Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1609 del 4 e 5 agosto 2015

Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi 1609 del 4 e 5 agosto 2015

# Je suis Charlie

# No al facismo”

# Se togliendo i diritti agli operai si incentiva l’Occupazione, perché non togliere i diritti -privilegi ai politici italiani per incentivare la Democrazia?

Dal numero 1536 qualunque e-mail pubblicata sul blog liberacronacachenonce sarà anticipata da nome, cognome del soggetto che l’ha inviata e da questa SPECIFICAZIONE: il blog non si assume nessuna responsabilità in ordine alla veridicità delle comunicazioni. Ciò non ci esime eventualmente dall’ intervenire su quanto riteniamo pregiudizievole. E’ assicurato il diritto di replicare.

Blogger Giuseppe Vezzoni

Non ce la fai a pagare i tributi locali: l’IMU, la TASI, la TARI? Ok! Fai lavori per il Comune!

Da Massimo Tarabella. addì 2.8. 2015

E’ una delle novità contenute in una norma (art 24 della legge 164/2014) del Decreto Sblocca Italia, a cui molti Comuni, piccoli e grandi si stanno interessando.

In pratica l’Amministrazione dà la possibilità a gruppi di cittadini che partecipano a progetti di pubblica utilità sociale per il proprio Comune, di pagare (o avere sconti) sui tributi locali con il proprio lavoro. L’idea è vecchia come il cucco, ma efficace, e si sta diffondendo in molte realtà: si tratta in fondo del pagamento in natura di un debito, nel caso di specie del tipo tributario; cedendo, anzi “barattando” manodopera.

Massarosa è stato il primo comune d’Italia a recepire questa novità. A gennaio ha adottato un bando offrendo uno sconto del 50 per cento sulla tassa dei rifiuti (TARI) in cambio del taglio dell’erba in certe aiuole, l’imbiancatura di alcune aule della scuola, in lavori di falegnameria e manutenzione dei cigli delle strade. Adesso sulla scorta di quell’esperienza positiva molti comuni lo stanno interpellando chiedendogli copia del regolamento attuativo.

In sintonia col tema anche Borgo a Mozzano che ha già attivato dieci progetti, e Carrara in procinto di farli, per dare uno sguardo nei paraggi.

I benefici di questa novità possono esser molteplici. Pensiamo ad esempio a chi è in difficoltà a far quadrare i conti (ad es. con IMU o TASI o per il pagamento del suolo pubblico). Il cittadino potrebbe, rendendosi utile alla comunità locale, pagare i suoi debiti con il Comune sistemando le aree verdi, potare alberi, recuperare aree e beni pubblici inutilizzati, insomma impegnandosi con lavori di manutenzione partecipata, o con qualsiasi altra attività utile al paese. Pensiamo ai disoccupati, o alle fasce più deboli, che in tal modo potrebbero pagare le tasse col proprio lavoro senza toccare i propri risparmi; o che potrebbero evitare il pignoramento del frigorifero o del divano in conseguenza dell’esecuzione coattiva delle cartelle di pagamento. Ma pensiamo anche ai benefici che avrebbero le Amministrazioni: col lavoro ricevuto in pagamento dai cittadini, i Comuni “incasserebbero” i tributi che diversamente non riscuoterebbero; o al beneficio derivante da una minor evasione fiscale. Ed al risparmio nei lavori di pubblica utilità, per i quali diversamente l’Amministrazione pagherebbe a terzi.

L’applicazione della formula “lavoro contro tasse”, potrebbe estendersi col tempo anche ai tributi nazionali, e creare tante altre casistiche. Ad es. per i Comuni montani (Stazzema e Seravezza) si potrebbero fare sconti Irpef in cambio della riqualificazione di terreni abbandonati in montagna o in campagna, oppure all’abbattimento dell’Imu agricola per chi non ne è esente.

