Libera Cronaca da Italia bene comune 1498 del 9 e 10 marzo 2015

Libera Cronaca da Italia bene comune 1498 del 9 e 10 marzo 2015

Je suis Charlie

# No al facismo”

giuseppevezzoni@gmail.com

Se togliendo i diritti agli operai si incentiva l’Occupazione, perché non togliere i diritti ai politici italiani per incentivare la Democrazia?

In seguito agli eventi del 5 marzo queste le ultime notizie da Stazzema

Stazzema_ E’ stata allacciata la corrente alla loc. Sennari di Sant’Anna di Stazzema che non era ancora stata raggiunta ieri sera. Poche utenze restano isolate in Loc. Ontana a Ruosina, nelle Località Campi, Mulini e Contra alle Mulina di Stazzema. Si sta lavorando alle Selve di Pontestazzemese. Il Comune di Stazzema ha istituito un numero per le segnalazioni di disservizi a privati per quanto attiene luce, acqua, alberi pericolanti e pericolosi. Il numero da contattare è 0584 775210. Negli altri orari è attivo h 24 il numero per le emergenze 0584.770023

Report da Michele Morabito, funzionario del Comune di Stazzema,addì 9.3.2015

Da Redazione una integrazione: A Mulina è isolata dalla corrente elettrica anche la casa di Logo Milani, versante sinistro Canale delle Rave.DSCN9391

Chiesto sopralluogo per situazione di rischio idrogeologico del Canale delle Rave o di Robbio, loc. Carbonaia di Mulina di StazzemaAlveo Canale delle Rave DSCN9388

Con lettera indirizzata al Sindaco di Stazzema, alla Giunta Comunale, al Consiglio Comunale, all’Ufficio Protezione Civile e all’Ufficio Tecnico Comunale Giuseppe Vezzoni ha chiesto l’opportunità di fare un sopralluogo per una potenziale situazione di rischio idrogeologico del Canale delle Rave o di Robbio, loc. Carbonaia di Mulina di Stazzema. (Prot. 9 marz.2015 n.1757)DSCN9460

Oggetto: Situazione di rischio idrogeologico del Canale delle Rave o di Robbio, loc. Carbonaia di Mulina di Stazzema

Signor Sindaco, signori amministratori di Stazzema e uffici in indirizzo, il distruttivo vento che si è scatenato sulla Versilia durante la notte tra il 4 e il 5 marzo scorsi ha fatto stramazzare al suolo e negli alvei dei canali tantissime piante, il cui numero è impossibile da precisare.

L’alveo del Canale delle Rave o di Robbio è praticamente invaso dai tronchi e dai rami per gli stramazzi arborei che ci sono stati in maniera inimmaginabile, tanto che riteniamo sia urgente un sopralluogo per verificare l’alto rischio idrogeologico che potrebbe innescarsi in caso di un forte evento di pioggia.

Ricordiamo che questo canale fu il primo corso d’acqua stazzemese a tracimare durante l’alluvione del 19 giugno 1996 e una relazione geologica predisposta dall’ente Parco e firmata il 13 febbraio 1997 dalla Dott.ssa Geol. Alessia Amorfini e cofirmata dal Direttore del Parco, Dott. Antonio Bartelletti in cui si evidenzia l’alto rischio di pericolosità del canale, soprattutto nella parte bassa della sua asta per l’instabilità dei versanti una stenosi causata da un ponticello che che ha un arco di luce di circa 1,5 mq. Da osservare anche grosse piante di abeti che insistono sulla sponda sinistra e che in caso di rollo posso interessare sia il piccolo canale sia la via provinciale.

In questi anni molti sono stati gli interventi scritti con cui era chiesto all’amministrazione comunale un intervento di alleggerimento arboreo dei versanti che mai c’è stato effettuato, salvo le pulizie dell’alveo ogni due o tre anni fatte dalle maestranze dell’ex Comunità montana o da Cooperative finanziate con le risorse che metteva il Consorzio Bonifica. Ricordiamo che sulla sponda destra del Canale delle Rave insistono le strutture pubbliche della Scuola dell’Infanzia di Mulina e l’Incubatoio Ittico.

Per valutare più compiutamente la pericolosità di questo canale e degli altri che interessano la frazione di Mulina di Stazzema, vi rimandiamo alla Relazione geologica citata e al Documento per la difesa del suoloValle del Vezza – Area di Mulina di Stazzema-( uff.Prot. di Stazzema 26 marzo 2007 n. 3298).

Cordiali saluti.

