Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1773 dell’11 e 12 marzo 2016

Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1773 dell’11 e 12 marzo 2016

Je suis Charlie

# No al facismo”

# Se togliendo i diritti agli operai si incentiva l’Occupazione, perché non togliere i diritti -privilegi ai politici italiani per incentivare la Democrazia?

# Non si può condannare la parola

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronacachenonce sarà anticipata da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE: il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole. E’ assicurato il diritto di replicare. Evitiamo le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc.. Precisato ciò, il blog liberacroanacachenonce non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

Ultim’ora Libera Cronaca n. 1773 del 13.3.2016

Giovedì 17 marzo consiglio comunale di Stazzema, 23 i punti all’ordine del giorno

c.11.03.2016 Convocazione consiglio del 17 marzo

Stazzema_ Seduta fiume quella che giovedì vedrà impegnato il Consiglio comunale di Stazzema per discutere e approvare ben 23 punti posti nell’ordine del giorno. L’assemblea civica si riunirà alle 16,30 presso la sala municipale di Stazzema. Fra i punti dell’ordine del giorno anche l’approvazione del Piano di Previsione 2016, l’addizionale Iperf , e le tariffe Imu,Tasi e Tari.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

L’assessore di Pietrasanta Simone Tartarini ha annunciato un’iniziativa per onorare Don Innocenzo Lazzeri dopo l’avvenuta proclamazione di Giusto fra le Nazioni.

Giuseppe Vezzoni,addì 13.3.2016

DSCN3813

Pietrasanta_ Sabato, la presentazione del libro Tra le pieghe della strage nazifascista di Sant’Anna di Stazzema nel settantesimo della Liberazione di Giuseppe Vezzoni ha permesso di ricordare, così com’è stato fatto il 23 gennaio scorso alla Croce Bianca di Querceta in merito agli internati nei lager e gli assassinati nelle foibe, la recente proclamazione di Giusti fra le Nazioni di don Innocenzo Lazzeri e del dott. Mario Lucchesi e il sacrificio delle sorelle maggiori di Angiolo Berretti, Adelia e Maria Giovanna, uccise il 12 agosto 1944 in località Mulini di Sant’Anna, dopo che le due giovani,obbedendo al padre Eugenio, scesero da Foce di Compito per allertare gli uomini di Sant’Anna e farli mettere in salvo dal probabile rischio di un rastrellamento che poteva essere compiuto da molti sconosciuti, fra i quali anche chi parlava italiano e versiliese, che stavano per sopraggiungere dalle selle sovrastanti il villaggio.

L’assessore alla Pubblica istruzione del Comune di Pietrasanta, Simone Tartarini, ha annunciato un’iniziativa che coinvolgerà gli studenti dell’istituto di istruzione superiore tecnico-liceale Don Lazzeri per onorare la proclamazione di Giusto fra le Nazioni del sacerdote martire di Sant’Anna. Insomma la presentazione del libro ha dato la stura per parlare anche di altri aspetti inerenti alla storia di Sant’Anna. Particolarmente intenso è stata la riflessione del dott. Mariani e l’esortazione di trovare una tavolo per riscrivere una storia che sia condivisa, ricordando che per il 90% la Versilia era profondamente fascista e che l’afflato resistenziale risente molto dell’opportunissimo di cui gli italiani sono molto capaci. Ci auguriamo che la ripresa della presentazione sia postata quanto prima su Facebook o su YouTube in maniera che tutti possano conoscere e ponderare su ciò che ieri pomeriggio è stato affermato. Ringraziamo tutti gli intervenuti e l’amministrazione comunale di Pietrasanta che ha patrocinato l’evento e che ha messo a disposizione la prestigiosa Sala della SS. Annunziata del Chiostro di Sant’Agostino.DSCN3810

I prossimi appuntamenti che abbiamo in animo di concretare sono Villa Bertelli, Sant’Anna di Stazzema e il Caffè La Versiliana. Stiamo già lavorando per portare la presentazione del libro Tra le pieghe della strage nazifascista di Sant’Anna di Stazzema nel settantesimo della Liberazione in questi luoghi simbolo della Versilia per quanto concerne la cultura, la memoria e l’informazione. Abbiamo inoltre concrete speranze di riuscire ad integrare il libro con la testimonianza raccolta e protocollata presso il Comune di Stazzema inerente alle sorelle Adelia e Maria Giovanna Berretti.

