Libera Cronaca da Italia bene comune 1436 del 28 e 29 novembre 2014

Libera Cronaca da Italia bene comune 1436 del 28 e 29 novembre 2014

giuseppevezzoni@gmail.com

Ultim’ora Azzurro Versilia & Cultura del  29 e 30 novembre 2014 n. 5

giuseppevezzoni@gmail.com

La recensione del libro “La vita perfetta di William Sidis”

Vorrei vivere la vita perfetta. L’unico modo per avere la vita perfetta è viverla in solitudine.” Così rispondeva William Sidis a un giornalista. Leggete la biografia di quello che, ancora oggi, è considerato l’uomo più intelligente mai esistito. Come può un simile talento non avere lasciato traccia nella storia? Invio il link per andare a leggere:

http://bit.ly/1vAQu5Y

 Da Elisa Bandelloni,  30.11.2014

Domani a Seravezza una Festa della Toscana nel segno dei Medici

Seravezza_ Domani, domenica 30 novembre, in occasione della Festa della Toscana, il Comune di Seravezza (Lu) e la Fondazione Terre Medicee, con la compartecipazione del Consiglio Regionale della Toscana, organizza l’evento dal titolo “Alla corte dei Medici” nel Palazzo Mediceo, viale Amadei 230. Dalle 15.30 si svolgeranno ogni 30 minuti, una serie di visite guidate all’interno del palazzo. I visitatori saranno accolti proprio dalle “discendenti” dei Medici, Bianca Cappello e Maria Cristina d’Asburgo ( interpretate da due operatrici di Galatea Versilia in costumi d’epoca forniti gentilmente dalla Contrada il Pozzo di Querceta), che accompagneranno i visitatori nella suggestiva visita di questo monumento Patrimonio Mondiale Unesco nel Sito Seriale delle Ville e Giardini Medicei, tra aneddoti e curiosità che hanno segnato la sua storia fino a consegnarcelo così come è oggi; una risorsa turistica, culturale ed economica che è diventata veicolo della Toscanità nel mondo. A seguire si svolgerà il laboratorio didattico per bambini “Giochiamo alla corte dei Medici” dove i ragazzi possono scoprire i segreti dei Medici attraverso il Gioco dell’Oca. Personaggi in costume vi aiuteranno lungo il cammino, ma attenti a non far arrabbiare Cosimo altrimenti rimarrai fermo un turno! Dalle 17.30 alle 18.30 | costo laboratorio: 6 euro a bambino | Età 4-11 anni. Per le visite prenotazione obbligatoria: info, Galatea Versilia 3398806229 | 3491803349 info@terremedicee.it tel. 0584-757443.

Ufficio Stampa iLogo Fabrizio Lucarini, addì 28.11.2014

La cooperazione sanitaria della Regione Toscana a favore dei bambini palestinesi- L’esperienza del PCEF_Italiaunnamed

Seravezza_ Domani, domenica 30 novembre, nell’ambito delle iniziative comprese nella Festa della Toscana, alle 17, presso il Palazzo Mediceo si terrà un incontro per far conoscere i risultati prodotti dalla cooperazione sanitaria della Regione Toscana a favore dei bambini palestinesi- L’esperienza del PCEF_Italia. Interverranno il sindaco Ettore Neri, il cardiochirurgo pediatrico Stefano Vincenzo Luisi, presidente del PCRF_Italia coordinatore e la dottoressa Pina Dolfi, coordinatrice Terapia intensiva pediatrica dell’Ospedale del Cuore G. Pasquinucci di Massa-FTGM.