Mulina di Stazzema, 9 marzo 2015

Giuseppe Vezzoni

Richiesta di ripristino monumento a Don Fiore Menguzzo lungo la mulattiera di Farnocchia (Loc. Fattino)Croce sul luogo dove  fu ucciso don Menguzzo 002 lapide nuova

Con lettera indirizzata al Sindaco di Stazzema, alla Giunta Comunale e al Consiglio Comunale Giuseppe Vezzoni ha fatto la richiesta di ripristino monumento a Don Fiore Menguzzo lungo la mulattiera di Farnocchia (Loc. Fattino) e ha offerto la disponibilità a collaborare del Gruppo Labaro Martiri di Mulina di Stazzema. (Prot. 9 marz. 2015 n. 1758)

Oggetto: Ripristino monumento a Don Fiore Menguzzo lungo la mulattiera di Farnocchia (Loc. Fattino)

Signor Sindaco, signori amministratori di Stazzema, la tempesta di vento che si è scatenata sulla Versilia durante la notte tra il 4 e il 5 marzo ha fatto stramazzare al suolo tantissime piante, il cui numero è impossibile da precisare. In località Fattino, lungo la mulattiera di Farnocchia, questa conseguenza causata dal vento ha provocato la distruzione della croce (di ghisa) che ricordava il punto in cui il 12 agosto 1944 fu ucciso dai nazifascisti Don Fiore Menguzzo, Medaglia d’Oro al Merito Civile.

I pezzi della croce erano stati raccolti da un giovane di Mulina il quale me li ha riconsegnati ieri sera a seguito di una mia telefonata, previa l’autorizzazione ricevuta dalla signora Maria Augusta Badassari, nipote di Don Fiore Menguzzo e detentrice della Medaglia d’Oro.

Poiché il piccolo monumento sormontato dalla suddetta croce fa parte della storia del Comune di Stazzema ed è presente in molte pubblicazioni storiche , con questa mia, ben consapevole dell’emergenza di ripristino della sicurezza ambientale che in questo momento deve avere la completa priorità di interventi, metto fin da ora a disposizione la mia persona, quella del Gruppo Labaro e sicuramente di tanti volenterosi del paese per ripristinare il monumento e il luogo della memoria prima del prossimo 11 agosto secondo le forme che deciderà questa amministrazione.

Pertanto resto in attesa di comunicazioni in tal senso, come quella di consegnare i pezzi della croce all’amministrazione per tentarne la ricomposizione ricorrendo a qualche fonderia d’arte per la necessaria saldatura o incollatura.

Qualora non si potesse più dare alla croce una consistenza strutturale tale da poterla ricollocare all’aperto, vediamo se è possibile realizzarne una seconda del tutto uguale.

In questo caso la croce spezzata la vedrei collocata sotto il busto di don Fiore che è presente nel transetto di San Rocco della Chiesa di Mulina di Stazzema.

Cordiali Saluti

Mulina di Stazzema,9 marzo 2015

Giuseppe Vezzoni per , il Gruppo Labaro Martiri di Mulina di Stazzema

Mulina e Sant’Anna unite dalla storia e dalla tempesta di vento

Le frazioni martiri di Mulina e Sant’Anna di Stazzema, dopo l’efferato 12 agosto 1944, sono state unite anche dalla tempesta di vento distruttivo: A Sant’Anna ha spezzato la lapide che riportava i nomi delle vittime mentre a Mulina ha spezzato la croce che ricordava don Fiore Menguzzo nel luogo in cui il 12 agosto 1944 fu ucciso.

Giuseppe Vezzoni,addì 9.3.2015

Fdi: al campo Rom di via della Scogliera 100 residenti fantasma

Sopralluogo di Donzelli e Staccioli: “Un centinaio di persone ha la residenza sul terreno pubblico, ma non si sono mai visti”

Lucca_ “Subito un censimento all’interno del campo Rom e Sinti di via della Scogliera e un confronto con i dati in possesso all’anagrafe. Pare che il Comune abbia concesso un centinaio di residenze a Rom che lì non si sono mai visti. Se un cittadino normale cambia la residenza vanno i vigili a casa a controllare, perché non funziona così anche per i Rom? Dove vivono realmente i Rom che al Comune risultano stare in via della Scogliera?” E’ quanto chiede il capogruppo di Fratelli d’Italia e candidato a governatore Giovanni Donzelli, che questa mattina ha effettuato un sopralluogo nell’insediamento abusivo insieme alla consigliera regionale Marina Staccioli e agli esponenti locali del partito. “In via della Scogliera abbiamo trovato una situazione sensibilmente diversa da quella che avevamo riscontrato pochi giorni prima al campo di via delle Tagliate, sempre a Lucca, dove erano presenti baracche, degrado e rifiuti bruciati o scaricati nei corsi d’acqua con grave rischio per la salute dei cittadini. Parlando con i Sinti del campo ci è stato raccontato che loro tengono pulito e controllato il proprio campo perché sono italiani e a differenza dei Rom stranieri loro tengono alla pulizia e il decoro”.

