Libera Cronaca da Italia bene comune 1483 del 16 e 17 febbraio 2015

Libera Cronaca da Italia bene comune 1483 del 16 e 17 febbraio 2015

Je suis Charlie

giuseppevezzoni@gmail.com

Francesco Cito protagonista di Seravezza Fotografiada sx neri giani balderi e cito

Anteprima per la stampa della mostra di Francesco Cito giovedì 19 febbraio ore 12, Palazzo Mediceo a Seravezza.1994_04_15 Palestina

Al via la dodicesima edizione della manifestazione, che ospita una retrospettiva del grande fotoreporter. Eugenio Giani: “Un messaggio non solo artistico ma di estrema attualità”1989_01_11 Palestina

Firenze – “Il festival, giunto con successo alla sua dodicesima edizione, ospiterà quest’anno un grande della fotografia come Francesco Cito, che nel suo lavoro ha sempre dato un messaggio non solo artistico ma di testimonianza delle condizioni di vita nel mondo e delle guerre, e che, in questo senso, è di estrema attualità. La mostra dunque, ospitata nello splendido palazzo mediceo, diventa una vetrina e un riferimento culturale per l’intera Toscana”. Con queste parole il consigliere regionale Eugenio Giani è intervenuto alla conferenza stampa di presentazione della dodicesima edizione di Seravezza Fotografia, organizzata dal Comune di Seravezza e della Fondazione Terre medicee, che si svolgerà dal 20 febbraio al 12 aprile 2015. La conferenza stampa di annuncio della manifestazione, che ogni anno ospita in Versilia fotografi di valore internazionale come Rosemblum, Berengo Gardin, Witkin, Olaf, Nachtwey, Horvath, si è tenuta questa mattina in palazzo Panciatichi. Erano presenti, oltre a Giani, il sindaco di Seravezza Ettore Neri, il direttore artistico di Seravezza Fotografia Ivo Balderi e il protagonista di questa edizione, con la mostra esposta al palazzo Mediceo (patrimonio mondiale Unesco), Francesco Cito. Cito è uno dei più grandi e celebrati fotogiornalisti italiani, e nella sua retrospettiva, dal titolo “Colour and B&W” (che sarà inaugurata venerdì 20 febbraio ore 17.30), sono esposti la maggior parte dei reportage da lui realizzati, un’occasione unica per comprendere il suo essere fotografo, la sua sensibilità e la sua sintesi nel documentare vari conflitti, la contrapposizione tra i popoli, ma anche il palio di Siena o la Sardegna meno conosciuta. Cito ha lavorato come fotoreporter in Afghanistan, Libano, Palestina, ha vinto due volte il World Press Photo e ha collaborato, oltre che con le maggiori riviste italiane e straniere, con Sunday Times magazine e Life. Ma, come hanno spiegato gli intervenuti, Seravezza Fotografia è anche molto altro: una rassegna di una durata di circa due mesi con numerosi eventi come incontri di fotografia, workshop, portfolio e mostre dedicate a giovani fotografi emergenti che saranno ospitate nelle Scuderie granducali dell’area medicea di Seravezza. (cem)balderi e cito

Firenze 16.2.2015

Ufficio stampa Fondazione Terre Medicee, agenzia ILogo

Teatro di Seravezza: la famiglia in commedia secondo Alessandro Benvenuti. Giovedì 19 febbraiobenvenuti2