Nei prossimi giorni,appena ce li invieranno, posteremo gli interventi del prof. Paolo Verona e di Ezio Marcucci. Alla presentazione,come amministratore di Stazzema,era presente il consigliere Gian Piero Lorenzoni. Ma tutti quelli che su facebook hanno espresso amicizia e vicinanza ad Angiolo Berretti dove erano? Se il  prossimo 2 Giugno suonerà la Campana della Pace, evitiamo però che  la memoria e la pace rintocchino a fesso .

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Presentazione del Festival della Felicità142

Seravezza – Scuderie Granducali. 20 marzo  2016

Seravezza_ Ore 10,00 Saluto del Sindaco Ettore Neri

ore 10,15 presentazione del progetto Felicemente

ore 10,30 Work Shop “Educare alla Felicità?” A cura di Associazione CI 6 Coordina Stefano Pasquinucci con la partecipazione di: Roberta Baldini,  Pier Giacomo Bertuccelli, Francesca Chiarini, Glauco Dal Pino, Perla Giannoni, Dimitri Pezzini, Matteo Toscano

““Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell’indice Dow Jones né i successi del Paese sulla base del Prodotto Interno Lordo. Il PIL comprende l’inquinamento dell’aria, la pubblicità delle sigarette, le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine del fine settimana… Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari (….) “Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione e della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia e la solidità dei valori familiari. Non tiene conto della giustizia dei nostri tribunali, né dell’equità dei rapporti fra noi. Non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio né la nostra saggezza né la nostra conoscenza né la nostra compassione. Misura tutto, eccetto ciò che rende la vita degna di essere vissuta“.”  Robert Kennedy  (Kansas State University, 1968)

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Ultim’ora Libera Cronaca n. 1773 del 12.3.2016

Ecco la squadra di Riccardo Tarabella

Ufficio Stampa Lista Riccardo Tarabella Sindaco, Stefano Roni Seravezza, 12 marzo 2016
Presentazione in piazza a Seravezza all’insegna della semplicità e dell’immediatezza. I candidati: quattro consiglieri uscenti e dodici volti nuovi, molte donne, tanti giovani.
“Persone positive, capaci di interpretare e gestire al meglio le tante istanze del territorio”DSC_0195DSC_0152

Seravezza_ Brio, emozione, entusiasmo. Un’atmosfera elettrizzante ha permeato questa mattina la presentazione dei sedici candidati consiglieri che affiancano Riccardo Tarabella nella competizione elettorale a Seravezza. Una squadra compatta, motivata, ricca di competenze e progetti, consapevole delle grandi responsabilità che comporta la cura della cosa pubblica ma anche del valore delle proprie idee e delle proprie capacità.DSC_0042

La presentazione è avvenuta in piazza Carducci, nel cuore del capoluogo, all’insegna della semplicità e dell’immediatezza, con un coinvolgimento diretto dei cittadini. Verrà presto replicata a Querceta. «Accanto a me ho voluto persone positive, che reputo capaci di interpretare, gestire e risolvere al meglio le tante istanze del nostro territorio, così ampio e complesso», ha detto Tarabella. «Alcuni di loro conoscono a fondo i meccanismi della macchina amministrativa, rappresentano la continuità e la possibilità di ripartire rapidamente subito dopo le elezioni, senza interruzioni o ritardi. Altri portano esperienze e conoscenze preziose, fresche, innovative dal mondo dell’associazionismo, dello sport, del turismo, delle professioni. Infine i giovani, la nostra grande risorsa per il presente e soprattutto per il futuro; ragazzi che ho inserito con grande piacere apprezzandone lo slancio, la contagiosa voglia di fare, la capacità di leggere con occhio moderno il mondo che ci circonda, preparati e desiderosi di farsi quel bagaglio che consentirà loro di raccogliere domani il nostro testimone».DSC_0184DSC_0176