Lucca, 9 marzo 2015

“Turismo, Fdi con gli albergatori: la regione penalizza solo gli hotel”

Il gruppo regionale incontra gli operatori del settore in Versilia: Invece di affrontare il problema dell’abusivismo la sinistra lo regolarizza, se la legge sarà presentata in aula con questo testo daremo battaglia”

Firenze_ “Un doppio binario che favorisce praticamente tutte le tipologie di strutture ricettive tranne quella degli alberghi tradizionali, che continuano ad essere vessati dalle norme regionali sul turismo”. E’ quanto dichiara il capogruppo regionale di Fratelli d’Italia e candidato governatore Giovanni Donzelli, che insieme alla consigliera regionale Marina Staccioli ha incontrato questa mattina i rappresentanti delle associazioni di categoria degli albergatori versiliesi in rivolta contro la giunta regionale per il suo piano sul turismo: “La legge che dovrebbe arrivare in aula è estremamente penalizzante per gli albergatori – spiegano Donzelli e Staccioli – perché crea eccessive disparità di trattamento rispetto a categorie ricettive come le case vacanza, o i B&B, col risultato che a poca distanza ci sono strutture che per continuare a lavorare devono sottostare a vincoli diversi. Sappiamo che le osservazioni di Federalberghi non sono mai state prese in considerazione dalla giunta: assistiamo a una deregulation selvaggia che va a favorire gli abusivi e di conseguenza l’evasione sia delle imposte che della tassa di soggiorno, ove prevista. Va bene il mercato libero, ma servono regole uguali per tutti. E se proprio la Regione vuole togliere i vincoli ad agriturismi e affittacamere allora li tolga anche agli alberghi: invece di affrontare il problema dell’abusivismo, insomma, la giunta preferisce regolarizzarlo. Pensiamo al caso degli alberghi diffusi – concludono Donzelli e Staccioli – che vanno bene per i piccoli borghi ma non certo per le città. Siamo al fianco degli albergatori per chiedere una legge più equa e ragionevole, e se il testo andrà in aula così com’è daremo battaglia”.

Firenze, 9 marzo 2015

Ufficio stampa Gruppo regionale FdI Marco Gemelli

La musica del maestro Fabbriciani anima le sculture in alluminio di Giacobbe Giustifabbriciani

Sound Aluminium Flute Performance, Mercoledì 11 marzo 2015, ore 17.00 Palazzo Bastogi, via Cavour 18, FirenzeDSC_0420

Firenze_ Le note del flauto del Maestro Roberto Fabbriciani animano le sculture in alluminio di Giacobbe Giusti: si intitola Sound Aluminium Flute Perfomance l’incontro tra i due artisti in programma mercoledì 11 marzo 2015 alle ore 17 all’interno della mostra “LA QUARTA DIMENSIONE”, in corso a Palazzo Bastogi (via Cavour 18, Firenze) fino a venerdì 13 marzo. Ad introdurre la performance il consigliere regionale Gabriele Chiurli (Democrazia Diretta) e Alberto Ciolfi, sindaco di Capolona.

Attraverso la musica del Maestro Fabbriciani, flautista e compositore che ha suonato con le più grandi orchestre del mondo, le figure plasmate da Giacobbe Giusti si trasformano e iniziano a danzare, nella proiezione di luci colorate e filmati. Quella che aspetta il pubblico in Sala delle Collezioni, mercoledì prossimo, è una performance multimediale e multisensoriale, dal sapore decisamente contemporaneo e post-moderno. Vedendo le sculture di Giusti, infatti, molti critici chiamano in causa la poetica di Phillip Dick o di altri autori di fantascienza. Difficile non pensare a un universo parallelo o un inquietante domani imbattendosi in queste opere metalliche di grandi dimensioni. Grosse meteore, alberi o enormi fiori carnosi in alluminio saldato con la fiamma ossidrica, figure che richiamano la natura e l’eredità umana, ma al tempo stesso ci parlano di un futuro che sembra sfuggito di mano all’uomo.

