Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1731 del 21 e 22 gennaio 2016

Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1731 del 21 e 22 gennaio 2016

Je suis Charlie

# No al facismo”

# Se togliendo i diritti agli operai si incentiva l’Occupazione, perché non togliere i diritti -privilegi ai politici italiani per incentivare la Democrazia?

# Non si può condannare la parola

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronacachenonce sarà anticipata da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE: il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole. E’ assicurato il diritto di replicare. Evitiamo le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc.. Precisato ciò, il blog liberacroanacachenonce non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

Due land tedeschi intendono requisire i beni ai migranti e/o profughi da ospitare

Da Giuseppe Vezzoni,addì 21.1.2016.DSCN1646

Dopo Danimarca e Svizzera anche due land tedeschi, Baviera e Baden-Wüerttemberg intendono requisire denaro e beni di valore ai migranti e profughi che devono essere accolti in questi territori. La motivazione della requisizione è quella di compartecipare al mantenimento. La notizia è stata data dal Tg1 delle 13,30 di oggi e noi siamo saltati per aria nell’ascoltare che uno dei land è il Baden- Wüerttemberg , ossia uno dei più ricchi della Germania ma soprattutto il land che ha fatto donazioni a Sant’Anna di Stazzema.

Ci auguriamo che il Baden- Wüerttemberg non concretizzi questo sproposito umanitario perché lo troveremmo veramente inaccettabile. Non si può donare soldi a Sant’Anna di Stazzema e al Parco nazionale della Pace e nello stesso tempo prelevare tutto ciò che migranti e profughi sono riusciti a salvare dalle brame dei moderni negrieri che sono gli scafisti e gli uomini ombra dell’organizzazione criminale che si alimenta con questa crudele ed efferata tratta umana. Come foglio nato nel luogo della strage nazifascista del 12 agosto 1944, la frazione di Mulina di Stazzema, alziamo alta la nostra totale disapprovazione. Le dichiarazioni del sindaco di Stazzema che abbiamo riportato ieri (“Il lavoro insieme ad enti e realtà della società civile tedesca ha portato ad ottenere importanti risultati: progetti indirizzati ai giovani, scambi culturali, il restauro della Cappellina in Piazza Anna Pardini e, oggi, della Piazza della Chiesa. Luoghi simbolo per la nostra Repubblica, che evocano un profondo significato; l’amicizia tra Stazzema e Land del Baden-Wuerttemberg e, in generale, tra Italia e Germania si poggia su basi comuni, su valori condivisi tra italiani e tedeschi ma soprattutto tra Europei. Penso che sia questa la visione per un futuro comune: partire da quei valori che ci sono propri e che determinano il legame tra i popoli europea, che si trovano alla base del patto sociale e civile sul quale si fondano le nostre democrazie) non si possono accompagnare assolutamente con l’eventuale decisione di requisire beni e soldi da chi fugge dalla guerra e dalla fame. Un provvedimento che devasterebbe il concetto di accoglienza, di umanità, di solidarietà e soprattutto di Europa. Da Stazzema deve alzarsi un rifiuto netto e distaccarsi senza indugio qualora si realizzasse questa deriva della sensibilità. Essa non può coesistere con nessun patto sociale e civile.

Come foglio libero e sgorgato dalla frazione martire di Mulina di Stazzema, vogliamo denunciare con forza l’aberrazione che sarebbe quella di togliere soldi e beni di valore ai migranti e ai profughi. Si separi invece il grano dal loglio in maniera che l’infestazione criminale e/o parassita non induca, per distruggere la zizzania, a dissipare dalle coscienze il grano del pane, della solidarietà e della Pace. Questo è il messaggio che vogliamo si alzi da Mulina di Stazzema.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Ma quale vicinanza ai cittadini!