Ovviamente i progetti devono essere ben individuati e regolamentati con norme d’attuazione; ed a livello operativo prevedere adeguata formazione lavoro. Garantire un equilibrio tra prestazione lavoro e controprestazione (debito): fare tante ore lavoro in cambio di un bonus tasse esiguo, sarebbe ingiusto quanto ricevere un azzeramento delle tasse in cambio di uno scarso impegno. I progetti di “baratto-lavoro in conto tasse” inoltre non devono “rubare” il lavoro agli operatori già impegnati nel settore. Quindi esistere nei settori carenti di organico e manodopera, e/o comunque a supporto di servizi pubblici. Detto ciò tuttavia è innegabile l’utilità e la capacità d’affrancazione di questo modo di pagare i tributi. La necessità, in tempi di crisi, di ritrovare flessibilità, modi, sistemi ed alternative di soddisfazione nello scambio economico è tale quanto nell’adempimento delle sue obbligazioni. La storia economica ci dimostra che il mercato fa di necessità virtù: “dove non arriva il portafoglio arrivano le braccia e la donazione del proprio tempo”.Per cui quest’idea la ritengo valida: sia per ripianare i buchi finanziari dei Comuni che dei Cittadini; sia come sprone contro le storiche inefficienze dei servizi locali. Con ciò ne faccio una proposta d’interessamento e riflessione all’Amministrazioni di Seravezza.

Levigliani Wine Art – Festival dell’arte e del vino nella Versilia storica Levigliani di Stazzema (Lucca) 8 e 9 Agosto 2014

Depliant con programma parte verticale low

2 pagine dal libretto Wine Art

Dall’Urp Comune di Stazzema: su richiesta dell’Unione Sportiva Levigliani si invia comunicato Wine Art Festival 2015 e programma. Addì 4.8.2015.

Stazzema_ Dopo l’ottimo successo di pubblico riscontrato nella 2° edizione, torna sabato 8 e domenica 9 agosto, “Levigliani Wine Art – Festival dell’Arte e del Vino nella Versilia Storica”. Un evento unico che ha saputo abbinare l’arte e la cultura con le eccellenze enogastronomiche locali e nazionali, coniugando la tradizione al futuro delle nuove generazioni. Ma ancora di più, quello che colpisce nel Wine Art di Levigliani è l’idea che un altro mondo sia possibile. Un mondo dove si tenta di far conoscere il territorio vivendolo però realmente ogni giorno, in tutte le sue sfaccettature. Dove permane ancora il desiderio di costruire insieme qualcosa per se e per gli altri. Dove la mutualità, il cooperativismo e la partecipazione rappresentano ancora, come 100 anni fa, lo spirito indispensabile ed alla lunga vincente; che si parli di marmo, di turismo, di eventi e attività che qui da sempre convivono e crescono insieme. Ogni mezzora nell’arco della due giorni si susseguiranno eventi di musica, laboratori per bambini, spettacoli circensi, spettacoli acrobatici, esibizioni di Zumba, mangiatori di fuoco. Dalla piazza principale del paese, dopo essersi muniti di un bicchiere da degustazione e dell’apposito sacchetto da portare al collo, varcando un portale d’ingresso si accederà al borgo storico, dove un percorso di fiaccole, candele e suggestivi giochi di ombre e luci condurrà i visitatori alla scoperta delle migliori produzioni vinicole locali e nazionali, tra acrobati e funamboli, strumentisti e trampolieri. Sarà quindi possibile degustare una selezione di oltre 40 tipi di vino di 20 diverse aziende vinicole, 11 punti di ristoro, due mostre d’arte una collettiva d’arte dell’Officina Artistica e la mostra internazionale che si svolge in contemporanea su tutto il territorio di Stazzema “Colori della pace” con l’esposizione nella ex Villa Simi di oltre 300 disegni di bambini da 4 a 10 anni provenienti dal Giappone sul tema della pace. Ci saranno inoltre, 4 birrifici artigianali che racconteranno l’antico mestiere di fabbricare la birra. Si andrà avanti fino a tarda sera con gli eventi clou di sabato 8 alle ore 23,30 con la Big Band e il gran finale di domenica 9 agosto con lo spettacolo pirotecnico alle ore 24,00.