Quattro consiglieri uscenti e dodici volti nuovi, età media circa 44 anni, nove uomini e sette donne, il giusto mix di esperienza e gioventù, territorio comunale ben rappresentato in tutte le sue articolazioni geografiche e socio-economiche. Questa la fotografia complessiva della lista. Ecco nomi e brevi profili dei sedici candidati consiglieri (in rigoroso ordine alfabetico):

Anna Baldi – medico, direttore del Servizio Trasfusionale di Massa, Carrara e Lunigiana, 59 anni, di Pozzi, attiva in ambito sindacale, partecipa alle attività delle associazioni dei donatori del sangue

Giuliano Bartelletti – attuale assessore alla manutenzione e gestione del patrimonio comunale, opere e lavori pubblici, 57 anni, di Seravezza, residente a Cerreta Sant’Antonio

Vanessa Bertonelli – studentessa universitaria in economia e commercio, 28 anni, di Querceta, partecipa alle attività contradaiole, pratica il pattinaggio artistico a livello agonistico

Riccardo Biagi – attuale assessore alla cultura, associazionismo e sport, operatore in un centro servizi per disabili, 47 anni, di Querceta/Seravezza, residente a Pozzi

Francesca Bonin – dipendente comunale, laureata in psicologia, 38 anni, di Pozzi, esperienza in ambito turistico, molto attiva nel volontariato e nell’associazionismo

Sonia Domenici – operatrice turistica, laureata in lingue e letterature straniere, 52 anni, di Pozzi, lungo impegno nella difesa dell’ambiente, della vivibilità e della sicurezza del territorio in cui vive

Stefano Faraboschi – attuale consigliere delegato alla pubblica istruzione, polizia municipale e sicurezza dei cittadini, geometra libero professionista, 48 anni, di Marzocchino, residente a Querceta

Lorenzo Gabrielli – 32 anni, di Montiscendi, laurea specialistica in informatica per l’economia e l’azienda, ricercatore presso l’istituto di scienze e tecnologie dell’informazione del CNR di Pisa

Giacomo Genovesi – 25 anni, di Querceta, prossimo alla laurea in Studi Internazionali, attivo nel mondo delle contrade, attuale segretario della Pro Loco di Querceta

Renato Giannaccini – pensionato e consulente tributario, 65 anni, di Marzocchino, già appartenente all’arma dei Carabinieri, nel direttivo del Movimento Cristiani Lavoratori di Lucca

Riccardo Guglielmini – operaio marmista, 60 anni, di Marzocchino, residente a Querceta, presidente di un’associazione che opera in ambito sportivo e culturale, si adopera nella valorizzazione dell’artigianato

Orietta Guidugli – avvocato con studio a Pietrasanta, 41 anni, di Querceta, presidente dell’associazione San Vincenzo de’ Paoli di Querceta, attiva in diversi ambiti sociali e socio-sanitari

Andrea Nicolini – geometra dipendente pubblico, 40 anni, di Giustagnana, partecipa ad attività di volontariato sociale, crede fortemente nel futuro della montagna

Valentina Salvatori – attuale assessore all’urbanistica, partecipazione democratica e servizi demografici, avvocato con master in diritto penale dell’impresa, 33 anni, di Seravezza

Dino Venè – imprenditore nell’industria degli utensili, 58 anni, di Forte dei Marmi e Pozzi, vive a Querceta, promotore di attività sportive orientate alla valorizzazione del territorio

Sabrina Verona – avvocato con studio a Querceta, civilista con interesse preminente in diritto del lavoro, 33 anni, di Ripa, da sempre partecipe ad attività associative nel territorio della piana

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Giuseppe Vezzoni lo storico di Sant’Anna

Da Boris Giannaccini,addì12.3.2016DSCN3804

Pietrasanta_ Oggi alle ore 16.30, Giuseppe Vezzoni ha presentato, nel chiostro di S.Agostino, sala SS.Annunziata di Pietrasanta, la sua ultima fatica letteraria: Tra le pieghe della strage nazifascista di Sant’Anna di Stazzema nel settantesimo anniversario della Liberazione. Un tentativo d’inchiesta a tempo scaduto (Pezzini Editore, Viareggio,2016). Hanno presentato il volume il prof.Paolo Verona, curatore del libro, Ezio Marcucci e Romina Berretti, nipote del superstite Angiolo Berretti. Alla presentazione è stato presente l’assessore alla Pubblica Istruzione del comune di Pietrasanta Simone Tartarini.

