Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1669 del 30 e 31 ottobre 2015

Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1669 del 30 e 31 ottobre 2015

Je suis Charlie

# No al facismo”

# Se togliendo i diritti agli operai si incentiva l’Occupazione, perché non togliere i diritti -privilegi ai politici italiani per incentivare la Democrazia?

# Non si può condannare la parola

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronacachenonce sarà anticipata da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE: il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole. E’ assicurato il diritto di replicare. Evitiamo le offese, il turpiloquio, le ingiurie alla razza/sesso/religione e il ricorso al linguaggio che violi la legge italiana, istighi a delinquere, alla violenza, alla diffamazione, ecc.. Precisato ciò, il blog liberacroanacachenonce non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali commenti lesivi dei diritti di terzi.

Blogger Giuseppe Vezzoni

giuseppevezzoni@gmail.com

Ultim’ora Libera Cronaca del 31 ottobre e del 1 novembre 2015

DSCN2856

Blog liberacronacachenonce, mese di ottobre 2015

Da Giuseppe Vezzoni, addì 1.11.2015

Le visite complessive al Blog liberacronacache nel mese di ottobre 2015 sono state 6299 per una media giornaliera di 203. Continua la forte contrazione dei contatti in un mese durante il quale ci sono stati almeno quattro o cinque giorni in cui l’invio del link di Libera Cronaca è fallito per ragioni che non riusciamo a comprendere il motivo. Dal mese di settembre abbiamo iniziato a riscontrare questo disguido che si protrae per alcuni giorni e poi cessa.

Sicuramente il mancato invio del link accentua il decremento dei contatti ma ormai il blog è divenuto un vero e proprio organo di informazione e come tale continuerà a fornire il prezioso contributo finalizzato alla conoscenza ma soprattutto ad essere mezzo attraverso cui ognuno può esprimersi e divulgare le proprie idee.

^^^^^^^^^^^^^

Cena di HalloweenDSCN2840

Massimo e Giusy, Giovanni e Lia, Roberto e Roberta, Giuseppe e RossellaIMG-20151101-WA0004DSCN2846DSCN2844

Da Giuseppe Vezzoni, addì 1.11.2015

Ieri sera niente ballo ma cena conviviale tra quattro coppie che il sabato sera si ritrovano abitudinariamente al Versil Park per una pizza e qualche ballo. Ovviamente sono stati apprezzati i prodotti della norceria Barsanti, i tordelli della Rossella, la torta della Lia e lo champagne portato dalla Giusy, ma a stregare la serata è stata la sincera e calda convivialità che ha caratterizzato l’atmosfera di uno stare insieme che si è protratto oltre la mezzanotte e che è stato chiuso con un goccetto di Genepy La Vallèe.DSCN2853

Stamani abbiamo provveduto a correre ai ripari delle troppe calorie con una pedalata che da Mulina ci ha portati a Pruno, poi a Iacco, quindi al metato di Collepiano di Retignano, di nuovo Iacco e poi a Mulina.DSCN2865

^^^^^

NB: Per maggiore visibilità rinviamo a domani un articolo che ci ha mandato Pietro Conti in merito al convegno sugli Usi Civici che si è svolto sabato presso le Scuderie Medicee di Seravezza

^^^^^^^^^^^^^^^^^

Dalla vetta del monte Altissimo fin quasi al mare. Seravezza: un unico distretto culturale.

Da impostare e gestire con criteri imprenditoriali, in un’ottica di beneficio per i cittadini residenti, facendo ricorso a pratiche e strumenti adeguati alla realtà di oggi. Obiettivo: fare del distretto la prima e più potente leva di crescita del Comune di Seravezza, in tutti i settori.2015-10-30-21.30.30lo

Da Ufficio Stampa Lista Riccardo Tarabella Sindaco Stefano Roni,addì 31.10.2015

Seravezza_Nel terzo incontro con la popolazione, alla Pubblica Assistenza di Pozzi, ieri sera, dinanzi ad un folto pubblico (una sessantina i presenti), Riccardo Tarabella ha messo a fuoco ancor meglio i concetti alla base della sua visione strategica del territorio. Al centro della quale c’è il concetto di cultura, intesa non solo come insieme di beni immateriali – l’arte, i monumenti, il paesaggio –, ma come complesso delle attività socio-economiche e ricreative della comunità (le famiglie, le imprese, il commercio, l’educazione…). Cultura, quindi, come fattore reale di espansione, territorio come museo diffuso, radici culturali come “asset” di concreta valorizzazione del presente.