Si allega il programma

Per informazioni: facebook.com/ Levigliani WineArt Festival – 328.9689495/340.7050482/329.1185088

Vele d’epoca che passione: torna in Versilia la Nimbus Vintage Cup

Da Stefano Roni,addì 3.8.2015DSC_0221lo

Pietrasanta_ Sono i Flying Junior in legno la novità dell’edizione numero tre della NIMBUS VINTAGE CUP, regata velica per imbarcazioni d’antan che si svolge sabato 8 agosto nelle acque di Fiumetto e Forte dei Marmi. I legni classe FJ si aggiungono dunque ai Flying Dutchman (costruiti rigorosamente prima del 1987) e alle nobili imbarcazioni classe “A” e “U” che hanno animato le prime due edizioni della regata, per un evento che si annuncia ancor più ricco, spettacolare e divertente. Attese al via una quindicina di splendide derive d’epoca, alcune delle quali restaurate e tirate a lucido per l’occasione, a conferma del positivo trend di riscoperta della vela vintage in Versilia.

L’evento è organizzato da Nimbus Surfing Club in collaborazione con Club Velico Marina di Pietrasanta e patrocinio del comitato regionale CONI, della provincia di Lucca e dei comuni di Pietrasanta e Forte dei Marmi. Sabato, a partire dalle ore 11, le imbarcazioni saranno esposte sulla spiaggia del Nimbus, a Fiumetto, occasione perfetta per apprezzarne da vicino le splendide linee e i dettagli durante le fasi di armamento da parte degli equipaggi. Alle 13,30 il via alla prima prova, seguita nel pomeriggio dalla seconda e ultima. La cerimonia di premiazione si terrà alle 19 per lasciar poi spazio alla tradizionale grigliata in spiaggia per equipaggi, organizzatori, aiutanti ed ospiti, sorta di conviviale “terzo tempo” dedicato alle impressioni e ai commenti del dopo regata.

«Abbiamo numerose conferme ed alcune novità», annuncia l’organizzatore Fabrizio Rovai. «Tra queste la partecipazione di “Dedy”, classe U appena uscita da un lungo e accuratissimo restauro. Fa piacere constatare come la Nimbus Vintage Cup in questi primi tre anni di vita abbia stimolato gli armatori a riportare a nuova vita tante derive classiche».

Filippo Ceragioli, presidente Nimbus, aggiunge: «Le vele d’epoca, con il loro fascino senza tempo, sono perfette testimoni di quanto elegante e ricca sia la tradizione velica della Versilia. Il nostro club è felice di portare un contributo per la riscoperta e il rilancio di questa tradizione, con un lavoro a trecentosessanta gradi, dalle regate vintage alle gare con i catamarani, dalle attività con surf e windsurf alla promozione della vela tra i giovanissimi».

Grandi protagoniste della Nimbus Vintage Cup saranno ancora una volta le derive classe “A” e “U”, molto in voga fra gli anni Trenta e Quaranta ed oggi simbolo di un certo modo old style di vivere la vacanza e il mare. Barche snelle, divertenti, amate, vezzeggiate, tenute in grandissima considerazione dai proprietari di oggi così come da quelli di un tempo. I nomi delle più celebri: Allah Ben Hur di Gianni Agnelli, Lucidalba del conte Silvio Piccolomini, Sasà II della principessa Anna Corsini, Bona degli Orlando, Alcione dei Giorgini… Splendidi e filanti legni che per lunghe stagioni solcarono il mare della Versilia, ne caratterizzarono lo scenario estivo, ne scrissero pagine indimenticabili di fascino e di stile e che oggi stanno lentamente tornando in auge.