Questa iniziativa è stata promossa dal Gruppo Labaro Martiri di Mulina di Stazzema e patrocinata dal comune di Pietrasanta.

Per l’ennesima volta Vezzoni si cimenta, in maniera esemplare, con il tema della memoria di uno dei fatti più sconvolgenti che abbiano insanguinato la nostra terra: la strage di Sant’Anna e di tanti altri omicidi impuniti a corollario. Senza contare gli innumerevoli assassinamenti a carico del clero locale di cui Vezzoni cerca di far conoscere degni profili e il diuturno impegno a favore della comunità.

Ma, secondo me, il grande merito di Giuseppe Vezzoni, è stato quello di non voler riconoscere – mai – una verità “istituzionale”, fabbricata nel tempo ad uso e consumo di tutti; un ottimo chirurgo, Vezzoni, che con pazienza e un buon bisturi, ha voluto indagare su verità, mezze verità e magari false verità, sezionando più volte luoghi, fatti, nomi, numeri, con l’unico intento di trovare una sua verità che, da storico, e non più come i cronisti sull’onda emotiva, gli desse un conforto da interpretare come “più che probabile”.

Nei suoi tanti scritti, quasi tutti pubblicati dalla Pezzini Editore di Viareggio, Giuseppe Vezzoni, dal piccolo borgo di Mulina di Stazzema, ha fatto sentire la sua voce sempre più squillante, dopo tante ore passate a spulciare – con certosina pazienza – vecchi scritti negli archivi e ad intervistare i pochi superstiti oltre a persone “informate dei fatti”, tanto da mettere in dubbio molte “verità” che, fin dal giorno successivo alla strage, andavano per la maggiore.

Giuseppe Vezzoni non afferma mai che la sua verità è la “più vera”, ma forse quella che più gli si avvicina. Forse i dubbi più ingombranti si rivelano quelli a carico del perché Sant’Anna? Non poteva essere un altro paese apuano? Perché tanta ferocia su della gente inerme che non rientrava – nemmeno nel rapporto fra i numeri dei tedeschi morti e civili da fucilare – negli odiosi manifesti di Albert Kesselring? Cosa prova un soldato con la divisa a sparare a bruciapelo contro un bambino o alla mamma di questo? Dov’è il nemico? Che ne è stato del rimorso, che avrebbe dovuto impietrire per sempre la vita di un soldato della Wehrmacht o anche di una SS dopo quanto di “eroico” avevano fatto?

Leggendo quanto ha scritto nel tempo Giuseppe Vezzoni, c’è molto da meditare e riflettere. Certo non è facile perdonare come ripete in continuazione Papa Francesco. Ma andrà fatto, prima o poi. Più razionalmente, perché una immensa ferita non si trasformi in una piaga purulenta, che ammorbi per sempre il nostro vivere terreno.

E, per farlo, è necessario “sapere”, come sta facendo Vezzoni.

 

DSCN3808DSCN3805Articolo de La Nazione 12.3.2016 001FullSizeRender

Invito presentazione 12 marzo 2016 S. Agostino Pietrasanta 001

Ringraziamo sentitamente la redazione de La Nazione di Viareggio. Grazie.

Giuseppe Vezzoni,addì 13.3.2016 

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Produzione industriale a gennaio + 1,9%

Cresce la produzione industriale a gennaio 2016 dell’1,9% rispetto a dicembre 2015 e del 3,9% rispetto a gennaio 2015 . L’ha rilevato l’Istat. Boom dell’auto: a gennaio + 20,9% rispetto a gennaio 2015

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Interrogazione del consigliere Baldino Stagi sulla Convenzione Ersu