Giuseppe Vezzoni,addì 29.11.2014

Lunedì 1 dicembre pellegrinaggio della Parrocchia di Sant’Ermete di Forte dei Marmi al Santuario del PiastraioScorci del Piastraio 9.3.2014 013

Stazzema_ Per lunedì 1 dicembre la Parrocchia di Sant’Ermete di Forte dei Marmi guidata dal parroco don Piero Malvaldi ha organizzato un pellegrinaggio al Santuario della Madonna del Piastraio. Alle 11 sarà celebrata una Santa Messa nella pieve di Santa Maria Assunta di Stazzema per dare modo a tutti quei partecipanti impossibilitati di fare il percorso lungo il sentiero del Piastraio di assistere alla santa messa che sarà concelebrata da don Piero e don Sergio Orsucci, titolare dell’Unità pastorale n. 2 della Versilia. Dopo la funzione religiosa i circa 70 pellegrini saranno ospitati nel Centro accoglienza Santuario del Piastraio per il pranzo sociale della parrocchia di Sant’Ermete.

Giuseppe Vezzoni, addì 29.11.2014

Con la 5ª Festa della Montagna anche il progetto Il villaggio dei bambini10352410_10204059567102082_6598142070612945289_nConsrso letterario 5 festa della montagna 001

Stazzema_ “Allego in calce la locandina della prossima 5ª Festa della Montagna che si svolgerà nei giorni 6, 7, 8 dicembre a Pontestazzemese. Anche quest’anno il programma è abbastanza ricco e vivace. Speriamo possa vedere la partecipazione della cittadinanza Stazzemese e non solo.” Molto dello spazio è stato dedicato ai bambini con laboratori ed intrattenimento. La raccolta dei giocattoli per il progetto “il villaggio dei bambini” ci è sembrata una iniziativa meritevole di attenzione e divulgazione. Ci auguriamo possa essere accolta e sostenuta dalle famiglie del territorio con donazioni di giocattoli in buono stato da destinare a bambini speciali.

Annamaria Neri, Consulta del Volontariato di Stazzema, addì 28.11.2014

Concerto di Natale il 13 dicembre alle Scuderie Granducali di Seravezza

L’Armonia di Natale

Seravezza_ Ciao amici carissimi! Anche quest’anno l’ ASS. Internazionale Padre Kolbe onlus è lieta di invitarvi a partecipare al concerto di natale che si terrà sabato 13 dicembre alle ore 21,00 presso il teatro “Scuderie Granducali” Via del Palazzo – Seravezza. Ad intrattenerci con bellissime musiche e brani cantati saranno l’orchestra Basilio Stagi diretta dal maestro Valerio Leonardi. L’ensemble di voci diretta dalla prof.ssa Elena Cucchiara. Sarà una occasione per scambiarci gli auguri e chissà…pensare anche a qualche regalino solidale con i nostri oggetti multi-etnici e delle novità che presenteremo nel corso della serata! Allora vi aspettiamo!!!

Per AIPK onlus, Marina Marrai, addì 28.11.2014

Il percorso dell’Alta Via delle Parco delle Alpi Apuane da Sud a Nord

Al tempo della nostra collaborazione con il Corriere della Versilia curammo con una serie di articoli l’Alta Via delle Apuane tramite una collaborazione con uno dei grandi conoscitori delle Apuane, il dott. Augusto Guidugli. Ci siamo accorti di aver descritto le prime cinque tappe, praticamente quelle che si snodano sul territorio di Stazzema. Mancano ancora le tappe 6° e 7°. Chiediamo al dott. Guidugli e ad altri appassionati che ci leggono di inviarci notizie e descrizione della sentieristica, caratterizzando gli aspetti paesaggistici e architettonici che si incontrano durante queste ultime due tappe dell’Alta Via delle Apuane: 6ª tappa dal Rif. Conti alla Foce di Cardeto, bivacco K27; 7ª tappa dal rif. Orto di Donna ai prati di Campo Cecina. Intanto sulla Pagina Azzurro Versilia& Cultura pubblicheremo via via quanto scrivemmo anni fa sul Corriere della Versilia. Ovviamente i lettori potranno integrare con una loro nota le inevitabili manchevolezze dipese dallo spazio a disposizione sul giornale e a correggere soprattutto gli eventuali errori che ci potrebbero essere nei testi a causa della nostra scarsa conoscenza .

