liberacroanacachenonce non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

In Italia aumenta di debito pubblico e torna a febbraio la deflazione : – 0,3%

Il ministro Padoan ha affermato che nel 2016 il debito pubblico italiano inizierà a diminuire, ma, intanto, Bankitalia informa che a gennaio il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato di 21,6 miliardi per un totale pari a 2191,5 miliardi di euro.

Se gennaio aveva illuso per quanto concerne l’aumento dei prezzi, febbraio ha bruscamente fatto rimettere i piedi per terra con la conferma, da parte dell’Istat, della previsione già annunciata: nel mese di febbraio l’Italia è in deflazione. La deflazione acquista nel 2016 è pari a – 0,6%

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ì

Medaglia al medaglia al criminale di guerra Wilhelm Kusterer . Dalla Germania notizie che l’ex nazista non accetterà la medaglia

Il sindaco di Stazzema: “Dopo 70 anni non si può riscrivere la storia e dimenticare tutto”

Da Michele Morabito, funzionario del Comune di Stazzema,Sant’Anna di Stazzema, 15 marzo 2016

Stazzema_ Alcuni amici del Baden Wuerttemberg della Associazione Die Anstifter ci hanno comunicato che sul sito tedesco http://www.engelsbrand.de è apparsa la notizia che in seguito al grande clamore che aveva suscitato la notizia della onorificenza concessa dal comune di Engelsbrand, Wilhelm Kusterer non accetterà la medaglia e non si terrà il Consiglio Comunale che avrebbe dovuto formalizzare la consegna dell’onorificenza.

Il Sindaco di Stazzema aveva scritto al Sindaco di Marzabotto e al Presidente del Land Baden-Wuerttemberg, chiedendo a quest’ultimo un impegno per la revoca dell’onorificenza e nei prossimi giorni il Consiglio Comunale di Stazzema avrebbe approvato un ordine del giorno per chiedere al Governo italiano un eguale impegno.

Se la notizia sarà confermata”, commenta il Sindaco di Stazzema, Maurizio Verona, “sarebbe la conferma che non si possono dimenticare 15.000 morti nella cosiddetta Guerra ai civili condotta in maniera sistematica dai nazifascisti. Questa onorificenza concessa in patria ad un uomo che si macchiò di atroci delitti durante la Seconda Guerra Mondiale costituiva un oltraggio intollerabile alle vittime barbaramente uccise a Sant’Anna di Stazzema, Marzabotto dai nazifascisti, ai loro familiari e alle Comunità ferite. La dimenticanza storica che stava dietro la consegna di questa medaglia dimostra ancora una volta quanto bisogno vi sia oggi di memoria, in quanto questi atti e queste benemerenze offendano quanti ogni giorno lavorano nello sforzo di tramandare il ricordo dellorrore nazifascista e far crescere nelle nuove generazioni la consapevolezza e limpegno per un futuro di democrazia e di pace. Ma è anche significativo dei danni alla storia che ha creato la mancata celebrazione dei processi contro quei criminali e alla mancata esecuzione delle condanne che i tribunali italiani hanno pronunciato e nessuno ha mai eseguito. Senza memoria si può confondere un criminale che ha ucciso donne, vecchi e bambini come un esempio per la propria comunità”.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Idee in Comune presenta le linee programmatiche per la montagna seravezzina

Da Riccardo M. Cavirani, candidato sindaco per la lista Idee in Comune,addì15.3.20016


Seravezza_ Lo sviluppo e la tutela delle frazioni della montagna e della collina rappresenta uno dei punti centrali del nostro programma. Proposte concrete, interventi mirati di pulizia e ripristino del decoro, di manutenzione della viabilità e dei versanti collinari, unito alla volontà di aiutare e non scoraggiare i privati che vogliono reinvestire nel proprio territorio.

Le frazioni della montagna riscuotono già grande successo in termini di presenze turistiche, molte delle quali straniere, specie nella stagione estiva. Chi oggi punta ad uno sviluppo turistico fine a se stesso dimostra di avere scarsa conoscenza del nostro territorio perché quello che è mancato in questi anni è stato un diretto impegno dell’amministrazione nella promozione turistica e nella realizzazione di eventi culturali legati alle tradizioni popolari dei nostri borghi, ed un coinvolgimento diretto dei cittadini nelle scelte strategiche per il futuro del territorio.