PROTOCOLLO N. 2431 DEL 10.03.2016

Gruppo Consiliare Luce a Stazzema Spett.le

COMUNE DI STAZZEMA

Att.ne Sig. Sindaco

P.c. Sigg. Assessore Pelagatti

Segretario Comunale

Consiglieri Comunali

Ing. Arianna Corfini

Terrinca 09.03.2016

Oggetto: convenzione ERSU – INTERROGAZIONE

Egregio sig. Sindaco,

avendo preso visione della deliberazione n. 18 del 04 febbraio 2016 con la quale si affida ad ERSU il servizio di ritiro, trasporto e recupero e smaltimento dei rifiuti cimiteriali derivanti da esumazione o estumulazioni e vista la convenzione che codesto Comune ha stipulato con ERSU per lo smaltimento dei materiali di risulta delle estumulazioni ed esumazioni nei cimiteri frazionali, che è stata sottoscritta il giorno 5 febbraio 2016 ed ha validità a partire dal quel giorno

La interrogo

chiedendo chi e con quale autorizzazione ha provveduto alla raccolta, al ritiro, al trasporto, ed allo smaltimento dei rifiuti cimiteriali nel periodo precedente la stipula del succitato contratto ed alla pubblicazione della succitata deliberazione dal momento che le estumulazioni e le esumazioni nei cimiteri frazionali sono iniziate molti mesi prima, sicuramente già nel corso dell’anno 2015.

Attendo di ricevere, entro i tempi previsti dal regolamento, risposte chiare, concrete ed esaurienti e con l‘occasione porgo i miei saluti.

Il consigliere comunale

Stagi Baldino

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Sabato 19 marzo sarà conferita la Cittadinanza benemerita del comune di Stazzema all’avv. Gabriele Heinecke

c.11.03.2016 Consiglio comunale del 19.03. ore 10.30 a S.Anna

Dal Dott. Michele Morabito, Responsabile Area della Cultura e della Pace Parco Nazionale della Pace di Sant’Anna di Stazzema,addì 10.3.2016

Stazzema_ Sabato 19 marzo verrà conferita la cittadinanza benemerita del Comune di Stazzema all’Avv. Gabriele Heinecke che in Germania ha rappresentato le vittime di Sant’Anna di Stazzema e che si è battuta per un processo in Germania. Il Consiglio Comunale si svolgerà sabato 19 marzo alle ore 10,30 presso il Museo Storico della Resistenza di Sant’Anna di Stazzema.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Condivisione del giornale che non c’è e del blogger Giuseppe Vezzoni su questo doveroso riconoscimento all’avvocatessa Heinecke

Giuseppe Vezzoni, addì 11.3.201612805931_10207389636571981_3077528535423223497_n

Stazzema_ Esprimiamo all’amministrazione del sindaco Maurizio Verona la totale condivisione e il massimo apprezzamento per l’iniziativa, perorata con un’istanza da parte del capogruppo di Luce a Stazzema Gian Piero Lorenzoni, di conferire all’avvocatessa tedesca Gabriele Heinecke la Cittadinanza benemerita del comune di Stazzema al termine di un tentativo, durato dieci anni, di aprire in Germania un processo sulla strage di Sant’Anna. A tal fine il legale tedesco ha profuso il massimo impegno professionale ma anche ha dato l’abbrivio alla denuncia civile che ha portato nella Repubblica Federale tedesca, attraverso la fattiva attività dell’associazione degli AnStifter di Stoccarda, la conoscenza e il ripudio morale del crimine contro l’umanità perpetrato dai nazifascisti che è l’eccidio di Sant’Anna di Stazzema. Per questo non abbiamo usato aggettivi come vano, frustrato e simili. Sarebbe stato ingeneroso accostarli ai reiterati tentativi fatti dall’avvocato tedesco, considerato che un processo nella coscienza teutonica è stato aperto e la sentenza del mai pè stata pronunciata.

Fu alla fine del processo del 22 giugno 2005 che si tenne presso il Tribunale militare di La Spezia che l’avvocatessa Heinecke offri gratuitamente il suo patrocinio legale di parte civile a Enrico Pieri, presidente dell’Associazione Martiri d Sant’Anna di Stazzema, per tentare di portare alla sbarra in Germania le 10 ex SS che furono condannate alla pena dell’ergastolo perché individuate e ritenute colpevoli dall’ordinamento giudiziario italiano di aver partecipato alla criminale operazione del 12 agosto 1944. Per noi l’avvocato Gabriele Heinecke fa parte con pienezza assoluta del riscatto del popolo tedesco dal « giorno della vergogna operata da criminali satanici che fecero sprofondare la Germania nella peggiore pagina della sua storia». ( Ministro dell’Interno Otto Schilly, 12 agosto 2004- Sant’Anna di Stazzema)