L’Alta Via del Parco delle Apuane, una coniazione che ricalca le alte vie delle Dolomiti e che una specifica pubblicazione di Angelo Nerli, edita nel maggio 2005 per Felici Editori, spiega esaurientemente l’importante lavoro svolto dalla Commissione Escursionismo del Cai finalizzato all’organizzazione di sette percorsi escursionistici in prossimità del crinale spartiacque della catena delle Apuane come sviluppo della conoscenza delle bellezze di queste montagne facendo appoggio ai Rifugi per il pernottamento. Proprio per questo specifico aspetto, determinato dalle ragioni climatiche favorevoli, l’Alta Via delle Apuane è un percorso classificato escursionistico dal 15 giugno al 15 settembre, periodo in cui sono aperti i Rifugi, mentre nel periodo invernale si trasforma in percorso escursionistico alpinistico. Nei tre mesi estivi l’Alta Via è quindi classificata con la sigla E (escursionistico), pertanto alla portata di gran parte delle persone in buona salute, alle quali, tramite l’Alta Via, è offerta l’occasione di ammirare le Apuane dal crinale spartiacque senza incontrare particolari difficoltà e pericoli. Partendo da Sud, l’accesso all’Alta Via delle Apuane è presso il paese di Casoli, nel comune di Camaiore.

1ª tappa: dal paese di Casoli (m. 403) si arriva con circa 6 ore di cammino al Rif. Forte dei Marmi all’Alpe della Grotta (m. 865), passando per Campo all’’Orzo, Foce del Termine, Foce del Pallone, Alto Matanna, Callare del Matanna, Alpe della Grotta; 2ª tappa: dal Rif. Forte dei Marmi (m. 865) si raggiunge in 5 ore il Rif. Enrico Rossi alla Pania (m.1590) passando per la Fonte di Moscoso, Foce di Petrosciana, Passo dell’Arco, Foce di Valli, Passo degli Uomini della neve, Foce del Puntone;

3ª tappa: dal rif. E. Rossi (m. 1590) si perviene con 3 ore al Rif. Giuseppe del Freo alla Foce di Mosceta (m.1195), passando dalla Focetta del Puntone, Borra di Canala, Foce di Mosceta. (dalla Focetta del Puntone, per la brevità del percorso, si consiglia la salita alla Pania della Croce (m. 1859);

4ª tappa: dal rif. G. del Freo (m. 1195) si viene in 5 ore al rif. Adelmo Puliti in Arni (m.1005) transitando per il retro Corchia, Colle di Fociomboli, Passo di Croce, Passo dei Fordazzani, Colle del Cipollaio, bivio Cervaiole, Cave del Fondone, Le Gobbie, Castellaccio, Case Giannelli;

5ª tappa: dal rif. A. Puliti (m.1005) si perviene con 6 ore al Rif. Nello Conti ai Campaniletti (m. 1442) superando il Colle del Castellaccio, Le Gobbie, Coda del miccio, Colle del Macina, Passo Sella, Arnetola, Passo della Tambura, Finestra Vandelli, i Campaniletti;

6ª tappa: dal Rif. Conti (m. 1442) si arriva con 4 ore al Rif. Orto di Donna alla cava 27 (m.1503) passando per la finestra Vandelli, passo della Tambura, cima della Tambura, passo della Focolaccia (bivacco Aronte), la Foce di Cardeto, bivacco K27; 7ª tappa:dal rif. Orto di Donna (m.1503) ci si sposta con 5 ore e mezzo al Rif. Carrara a Campo Cecina (m.1318) superando la Foce di Giovo, Capannelli del Giovo, Fonte della Vaccheccia (capanna Garnerone), Foce di Rasori, Foce di Navola, Foce di Vinca, Foce del Pollaro, Foce del Faneletto, Capannelli del Sagro, Foce di Pianza, prati di Campo Cecina. (Giuseppe Vezzoni)