E’ inutile infatti affrontare il tema dello sviluppo turistico senza prima un impegno diretto e concreto nella cura del territorio, nel decoro delle nostre frazioni -che già hanno assistito in questi anni alla perdita di attività commerciali- nella riqualificazione delle aree pubbliche e nella fornitura dei servizi ai cittadini, dall’illuminazione pubblica alla manutenzione delle strade. La montagna quindi non può essere destinataria di risorse finalizzate solo al ripristino in caso di eventi franosi e calamità.

Vogliamo creare un filo diretto tra cittadini ed amministrazione comunale.
A questo scopo istituiremo periodicamente il ricevimento degli assessori comunali in uno degli immobili pubblici della montagna che, per centralità logistica, consenta un buon collegamento con tutte le frazioni. Una sorta di ‘ufficio distaccato’ destinato ad offrire in maniera costante servizi ai cittadini con uno sportello diretto che riguardi soprattutto tematiche legate allo sviluppo rurale e collinare, al reperimento di finanziamenti pubblici, all’espletamento dei servizi di base. Allo stesso scopo istituiremo un tavolo periodico, che possa trovare sede permanente proprio in quella struttura e che consenta mensilmente all’amministrazione comunale di instaurare un confronto diretto e costante con tutti gli operatori locali, imprenditori, associazioni sociali e culturali, pubbliche assistenze e semplici cittadini.
Creato il contatto tra amministrazione e cittadini punteremo fin da subito alla riqualificazione delle frazioni; per questo intendiamo incrementare le risorse destinate alla cura del territorio, creando anche una squadra di pronto intervento con disponibilità di mezzi e risorse ed in grado di poter intervenire in maniera celere, sia nei momenti di emergenza sia nella quotidianità, che utilizzerà come centrale operativa la struttura pubblica già individuata.
Puntiamo, come già detto, sull’allargamento delle maglie del regolamento urbanistico, per consentire ai numerosi cittadini, desiderosi di investire nel ripristino dei propri immobili, una più agevole possibilità di intervento, pur preservando la qualità della vita e la peculiarità dei luoghi.

Infine, riteniamo sia opportuno trovare fin da subito una comune strategia con i cittadini e le realtà associative della montagna per individuare insieme la destinazione da dare alle numerose strutture pubbliche del territorio collinare, che rischiano altrimenti di deperire, senza imporre scelte calate dall’alto ma decidendo tra la gente e con la gente.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Seravezza Fotografia. Per la prima volta in Italia le fotografie dell’artista rivelazione Jeannie Abert

Hyères Festival 2015 - by Dorothée Smith

Hyères Festival 2015 – by Dorothée Smith

La mostra sarà esposta da sabato 19 marzo – inaugurazione ore 18 – fino al 1 maggio a LaBottega di Marina di PietrasantaJeannieAbert Vol au-dessus de la mer 02 bassa def

Da Ufficio Stampa agenzia ILogo, Prato. Fabrizio Lucarini Seravezza, 15 marzo 2016JeannieAbert_Volaau-dessus de la mer 01 bassa def

