Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1671 del 3 e 4 novembre 2015

Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1671 del 3 e 4 novembre 2015

Je suis Charlie

# No al facismo”

# Se togliendo i diritti agli operai si incentiva l’Occupazione, perché non togliere i diritti -privilegi ai politici italiani per incentivare la Democrazia?

# Non si può condannare la parola

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronacachenonce sarà anticipata da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE: il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole. E’ assicurato il diritto di replicare. Evitiamo le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc.. Precisato ciò, il blog liberacroanacachenonce non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

NON INVIEREMO PIU’ IL GIORNALIERO LINK DI LIBERA CRONACA,

IL GIORNALE CHE NON C’E’

COMUNICAZIONE:

A seguito dei ricorrenti disservizi di invio link che riscontriamo da settembre, dal numero 1670 di Libera Cronaca del 2 e 3 novembre 2015 cesserà questa operazione che sicuramente non agevolerà i contatti al blog ma che tuttavia eviterà, da ora in poi, di pensare che a causa della mancata ricezione del link il giornale che non c’è non sia uscito.

Da oggi, chiunque vorrà leggere ciò che sarà quotidianamente pubblicato su Libera Cronaca, non avrà altro che da scrivere su Google Giuseppe Vezzoni o liberacronacachenonce e subito dopo premere il tasto INVIO .

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

Quando il popolo di una nazione, di una regione e di un comune decidono di pendere da una sola lingua, prima o poi mal gliene incoglie.

Quando un popolo di una nazione, di una regione e di un comune è subalterno ai partiti, non è più un popolo ma una servitù.

G.V.

^^^^^^^^^^^^^^

Iniziano le manifestazioni per il Festival della Montagna.Invito Festival Montagna

Nel fine settimana convegni sulla sicurezza in montagna, mostre, presentazione di libri ed escursionilocandina Volumi (2)

Stazzema_ Prendono il via le manifestazioni del Comune di Stazzema per il Festival della Montagna, l’iniziativa voluta quest’anno dalla Regione Toscana in collaborazione con l’Uncem con lo scopo di valorizzare e promuovere costantemente durante l’anno le iniziative che si svolgono nei Comuni montani. Nei mesi scorsi la Regione ha raccolto idee e proposte dalle tante amministrazioni della montagna per realizzare una settimana di eventi e occasioni utili a creare offerte turistiche interessanti sia per il turismo di prossimità che per quello internazionale. Tutte le proposte territoriali confluiscono quindi nel progetto Festival della Montagna, un cartellone sempre aggiornato di eventi e iniziative nel rispetto dell’identità storico territoriale delle zone. Il programma del Comune di Stazzema è già avuto il suo battesimo lo scorso 24 ottobre con l’inaugurazione della Mostra La Forma nel Legno al Palazzo della Cultura in Cardoso che proseguirà sino al 22 novembre (apertura dal giovedì alla domenica dalle 16 alle 19), che mette in mostra le opere di sei artisti ed artigiani di Stazzema, con oggetti di uso quotidiano e vere e proprie opere d’arte. Venerdì 6 novembre alle ore 21,00 si prosegue con la lezione di sicurezza in montagna a cura della stazione del Soccorso Alpino di Querceta, con nozioni pratiche per vivere con serenità la propria passione per questi luoghi bellissimi a cura del presidente della Stazione, Michele Salvadorini e Alessio Tovani per l’Amministrazione di Stazzema. Contestualmente verrà inaugurata la mostra fotografica messa a disposizione dal Parco Alpi Apuane sui terrazzamenti sulle Alpi Apuane. Il giorno 7 novembre alle ore 17,00 presso il Palazzo della Cultura in Cardoso vi sarà la Presentazione dei volumi “Borghi paesi e valli delle Alpi Apuane. Volume I-IV” a cura di Guglielmo Bogazzi, Pietro Marchini. Il giorno 8 novembre al mattino si svolgerà l’escursione guidata in località Campanice – Arni con partenza alle ore 9,30 dal Ponte dei Merletti in località Tre Fiumi.