In autunno l’Alta Via delle Apuane si avvia a diventare percorso per espertiScorci del Piastraio 9.3.2014 018

Dopo il 15 settembre i rifugi restano aperti solo nei fine settimana. Pertanto l’escursione dell’Alta Via delle Apuane nel periodo autunnale e invernale non può più essere compiuta nella continuità giornaliera delle sue sette tappe ma programmando i percorsi da scegliere nei weekend. Le escursioni diventano fisicamente più impegnative, poiché si dovrà prevedere il tragitto di accesso al rifugio di partenza e quello di rientro dal rifugio di arrivo, nonché il dover considerare le minori ore di luce a disposizione per effettuare l’escursione. Inoltre, man mano che si avvicina la brutta stagione, le tappe dell’Alta Via delle Apuane da escursioni si trasformano in percorsi per esperti muniti di attrezzatura, di abbigliamento adeguato e, nel gradiente ultimo stagionale, il periodo invernale, con capacità alpinistiche. Una considerazione da fare: durante le escursioni, l’appassionato deve percorrere tratti di strade marmifere. Il fatto non deve scandalizzare l’escursionista. L’estrazione del marmo sulle Apuane, spesso giustamente contrastata per certi metodi estrattivi condannabili, ha su queste montagne una tradizione secolare; fa parte di una cultura del lavoro unica al mondo. L’ambiente di cava ha il fascino dei lavori eroici che l’uomo sa esprimere. Percorre queste strade può rappresentare un momento di meditazione e di conoscenza di un lavoro che non può essere scisso dalla cultura dei luoghi. Una visita alle Cave Cervaiole può essere una sosta importante. Dalla capanna Puliti sono possibili escursioni al Monte Altissimo, Macina, Sella, Fiocca, Sumbra, Freddone, nonché le traversate al Rif. Rossi alla Pania e al Rif. Conti ai Campaniletti. (Giuseppe Vezzoni)

 

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

DOMANI FACCIAMO LA SPESA

A CHI NON LA PUO’ FARE

«Vi invito a fare posto nel vostro cuore a questa urgenza, rispettando questo diritto dato da Dio a tutti di poter avere accesso ad una alimentazione adeguata. Condividiamo quel che abbiamo nella carità cristiana con chi è costretto ad affrontare numerosi ostacoli per soddisfare un bisogno così primario. Invito tutti noi a smettere di pensare che le nostre azioni quotidiane non abbiano un impatto sulle vite di chi la fame la soffre sulla propria pelle».

Papa Francesco, 9 dicembre 2013

Domani giornata del banco alimentare

NB: Questo comunicato è stato scaricato dal sito del Banco Alimentare, pubblicato il 30.10.2014

Sabato 29 novembre si terrà in tutta Italia la diciottesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare (GNCA). Più di 135.000 volontari della Fondazione Banco Alimentare Onlus, in oltre 11.000 supermercati, inviteranno a donare alimenti a lunga conservazione che verranno distribuiti a 8.898 strutture caritative (mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà, centri d’accoglienza, ecc.) che aiutano oltre 1.950.000 persone povere.

Un italiano su dieci soffre di povertà alimentare, in soli sette anni la povertà assoluta è quasi triplicata.

In Italia 6.000.000 di persone soffrono la povertà. Di fronte a questo oceano di bisogno che neppure la società più perfetta può risolvere, chiunque avverte un senso di impotenza, ma anche l’urgenza di mettere a disposizione qualcosa di sé per aiutare chi ha bisogno.

Per questo ti invitiamo a vivere con noi la Colletta Alimentare, un piccolo gesto offerto come esempio per tutti. Nella speranza che condividendo il bisogno del cibo ognuno possa imparare l’unico atteggiamento veramente concreto nei confronti degli altri: l’attenzione e l’amore alla persona così come è.

