Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1695 del 4 e 5 dicembre 2015

Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1695 del 4 e 5 dicembre 2015

Je suis Charlie

# No al facismo”

# Se togliendo i diritti agli operai si incentiva l’Occupazione, perché non togliere i diritti -privilegi ai politici italiani per incentivare la Democrazia?

# Non si può condannare la parola

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronacachenonce sarà anticipata da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE: il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole. E’ assicurato il diritto di replicare. Evitiamo le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc.. Precisato ciò, il blog liberacroanacachenonce non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

NON INVIEREMO PIU’ IL GIORNALIERO LINK DI LIBERA CRONACA,

IL GIORNALE CHE NON C’E’

COMUNICAZIONE:

A seguito dei ricorrenti disservizi di invio link che riscontriamo da settembre, dal numero 1670 di Libera Cronaca del 2 e 3 novembre 2015 cesserà questa operazione che sicuramente non agevolerà i contatti al blog ma che tuttavia eviterà, da ora in poi, di pensare che a causa della mancata ricezione del link il giornale che non c’è non sia uscito.

Da oggi, chiunque vorrà leggere ciò che sarà quotidianamente pubblicato su Libera Cronaca, non avrà altro che da scrivere su Google Giuseppe Vezzoni o liberacronacachenonce e subito dopo premere il tasto INVIO .

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

Il 5 e 6 dicembre torna la Festa della Montagna a Pontestazzemese

Tradizione, artigianato e solidarietà

Da Michele Morabito, Ufficio Cultura del Comune di Stazzema,addì 5.12.2015DSCN3148DSCN3133DSCN3132

Stazzema_ Si rinnova il 5 e 6 dicembre a Pontestazzemese l’appuntamento con la Festa della Montagna che giunge oggi alla sua VI° edizione con tanti appuntamenti legati alle tradizioni e  allo spirito natalizio con eventi all’insegna della musica, del volontariato e della solidarietà, principi costitutivi del Comune di Stazzema. L’organizzazione è a cura del Comune di Stazzema e della Consulta del Volontariato  per un evento che é  diventato un appuntamento fisso per l’Alta Versilia. Vi sarà la possibilità di comprare piccoli oggetti nei mercatini natalizi con bancarelle di artigianato locale, prodotti tipici, aziende locali e il mercatino della scuola organizzato dall’Istituto Comprensivo Martiri di S. Anna, che parteciperà inoltre promuovendo l’iniziativa dell’Unicef “Adotta una pigotta” che consente di fornire a un bambino di un paese africano un kit salvavita composto da vaccini, dosi di vitamina A, kit ostetrico per un parto sicuro, antibiotici e una zanzariera. Non mancheranno come sempre le associazioni volontariato e i gruppi dei Paesi del Comune di Stazzema che sono l’anima della vita sociale stazzemese. La musica ed i giochi faranno da intrattenimento e da cornice all’evento. Dalle 14 di sabato 5 con l’iniziativa “Oggi cucino io” laboratorio di cucina tradizionale aperto a tutti e l’apertura del mercatino con i banchetti e con oggetti di artigiani locali, quello dell’Istituto Comprensivo “Martiri di Sant’Anna di Stazzema” e del Nido “Pollicino e Cucciolo” con piccoli oggetti realizzati dalle maestre insieme ai piccoli ospiti. Entrambe le giornate saranno allietate con giochi ed animazioni per i bambini che avranno il loro culmine nella giornata di domenica: per tutta la giornata, dalle ore 10 alle ore 18, sarà aperto  il mercatino. Alle ore 10 “Passeggiando con l’asino” con un asinello che girerà per la Piazza di Pontestazzemese per far sorridere i bambini Alle 15 si svolgerà la tradizionale parata, quest’anno intitolata “I diritti dei bambini: proteggiamo  l’infanzia” con le Filarmoniche di Levigliani e Farnocchia nell’occasione riunite con la collaborazione dell’Istituto Comprensivo Martiri di S. Anna che sfileranno con vari figuranti lungo le strade di Pontestazzemese ed animeranno la giornata con la loro musica, alle 16 arriverà Babbo Natale per consegnare chicchi a tutti i bambini presenti ed entrare a pieno titolo nel clima natalizio.DSCN3134