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Seravezza Fotografia. Prosegue con successo la mostra “Full color. Polaroid e astrazioni architettoniche”di Franco Fontanad

Aperta fino al 10 aprile nel Palazzo Mediceo Patrimonio Mondiale UnescoMostra Fontana1

Da Ufficio Stampa agenzia ILogo, Prato Fabrizio Lucarini addì 11.3.2016

Seravezza_ Scatti di paesaggi naturali e urbani, surreali e dai colori accesi, architetture viste con uno stile inconfondibile; Polaroid tra colore e immaginazione, al confine tra grafica e fotografia che rendono unica la mostra retrospettiva “Full color. Polaroid e astrazioni architettoniche” di Franco Fontana, uno dei grandi protagonisti della fotografia contemporanea. La mostra, evento di punta della tredicesima edizione di Seravezza Fotografia, ha già riscosso un grande successo di critica e pubblico al di là di ogni più rosea aspettativa. A poco più di un mese dalla sua apertura, lo scorso 6 febbraio, sono già  oltre un migliaio i visitatori e gli appassionati di fotografia che non hanno voluto perdere l’occasione di ammirare le fotografie di questo grande maestro.  La mostra di Franco Fontana, curata da Denis Curti, ripercorre gli oltre cinquant’anni di attività di questo grande fotografo, tra i primi in Italia, a schierarsi con tanta convinzione e fermezza in favore del colore rendendolo protagonista in particolare nelle fotografie dedicate al paesaggio. I suoi lavori hanno trovato un riconoscimento ampio e stabile a livello nazionale e internazionale. Oltre quattrocento le mostre, personali e collettive e più di settanta i volumi pubblicati, cui si aggiungono prestigiosi riconoscimenti e premi in tutto il mondo. La mostra e’ suddivisa in diverse sezioni tematiche: i paesaggi degli esordi (anni ‘60), i paesaggi urbani, indagati sotto diversi punti di vista, le piscine e il mare. Una sala del percorso espositivo è interamente dedicata alle Polaroid scattate da Franco Fontana nella fine degli anni Ottanta. Un percorso parallelo portato avanti dal fotografo vissuto attraverso l’emozione diretta e senza mediazioni che caratterizza questa affascinante tecnica legata alla semplicità e ormai scomparsa travolta dal mondo del digitale. Un’altra sezione è quella dedicata ad una selezione di immagini realizzate per il progetto “Expo: vista d’autore”, il suo ultimo lavoro, commissionatogli da Canon. Accanto alla mostra di Fontana Seravezza Fotografia presenta un ampio cartellone di mostre collaterali dedicate a giovani autori e non solo. Alle Scuderie Granducali di Seravezza fino al 20 marzo si può ammirare la collettiva “Famiglie/famiglia” del Collettivo Circolo Fotografico l’Altissimo. Altre due mostre sono “Racconti d’onda” presso la Galleria Open One di Pietrasanta, aperta fino al 3 aprile con fotografie di Axel Piperno e Silvia Potenza messe a confronto con le sculture in marmo di Giorgio Eros Morandini e “Una certa idea di natura” di Roberto Mari esposta fino al 30 aprile all’UNA Hotel Versilia di Lido di Camaiore. Altre mostre sono in programma fino alla fine della rassegna prevista il 10 aprile. Infine appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati il workshop dal 1 al 3 aprile con lo stesso Franco Fontana.Mostra Fontana1

Seravezza Fotografia, direzione artistica da Ivo Balderi, è organizzata dalla Fondazione Terre Medicee, dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Seravezza con il patrocinio della Fiaf ( Federazione Italiana Associazioni Fotografiche).  Tutte le mostre sono aperte dal 6 febbraio al 10 aprile 2016 dal giovedì al sabato 15.00-19.00, domenica e festivi 10.00-19.00. Il biglietto d’ingresso al Palazzo Mediceo, viale L. Amadei 230, Seravezza è di 6 euro (intero),  4 euro (ridotto), nelle altre sedi l’ingresso è libero.