Dal consigliere comunale di Luce a Stazzema, Baldino Stagi, addì 20,1.2016

Si può discutere quanto si vuole sulla giustezza del progetto di fondere i comuni con meno di 5.000 abitanti ma è inaccettabile che il dott.  Maurizio Verona porti a supporto delle sue ragioni argomenti che contrastano nettamente con il suo comportamento e la sua storia personale, sia come attuale sindaco che come vice durante la gestione Silicani. Per potersi ergere a “paladino della democrazia”, come vorrebbe far credere con il suo comunicato diffuso dalla stampa, si deve avere tenuto un comportamento esemplare ed inattaccabile, cosa nel caso specifico non è. Il Comune di Stazzema negli ultimi anni si è distinto, semmai, per inefficienza, vessazioni nei confronti del contribuente sfociando più volte nella illegalità. Poteri qui ricordare i permessi concessi ad aziende di escavazione del marmo che non ne avevano diritto fino a dover forzatamente dichiarare “abusiva” la cava Tavolini di Levigliani a seguito dell’intervento del Parco che ne sancì la chiusura. O l’inspiegabile archiviazione da parte della Procura di Lucca a seguito del vergognoso “imboscamento” del ricorso straordinario al Presidente della Repubblica firmato da 28 cittadini ed illegalmente trattenuto in Municipio per 32 mesi tanto che si legge sul decreto di archiviazione: <<sono rimasti ignoti gli autori del reato>>. Il Magistrato dichiara quindi essere stato commesso un “reato” seppure, incredibilmente, non si è stati in grado di individuarlo, nonostante sia fin troppo chiaro a chi fu affidato il plico. Non i dimentichi la vergogna delle palme con il punteruolo rosso stoccate nella zona del Col del Cavallo, i debiti accumulati dalla società Antro del Corchia, la colossale voragine in cui si sono sprofondati i conti del Comune, le colossali spese per la realizzazione di infrastrutture a Retignano che stridono fortemente con la malagestione del campo sportivo, abbandonato e pericoloso. I compensi di un Segretario Comunale, finalmente dimesso, fuori da ogni comprensione e la complicità degli amministratori che ne hanno condiviso le inaudite scelte. Lo stesso rapporto con l’UNCEM mai chiarito, i compensi percepiti dal Verona su incarico di quel sig. Giurlani che ne è presidente e che gestisce immani somme di denaro pubblico senza volerne rendere conto. Quel sig. Giurlani che ha rivestito l’incarico di assessore a Stazzema al solo scopo di mantenere la posizione di presidente dell’UNCEM  giungendo a dichiarare il falso sul decreto di nomina, atto per il quale qualcuno dovrà pagare, se una Giustizia esiste. Il denaro sperperato per la realizzazione del teleriscaldamento di Pruno e Volegno, un marchingegno che non ha mai funzionato e del quale vengono strenuamente tenuti segreti i bilanci, gli importi delle bollette, i disagi imposti agli utenti. In quanto a S. Anna è stata sfruttata nei modi più bassi per la personale propaganda. La lista potrebbe continuare ma vorrei chiudere con le belle trovate dell’ICI sulle unità collabenti ed i rinnovi delle concessioni cimiteriali perpetue, unico comune in Italia a ricorrere a tali bassezze per fare cassa a spese di poveri indifesi contribuenti che si sono visti recapitare richieste di pagamento che arrivano a decine di migliaia di euro. Su questi scottanti argomenti, a ristabilimento di quella legalità tanto vantata, sono intervenute finalmente le “sentenze” della Commissione Tributaria prima e del Giudice di Pace pochi giorni fa che condannano duramente il Comune e dichiarano inapplicabili questo tributi che definiremo, per decenza, “fantasiosi”. Altro che democrazia e vicinanza delle istituzioni ai cittadini.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Interrogazione olio di palma negli alimenti

Dal consigliere comunale Gian Piero Lorenzoni,addì 20.1.2016

Al Sindaco, all’Assessore alla Pubblica Istruzione, al presidente del Consiglio Comunale, ai Consiglieri Comunali, al Responsabile Area Amministrativa p.c.: Al Segretario Comunale

Oggetto: Interrogazione olio di palma negli alimenti.

Premesso che: da non molto tempo i consumatori, a seguito delle informazioni distribuite dai mezzi di informazione, hanno scoperto la presenza, in migliaia di prodotti alimentari, dell’olio di palma, una sostanza fino a oggi camuffata dietro la scritta “oli e grassi vegetali”; Visto che l’olio di palma si trova nella maggior parte degli alimenti trasformati, soprattutto in quelli consumati dai giovani perché costa poco e si presta a molti utilizzi.