«Avrei gioco facile a presentarmi a voi promettendo soluzioni certe e rapide ai problemi quotidiani che ogni frazione del Comune inevitabilmente ha», ha detto Tarabella dinanzi alla platea di Pozzi «o cavalcando demagogicamente l’onda dell’insicurezza, dell’incertezza su temi caldi come il controllo del territorio o la viabilità, che pure esistono e vanno affrontati. Diffidate di chi prometterà facili soluzioni, perché niente è facile oggigiorno. Io garantisco che mi impegnerò al massimo e che affronterò con grande dedizione il mandato che mi vorrete affidare. E lo farò, appunto, inquadrando tutta la mia azione in questo concetto complessivo che ho del nostro territorio: patrimonio di luoghi, di tradizioni e di persone da valorizzare ancora».

Dal pubblico sono giunte alcune sottolineature sui problemi specifici che riguardano la popolosa frazione di Pozzi: la difficoltà e precarietà dei collegamenti viari con altre zone della piana; la necessità di migliorare il servizio pubblico di trasporto, vitale soprattutto per la mobilità degli anziani; una maggiore vigilanza sul traffico nel centro abitato; la necessità ormai inderogabile di un collegamento pedonale tra il parcheggio del terminal ferroviario con la stazione stessa e con il centro di Querceta.
Il prossimo incontro del candidato sindaco Riccardo Tarabella sarà con i cittadini delle frazioni montane. Data e luogo saranno resi noti a giorni.

^^^^^

Un invito da fare quando la Campana della Pace suonerà da Sant’Anna di Stazzema

Il Corriere della Versilia del 15 dicembre 2003 pubblicò un articolo di Giuseppe Vezzoni riportante la notizia che il superstite di Sant’Anna Angiolo Berretti aveva presentato all’allora prefetto di Lucca, dott. Francesco Paolo Tronca, la Campana della Memoria o della Pace che in quel periodo era esposta presso l’entrata principale del municipio di Viareggio. L’allora prefetto di Lucca, oggi prefetto di Milano, è stato nominato Commissario prefettizio del Comune di Roma.

Ecco il testo del Corriere della Versilia del 15.12.2003:

In occasione della recente visita che il prefetto di Lucca Tronca ha fatto al Comune di Viareggio, Angelo Berretti, superstite di Sant’Anna e uno dei membri fondatori dell’associazione “Nuova Sant’Anna”, ha avuto l’occasione, tramite il presidente del consiglio comunale Antonio Simonetti, di presentare al signor prefetto la “Campana della Memoria o della Pace” che è tuttora esposta davanti l’ingresso principale del municipio di Viareggio. Angelo Berretti, che perse due sorelle nella strage e vide le immagini dei corpi straziati dal fuoco sulla piazza della chiesa di Sant’Anna, ha raccontato al prefetto Francesco Paolo Tronca la tragedia, mettendolo a conoscenza della spesa occorsa per la realizzazione della campana, quanto è stato raccolto e la cifra che ancora rimane da pagare.

<< Il signor prefetto – dichiara Angelo Berretti – si è congratulato dell’opera e mi ha detto di invitarlo quando la campana sarà portata a Sant’Anna, che lui sarà presente >>.

La Campana della Memoria o della Pace sta per essere trasferita nel comune di Massarosa. Poi andrà a Camaiore e a Pontestazzemese, davanti al municipio di Stazzema. Dopo queste esposizioni, ricordando che il bronzo è già stato esposto a Pietrasanta, Forte dei Marmi, Querceta e Lido di Camaiore, la campana sarà portata a Sant’Anna di Stazzema.

^^^^^

NB: Ancora non si era a conoscenza che il corretto nome del superstite fosse Angiolo e non Angelo, nome con cui Berretti firmava i suoi testi e si faceva chiamare.