Per informazioni morabito.michele@comune.stazzema.lu.it 0584.775204 . Tutti gli eventi sono gratuiti. Hanno collaborato il Parco Alpi Apuane, l’Unione dei Comuni che hanno patrocinato la manifestazione e la stazione di Querceta del Soccorso Alpino

Il Comune di Stazzema ha predisposto un calendario che mira alla valorizzazione delle tante risorse ambientali e culturali che il territorio delle Apuane racchiude”, commentano l’Assessore alla Cultura Serena Vincenti ed il Consigliere Delegato all’Ambiente, Alessio Tovani, “mettendo insieme tutela dell’ambiente, memoria dei nostri luoghi con la presentazione di quattro volumi rivisti ed aggiornati sulla storia dei nostri Paesi e con la escursione a Campanice in un alpeggio storico di Stazzema, e infine, ma prioritaria, la conoscenza della montagna per gli escursionisti per una pratica sicura del trekking sulle nostre montagne perché la passione non diventi un rischio. Se vogliamo promuovere il territorio dobbiamo far conoscere i luoghi, ma anche creare un turismo consapevole dei rischi affinché si possa godere al meglio delle bellezze del territorio. Questo Festival della Montagna riassume tutti questi aspetti e speriamo di avere un buon riscontro di partecipazione”.

^^^^^^^^^^^^^^^^

Invito a partecipare alle iniziative del Festival della Montagna

Dall’assessore alla cultura Serena Vincenti, addì 3.11.2015

Stazzema_ Buonasera a tutti,con la presente vi invito alle manifestazioni in programma dal 6 all’ 8 Novembre per il Festival della Montagna. Tre giornate per offrire tre momenti di svago e conoscenza per gli appassionati della cultura della montagna. Un occasione per una lezione di sicurezza in montagna a cura della stazione del soccorso alpino di Querceta, per conoscere le pubblicazioni “Borghi paesi e valli della Alpi Apuane”, visitare la mostra la “Forma nel legno” e per finire, domenica mattina la possibilità di visitare, con guida, l’alpeggio di Campanice. In allegato il calendario delle iniziative. Un cardiale saluto

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Il consigliere Lorenzoni chede documentazione PEG e diffida l’Amministrazione a continuare ad evadere la richiesta presentata il 4 agosto scorso

Al Sindaco, All’Assessore al Bilancio, Al segretario Comunale p.c.: al Revisore dei Conti.

Oggetto: Richiesta PEG nuovo sollecito-DIFFIDA

Stazzema_ Sono trascorsi quasi tre mesi da quando richiedevo la copia del PEG e ricordo, ancora una volta, nel caso possa occorrere, che il bilancio di previsione è stato approvato il 29 luglio scorso, ma nonostante il tempo trascorso non è stata evasa la mia del 04 agosto 2015 e come sollecitata il 02 ottobre 2015, prot. 7900.

Pertanto rinnovo e utimativamente la mia richiesta e chiedo sia evasa con la massima urgenza, ricordando che il documento richiesto è necessario ed utile per lo svolgimento della mia attività di consigliere comunale. Inoltre, non sussistendo nessun motivo per il diniego all’acceso della documentazione richiesta, la presente vale come DIFFIDA a provvedere entro e non oltre 7 giorni dalla ricezione della presente.In attesa di una definitiva evasione urgente, si saluta

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

“Sicurezza Genera bellezza”

Il lavoro dei Consorzi di Bonifica Toscani nel PSRunnamed

Da Consorzio Bonifica Toscana Nord, addì 3.11.2015

Monsagrati_ Giovedì 5 novembre p.v. ore 15,30 presso la sala convegni dell’hotel La Gina – Monsagrati (Lu) il convegno“Sicurezza GENERA bellezza”- Il lavoro dei Consorzi di Bonifica Toscani nel PSR.

Saranno presenti tra gli altri, gli assessori regionali Federica Fratoni e Marco Remaschi e il direttore generale ANBI, Massimo Gargano. Dalle ore 10,30 visita agli interventi nella vicina Val Freddana (area colpita dagli eventi alluvionali 2014) realizzati con fondi PSR 2007/2013 dal Consorzio 1 Toscana Nord.

Informazioni, dettagli degli interventi e indicazioni stradali www.anbitoscana.it