Sensazione che si amplifica con la combinazione di musica, luci e video: le sculture diventano specchi deformanti di una realtà deforme, soggetti immobili eppur partecipi delle dinamiche sociali, mentre le note ci accompagnano in un’altra dimensione.

Dopo aver esposto in tutta Italia e all’estero dagli anni ’90 ad oggi, Giacobbe Giusti ha recentemente dato vita insieme al Maestro Roberto Fabbriciani a un centro culturale sperimentale a Capolona, alle porte di Arezzo, all’interno dell’ex cinema storico Fulgor: la rassegna FulgorAzione porta in scena artisti, musicisti, film d’epoca restaurati e musicati dal vivo, ma anche chef e lezioni d’autore con cadenza quindicinale. Il cartellone degli eventi fino a giugno 2015 è disponibile sul sito http://www.fulgorart.it.

Da Ufficio Stampa Francesca Puliti ,addì 9.3.2015

Eventi in programma in Alta Versilia

dal 9 al 15 marzo 2015

Venerdì 13 marzo: conversazioni a tema. Argomenti, idee, riflessioni e… altro – Terzo incontro con Elisa Bandelloni che porterà la conversazione sul tema dei social media, in particolar modo su come ci abbia cambiato il digitale. L’incontro è aperto a tutti. Dove: a Querceta, presso la sala Cope del Palazzo Civico di Piazza Matteotti (ingresso da via 1° Maggio n. 21). A cura del Circolo Culturale Sirio Giannini.Conversazione a tema 13 mar-page-001

Sabato 14 marzo: 26° premio dialettale “silvano alessandrini” – premiazione del concorso di poesie, racconti e fòle in dialetto ed in italiano; sezioni per adulti e per ragazzi. Dove: presso la Sala Polifunzionale della P.A. Croce Bianca in via delle Contrade a Querceta alle ore 16.00. A cura della Pro Loco Querceta; per info: 329-0727716 oppure concorsi.prolocoquerceta@gmail.com.

Piacevoli Tocchi: Marco Rovelli – km 0. La leggera – L’anima della Toscana popolare in canto. Rovelli inanella i canti della tradizione toscana raccontando le storie di tre persone che incarnavano l’anima della Toscana popolare. Dove: TeatroScuderie Granducali di Seravezza, Viale L. Amadei (già via del Palazzo). A cura della Fondazione Terre Medicee, tel. 0584-757443.

MERCATI:

Lunedì 9 marzo: mercato settimanale. Dove: Seravezza, Centro storico. Orario: 8.00- 13.00.

Martedì 10 marzo: mercato Contadino. Dove: Querceta, Piazza Pellegrini. Orario: 8.00- 13.00. A cura di CIA e Donne In Campo.

Mercoledì 11 marzo: mercato di Campagna Amica – mercato di prodotti a km zero. Dove: Pontestazzemese, piazza Europa (comune di Stazzema). Orario: 8.00-13.00.

Giovedì 12 marzo: mercato di Campagna Amica – mercato di prodotti a km zero. Dove: Pozzi (Seravezza), piazza Fratelli Cervi. Orario: 8.00-13.00.

Sabato 14 marzo: mercato settimanale a Querceta, Piazza Matteotti. Orario: 8.00-13.00.

Domenica 15 marzo: Donabaratto – un’occasione alternativa al consumismo e allo spreco e per lo scambio utile a costo zero aperto a tutti. Sarà dedicato uno spazio per lo scambio dei giochi fra bambini. Dove: a Cardoso (Stazzema), loggiato del Palazzo della Cultura e parcheggio antistante. Orario: 10.00-18.00. Info: Roberta, 349-3854338.

Prosegue:

Ogni sabato: Divertiamoci Imparando – laboratori didattici a cura delle ragazze di Galatea Versilia. Ogni sabato, dalle 17.00 alle 19.00, storia dell’arte, tecniche artistiche, riciclo, travestimenti e altro per bambini dai 4 ai 13 anni. I laboratori sono calibrati in base all’età. Per scoprire il tema trattato ogni settimana, su Facebook visitare “Palazzo digiochi” e “Galatea Versilia”. Costo: €6.00 a bambino; abbonamento 4 incontri: € 20,00. Prenotazione obbligatoria. Per info e prenotazioni: 339-8806229 / 349-1803349.