^^^^

I canti della Grande Guerra

Dal Circolo Fratelli Rosselli di Firenze,addì 31.10.2015

Scandicci_ Domenica 1 novembre ore 10.45 Sala Consiliare “Orazio Barbieri” del Comune di Scandicci

Coro Sociale di Grassina diretto da Ginko Yamada in collaborazione con il
Comitato Fiorentino per il Risorgimento
– Ingresso gratuito. Promosso da Centro dell’arte Vito Frazzi, Circolo Arci Le Bagnese, Conservatorio Statale di musica Luigi Cherubini di Firenze, Scandiccicultura. Comune di Scandicci

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Cala ancora la disoccupazione a settembre e si attesta all’ 11,8%

Cala la disoccupazione nel mese di settembre e il dato si attesta all’11,8%, soglia minima che non si toccava dal gennaio 2013. Anche la disoccupazione giovanile cala leggeremente dello 0,2% rispetto ad agosto e si porta a 40,5% l’Istat comunica che calano anche gli occupati e cresce il numero degli inattivi. Nei paesi Ue la disoccupazione è scesa al 9,3% mentre in Europa al 10,8%.

Ci frulla questa mezza idea: se il bonus assunzioni e conseguente la legge del Jobs Act fossero più convenienti ad assumere manodopera che a ricorrere allo straordinario in una fase economica di recupero del perduto ma ancora lontana dalla crescita che servirebbe, quando il bonus cesserà di essere erogato a chi assume cosa accadrà?

A settembre l’inflazione è cresciuta del + 0,2% e del + 0,3% rispetto a settembre 2014.

Ventisei consiglieri romani dimissionari, scaricano il sindaco Marino, la sua Giunta ma anche la democrazia, che svanisce sempre più

I 26 consiglieri dimissionari: 19 consiglieri dem, 1 del Centro democratico, 1 della Lista Civica , 2 “fittiani”, 2 della Lista Marchini e 1 di Ncd

Fabrizio Panecaldo, Valeria Baglio, Erica Battaglia, Orlando Corsetti, Athos De Luca, Michela Di Biase, Cecilia Fannunza, Alfredo Ferrari, Valentina Grippo, Liliana Mannocchi, Dario Nanni, Marco Palumbo, Giovanni Paris, Laura Pastore, Ilaria Piccolo, Maurizio Policastro, Antonio Stampete, Giulia Tempesta, Daniela Tiburzi, Daniele Parrucci, Svetlana Celli, Alfio Marchini, Allessandro Onorato, Ignazio Cozzoli, Francesca Barbato, Roberto Cantiani.

Sfiduciare il sindaco Marino con i voti dellle opposizioni era un passaggio improponibile  per il Pd, ma disarciornarlo con esse senza passare dal Campidoglio si poteva fare. Ma  con questa  scelta non si è disarcionato solo Marino ma anche i cittadini che l’hanno eletto insieme ai disarcionanti. I cittadini avevano il diritto di sapere,  attraverso l’Aula, perché veniva annullato il loro voto e conoscere  dove i disarcionanti erano stati finora, nonostante Mafia Capitale ed altre perle che il sindaco Marino aveva improvvidamente pescato per autolesionarsi. ( Giuseppe Vezzoni,addì 30.10.2015)

Nominato Francesco Paolo Tronca  commissario del Comune di Roma

L’11 agosto 2004 in qualità di Prefetto di Lucca, il dott. Francesco Paolo Tronca presenziò alla 14esima commemorazione del 60esimo anniversario della strage di Mulina di Stazzema.