Per informazioni e iscrizioni alla Nimbus Vintage Cup: 335 8241967, nimbusclub@gmail.com

Foto allegata: una fase dell’edizione 2014 della Nimbus Vintage Cup (foto: ©MicheleChiroli)

SCATIZZI DE PRÀ & PARTNERS

Stefano Roni, Ufficio Stampa

+39 335 7720573 | +39 02 20509250 | info@scatizzidepra.it

Seravezza, domani nuovo appuntamento dell’Aperitivo Mediceo dedicato ai pomodori e ai sigari italianipalazzo mediceo 2

Da Fabrizio Lucarini addetto stampa ILogo,addì 4.8.2015

Seravezza_ Il canestrino di Lucca, il beef, il black sun, il pomodoro patata… e molte altre qualità del frutto importato dall’America saranno i protagonisti del nuovo appuntamento dell’Aperitivo Mediceo in programma domani 5 agosto alle ore 18.30 nel giardino del Palazzo Mediceo, Patrimonio Mondiale Unesco, viale L. Amadei 230, a Seravezza in Versilia (Lu). Una serie di incontri dedicati al cibo ideati e condotti da Fabrizio Diolaiuti e con piatti tipici cucinati da grandi chef. Ma oltre al pomodoro domani, grande novità di questa quinta edizione, è prevista anche la degustazione gratuita non solo dei piatti, ma anche di sigari italiani con in testa il mitico sigaro toscano, riservata ai maggiori di 18 anni. Tornando al cibo, le diverse qualità di pomodori, forniti da Maurizio Pacini titolare dell’azienda “Ortofruttifero” Arena Metato Pisa, saranno illustrate dall’agronoma Lucia Poletti. Due gli chef di turno: Eno Bongiorni e Fulvia Pellegrini del ristorante Ulisse di Seravezza coordinati dal vulcanico Mario Fiori. Ma gli ospiti di Fabrizio Diolaiuti non finiscono qui. Da Lucca arriverà Lido Vannucchi (Food Photography) per parlare di come si fotografa correttamente un piatto al ristorante. Dalla Versilia Marco Bernardini, scrittore e giornalista, parlerà del disordine alimentare tipico della categoria dei giornalisti, soprattutto quella degli inviati e di chi è costretto a fare lunghe trasferte. Come sempre all’aperitivo prenderà parte il naturopata Marco Pardini, con le sue erbe e le leggende legate al popolo Ligure-Apuano. Il tutto sarà condito dalla musica di Dino Mancino. In caso di maltempo l’incontro si terrà alle Scuderie Medicee (davanti al Palazzo). Oltre alla degustazione l’Aperitivo Mediceo rappresenta l’occasione per visitare la grande mostra “Mario Puccini. La passione del colore da Fattori al Novecento”, esposta nelle sale del Palazzo Mediceo dalle 17 alle 23. Per essere sempre aggiornati sui nostri eventi, Vi invitiamo ad iscrivervi alla newsletter: http://www.terremedicee.it Per informazioni 0584 757443 oppure 0584 982279 oppure 348 3318870

Le “Visioni” di Antonio Giovanni Mellone a Pietrasanta

Invito a personale di A.G.Mellone a Pietrasanta

Da Luca Gnizio, addì 3.8.2015

Pietrasanta_ Alla Galleria Intrecciarte, della cittadina lucchese, dal 16 al 31 agosto p.v., verrà esposta una miscellanea delle opere del giornalista e pittore: non solo dame e cavalieri, ma donne contemporanee, scorci onirici e di vita visti con gli occhi dell’artista. Inaugurazione, domenica 16 agosto alle ore 19.

Dall’Umbria alla Toscana, dai miti del medioevo alle percezioni reali e non, impresse sulla tela con i colori acrilici: Antonio Giovanni Mellone, dopo l’importante esperienza espositiva a Palazzo del Bargello di Gubbio, affida i suoi ultimi lavori alla Galleria Intrecciarte (www.intrecciarte.it) a Pietrasanta (Lucca), in via Barsanti 50. Dal 16 al 31 agosto (con apertura della mostra dalle ore 18 alle 24), l’autore, nello spazio a disposizione, delinea la sua evoluzione artistica nella personale “Visioni”, che verrà inaugurata domenica 16 agosto, alle ore 19.