Considerato che: secondo i nutrizionisti ed i dietologi l’assunzione giornaliera di dosi elevate di questo ingrediente può risultare dannosa per la salute a causa della presenza dei grassi saturi e perché favorisce l’insorgenza di malattie cronico-degenerative. Si chiede di conoscere se:

– se nella nostra mensa scolastica vengano utilizzati prodotti contenenti tali grassi, la tipologia degli stessi e le quantità nei singoli alimenti;

– se nell’Ospedale Versilia vengano utilizzati prodotti contenenti tali grassi;

– se nei distributori automatici di alimenti collocati nella sede municipale, siano presenti prodotti contenenti tali grassi.

In caso affermativo, se intende, con effetto immediato, sostituire tali prodotti con altri più salutari ed eco-compatili ed in futuro VIETARNE L’USO sul territorio di competenza. Si rimane in attesa di una risposta scritta secondo quanto indicato dall’art.25 comma 4 e 5 del Regolamento del consiglio comunale

^^^^^^^^^^^^^^^
Focus sulla piana: due nuovi incontri pubblici per Riccardo Tarabella

Partono intanto anche le sessioni operative del Cantiere Programmatico

Ufficio Stampa Lista Riccardo Tarabella Sindaco, Stefano Roni,addì 20.1.20162016-01-18-21.25.21-1

Seravezza_ Riprendono gli incontri di Riccardo Tarabella con la cittadinanza. Due gli appuntamenti che, nell’arco dei prossimi quindici giorni, il candidato sindaco dedicherà all’ampio territorio compreso tra la Statale Aurelia e la via Emilia. Il primo è domani,venerdì 22 gennaio, alle ore 21 presso la sagra della contrada Il Ranocchio in via Alpi Apuane. Focus su Querceta centro, le Mordure, Ponte di Tavole, Ranocchiaio e Frasso, vale a dire sulla cospicua area della piana che fa da cerniera con il litorale, rilevantissima sotto il profilo socio-economico, urbanistico, dei servizi. All’ordine del giorno, questioni di vita quotidiana, prospettive di sviluppo, idee e problematiche da condividere con il candidato sindaco.

«Ci concentreremo su un’area strategica del Comune: invito i residenti a partecipare numerosi all’incontro», dice Riccardo Tarabella. «Mi rivolgo in particolare ai giovani, che so essere molto attivi e partecipi alla vita delle contrade e delle associazioni. Abbiamo appena aperto il nostro Cantiere Programmatico e nei prossimi giorni i gruppi tematici si metteranno concretamente al lavoro. Chi vuole iscriversi ha ancora tempo per farlo. Mi rivolgo a coloro che abitano nella zona di Querceta-Ranocchiaio-Frasso così come ai cittadini di Marzocchino-Cafaggio, Riomagno, Azzano, Fabbiano, Ruosina e delle altre località che visiteremo nelle prossime settimane per chiudere questo nostro primo ciclo di incontri sul territorio. Puntiamo ad un coinvolgimento sempre maggiore, per scrivere un programma elettorale veramente partecipato e condiviso».

L’avvio del Cantiere Programmatico della Lista Riccardo Tarabella Sindaco ha registrato lunedì scorso un vivace tutto esaurito in Sala Cope a Querceta. Nell’occasione sono intervenuti, tra gli altri, Massimo Marsili, Bruto Pomodoro, Enrico Salvatori e Ugo Da Prato che hanno offerto interessanti contributi, utili a fornire un quadro d’insieme ai temi da analizzare adesso nelle loro specificità. Assente per indisposizione il professor Giovanni Padroni che interverrà quindi in una prossima sessione dei lavori.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Rivista online di Piccolino sulle stragi nazifasciste

Prof. Marco Piccolino,Center of Neurosciences of the University of Ferrara,addì 20.1.2016

Agli amici, colleghi, istituzioni e persone che potrebbero essere interessate
alla storia di Sant’Anna di Stazzema e delle stragi nazifasciste
. Sto creando una rivista online con lo scopo principale di conservare e promuovere la memoria delle stragi nazifasciste e in particolare dell’eccidio di Sant’Anna di Stazzema. Ho messo ora online la il primo numero di questa rivista.L’indirizzo della rivista è il seguente:

http://marcopiccolino.org/santannadistazzema/
In questa pagina si possono scaricare i singoli articoli:

http://marcopiccolino.org/indice/
Sarei molto contento di ricevere documenti, ricordi, e ogni tipo di materiale nell’ambito dell’interesse di questa pubblicazione. Ho scelto di inviare a questi indirizzi l’annuncio della rivista pensando che i destinatari possano essere interessati.  In caso contrario sarete rimossi dalla lista segnalando la vostra richiesta con una risposta a questo messaggio o attraverso il sito.Mi scuso di eventuali doppi o tripli invii.Vi ringrazio dell’attenzione e vi auguro buona giornata,