^^^^^^^^^^^^^^^

Sulla sistemazione dell’Archivio Simi il candidato sindaco Tarabella si pronunci

Da Alba Tiberto Beluffi, addì 3.11.2015

Seravezza_ Nel seguire la campagna elettorale dell’aspirante sindaco di Seravezza Tarabella ho appreso che il candidato vorrebbe. in caso di elezione, privilegiare la cultura. La promettente puntualizzazione non è però stata accompagnata da nessun cenno all’Archivio Simi che, da me donato a Seravezza, perchè fosse esposto al Palazzo Mediceo, giace ancora negli scatoloni, forse negli scantinati del palazzo, da ben quattro anni, cioè dall’inizio del mandato di Ettore Neri, il quale aveva esordito con una premessa analoga. A dir la verità il sindaco uscente aveva accolto l’offerta dell’Archivio con promettente entusiasmo, facendomi ben sperare che il prezioso contenuto non fosse destinato a deteriorarsi nei meandri del Palazzo, patrimonio dell’umanità. Ora io chiedo formalmente che l’aspirante Sindaco si pronunci in modo esplicito anche su questo progetto che dovrebbe essere un doveroso omaggio all’Artista versiliese più importante fra Ottocento e Novecento, Artista a cui Stazzema dedica molte attenzioni, non ultime la ristrutturazione e l’apertura de “Lo Studio” e un Mostra internazionale a Bruxelles. Per rendersi conto dell’importanza dell’Archivio basta cliccare sul sito www. filadelfo simi. it. Concludo con la speranza che il futuro sindaco voglia accogliere le mie parole non come una rimostranza, ma come un invito a portare a termine un iter la cui conclusione lo onorerebbe. Con i miei auguri più sinceri

^^^^^^^^^^^^^^

Campana della Pace: su facebook si aprono le bocche prima di sentire rintocchi, ma sono state tappate.6 agosto 2006. Solo tre gatti partecipano all'evento,dopo an

Foto: 6 agosto 2006, la Campana arriva a Sant’Anna nell’indifferenza più assoluta.

Da Giuseppe Vezzoni, addì 3.11.2015

Stazzema_Il suono della Campana della Pace che udiremo il prossimo 25 Aprile non ha la licenza di dare via libera ad un indecoroso comportamento per far dimenticare ciò che avvenuto in questi 13 anni in cui si sono lasciati morire tanti superstiti senza far loro ascoltare quel tanto agognato rintocco della memoria dal luogo in cui sono conservati centinaia di corpi della barbarie nazifascista. Che la colpa sia data a questo o quello pur di non riconoscere la propria non ci sorprende affatto, come ce ne freghiamo anche di meno di incaponirci ad affibbiarla. Tuttavia la sostanza rimane: da 13 anni la Campana della Pace non suona il rintocco per il quale è stata realizzata. Un rintocco che non sentiranno più tanti superstiti, né l’artista che l’ha realizzata, Romano Cosci.

Ultimo a scomparire di questi sopravvissuti che si sono impegnati a realizzare il bronzo è stato Angiolo Berretti, l’anima della campana.

Ieri sera su facebook si è appreso che all’osteggiato superstite fu inviata una lettera anonima che riportava delle minacce. Tra la documentazione del superstite dovrebbe trovarsi anche un’altra lettera, questa crediamo firmata, inviata a un preside di una scuola della Versilia affinché non gli fossero elargite donazioni a favore della Campana. Dopo 13 anni sono fuori luogo ostentazioni e incensi vari. Meglio tacere, specialmente coloro che facevano politica dal 2002 in poi, e far rintoccare il prima possibile la Campana della Pace dall’Ossario di Sant’Anna di Stazzema. La storia non ammette furbaggini e scandisce il tempo della responsabilità. Su facebook la memoria ritorna a galla e mette in evidenza chi c’è sempre stato e chi no. Noi ribadiamo ciò che abbiamo scritto su facebook ieri sera: Angiolo Berretti quando è morto non è stato ricordato. Solo Giuseppe Vezzoni e Paolo Paoletti l’hanno fatto. Vezzoni non si mescolerà con chi oggi lo ricorda perché la giovane nipote Romina ha scritto al ministro Boschi e le ha detto che suo nonno era una voce fuori dal coro. Che suoni al più presto la campana … ma a bocche chiuse.

^^^^^^^^

Tornano i venerdi del pepenero

A cena con gli autori

Tra vino, arte e poesia

Da Lodovico Gierut, addì 2.11.2015

Pietrasanta_ Venerdì 6 novembre alle 20.15 è in programma la prima cena con gli autori dei “Venerdì del Pepenero”. Il ciclo di incontri, condotti da Demetrio Brandi, comprende quattro appuntamenti venerdi 6, 13, 27 novembre e venerdì 4 dicembre.