Info e programma tel. 0584.757443/756046, www.seravezzafotografia.it  Twitter: @SeravezzaPhoto e Facebook

Concerto di musica classica religiosa con la Corale Laeti di Marina di Carrara

Associazione Angolo Giro,addì 11.3.2016

La Parrocchia di Santa Maria Assunta e la Confraternita della SS. Trinità, di Maria SS. Addolorata e di S. Vincenzo confessore invitano la cittadinanza a partecipare al concerto di musica classica religiosa, che si terrà domenica 13 marzo alle ore 17 (e non come erroneamente indicato nel materiale pubblicitario alle 18) in Chiesa dei Dolori di Camaiore, via Vittorio Emanuele, il centro nevralgico della Triennale di Gesù Morto, a cui l’iniziativa è legata. Con la direzione del Maestro Marco Lazzarini e l’accompagnamento musicale di Marusca Vannucci, sarà la Corale Laeti Cantores di Marina di Carrara ad esibirsi in composizioni tratte dalla polifonia classica sacra.

La “Corale Laeti Cantores” della Parrocchia “S. Famiglia” di Marina di Carrara nasce nel 1978 come Schola Cantorum per l’animazione liturgica, per volere del parroco P. Mauro de Sanctis, sotto la guida della professoressa Maria Corsini, che la ha diretta per trenta anni fino al dicembre 2008. In questo lungo periodo, la Corale ha arricchito il proprio repertorio con composizioni tratte dalla polifonia classica, sacra e profana, e conseguentemente ha iniziato a svolgere attività concertistica in varie città italiane e all’estero; ha partecipato inoltre a Concorsi Nazionali e Internazionali ottenendo lusinghieri successi. L’interesse per il canto corale nei suoi vari generi ha portato a curare anche un repertorio di brani folkloristici, in particolare quelli tratti dalla tradizione toscana, coi quali ha partecipato a diverse edizioni delle Europeadi (Rassegna europea dei gruppi folkloristici), svoltesi in varie città europee. Per promuovere l’amore per il canto, la “Laeti Cantores” organizza ogni anno nella propria Chiesa una Rassegna di Natale e un Concerto d’Estate, che hanno anche lo scopo di far conoscere al pubblico i cori nazionali di maggior prestigio nell’ambito del canto corale. Con altri Cori dell’Associazione “S. Cecilia” ha più volte preso parte a celebrazioni liturgiche di rilievo come quelle in S. Pietro a Roma e nella Basilica di S. Antonio a Padova. Da gennaio 2009 ha preso la direzione il Maestro Marco Lazzarini.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Teatro di Seravezza. Sabato 19 marzo Ginevra Di Marco presenta “Donna Ginevra e le Stazioni Lunari”ginevra di marco