La Festa della montagna”, commentano dall’Amministrazione, è un momento di ritrovo e di incontro di tutte le associazioni e attività produttive che durante l’anno operano sul territorio Stazzemese e sarà l’occasione per far conoscere e promuovere tutto ciò, e non è poco, che Stazzema può offrire nei diversi settori tra cui quello turistico e della tradizione. La Festa è anche una promozione per il territorio, con il completo recupero della sua Cultura e delle Tradizioni, insieme alle Associazioni che in questi anni sono cresciute, una valorizzazione di una modesta agricoltura di montagna che significa soprattutto una riappropriazione di un territorio incolto e abbandonato, quindi ad una salvaguardia idrogeologica e di conseguenza una valorizzazione del territorio fino a pochi anni fa di fatto impoverito, un atto di amore per il proprio territorio La Festa della Montagna è anche una occasione di collaborazione e confronto tra le varie componenti della comunità Stazzemese: Scuola, attività produttive, associazioni e comitati di volontariato, bande musicali e Amministrazione Comunale. Salvaguardare l’identità di un luogo ed il territorio sono il modo migliore per guardare al futuro scommettendo sui giovani”.

^^^^^^^^^^^^^

Domani e domenica VI Festa della Montagna 2015 a Pontestazzemese

passeggiando con l’asinolocandina copia

Da Giuseppe Vezzoni,addì 4.12.2015

Stazzema_ Da domani pomeriggio, alle 14, nella frazione di Pontestazzemese si terrà la l’edizione n. 6 della Festa della Montagna che vedrà i caratteristici mercatini di natale e momenti di cultura e di musica tenere viva la frazione più baricentrica del Comune di Stazzema. La manifestazione è promossa dalla Consulta del Volontariato di Stazzema. Non mancherà la possibilità di vedere all’opera un cuoco provetto, che , attorniato da aspiranti cuochi, animerà il laboratorio di cucina e preparerà di piatti tipici. Ci sarà anche la proclamazione dei vincitori del 3 concorso di cartolina “Impressioni d’autunno” e, per chi vorrà, partecipare all’esperienza di passeggiare con l’asino Nellina lungo la mulattiera che da Retignano mena a Ruosina. Si esibiranno anche la bande musicali di Farnocchia e Levigliani e attraverso il progetto Scuola Amica Unicef “Adotta una pigotta” la Festa della Montagna 2015 ci caratterizzerà per la sensibilizzazione ma anche per una azione concreta, raccolta fondi, destinati al sostegno dei diritti dei bambini e della tutela dell’infanzia.

^^^^^^^^^^^^^^^^

Macché trasparenza: gli amministratori di Stazzema non rispondono!