Seravezza_ Sarà Alessandro Benvenuti il protagonista del prossimo spettacolo al Teatro delle Scuderie Granducali di Seravezza (Lu), viale L. Amadei 230, in programma giovedì 19 febbraio alle ore 21.15. Lo spettacolo di intitola “Un comico fatto di sangue”, scritto e diretto dallo stesso Benvenuti con la collaborazione drammaturgia di Chiara Grazzini, e rientra nel cartellone dal titolo “Piacevoli tocchi” diretto da Elisabetta Salvatori e organizzato dal Comune di Seravezza e dalla Fondazione Terre Medicee. Il grande attore e regista e la sua compagna di vita analizzano in questa commedia con un linguaggio comico modernissimo e con chirurgica spietatezza, i rapporti tra i membri di una famiglia che sa tanto d’Italia, di questa nostra Italia che ha perso la bussola del buon senso e naviga ormai a vista tra i flutti sempre più minacciosi del mar dell’incertezza. Dal 2000 al 2015, passando attraverso cinque momenti chiave o testimonianze, l’autore narra il progressivo degenerare dei rapporti di una famiglia composta da un marito, una moglie, due figlie e qualche animale… di troppo. Uno spettacolo in cinque atti rapidi ed incisivi dove nessuna parola è messa lì per caso. Una drammaturgia sorprendente nella sua semplicità.. E più i fatti, via via che il tempo passa, si fanno seriamente preoccupanti, e più, nel raccontarli, diventano, per chi li ascolta, divertenti. I biglietti, costo da 16 a 10 euro secondo i settori, possono essere acquistati presso i punti vendita del circuito Bookingshow o direttamente sul sito http://www.bookingshow.it

Rivenditori autorizzati: Versilia Vacanze Lido di Camaiore, Fantasy World Viaggi, Querceta, piazza Alessandrini, (davanti Stazione), oppure presso la segreteria della Fondazione Terre Medicee, Palazzo Mediceo viale L. Amadei 230 Seravezza, dal martedì al venerdì dalle ore 10.00 alle 12.00. Info tel. 0584.757443 – 0584.756046, segreteria@terremedicee.ithttp://www.terremedicee.it

Seravezza, 15 febbraio 2015

Ufficio stampa Fondazione Terre Medicee, agenzia ILogo

Biblioteca comunale di Stazzema: ci sono lo statuto e il regolamento ma non la struttura

Stazzema_ Compulsando nel nostro archivio abbiamo scoperto che il 13 marzo 1985 il consiglio comunale approvò con delibera n.118 lo statuto e il regolamento della biblioteca comunale di Stazzema. Nel corpo della delibera si legge che la biblioteca era prossima all’apertura poiché erano già stati reperiti i locali e si era già provveduto ad una prima dotazione di attrezzature. Ci pare di ricordare che i locali fossero quelli dello stabile in località Mulin del Giusti di Pontestazzemese, che in quegli anni furono anche luogo di un distaccamento degli uffici comunali e poi del distretto sanitario che a seguito dell’alluvione del 19 giugno 1996 fu devastato dal fiume e che dopo l’evento alluvionale lo stabile è stato recuperato per realizzarvi alcuni appartamenti di edilizia pubblica. Ecco, la biblioteca comunale di Stazzema ebbe vita breve, se mai l’abbia avuta. La biblioteca, rispondendo allo spirito della legge del 3 luglio 1976, doveva perseguire le finalità di concorrere a sviluppare concretamente la personalità umana,contribuendo a rendere effettivo il diritto sociale della collettività alla cultura, all’informazione, allo studio, all’utilizzazione piena dei beni culturali e del patrimonio storico-sociale artistico,all’elaborazione e alla ricerca di nuove forme di cultura.

La biblioteca, attraverso il servizio di pubblica lettura che sarebbe stato attuato con metodo realistico e democratico, avrebbe “garantito il diritto d’accesso alle voci,alle istanze e alle ideologie che si riconoscono nella Costituzione Repubblicana”. La struttura avrebbe stimolato “il confronto continuo e la dinamica delle opinioni e delle idee,offrendo alla comunità tutte le occasioni e le opportunità di conoscenza e di informazione”

Evidentemente la comunità di Stazzema non aveva e non ha bisogno di tutti quei principi e opportunità che dovevano essere assolti dotando il territorio di una biblioteca baricentrica. Infatti, dopo 30 anni, ancora manca una biblioteca comunale ma in compreso ci sono lo Statuto e il Regolamento debitamente approvati.