Da Ufficio Stampa, iLogo, Fabrizio Lucarini Seravezza, 10 marzo 2016

Seravezza_ La musica cosmopolita di Ginevra Di Marco sarà il prossimo appuntamento del Teatro delle Scuderie Granducali di Seravezza sabato 19 marzo alle ore 21.15. Lo spettacolo, dal titolo “Donna Ginevra e le Stazioni Lunari” ripercorre gli ultimi sei anni della ricerca musicale di Ginevra Di Marco, volta a scoprire e riscoprire pezzi della tradizione popolare a partire dal bacino del Mediterraneo fino alle coste del Sudamerica e oltre. Un evento che nasce in sostituzione del previsto concerto del cantautore Claudio Lolli annullato dal cantautore per motivi personali. “Ci dispiace molto per il forfeit di Lolli – ha spiegato Elisabetta Salvatori direttrice artistica del Teatro delle Scuderie Granducali – un grande artista che stimiamo davvero tanto. Per questo motivo faremo il possibile per aprire la prossima stagione con il suo concerto. E proprio per offrire ai nostri abbonati  e a tutti coloro che con tanta passione seguono il nostro teatro una serata altrettanto interessante, sempre legata alla musica, ci ha fatto piacere la disponibilità di Ginevra Di Marco, una musicista di grande valore che sono sicura ci regalerà uno spettacolo bellissimo”. Sul palco delle Scuderie Granducali l’artista, accompagnata da Francesco Magnelli (piano – magnellophoni) e Andrea Salvadori (chitarre – tzouras), si esibirà sia nel suo repertorio tradizionale, ma sarà arricchito anche con nuove canzoni ispirate alle tradizioni popolari del Sud America con l’anteprima del nuovo lavoro: “Ginevra Di Marco canta Mercedes Sosa”. Tutto questo è il frutto di una ricerca musicale fatta di volti, suoni, memorie, e dove l’artista ha fatto suoi canti in lingue diverse provenienti da tutto il mondo, si è confrontata con artisti del panorama nazionale in uno scambio musicale e umano, ha approfondito tematiche sociali importanti che oggi sono il nodo cruciale del nostro vivere: lavoro, emigrazione, corruzione, condizione della donna, sostenibilità ambientale. Il tutto legato all’immensa tradizione popolare che ha nella musica un veicolo per essere tramandata di generazione in generazione. Durante il concerto un susseguirsi di emozioni e colori diversi che, qua e là, danno spazio anche al patrimonio cantautorale da cui Ginevra nasce e a cui è indissolubilmente legata: Battiato, CSI, De Andrè, Leo Ferrè, Modugno sono solo alcuni dei capisaldi che caratterizzano la cifra stilistica della cantante fiorentina. Un concerto che vuole coinvolgere il pubblico in un’onda emotiva continua. Lo spettacolo fa parte del cartellone 2015/2016 del Teatro delle Scuderie Granducali dal titolo “Dentro le storie” organizzato da Fondazione Terre Medicee e Comune di Seravezza. Biglietti su:www.bookingshow.it    info e prevendite Fondazione Terre Medicee: tel. 0584.757443, mail: segreteria@terremedicee.it  sito web:  www.terremedicee.it   

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Domani  Riccardo Tarabella presenta i candidati consiglieri della sua listalogo_200x200_72dpi  

Da Ufficio Stampa Lista Riccardo Tarabella Sindaco, Stefano Roni,11.3.2016

Seravezza_ La presentazione dei candidati della Lista Riccardo Tarabella Sindaco, avverrà domattina alle ore 11:30 in piazza Carducci a Seravezza. In caso di maltempo la presentazione si terrà nella Sala Fontana della vicina Misericordia. Potete cortesemente informare i lettori nell’edizione odierna o, per i quotidiani, in quella di domattina?

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Ringraziamo lo studioso Boris Giannaccini per quanto ha scritto oggi su La NazioneFullSizeRender

Giuseppe Vezzoni,addì 11.3.2016

Ci ha fatto un immenso piacere che lo studioso versiliese Boris Giannaccini,autore di innumerevoli libri sulla storia locale e sulla marineria viareggina, abbia scritto di noi su la Nazione di oggi, pagina Giorno & Notte Versilia, in merito alla presentazione del libro Tra le pieghe della strage nazifascista…” che si terrà domani, alle 16,30 nel prestigioso spazio dedicato alla diffusione della cultura e dell’arte che è il Chiostro di Sant’Agostino di Pietrasanta.Invito presentazione 12 marzo 2016 S. Agostino Pietrasanta 001

Cogliamo l’occasione per sensibilizzare una partecipazione puntuale poiché alle 19:00 il Chiostro chiude.

^^^^^^^^^^^^^^^^^

Pedalata odierna: Mulina, Iacco, La Risvolta, Pontestazzemese, Pruno, Iacco, La Risvolta, Pontestazzemese, Culerchia, Pontestazzemese, Carbonaia (Mulina)

Giuseppe Vezzoni,addì 11.3.2016

Pedalata niente male, soprattutto con l’affrontare l’ascesa di Pruno con il poco esercizio di questi tempi nelle gambe. Tra l’altro abbiamo trovato vento contrario, ma per fortuna non nel tratto più duro, quello che dal ristorante Monteforato porta al parcheggio di Volegno. Tuttavia, ad onor del vero, qualche dubbio sulla durezza massima ci viene se si fa riferimento al tratto che va dal terzo al quarto tornante. Anche qui si tripola assai.

Pile scariche e niente foto. Peccato,abbiamo perso un’ immagine del monte Pania che stamani era in uno scenario regale.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...