Stazzema_ L’assessore Viviani, come anche gli altri amministratori, non risponde, non solo alle normali richieste ma nemmeno alle interrogazioni che sono disciplinate particolarmente dal Regolamento.  Questo a dimostrazione di come in Municipio non sappiano nemmeno cosa sia la trasparenza. In un Comune dove l’Albo Pretorio, primario strumento di contatto con la cittadinanza, è tenuto nel dimenticatoio, tanto che capita spessissimo di constatare, ad esempio, come le delibere non vengano pubblicate tanto che il collega Lorenzoni ha più volte scritto chiedendo il motivo per cui ci sono degli spazi vuoti nella numerazione relativa alla pubblicazione. I motivi della mancata apposizione ce li dovranno spiegare, prima o poi, ma sono atteggiamenti che lasciano adito a dubbi e sospetti. Se si cerca di aprire, ad esempio, la pagina degli ATTI DECISIONALI possiamo vedere che l’acceso ci viene negato, e questo da moltissimo tempo. L’ELENCO AGGIUDICAZIONI è privo di date e riferimenti che possano far comprendere se i lavori sono recenti o remoti. Non parliamo del settore ENTI E SOCIETA’ PARTECIPATE che non viene aggiornato da anni. Non sono indicate le appartenenze dei consiglieri alle varie commissioni. Merita andare a vedere cosa si può trovare sulla pagina AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE per accorgersi che le notizie contenute sono assai datate o non ci sono proprio. Non parliamo delle disquisizioni sui rendiconti o sullo stato economico del Comune dove si cerca solo di vendere fumo e nascondere la verità. Per quanto riguarda l’ottenimento di documenti o anche di una semplice risposta ai quesiti posti da parte dell’opposizione siamo alla tragedia. Siamo costretti a sollecitare e risollecitare finché, a volte, ci si dimentica del vecchio che viene travolto da mille nuovi eventi, a dimostrazione che il trucco del procrastinare ad oltranza è vecchio ma funziona ancora. Ci sono però argomenti, come quelli contenuti nelle lettera allegata, che non si possono tralasciare anche se i volponi della maggioranza pensano di prenderci per sfinimento. Infine non accetto che il sindaco dichiari ai giornali che il Comune è al massimo della trasparenza, proprio lui che ancora non ha voluto chiarire i suoi legami con l’UNCEM. Lui che va a firmare i patti di amicizia con personaggi discutibili senza nemmeno avvisare il Consiglio Comunale e senza che nessuno lo abbia autorizzato. Lui che fa spesso ricorso alla menzogna, come può invocare la trasparenza?

Il consigliere comunale Baldino Stagi, addì3.12.2015

^^^^^^^^^^^^^^

Alle interrogazioni si deve rispondere

Il consigliere comunale Baldino Stagi ha scritto ieri all’ Assessore Marco Viviani e pc ai Sigg. Consiglieri Comunali

Pggetto: sollecito risposte a due interrogazioni rimaste inevase (Protocollo N. 9704 DEL 03.12.2015

Egregio Assessore,

forse non le è chiaro che amministrare un Comune vuol dire, in prima analisi, farsi carico dei doveri legati al ruolo ricoperto. Da parte mia credo di essere nella posizione di poter pretendere che mi siano date tutte le risposte relative alle 2 (due) interrogazioni che le ho rivolto già da molto tempo e che contengono le descrizioni circostanziate dei fatti e domande precise ed inequivocabili.

Lei, invece, avrebbe voluto tirarsi fuori dal problema inviandomi repliche divaganti nelle quali non prova nemmeno ad affrontare gli argomenti, senza dare compimento alle richieste. Mi riferisco in particolare alle mie protocollate ai numeri 6619 del 20.08.2015 e 6618 del 20.08.2015 che, ripeto, hanno valenza di INTERROGAZIONI.

Come si può notare sono passati oltre tre mesi senza che lei abbia tenuto fede agli impegni ed ai doveri che le competono tant’è che sono già dovuto tornare sull’argomento con i protocolli n. 7700 del 28.09.2015 – n. 8333 del 16.10.2015 e n. 7636 del 24.09.2015.

Voi della maggioranza potete stornellare quanto volete sui quotidiani che Stazzema è campione di trasparenza, mentendo spudoratamente, i fatti dimostrano ineluttabilmente che siamo in un Comune malamente amministrato e molto, molto opaco. Lei, naturalmente, contribuisce per la sua parte ad abbassare il livello della chiarezza.

Detto questo rinnovo la mia richiesta di ottenere rapidamente risposte definitive, esplicative ed esaustive ai miei quesiti che, oltre tutto, toccano argomenti di rilevante importanza, tali da non poter essere lasciati sospesi. Riceva i miei saluti

Terrinca 03.12.2015

Il consigliere comunale Baldino Stagi

^^^^^^^^^^^^^^^^

La montagna seravezzina sta rinascendo2015-12-03-21.43.31

Da Ufficio Stampa Lista Riccardo Tarabella Sindaco,Stefano Roni,addì 4.12.2015

Seravezza _ «La montagna seravezzina sta rinascendo. Sono sempre più numerose le coppie, soprattutto giovani, che scelgono di andare a vivere nei nostri piccoli paesi collinari e montani. Motivazioni economiche, certo, ma anche scelte di vita dettate dalla voglia di riscoprire un legame vero con il territorio e migliorare la qualità delle relazioni sociali. Una tendenza molto positiva, ma anche una sfida per chi come me si candida ad amministrare il Comune. Più residenti significa infatti maggiori necessità: di servizi, di progetti, di attenzioni, di interventi concreti. Non mi tiro indietro, so cosa devo fare. Per me la montagna è un tassello fondamentale del mosaico Seravezza al pari del capoluogo e della piana. Crescere qui significa crescere in tutto il comune».