La mostra, che segue a stretto giro quella di Gubbio, è stata fortemente voluta e organizzata da Luca Gnizio, eco-designer e uno dei fondatori di Intrecciarte: «La nostra Galleria, che è sede dell’omonima Associazione Culturale, è nata con lo scopo di dare visibilità a tutte le possibili espressioni creative ed è recettiva verso nuove frontiere dell’arte. In questo contesto, non potevamo non ospitare i quadri di ultima realizzazione di Antonio Giovanni Mellone, che raccontano un lungo, tormentato ed esaltante percorso pittorico».

Dal punto di vista critico, il responsabile della galleria dice dell’artista: «La forza di Mellone si esprime nelle pulite geometrie che racchiudono la storia anche più intricata su definiti piani concentrici; sta alla sensibilità dell’osservatore scoprire e decidere quanto voler leggere l’intera scala pittorica. Interessante constatare come negli anni stia avvenendo una trasformazione, dalla geometria spigolosa ad una forma sempre più morbida e lineare: sono curioso di scoprire dove lo porterà la sua continua ricerca dell’essenzialità».

A Pietrasanta, Antonio Giovanni Mellone, conosciuto soprattutto per i suoi cavalieri, rivelerà un diverso lato artistico, che però coltiva da anni, come spiega lui stesso: «Per la prima volta, esporrò anche quadri che non si basano sul soggetto umano; mi riferisco alle nature morte di carattere astratto-espressionista che dipingo da tempo e che ho sempre tenuto per me. Ma “Visioni” comprende anche figure, in particolare femminili dal momento che ho sempre apprezzato le donne per l’armonia del loro corpo e la bellezza interiore. Un omaggio all”altra metà del cielo” è “No violence”, il quadro della locandina della personale, che mi ha probabilmente ispirato l’evento artistico dedicato alla violenza sulle donne, in programma per ottobre a Villafranca Lunigiana di Massa-Carrara, dove mi sono ormai stabilito».

Per informazioni: Galleria Intrecciarte, Luca Gnizio, tel. 338/1810328 – info@intrecciarte.it

Rosanna Ercole Mellone, tel. 0187/494078, cell. 347/8161012 e-mail: rercolem@tin.it

Collettiva in ricordo di Marta Gierut

Da Lodovico Gierut, addì 2.8.2015

Si è tenuta dal 27 al 30 luglio 2015, in una delle sale della storica Villa de “La Versiliana” in Marina di Pietrasanta, una Collettiva organizzata dal Comitato che ricorda la poetessa e artista Marta Gierut (della quale sono state esposte due liriche), denominata “Versilia & Versiliana 2”, prosecuzione ideale di “Versilia & Versiliana” tenutasi nel medesimo spazio dal 19 al 26 dello stesso mese.

Il curatore – Lodovico Gierut – ha esposto un gruppo di opere, quasi tutte ad olio su tela e inerenti il lago di Massaciuccoli di pucciniana memoria, dei seguenti autori, qui citati in ordine sparso: Mara Moschini. Annamaria Maremmi, Marina Romiti. Gian paolo Giovannetti, Mari Luisa Pisani, Giancarlo Baglini, Paolo Lapi, Paolo Grigò, Lorenzo Cinquini, Massimo Facheris, Clara Mallegni, Bruno Di Maio. Sigifredo Camacho B., Renzo Maggi, Marzio Cialdi,Massimo Bertolini,Roberto Valcamonici, Tito Mucci, Sandra Stanzione Landi, Fabrizio Giorgi, Gabriele Vicari, Patrizia Di Poce, Carlo Ferrari.

L’iniziativa rientra nel programma espositivo 2015 del Comitato Archivio artistico-documentario Gierut – con fini esclusivamente culturali – teso all’aggregazione e al confronto e al dialogo tra artisti e artisti, come tra gli stessi e il pubblico.