Seravezza_Marina di Pietrasanta_ Espone in Italia – per la prima volta –  la fotografa rivelazione francese Jeannie Abert con una mostra dal titolo “The poetical illusion of some natural anomalies” ( l’illusione poetica di alcune anomalie della natura), che sarà inaugurata sabato 19 marzo alle ore 18 nei locali de LaBottega di Marina di Pietrasanta (Lu), Viale Apua 188, e aperta fino al 1 maggio. Si tratta del primo appuntamento espositivo per il 2016 de La Bottega, curato da Nicolas Havette in collaborazione con la galleria d’arte “Le Magasin de Jouets” di Arles, di cui è direttore artistico, e nel programma di Seravezza Fotografia 2016. Una rassegna arrivata alla tredicesima edizione organizzata dalla Fondazione Terre Medicee, dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Seravezza, il patrocinio della Fiaf (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche) e la direzione artistica di Ivo Balderi.  Jeannie Abert  mette in  mostra opere uniche, realizzate con l’antico metodo di stampa fotografica della cianotipia. Un percorso di immagini impresse su carta e tessuto caratterizzate dal tipico colore Blu di Prussia. Le 20 rayografie esposte mostrano una sorta di dna magico dell’immagine che nasce dall’osservazione di oggetti e elementi semplici che – in Jeannie Abert – trovano la loro massima espressione e libertà, se realizzate in cianotipie. Per dirla con Man Ray, artista dadaista e surrealista che ha coniato il termine per descrivere i suoi fotogrammi, le rayografie sono immagini “colte nei momenti di distacco visivo, durante periodi di contatto emozionale, sono ossidazioni di desideri fissati dalla luce e dalla chimica, organismi viventi.” La tecnica usata consiste nell’esporre oggetti a contatto con del materiale fotosensibile, di solito della carta fotografica. Le opere in mostra sono state realizzate durante un soggiorno di Jeannie in Provenza nel corso del giugno 2015. Un luogo estremamente bello ed emozionante per l’artista che ha trovato ispirazione sia negli oggetti della casa dove viveva, sia in materiali naturali come rami, petali di fiori secchi. Un intenso sole e un retrocucina trasformato in studio hanno fatto il resto senza che la fotografa utilizzasse la macchina fotografica, ma lasciando che la luce rivelasse direttamente l’emulsione fotosensibile di oggetti posati prima su carta poi su tessuto. Ogni immagine è unica grazie all’intensità del sole, all’ora di esposizione al vento che spirava in quel preciso momento. E’ incredibile come la magia possa nascere da elementi semplici, da anomalie naturali, quasi illusioni, estremamente poetiche.

Jeannie Abert biografia

Nata nel 1987 vive e lavora ad Arles in Francia. Laureata all’ Ecole Supérieure d’Art et Design di Saint-Etienne ottiene nel 2011 una residenza all’International Center of Photography di New York, uno dei maggiori centri mondiali per la fotografia. Nel 2013 è finalista del Prix SFR Jeunes Talents / Le BAL di Parigi. Nel 2015, supportata da Olympus, espone il suo lavoro con Stanley Greene ai Rencontres internationales de la Photographie di Arles ed alla galleria Les Filles du Calvaire di Parigi.

Prosegue poi al Palazzo Mediceo di Seravezza, viale L. Amadei 230, la mostra principale di Seravezza Fotografia del maestro Franco Fontana dal titolo “Full color, Polaroid e astrazioni architettoniche”. Curata da Denis Curti, l’esposizione ripercorre gli oltre cinquant’anni di attività di questo grande fotografo, tra i primi in Italia, a schierarsi con tanta convinzione e fermezza in favore del colore rendendolo protagonista in particolare nelle fotografie dedicate al paesaggio.

La mostra di Franco Fontana è aperta fino al 10 aprile 2016 dal giovedì al sabato dalle 15 alle 19 e domenica e festivi 10 – 19.

Il biglietto d’ingresso al Palazzo Mediceo è di 6 euro (intero),  4 euro (ridotto). Info e programma: www.seravezzafotografia.it    tel. 0584.757443/756046

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Voci dal bosco, la memoria coniugata attraverso la lettura scenicaDSCN2548

Mulina di Stazzema 15.3.2016

Al Signor Sindaco di Stazzema

Giunta Comunale

Consiglio comunale

Ufficio Cultura di Stazzema

epc Don Marco Marchetti

Oggetto: Richiesta patrocinio evento di letture sceniche Voci dal bosco di Giuseppe Vezzoni con Coquelicot Teatro di Laerte Neri e altri. Date preferibili sabato 9 luglio, ore 17 o sabato 6 agosto, ore 17. Piazza della Chiesa di Sant’Anna di Stazzema (Prot. n. 2569)

Signor Sindaco, Spet. li Giunta e Consiglio comunale di Stazzema, come Gruppo Labaro Martiri di Mulina chiediamo che l’ente comunale si adoperi per la disponibilità della Piazza della Chiesa di Sant’Anna di Stazzema come spazio ideale dello spettacolo di letture sceniche “Voci dal bosco” di Giuseppe Vezzoni e con l’associazione Coquelicot Teatro.