Venerdi 6 novembre alle 20.15 prima cena con gli autori dal titolo “Tra vino, arte e poesia”. I sommelier Leone Ramacciotti e Libero Musetti dibatteranno sulle qualità del vino novello. Sono appena 2 milioni le bottiglie italiane di vino novello prodotte quest’anno. Un trend estremamente negativo se si considera che appena dieci anni fa se ne producevano 18 milioni. E’ quanto emerge da un’indagine della Coldiretti alla vigilia del ‘debouchage’, la stappatura, stabilito da decreto del ministero delle politiche agricole anticipato rispetto al concorrente Beaujolais Nouveau francese. Ognuno potrà dare il suo contributo al dibattito e nell’occasione sarà servito dell’ottimo vino novello.adriana lazzini 1

Il buon vino si accompagna piacevolmente all’arte e alla poesia. La serata sarà arricchita dalla presenza della poetessa Adriana Lazzini con la silloge “La completa inutilità” (Lieto Colle). Le sue poesie sono un pendolo che passa e oltrepassa i lembi del certo e dell’incerto, la realtà degli opposti, il dentro e il fuori, il noi-nessuno.” (da una recensione sulla Rivista Leggere:Tutti ottobre 2015). Il mondo dell’arte è ben rappresentato dalla pittrice Clara Mallegni che presenterà alcune opere esposte al Pepenero. Ad introdurla il critico d’arte Lodovico Gierut.clara mallegni

Usando in molti casi la tecnica del collage” – scrive Gierut – “Clara Mallegni presenta delle opere eseguite di recente, legate a tematiche varie: cave di marmo della zona apuo-versiliese, fiori, spazi olivati, marine… in un insieme che vuol essere nel complesso un omaggio alla vita che va avanti, alla felicità espressiva come antidoto a certa eccessiva frettolosità dei nostri giorni, spesso pieni di confusione e di superficialità. La stessa scelta logistica, dove esiste un vero inno alla bellezza della natura, ha un ruolo non indifferente per i suoi fini creativi”.

Prenotazioni cena: Silvia e Gian Marco vi invitano a prenotare direttamente al ristorante Pepenero, piazza Crispi, Pietrasanta – tel. 0584 792877. Costo 25 euro a persona.

^^^^^^^^^^^^^^^^^

Pedalata di oggi: Mulina, Pietrasanta, Capezzano Monte, Capriglia, Pietrasanta, MulinaDSCN2581

Ci siamo dimenticati la digitale e pertanto abbiamo perso l’occasione di scattare interessanti foto durante il risalire degli oliveti che fasciano l’erta di Capezzano Monte, presso i quali ferveva il lavoro della raccolta delle olive. Mattinata con un sole velato ma con temperatura ideale per affrontare una salita assai significativa ma anche divertente per il paesaggio, la tortuosità, la strettezza delle curve e il cambio di pendenza.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1671 del 3 e 4 novembre 2015

  1. P. dal Torrione ha detto:

    Caro Vezzoni, vorrei spezzare una lancia, dopo la nota della prof. Tiberto Beluffi, a favore del candidato-sindaco Tarabella.
    Egli non è completamente da biasimare per la mancanza, senz’altro grave, di ogni riferimento ai Simi nei suoi discorsi.
    Infatti, egli non è in grado, almeno per ora, di fare alcun riferimento a fatti culturali o personaggi precisi e ben caratterizzati della nostra zona, in quanto, come la Signora forse già sa, ha svolto la sua attività politica interamente a Forte dei Marmi, cittadina della quale certo conosce ogni più riposta vicenda.
    Per parlare delle nostre contrade, invece, fino a quando coloro, che lo hanno prescelto per la competizione elettorale, non provvederanno ad erudirlo, non potrà che attenersi a quanto chiunque può leggere sui giornali o su altre sparse fonti, o darsi ad affermazioni tanto importanti quanto assai vaghe.
    Comunque, sembra che le doti positive nel candidato non manchino, come riconoscono i numerosi cittadini, che si servono della sua attività professionale – anche se la metà di loro ha già dichiarato che non lo voterà, appartenendo al campo politico avverso.
    Credo, però, che quella che più di tutte ha influenzato la scelta dei suoi compagni sia l’estrema disponibilità e cortesia, che lascia ben sperare nella possibilità di addivenire ad un accordo, tra cinque anni, per rendere possibile, sì, una ri-candidatura, ma non la sua.
    E questa opinione nasconde, forse, una possibile ragione del silenzio, lamentato dalla Professoressa.
    Ammetterà, Signora, che non è facile, avendo preso certi impegni con i propri compagni, mettersi subito dopo a puntare il dito proprio contro una delle mancanze di coloro, quale appunto l’aver negletto l’importante donazione dell’Archivio Simi, come lei ha ricordato.
    Ci devono volere doti diplomatiche ben spiccate, per farlo senza darne l’impressione a quanti si stanno impegnando, sia pure interessatamente, per l’elezione ad una carica importante come quella di Sindaco.
    E non è detto che il signor Tarabella non le abbia, lo vedremo nelle prossime settimane.

    Grazie e saluti
    P. dal Torrione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...