Dal sito del Banco Alimentare

Le bugie hanno le gambe corte: disoccupazione al 13,2%. Un record! Mai così alta dal 1977

Ecco un altro record del Governo Renzi e del Pd nell’anno in cui l’Italia sarebbe dovuto crescere il Pil del + 0,8%: la disoccupazione conquista il record con un 13,2%, mai toccato dall 1977. Quel + 13,2% significa che nel mese di ottobre 2014 i disoccupati sono aumentati rispetto a ottobre 2013 di 286mila unità, mentre su base mensile, rispetto al mese precedente di settembre, di 90mila unità (+ 0,3%). Un dato fortemente negativo che segue di due giorni quello fornito dal Centro Studi di Confindustria, che in maniera quasi rassicurante attestava che la disoccupazione si era fermata e già si vedevano segnali di ripresa. Il sostegno al Jobs Act di Confindustria non ha influito proprio niente sulla benevolente analisi fornita l’altro ieri e che oggi è sonoramente smentita dai rilevamenti Istat? Complessivamente tre milioni e 400 mila italiani sono senza lavoro e il dato della disoccupazione giovanile rimane mostruosamente al + 43,3%, un dato drammatico, soprattutto se si proietta su cosa determinerà in un prossimo futuro l’occupazione di un giovane su due. Tuttavia Renzi ha detto che con il suo Governo ci sono 100mila posti di lavoro in più. Speriamo di non essere ancora di fronte ai ristoranti pieni e le autostrade intasate per gli italiani che andavano in vacanza con cui Berlusconi negava la crisi, ma i dati impietosi dell’Istat sull’occupazione sono al momento il disastro di questi primi nove mesi del Governo Renzi.

Giuseppe Vezzoni,28.11.2014

Bollette di Gaia con la voce Partite Pregresse 2006-2011Boletta Gaiia 001

Versilia_ Siamo stati contattati da numerosi cittadini in merito all’aumento delle bollette di Gaia in seguito all’adeguamento tariffario: la voce da leggere in bolletta è la seguente: ‘partite pregresse 2006/2011’.

Sebbene l’Autorità Idrica Toscana abbia permesso a Gaia di applicare questo aumento retroattivo in bolletta alcune associazioni a difesa dei consumatori contestano il fatto che l’importo da contestare non è altissimo se considerata la singola bolletta ma diventa elevato se sommiamo l’intera rateizzazione che ciascun utente dovrà pagare nei prossimi mesi. Visto il momento di crisi, i numerosi disservizi e le vicende preoccupanti che sono sulle cronache di questi giorni relative alla gestione idrica sarebbe forse più opportuno ridurle le tariffe invece che aumentarle. Invitiamo pertanto la cittadinanza ad informarsi e a contattare le associazioni di tutela dei consumatori qualora vogliano saperne di più.

Da Riccardo M. Cavirani, consigliere di Seravezza, 28.11.2014

RE: Ringraziamo il consigliere di Seravezza Cavirani e giriamo agli amministratori di Stazzema acciocché spieghino agli utenti cosa consiste la voce Partite Pregresse e con quale motivazione i membri pubblici che partecipano all’Assemblea dell’Autorità Idrica di Toscana Nord hanno consentito al gestore Gaia di inserire nella bolletta questa voce, che è un ulteriore aggravio fiscale fatto calare su cittadini-utenti, già oltremodo oppressi da una tassazione che si dice di alleggerire ma che invece si aumenta, anche in forma pregressa.

Giuseppe Vezzoni,addì 28.11.2014

Domenica 7 Dicembre si aprirà il XX° Presepe in Grottapresepe in grotta cartolina web

Pescaglia_ Apuantrek annuncia che il presepe in Grotta sarà visitabile da domenica 7 dicembre. L’ingresso è gratuito. L’accesso ai visitatori è consentito nei giorni festivi dal 7 Dicembre 2014 al 11 Gennaio 2015 dalle ore 10 alle ore 19. il 25 Dicembre il 1° Gennaio e i prefestivi siamo aperti nel pomeriggio, con orario 15-19.