Le date preferibili, considerati gli impegni dell’associazione, sarebbero quelle poste in oggetto: sabato 9 luglio 2016 o sabato 6 agosto 2016.

Al momento questi sono i brani che saranno recitati e ai quali potrebbe essere aggiunta la lettura scenica, titolo provvisorio, “Il bolgetto al mulino delle gobbette, una interpretazione inedita della tragica vicenda delle due giovani sorelle Berretti ma rigorosamente fedele alla testimonianza che è stata protocollata il 22 febbraio (prot. n. 1900) e che presto sarà (ri) protocollata nella versione integrata.

I testi della lettura scenica:

1) Ciùnféte, prosa, dal libro Croci uncinate nel canale di Giuseppe Vezzoni, racconto vincitore nel 1993 del IX Premio letterario nazionale Martiri di Sant’Anna di Stazzema.

2) Ad una bimba del 12 agosto di Giuseppe Vezzoni, poesia dal libro Croci uncinate nel canale.

3) L’Altalena, prosa, tratto dal libro Mai Più. Dal Don a Sant’Anna di Stazzema di Giuseppe Vezzoni.

4) Il 25 aprile dell’anno che verrà, poesia di Giuseppe Vezzoni, tratta dal libro All’alba di Sant’Anna.

5) Un’ altra guerra, poesia di Wislawa Szymborska poetessa polacca, premio Nobel per la letteratura.

Al Comune di Stazzema chiediamo unicamente di interessarsi presso Don Marco Marchetti, parroco titolare (in alternativa presso mons. Danilo D’Angiolo che l’aiuta nello svolgimento del ministero parrocchiale), per ottenere l’autorizzazione dell’utilizzo della piazza della chiesa di Sant’Anna, l’accesso ad una presa dell’energia elettrica per la necessaria strumentalizzazione fonica e di provvedere alla dislocazione delle seggioline per il pubblico. Il Gruppo Labaro si farà carico di pagare l’associazione Coquelicot Teatro.

Restiamo in attesa di un’affermativa risposta, convinti che la lettura scenica “Voci dal bosco” abbia tutti i crismi morali e storici per essere uno degli eventi della stagione 2016 del Parco nazionale della Pace.

Cordiali saluti

Gruppo Labaro Martiri di Mulina di Stazzema

(c/o Giuseppe Vezzoni)

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Conversazioni a tema: Argomenti, idee, riflessioni… e altro venerdì prossimo in Sala Cope di Querceta

Da Giuseppe Tartarini, presidente del Circolo Sirio Giannini,addì 15.3.2016

Conversazione a tema 18 mar

Querceta:Venerdì prossimo,18 marzo, Sergio Viti, che come maestro elementare ha sperimentato per anni l’utilizzo della filosofia con i propri alunni, ci presenterà una delle sue esperienze, la trattazione del mito della caverna di Platone. Vi aspetto.


^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Pedalata odierna: Mulina, Iacco, Il villaggio (Terrinca) Collepiano, Retignano, Iacco, Stazzema capoluogo, Mulina.DSCN3843

Giuseppe Vezzoni,addì 15.3.2016DSCN3841

Il taglio piante nelle vicinanze della località Il Villaggio ( Terrinca) ci ha consigliato di riconsiderare il percorso che avevamo in animo di fare per evitare il rischio bucatura. Quello alternativo, almeno come dispendio di energie, non è stato certo inferiore di quello minimo che ci eravamo prefissati: raggiungere la galleria del Cipollaio.DSCN3833

La voglia stamani non c’era e difficilmente dopo il Cipollaio saremmo discesi fino al bivio per Pian di Lago per poi affrontare i tre chilometri più duri dell’ascesa per Passo Croce, appunto fino in località Le Lame, e fare la picchiata su Levigliani. Da quest’anno gamba e voglia devono andare di pari passo per affrontare certi percorsi. I sessantasette anni vanno tenuti in debita considerazione.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...