Per informazioni sull’attività del Comitato ci si può rivolgere direttamente al critico d’arte e giornalista Lodovico Gierut: lodovico@gierut.it

Alcuni eventi in Versilia

dal 5 al 7 agosto 2015

Da Ufficio Informazioni Turistiche di Seravezza,addì 2.8.2015

MERCOLEDÌ 5:

Compiti e attività ludico-didattiche per bambini a cura di Galatea Versilia. Dalle 9.00 alle 12.00. A Palazzo Mediceo- Seravezza. Costo € 10,00. Abbonamento a 4 incontri: € 32,00. Prenotazione obbligatoria: 339.8806229/ 349.1803348

Gli stemmi della Versilia: attività ludico-didattiche per bambini a cura di Galatea Versilia. Dalle 17.30 alle 19.15. A Palazzo Mediceo- Seravezza. Costo € 6,00. Prenotazione obbligatoria: 339.8806229/ 349.1803348

Aperitivo Mediceo-Nel terzo appuntamento dell’Aperitivo Mediceo del 2015. La perfetta armonia tra ricerca, innovazione e tradizione è rappresentata dall’incontro tra

l’Università di Pisa ed alcuni produttori come “L’Ortofruttifero”, i risultati sono straordinari, un esempio: le varietà di pomodori che conosceremo durante questa puntata dell’Aperitivo Mediceo. Durante questo incontro ci sarà la prima delle tre degustazioni di Sigari Italiani, riservata ai maggiori di 18 anni. Ospiti Maurizio Pacini (per “L’Ortofruttifero” Arena Metato Pisa). Lucia Paoletti (Agronoma), Lido Vannucchi (Food Photography) Con la partecipazione di Marco Bernardini Scrittore e Giornalista“LaRepubblica”. Chef Eno Bongiorni e Fulvia Pellegrini del Ristorante Ulisse-Seravezza. Dove: Giardini di Palazzo Mediceo di Seravezza. Orario: dalle ore 18.30. Ingresso libero con degustazione gratuita. A cura di Fabrizio Diolaiuti e della Fondazione Terre medicee. Per info: 0584-757443.

GIOVEDI’6:

Un buon non compleanno …a te! attività ludico-didattiche per bambini a cura di Galatea Versilia. Dalle21.30 alle 23.00. A Palazzo Mediceo- Seravezza. Costo € 6,00. Prenotazione obbligatoria: 339.8806229/ 349.1803348

VENERDÌ 7:

La Seravezziana. Dove: a Seravezza, in via Roma, dalle ore 20.00 alle ore 24.00. A cura di Annunziata Felice, Dottoressa in discipline dello spettacolo e della

comunicazione.

Sagra del Pozzo – Sagra della Contrada Il Pozzo, con specialità tipiche versiliesi. Dove: a Pozzi di Seravezza. Ora di cena.

Ritornati in bici dopo 19 giorni: a Ponte di Tavole il Versilia è come una pista del deserto

Versilia_ Per pietà del paese che siamo diventati abbiamo lasciato la macchinetta fotografica a casa nella prima pedalata che abbbiamo effettuato dopo 19 giorni che non eravamo risaliti sul sellino. Ogni estate, nella terra del turismo, il fiume Versilia si strasforma all’altezza di Ponte di Tavole in una pista desertica, per cammelli e dromedari e per mezzi fuori pista, tanto che sul greto ci pare di aver scorto segni di mezzi che si sono divertiti a percorrere quel tratto davvero allucinante. Stamani lo abbiamo riscoperto in questo stato a causa di un fenomeno carsico e per la minore portata acuifera, cause naturali che in estate non riescono a supplire all’ accentuato popaggio dai pozzi delle abitazioni estive e delle attività turistiche. Un emungere antropico che abbassassa la falda fratica e mette in secca il Versilia per buoni due chilometri. Domani documenteremo con le foto. Qualora le nostre osservazioni fossero sbagliate, si prega di intervenire a correggere e spiegare meglio il fenomeno e quali rimedi si potrebbero essere posti in atto in maniera da evitare che nella terra delle vacanze in estate scomparisse l’acqua dal fiume.

Il nostro giro di oggi: Mulina, Ponte di Tavole, poi alle curve di Motrone, Pietrasanta, di nuovo a Querceta, La Risvolta, Pontestazzemese, Culerchia, chiesa di Mulina e, infine, a casa, a Carbonaia.

Attenzione:

L’articolo già annunciato sul primo genocido del XX secolo lo pubblicheremo domani

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...