Con queste parole Riccardo Tarabella commenta l’incontro di giovedì sera con i residenti di Cerreta Sant’Antonio. «Ad accogliermi ho trovato una folta, cordiale e motivata rappresentanza della comunità», dice il candidato sindaco. «Li ringrazio per la chiarezza e per la determinazione con le quali hanno esposto le loro idee. Sapevo già della necessità di dotare il paese di un parcheggio – il problema pratico sicuramente più sentito da tutti –,ma mi ha fatto enormemente piacere sentir parlare anche di ritorno alla montagna, di ristrutturazioni di case un tempo abbandonate, di concetti come “permacultura”, energie rinnovabili, sviluppo sostenibile, cura delle persone e del territorio. Visioni di futuro, insomma, che non rinnegano né identità né tradizioni. Siamo in perfetta sintonia. Nel mio programma saprò inserire strumenti e progetti a sostegno di questo trend».

Venerdì 11 dicembre Riccardo Tarabella torna ad incontrare i cittadini della piana. L’appuntamento è a Ripa presso la Casa della Musica di via Foccola.

^^^^^^^^^^^

Oggi è stata stampata la bozza del libro Tra le pieghe della strage nazifascista di Sant’Anna di Stazzema nel settantesimo della strage.DSCN3135Libro Tra le pieghe della sreage nazifascista di Sant'Anna di Stazzema 001

Indietro non si torna: entro il 20 gennaio sarà pronto un altro libro con cui Giuseppe Vezzoni si propone di portare all’opinione pubblica nuovi elementi di conoscenza in merito alla strage di Sant’Anna di Stazzema. Con questo lavoro si chiude davvero l’ultraventennale impegno profuso da Vezzoni sul 12 agosto 1944, ricordando che se non c’era il Premio Franco Giustolisi la produzione libraria di Vezzoni era terminata con i due libri dati alle stampe l’anno scorso: Un prete indifeso in una storia a metà ( 2ª ed. Pezzini editore, Viareggio, luglio 2014) e All’Alba di Sant’Anna (Edizioni Il Margine,Trento,agosto 2014).

Con la prossima pubblicazione l’autore si è toglie ogni remora, semmai ne avesse avuta in serbo, di non aver voluto approfondire in tutta coscienza quegli aspetti che nonostante la verità giudiziaria non sono del tutto chiari. E’ un libro che ha delle connotazioni o velleità anche investigative ma che tuttavia consegna ai lettori, attraverso la testimonianza che il superstite Angiolo Berretti rese l’11 novembre 2004 nell’aula del Tribunale militare di La Spezia, il pathos a cui furono costretti a vivere i sopravvissuti durante quella infernale giornata del 12 agosto 1944 e nei giorni che seguirono.

E’ un libro che senza averlo veramente voluto consegna alla storia di Sant’Anna di Stazzema un altro personaggio che in vita non ha avuto l’attenzione che avrebbe meritato. Dopo don Fiore Menguzzo e don Giuseppe Vangelisti anche la figura del superstite Angiolo Berretti ritrova nell’ultimo lavoro di Giuseppe Vezzoni una dignità storica e morale che post mortem lo risarcisce  in parte dell’insensibilità, della emarginazione e dell’ostilità alle quali è stato fatto oggetto. Ma la prossima pubblicazione ha anche un’altra particolarità risarcitoria che è stata conseguita attraverso l’omelia che mons. Danilo D’Angiolo fece il 25 aprile scorso durante la celebrazione Eucaristica in suffragio del sacrificio del Clero versiliese e diocesano ( ma anche lucchese e di Castello Tesino) nella chiesa pressoché deserta di San Rocco di Mulina di Stazzema: quella di aver impedito che nel 70° della Liberazione non ci fosse in Versilia un momento in cui fossero ricordati i religiosi uccisi della barbarie nazifascista. Per questi motivi Giuseppe Vezzoni è orgoglioso di aver scritto l’ennesimo libro sul 12 agosto 1944 e oltremodo riconoscente di aver trovato due estimatori che fin da subito hanno reso possibile la pubblicazione. Tuttavia l’autore resta in attesa delle risposte che ancora gli devono dare due Comuni della Versilia e ringrazia tutti gli altri per aver risposto, ma resta determinato a non disgiungere l’eventuale patrocinio da un contributo alla pubblicazione attraverso un acquisto libri.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Eventi di questo fine settimana