Giuseppe Vezzoni, addì 16.2.2015

Ordinanze del sindaco di Stazzema emesse a seguito del maltempo dei giorni scorsi

Ordinanza taglio alberi e sterpaglie su terreni lungo la strada provinciale di Stazzema in frazione di mulina ordinanza n.ro 2 del 03/02/2015

OR_2015_00002_00

Stazzema_ A seguito segnalazione, pervenuta all’Ufficio tecnico in data 2 febbraio 2015, di diverse piante cadute sui terreni lungo la strada Provinciale di Stazzema in frazione di Mulina, che potrebbero provocare delle frane e interessare la strada stessa, nella stessa giornata è stato effettuato opportuno sopralluogo dall’Ufficio Tecnico; RILEVATO ,dal sopralluogo, che quanto accaduto è dovuto all’ incuria con cui vengono tenuti i terreni, da cui si è verificata la caduta degli alberi, che potrebbero riversarsi sulla strada Provinciale e che tale evento è pregiudizievole per l’incolumità di quanti transitino sulla suddetta strada; ACCERTATO che i terreni dal quale proviene il pericolo sopra detto sono individuati in catasto Terreni del Comune di Stazzema nel foglio 65 dai mappali 87 – 88 sono di proprietà di Bertocchi Daniele, Bertocchi Francesco, Bertocchi Irene, residente in Stazzema, Polidori Paola, Luisi Laura di procedere a proprie cure e spese, entro 48 ore dal ricevimento della presente Ordinanza, ad eseguire il taglio degli alberi pericolosi, posti sui terreni sopra individuati, in fregio alla strada Provinciale di Stazzema in frazione di Mulina.

Ordinanza contingibile ed urgente per la messa in sicurezza dell’area ed il ripristino della linea di media tensione 15000V in frazione di Palagnana – località Alto Matanna.Ordinanza n.ro 5 del 10/02/2015

OR_2015_00005_00

Il sindaco

Premesso :

che in data odierna con prot. n. 1004, è pervenuta comunicazione da parte della Società Enel distribuzione S.p.A zona di Lucca – UO3 Viareggio, con la quale si mette a conoscenza questo Comune che a seguito delle intense nevicate occorse dal 5 febbraio scorso e nei giorni a seguire hanno provocato in frazione di Palagnana loc. Alto Matanna, la caduta di numerosi rami ed alberi, sui cavi aerei delle linee di distribuzione elettrica, media tensione 15.000w, provocandone la rottura e la caduta di alcuni pali; che per la riparazione del conduttore elettrico a media tensione 15.000v, si rende necessario il taglio e la deramificazione di piante nella località Alto Matanna nella frazione di Palagnana; dato atto che è necessario ripristinare con urgenza le condizioni di sicurezza dell’area e della linea elettrica a media tensione oggetto di danneggiamento; o r d i n a alla società enel S.p.A- Enel distribuzione zona di Lucca – UO3 Viareggio di provvedere all’immediata messa in sicurezza dell’area sopra descritta mediante il ripristino della linea a media tensione 15.000v e di procedere al taglio e alla deramificazione delle piante per realizzare l’intervento.

Dall’Albo Pretorio on line del Comune di Stazzema, addì 16.2.2015

NB: Non ci pervengono più i comunicati del Comune di Stazzema

Informiamo i nostri lettori che non ci stanno pervenendo i comunicati del Comune di Stazzema, ai quali abbiamo sempre dato il massimo risalto. Non sappiamo se ciò dipende da un momento in cui v’è assenza di significative comunicazioni o per altri motivi.

Giuseppe Vezzoni, addì 16.2.2015

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Libera Cronaca da Italia bene comune 1483 del 16 e 17 febbraio 2015

  1. Baldino Stagi ha detto:

    In comune hanno altri pensieri, si stanno scoprendo gli altarini.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...