Fino al 12 aprile: Seravezza Fotografia 2015: “Colour and B&W” – Seravezza Fotografia torna a rendere omaggio al foto-giornalismo dedicando la mostra principale a Francesco Cito per sottolineare i quarant’anni di fotografia svolti fino ad

oggi dal grande fotografo napoletano. Nel percorso espositivo di Palazzo Mediceo, sono esposti la maggior parte dei reportage da lui realizzati, un’occasione unica per

comprendere il suo essere fotografo, la sua sensibilità e la sua sintesi nel documentare un conflitto o la contrapposizione tra i popoli: nei suoi scatti Cito ci aiuta a capire anche quello che sta accadendo in alcune parti del mondo.

Fino al 30 aprile: Fuggenti Eterne Vibrazioni – mostra di scultura di Giorgio Eros Morandini promossa dalla Open One Art Gallery di Pietrasanta e dalla Fondazione Terre Medicee. Le sculture realizzate in marmo bianco di Carrara e granito nero, fanno parte di un progetto espositivo ideato e pensato espressamente dall’artista per essere allestito nello spazio esterno del Palazzo Mediceo (sette opere) e nel centro storico di Seravezza (una scultura sistemata in Piazza Carducci).

Fino al 3 maggio: Un secolo d’arte – la mostra raccoglie circa 50 opere pittoriche dell’artista viareggino Giorgio Michetti esposte al Palazzo della Cultura di Cardoso. Da giovedì a domenica: 16.00-19.00. Info: 0584-775204.

Da Ufficio Informazioni Turistiche di Seravezza,addì 8.3.2015

Conferenza-Dibattito: Sul pensiero di Giuseppe Mazzini e la sua attualità nel 210° dalla nascita in ricordo di Nello Traquandi. Martedì 10 marzo 2015, ore 9.45 Accademia Toscana di Scienze e Lettere La Colombaria (gc) Via s. Egidio 23 – Firenze

Ciclo di conferenze e incontri Firenze oltre le mura

Ciclo rivolto alle scuole superiori della città e dintorni organizzato in occasione delle celebrazioni per Firenze capitale dal Lyceum Club Internazionale di Firenze dal Circolo Piero Gobetti e dal Circolo Fratelli Rosselli

2) Firenze capitale politica e culturale (febbraio-aprile 2015) Conferenze al Palagio (Palagio di Parte Guelfa, Sala Gigli). Martedì 10 marzo 2015 ore 16,30

Sandro Rogari: Firenze capitale della scienza e della cultura

http://circolorosselli.it/programma.htm

1944. Storie dal carcere di Santa Verdiana- Il ricordo di Madre Ermelinda Carducci ed Enrica Calabresi. Due donne straordinarie

Incontro con Paolo Ciampi e Giovanna Lori. Introduce Claudia De Venuto. 12 marzo ore 18 Le Murate. Progetti Arte Contemporanea. Piazza delle Murate

All’interno dello spazio dell’ex carcere si terrà un incontro per ricordare Madre Ermelinda Carducci ed Enrica Calabresi, due donne straordinarie che intrecciarono le loro storie tra le mura del carcere di Santa Verdiana durante i terribili mesi dell’occupazione tedesca di Firenze.

L’incontro organizzato da Le Murate. Progetti Arte Contemporanea, in collaborazione con la Regione Toscana, sarà l’occasione per riflettere, attraverso le vicende delle due donne, sulle barbarie delle leggi razziali e su un pezzo orribile di storia che ha segnato in modo indelebile l’intera città.

Claudia De Venuto modererà l’evento e introdurrà Paolo Ciampi e Giovanna Lori, autori di due libri dedicati a queste due figure femminili: i relatori aiuteranno a entrare profondamente nell’animo di Madre Ermelinda ed Enrica e a comprendere lo stretto legame affettivo e intellettuale che si creò tra loro durante il periodo di profondo dolore condiviso a Santa Verdiana.

Madre Ermelinda, superiora delle suore della Congregazione di San Giuseppe dell’Apparizione, operò nel carcere femminile di Santa Verdiana e si dedicò, mettendo a rischio la propria vita, ad alleviare le sofferenze delle prigioniere politiche e ebree recluse in attesa della deportazione.

Tra queste detenute vi era Enrica, brillante scienziata e docente universitaria in un periodo in cui per una donna era difficile perfino accedere agli studi superiori, la quale dopo durissimi mesi di prigionia scelse di mettere fine alla propria vita, lasciando le sue ultime volontà proprio a Madre Ermelinda la sola persona di cui si fidava davvero.

http://www.circolorosselli.it/20150312_chiostro_S_Verdiana.pdf

Segnalazioni dal Circolo Culturale Fratelli Rosselli di Firenze, addì 8.3.2015

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...