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Prossimi eventi in Versilia

Da Ufficio Informazioni Turistiche Pro Loco Seravezza e Libera Cronaca,addì 20.1.2016

SABATO 23 GENNAIO 2016: Anteprima giorno della memoria- Presentazione libro/inchiesta a tempo scaduto Tra le pieghe della strage nazifascista di Sant’Anna di Stazzema nel settantesimo della Liberazione (Pezzini editore, gennaio 2016). Sala delle Conferenze della Croce Bianca di Querceta, ore 16. Presentano il libro il prof. Paolo Pezzino, mons. Danilo D’Angiolo il prof. Paolo Verona, che ha curato la stampa. Romina Berretti, nipote del superstite di Sant’Anna di Stazzema Angiolo Berretti, al quale è dedicato il libro, ricorderà il nonno, che fu anima di tante iniziative della memoria, prima fra tutte quella della Campana della Pace.tra-le-pieghe-della-straze-nazifascista-di-sant-anna

SABATO 23 GENNAIO 2016. ORE 16:30 Presso: Centro Performat Salute Versilia Via Garibaldi, 99 – Pietrasanta Coordina Marina Zazopsichiatra psicoterapeuta
Interventi di
Luigi Santinidirettore della sezione Versilia Storica dell’Istituto Storico Lucchese “Dalla Nascita degli “ospitalità” alla scomparsa degli ospedali comunali attraverso la dissoluzione dell’Azienda Sanitaria nella Versilia dei Sette Comuni” Paolo Pelùstorico “Medici e medicine nel tardo medioevo della lucchesia storica”

DOMENICA 24NEGLI OCCHI DI CARONTE, di Claudio Amadei inaugura la Galleria La Seravezziana a cura di Annunziata Felice. L’esposizione sarà dedicata al genere per il quale il pittore si è distinto nel panorama artistico locale e nazionale: il surrealismo. Paesaggi infernali, immobili come statue eppure labili come sogni. L’inaugurazione si svolgerà domenica 24 gennaio, dalle ore 16:30, presso la galleria sita in Piazza Carducci 183, Seravezza. Mostra visitabile dal 24/01 al 07/02/16, orario feriale 16:00-19:00, festivo 10:30-12:30 16:00-19:00.

^^^^^^^^^^^^^^^^

Comunicazione Circolo Fratelli Rosselli di Firenze

Dal Circolo Fratelli Rosselli,addì 20.1.2016

Oggetto: Quota sociale 2016

Come ogni anno siamo a ricordare il rinnovo dell’adesione al Circolo Rosselli. Le quote sociali sono ormai da vari anni il principale sostegno finanziario del Circolo per continuare a svolgere un’attività di buon livello, seppur ridotta rispetto al passato. Per le modalità di versamento e per l’entità delle quote si veda la pagina http://circolorosselli.it/iscrizione.htm

Chi ricorre usualmente all’ufficio postale può attendere l’invio del bollettino pre-compilato, nel quale apparirà l’eventuale mancato pagamento della quota 2015, che confidiamo venga aggiunta a quella 2016. ps: ci scusiamo se nella spedizione postale il bollettino è stato mandato anche a chi è in regola con le quote.

Il Presidente e il Consiglio Direttivo

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Corso Sensibilizzazione Acat Garfagnana

postato ore 12 del 22.1.2016unnamed

Attenzione:

Oggi è stata una giornata campale: stamani a Rete Versilia a promuovere il libro Tra le pieghe della strage nazifascista di Sant’Anna di Stazzema nel settantesimo della Liberazione e poi la settimanale spesa al supermercato e le risposte al telefono per la sentenza sulle concessioni cimiteriali emessa dal giudice di Pace di Lucca. Insomma il tempo di concentrarci per scrivere sulla sentenza non ne abbiamo avuto. Ci scusiamo con i lettori e vedremo di provvedere entro domenica. La sentenza non scappa, e quello che è stato è stato. Sulla questione delle concessioni cimiteriali vogliamo e dobbiamo scrivere con attenzione e misura. Come sempre.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...