Aperti su appuntamento per gruppi e scuole tutti gli altri giorni, anche dopo cena. Tel. 3381399107 Stefano. Alla grotta si arriva percorrendo con l’auto, la strada che dal paese di Convalle ( comune di Pescaglia, provincia di Lucca ) porta a Piè Lucese dove c’è l’antica ferriera Galgani del 1794. Da lì inizia nel bosco il percorso naturalistico “le Campore” di circa 600 metri che termina all’ingresso della Grotta del Presepe. Noi volontari saremo ad accogliervi davanti alla grotta. Di notte il sentiero è illuminato.

Si consiglia abbigliamento adatto, calzature da trekking e una torcia elettrica per la sera in caso di emergenza. L’interno della Grotta è illuminato, in modo di creare effetti di luce, che pongono in risalto le bellezze delle concrezioni calcaree e facendo esaltare l’acqua turchese del lago che fa da cornice alla Natività. Per la sua particolare scenografia e il suo facile accesso attraverso un percorso in ambienti Naturali incontaminati, è stato indicato come uno tra i migliori Presepi “Ambientati” della provincia di Lucca.A chi piace, è possibile dare una mano giornalmente a titolo di volontariato come fanno tutti gli altri, per stare al presepe ad attendere i visitatori, sarete accolti nella nostra piccola casetta di legno sugli alberi. Oppure contribuire a far circolare questo invito.

Da Stefano Pucci, Guida Ambientale Escursionistica Parco Regionale Alpi Apuane,Iscritto all’Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche,addi 28.11.2014

Prossima l’uscita di un racconto sul Natale di Giuseppe Vezzoni

Salvo impedimenti dell’ultima ora, tra una quindicina di giorni Giuseppe Vezzoni, blogger di Libera Cronaca, pubblicherà con Pezzini Editore un racconto breve sul Natale. Da oggi il testo può contare su una prefazione scritta da una figura molto conosciuta in Versilia e che riveleremo quando il racconto sarà pubblicato. Il blogger vuole inviare attraverso il racconto una cartolina natalizia di speranza ai disoccupati italiani che si apprestano a vivere con le loro famiglie il vicino Natale. Per milioni di italiani anche il Natale 2014 si prospetta molto difficile. Un giorno che tuttavia non deve essere di disperanza ma in segno di fede e di fiducia che il precipitare dell’occupazione si arresti, che il lavoro ritorni, perché – ha detto Papa Francesco – dove non c’è lavoro non c’è dignità. La storia si svolge tra l’antivigilia e la mattina di Natale 2013. Il messaggio finale è improntato alla speranza, alla solidarietà e soprattutto all’amore che deve essere maggiormente cementato nell’ambito famigliare,  in particolar modo quando ci sono da affrontare le avversità che la vita riserva. Il libretto sarà uno spillato di 32 pagine, formato 11x 16, ed avrà presumibilmente un costo di € 5,00.

Il blogger di Libera Cronaca, che in questi anni ha scritto molto sull’economia e sulla crisi iniziata nel 2007, ha sentito il bisogno di dare alle stampe un messaggio di fiducia attraverso la narrazione della vicissitudine di una famiglia operaia che si appresta al Santo Natale con l’ansia e la paura a causa di una messa in mobilità in deroga, ufficializzata al capofamiglia proprio l’antivigilia del Natale 2013, due giorni prima che Papa Francesco, durante la Messa di mezzanotte, richiamasse gli uomini con la frase “Lasciamo che il nostro cuore si commuova”.

In questo anno così impegnativo, Giuseppe Vezzoni ha dato alle stampe due libri complementari per scandagliare la storia dell’eccidio del 12 agosto 1944 attraverso le figure di don Giuseppe Vangelisti e di don Fiore Menguzzo. L’autore versiliese è voluto ritornare al racconto breve in previsione di un impegno più assiduo e continuo da dedicare alla narrazione.

Libera Cronaca,addì 28.11.2014

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...