Da Ufficio Informazioni Turistiche di Seravezza,Beatrice Catarsi e Ilaria Leonardi, addì 4.12.2015

Buonasera, sperando di farvi cosa gradita vi inviamo in allegato le locandine sulla Festa della Montagna che si terrà a Pontestazzemese questo fine settimana. Tante le iniziative dedicate per lo più ai bambini, ma il programma prevede anche intrattenimento per i più grandi.

Inoltre aggiungiamo le informazioni inviateci da una guida alpina di nostra conoscenza e relative al 21° Presepe in Grotta che il Gruppo Speleologico Alpinistico della Valfreddana in collaborazione con Apuantrek, ha preparato. E’ uno tra i più bei Presepi ambientati a ingresso gratuito della provincia di Lucca e ogni anno viene visitato da migliaia di persone.

E’ dal 1994 che un piccolo gruppo di volontari dona il suo tempo libero per la realizzazione di questo particolare presepe, pensate che fino ad oggi sono state impiegate almeno OTTOMILIONI di ore di volontariato ( quasi 1 anno di vita ), che hanno contribuito a far conoscere il territorio del comune di Pescaglia a molte migliaia di persone. Inoltre da molti anni i paesi vicini hanno incominciato a fare i loro presepi pubblici, nelle corti, tra le case, nei giardini, creando addirittura dei percorsi, in questo modo nella zona di Pescaglia aleggia ovunque l’atmosfera del Santo Natale.

E’ aperto nei giorni festivi dal 6 Dicembre 2015 al 10 Gennaio 2016 dalle ore 10 alle ore 19. il 25 Dicembre e il 1° Gennaio siamo aperti nel pomeriggio, con orario 15-19. Tutti gli altri giorni feriali e prefestivi aperti su appuntamento per gruppi Tel. 3381399107 Stefano.

Alla Grotta si arriva tramite un sentiero nel bosco lungo 600 m. da percorrere in modo autonomo e tutto illuminato quando cala la notte, sarete accolti dai volontari del presepe all’ingresso della grotta e vi accompagneranno all’interno della cavità naturale lunga 40 m. Si potranno ammirare le concrezioni di calcite ancora vive, il laghetto naturale di acqua pura che fa da cornice alla Natività, tutta la grotta è sapientemente illuminata per esaltare le forme e porre in risalto i personaggi del presepe alti 45 cm.

Si può partecipare anche diventando volontario del Presepe per condividere assieme l’atmosfera Natalizia.

^^^^^^^^^^^^^^

I due Westermann in concerto nella Sala Tschaikowsky a Moskau.

Da Maren Westermann, addì 4.12.2015

Fino all`8 dicembre è ancora visibile nell`internet la registrazione dal vivo del concerto del 10 novembre 2015 tenuto nella Sala Tschaikowsky a Moskau. E`stata eseguita la messa di J.S. Bach con il coro russo “masters of choral singing” ed il Bachorchester Helmut Rilling sotto la direzione di Helmut Rilling. Alle prima tromba e al corno da caccia Max Westermann, alla seconda tromba per la prima volta in vita sua Horst Westermann.

ecco il link: meloman.ru

cliccare su “Eng”, poi watch and listen, poi videos, 10.11.2015, Johann Sebastian Bach the 330 anniversary. Buon divertimento!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...