Da facebook di stamani, 30.10.2015

Riccardo Vezzoni: Giuseppe, io in tutto questo vedo l’ambizione di Renzi non eletto ) di rifondare la vecchia DC insieme a Franceschini e l’assurdo è che questo non eletto vuole fare andare a casa un eletto. Non penso sia democrazia, ma un rispolverare vecchi metodi di applicare la politica secondo concetti e filosofie dittatoriali. Forse la stessa Costituzione, prima di riformarla, dovrebbe essere applicata e studiata, cosa che, è dimostrato, molti di questi parlamentari non sanno neanche di cosa tratta nei suoi articoli. L’ignoranza di questi politici, facilita i colpi di mano a cui abbiamo assistito in questi due anni compreso il servile baciamano alt totem berlusconiano. Ormai è evidente lo scopo definitivo di questo governo, cioè l’emarginazione della sinistra e la rinascita di una amministrazione centrista ma con lo sguardo a destra. Per provare ciò, basta esaminare l’ipocrisia con cui ci vogliono far credere che i posti di lavoro sono aumentati, costa che dati statistici asettici smentiscono e che invece confermano l’aumento della precarietà. Ed il tutto è provocato da chi? Semplice, da un Presidente del Consiglio non eletto e da un Parlamento che la Consulta ha dichiarato INCOSTITUZIONALE. Ciao cugino.

Giuseppe Vezzoni: Riccardo, questo sta avvenendo sotto gli occhi dei presidenti della Repubblica, i garanti della Costituzione ma che hanno promulgato leggi poi bocciate dalla Corte Costituzionale e dalla Corte di Giustizia Europea. Il presidente Mattarella dovrebbe impedire che con le dimissioni di massa si possa evitare il passaggio nell’aula del Campidoglio e togliere così ai cittadini il diritto di conoscere perché si sfiducia il sindaco della Capitale d’Italia da loro eletto.

Riccardo Vezzoni : La penso anche io così. Ciao.

^^^^^

NB: Sappiamo che esiste la norma che a seguito dellle dimissioni della metà più uno dei consiglieri di un’assemblea civica decadono sia il Sindaco che la Giunta e che la normativa non può essere superata, tuttavia un richiamo a non servirsene avrebbe fatto molto bene a quel poco di trasparenza democratica che rimane.

^^^^^^^^^^^^^^

Convenzione associata servizio Polizia Urbana tra i Comuni di Pietrasanta, Seravezza e Stazzema

Stazzema_ Nell’ultimo Consiglio comunale un punto all’ordine del giorno prevedeva l’allargamento al Comune di Pietrasanta per la gestione associata del servizio di Polizia Urbana. Sicuramente sarà stato approvato.

Ben venga questo allargamento della gestione associata atto a risparmiare i costi sul servizio ma soprattutto per consentire un maggior controllo del territorio di Stazzema. Ma questa scelta deve portare a risultati concreti e non essere fine a se stessa, giustificata solo da qualche servizio di dissuasione e nulla più. La maggiore presenza dei vigili sul territorio stazzemese che la mansione associata dovrebbe determinare deve contrastare l’inquinamento da marmettola che spesso si ripete nel canale di Ruosina e l’inquinamento acustico, l’abbandono abusivo dei rifiuti ingombranti, la disseminazioni nel territorio di discariche di materiali edili, l’utilizzo reiterato e continuato di aree pubbliche da parte di privati anche in presenza di cartelli di divieto, il parcheggio selvaggio lungo le vie, l’occupazione dei marciapiedi da parte delle auto, il rispetto del limite di velocità, il diritto alla quiete pubblica e alle ore di riposo senza rumori, l’abusivismo edilizio, la segnalazione all’amministrazione dello stato delle vie e della segnaletica verticale e orizzontale laddove si riscontrino pericolosità e carenze. Se la mansione associata del servizio di Polizia Urbana lascerà invece ancora le cose come stanno, allora potremmo definire questa operazioneasolo come un semplice espediente di maquillage amministrativo, che alla fin fine non modificherà di molto la situazione in essere a Stazzema, dove all’interno dei borghi è facile riscontrare il mancato uso del casco e che forse tanti mezzi che circolano dentro il perimetro paesano non potrebbero essere in regola con l’assicurazione, i bolli e le revisioni.

^^^^^^^

Deceduta Stefania Franchi, molto impegnata nel mondo associazionistico di Quercetafoto Stefania Franchi301015

Da Roberto Roni, presidente della Croce Bianca di Querceta, addì 30.10.2015

Querceta di Seravezza – Grave lutto della comunità quercetana: è deceduta oggi, all’ospedale Versilia, Stefania Franchi, di 65 anni, molto conosciuta per il suo impegno nelle associazioni e per essere stata a lungo titolare di un negozio nel centro del paese. Lascia il figlio Nicola Rossi e l’anziana madre Lida Sacchelli.

Stefania ha dovuto cedere ad un male incurabile dopo aver lottato, per oltre cinque anni e con grande forza d’animo. Il suo temperamento le aveva consentito di superare altri avvenimenti difficili, primo fra tutti la perdita del marito Giovanni Rossi, noto commerciante del settore alimentare, perito tragicamente per incidente stradale, nel 1986, in motocicletta, nella periferia di Bologna. Stefania, rimasta vedova e con il figlio Nicola, proseguì l’attività commerciale guadagnandosi la simpatia e la fiducia di quanti la conoscevano. Recentemente aveva perduto il padre Zilio Franchi, personaggio noto a Querceta per essere stato uno dei promotori del monumento ai caduti.
Stefania era una persona molto sensibile, dal carattere estroverso e per questo godeva di tante amicizie. Che lei ricambiava interessandosi delle associazioni, in particolare della contrada La Quercia, del comitato del San Giuseppe e soprattutto della Croce Bianca nella quale ha ricoperto per sei anni, dal 1999 al 2005, l’incarico di consigliere.
Domani, sabato 31 ottobre, alle ore 10,00 la salma di Stefania sarà accolta nella sala del commiato della Croce Bianca dove resterà fino al pomeriggio di domenica. Le esequie si svolgeranno nella chiesa di Santa Maria Lauretana, alle ore 15,30.

^^^^^^^^^^^^^^^

2 novembre 2015

Commemorazione dei defuntiInvito messa 2 novembre

Gentili redazioni, in allegato una nota per ricordare la Santa Messa a suffragio di tutti i defunti e dei martiri della strage di Sant’Anna di Stazzema che sarà officiata da Don Marco Marchetti lunedì 2 novembre alle ore 11:00 nella chiesa di Sant’Anna. Ringraziando per la collaborazione porgiamo cordiali saluti

Dal Parco Nazionale della Pace Museo Storico della Resistenza Sant’Anna di Stazzema Museo di Sant’Anna,addì 30.10.2015

Sant’Anna di Stazzema– Lunedì 2 novembre, giorno della commemorazione dei defunti, sarà officiata la Santa Messa nella chiesa di Sant’Anna di Stazzema da Don Marco Marchetti, in suffragio dei martiri della strage e di tutti i defunti. A seguire, sarà deposto un mazzo di fiori presso il Monumento Ossario.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Domani Congresso Regionale dei Club Alcologici Terriotoriali della Toscana

Da Arcat Toscana,addì 30.10.2015

Massa_Le cronache degli ultimi mesi ci raccontano di tragedie legate a povera gente che scappa da zone di guerra, e ci fanno riflettere sul significato delle parole “accoglienza, amore, condivisione” e che spesso ritroviamo in altre tragedie locali, spesso consumate nel sabato sera, e causate da persone alterate da alcol e droghe.

Il titolo di una famosa canzone di Ligabue “Metti in circolo il tuo amore“, ha dato spunto alle famiglie dei Club Alcologici Terriotoriali dell’ ARCAT Toscana, di ritrovarsi sabato prossimo 31 Ottobre a Massa dalle ore 9,30 presso la sala Consiliare del Comune, per un Congresso Regionale in cui riflettere sull’importanza dell’ accoglienza e sulla ricchezza di essere diversi in questo momento storico, in cui ognuno di noi è portato a pensare a se stesso ed ad essere spaventato dalla diversità.

Sarà anche un’occasione per i Club e le loro famiglie di confrontarsi su cosa è stato fatto fino ad ora e su cosa vorremmo fare in futuro, confrontandosi anche con le Istituzioni e la Comunità tutta, essendo necessaria una vera collaborazione fra tutte le componenti della società, per un vero cambiamento dei ns stili di vita, più sani.

L’ ARCAT TOSCANA è l’Associazione Regionale dei Club Alcologici Territoriali (CAT),coordina a livello regionale il lavoro delle Associazioni locali (ACAT) e soprattutto dei circa 100 Club,  al fine di contribuire alla protezione e alla promozione della salute di tutta la popolazione, e non solo quindi delle quasi 600 famiglie che frequentano settimanalmente i Club per problemi alcol-correlati.

I Club sono comunità multifamiliari di 10-12 famiglie, che si incontrano ogni settimana per un’ora e mezza per condividere i problemi legati all’uso di alcol e perseguire un cambiamento di stile di vita.

Lavorano secondo l’approccio familiare perchè tutti i membri della famiglia soffrono a causa dell’alcol e tutti possono fare qualcosa per stare meglio. Nel Club la famiglia, oltre a portare i suoi problemi, trova anche le risorse per il cambiamento, nel segno dell’ accoglienza, della solidarietà, del rispetto, della corresponsabilità e soprattutto del non giudicare.

Al Congresso che proseguirà anche nel pomeriggio, è invitata tutta la cittadinanza, per meglio essere informati e comprendere certe dinamiche, con cui spesso purtroppo ci confrontiamo nella vita quotidiana. (Il Presidente ARCAT Pier Franco Severi

^^^^^^^^^^^^^^

Domenica 1 novembre due visite guidate per la mostra di Mario Puccini al Palazzo Mediceo di Seravezza.0014

L’esposizione chiuderà i battenti il 2 novembre con oltre 7000 visitatori20151004_111510

Da Ufficio stampa ILogo Fabrizio Lucarini 30 ottobre 2015

Seravezza_ Ultimo week end per ammirare la mostra “Mario Puccini. La passione del colore da Fattori al Novecento” che chiuderà i battenti lunedì 2 novembre nelle sale del Palazzo Mediceo di Seravezza (Lu) e che fino adesso ha registrato un grande successo di pubblico con oltre 7000 visitatori. Domenica 1 novembre sono previste due visite guidate organizzate dalla Fondazione Terre Medicee insieme a Galatea Versilia. Alle ore 15.30 è prevista una visita guidata al prezzo speciale di 10 euro a persona. Alle 17 invece visita guidata a misura di famiglia, invitati genitori e soprattutto i bambini. Mario Puccini “in persona” ( impersonato da un attore), accompagnerà i visitatori nelle sale del piano nobile e spiegherà la sua pittura ricordando com’era Seravezza durante la sua permanenza nel 1914. A fine visita i bambini dipingeranno un quadro aiutati dai suggerimenti del maestro in un laboratorio didattico organizzato per l’occasione. Il costo per gli adulti è di 4 euro e ingresso gratuito per i bambini fino ai 13 anni. Per tutte e due le visite guidate è necessaria la prenotazione chiamando i numeri: 339.8806229 – 349.1803349, oppure chiamando l’ufficio informazioni della Fondazione Terre Medicee tel. 0584.757443. La mostra “Mario Puccini. La passione del colore da Fattori al Novecento”, curata da Nadia Marchioni ed Elisabetta Palminteri, getta una nuova luce su un artista rimasto incredibilmente assente dal circuito espositivo da quasi mezzo secolo, Mario Puccini (Livorno 1869 – Firenze 1920), riunendo per la prima volta oltre 70 sue opere nel contesto artistico tra fine Ottocento e Novecento. Un artista, che dopo un inizio legato alla pittura dell’Ottocento, e dopo un periodo travagliato della sua vita con la reclusione in manicomio per 4 anni, si mise in luce con uno stile completamente rinnovato, caratterizzato da un emozionale impiego del colore in funzione costruttiva dell’immagine, perfettamente in linea con le più moderne espressioni dell’arte italiana ed europea. La mostra è promossa e organizzata dalla Fondazione Terre Medicee, Comune di Seravezza con la collaborazione con l’Istituto Matteucci di Viareggio, e sostenuta da sponsor privati. Il catalogo è edito da Maschietto Editore, Firenze, 176 pagine, costo 25 euro.

Sarà aperta fino al 2 novembre dal giovedì al sabato dalle ore 15 alle 20, domenica dalle 10.30 alle ore 20.

Costo del biglietto 6 euro intero, 4 ridotto. Informazioni: Fondazione Terre Medicee tel. 0584.757443, sito web:www.palazzomediceo.it e e-mail: info@palazzomediceo.it

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...