Libera Cronaca da Italia bene comune 1373 del 1 e 2 settembre 2014

Libera Cronaca da Italia bene comune 1373 del 1 e 2 settembre 2014

giuseppe vezzoni@gmail.com

Fabbisogno dello Stato: nei primi otto mesi migliora di oltre 10,6 miliardi

Nel mese di agosto c’è sato un fabbisogno dello Stato pari a circa 7,5 miliardi, 1,9 milardi in meno rispetto ad agosto 2013. Nei primi otto mesi il fabbisogno si è attestato a circa 50,4 miliardi, con un miglioramento di oltre 10,6 rispetto al 2013. La minore ncessità che si è registata rispetto ai primi otto mesi del 2013 è stata determinata dai minori pagamenti dal bilancio dello Stato, fra i quali quelli inerenti ai minorri interessi da pagare sul debito pubblico, a fronte degli incassi fiscali che sono restati praticamente uguali al 2013.

Giuseppe Vezzoni-addì 1.9.2014

Quella campana che non suona ancora il rintocco della memoria a Sant’Anna di Stazzema

Stazzema_ La Campana della Pace tace. Dopo 12 anni ancora non si è riusciuti a farla emettere il giornaliero rintocco della memoria nella valle dell’eccidio del 12 agosto 1944 rispettando l’intento per cui è stata realizzata e per il quale sono state trovate offerte in tutta la Versilia ed oltre. Fu per la prima volta presentata al pubblico il 12 ottobre 2002 davanti al municipio di Pietrasanta. Ultimamente questo ritardo della sistemazione finale dell’artistico bronzo realizzato dalla scultore Romano Cosci, recentemente deceduto, ha avuto e sta avendo una sua eco di sorpresa, di critica e di provocazione nello spirito fesbuchino di alcuni che si chiedono che farne della campana, con le relative possibili trasformazioni.La campana della pace nn suona ancora 001

Su Il Tirreno del 14 agosto scorso l’articolo di Gabriele Buffoni, seppur errando sulla data della realizzazione, fatta risalire al 2000, e su quella con cui il Comune di Stazzema accettò ( peraltro confermata dalla dichiarazione dell’ ex sindaco Silicani) la donazione dell’opera, che non fu nel 2004 ma nel 2006, ha riportato nell’opinione pubblica l’attenzione sulla campana, ormai sparita dalla cronaca.

Nell’articolo sono riportate le dichiarazioni dell’ex sindaco di Stazzema, Michele Silicani, e del neo sindaco Maurizio Verona, unite a quelle di Maria Bresciani, moglie di Angiolo Berretti, il superstite che si è speso totalmente per raccogliere i fondi che servivano per la realizzazione della campana ma anche per altre opere realizzate e finalizzate a tenere viva la memoria sul 12 agosto 1944.

Puntuali sono le osservazioni che pone la moglie del superstite Angiolo Berretti, la quale chiede per quale motivo molte opere della memoria sono state sistemate in questi anni a Sant’Anna, mentre così non è ancora stato fatto per la Campana della Pace.

L’articolo non offre la verità ai lettori ma cerca di salvare capre e cavoli. Evitiamo di entrare nei particolari dal momento che pubblichiamo, come Libera Cronaca, altre precisazioni che la moglie di Angiolo Berretti ha voluto ancora fornire in merito alla campana ma anche sulla memoria della strage, chiamandoci a raccoglierle lo scorso venerdì nella sua abitazione. Riportiamo fedelmente le affermazioni della signora Maria, precisando che oltre al marito Angiolo era presente una giovane signora e che un nipote di Angiolo leggerà quanto scriviamo.

Mio marito si è impegnato a cercare i soldi, la Versilia e tanta gente ha partecipato per realizzare la campana del ricordo e vederla sistemata nel luogo dove numerosi superstiti sperano di sentirla suonare. Tra l’altro mio marito viene invitato ora che non può più parlare e non quando poteva farlo. Anche a La Spezia non ha potuto dire ciò che avrebbe voluto. La campana – continua la signora Maria – deve essere collocata all’Ossario per rispettare la volontà di coloro che hanno dato i soldi, per rispetto dei morti e di chi ha donato tanto ed è già morto, come Federico Bertelli. Se si potesse tornare indietro, forse sarebbe stato meglio farla sistemare al Comune di Pietrasanta. Per quanto riguarda don Vangelisti, mio marito ha cercato i soldi per realizzare nel paese di La Culla il busto in suo onore, la croce monumentale, l’illuminazione. Inoltre si è adoperato per realizzare il piccolo monumento per ricordare l’impegno profuso da Duilio Pieri e dall’ing. Gorelli per la realizzazione della strada che mena a Sant’Anna. Don Vangelisti si è molto adoperato per il paese di Sant’Anna , ma di questo mi pare che non ci se ne renda più conto. Mio marito non è stato mai considerato. Ci sono superstiti di serie A e di serie B. Ringrazio il sindaco Silicani per quello che ha fatto ma tanti di coloro che hanno contribuito con tanti soldi sono già morti. Per finire voglio dire che Vinicio Pardini ha sempre raccontato le cose come sono avvenute, mentre molti altri superstiti hanno cambiato nel tempo il proprio raccontare”

Molto presto raccoglieremo due testimonianze che permetteranno di conoscere ulteriori particolari su fatti e situazioni inerenti la storia dell’eccidio. Lo scorso aprile la moglie di Angiolo Berretti ha ritrovato fortunosamente una lettera che all’insaputa di tutti, la suocera, Anna Donatini in Berretti, aveva scritto il 6 aprile 1947 al figlio più piccolo, Angiolo, per ricordargli la disperazione e il vuoto della sua vita a seguito dell’uccisione delle figlie Maria Giovanna e Delia (Adelia) da parte dei nazifascisti il 12 agosto 1944. Una lettera che il figlio Angiolo avrebbe dovuto conoscere dopo l’addivenuta morte della madre. Questa toccante lettera, posta in mezzo a pagine di un quaderno, ha rischiato di non essere conosciuta ma addirittura potesse andare persa.

La lettera è stata letta pubblicamente per la prima volta sabato 19 giugno 2014 durante la presentazione del libro “ Sant’Anna di Stazzema. La storia di Pietro,testimone per caso della strage nazifascista” di Marco Piccolino, avvenuta a Sant’Anna di Stazzema nello spazio esterno del locale di Carla Gamba. La pubblicazione di Piccolino raccoglie anche il testo della lettera di Anna Donatini.

Giuseppe Vezzoni-addì 1.9.2014

Pasquale Ancillotti, maestro di vitaDSCN0304

Stazzema_ Capita di rado di incontrare veri Maestri, chi ha avuto questa fortuna non se li scorda, magari li accantona in qualche angolo della memoria in attesa che qualcuno lo inviti a riflettere, ed ecco che riaffiorano i ricordi della prima infanzia che costituiscono spesso le fondamenta di un carattere o di una carriera professionale. Pasquale Ancillotti era un vero maestro capace di segnale l’infanzia dei sui allievi. Sabato 30 agosto parlare di Ancillotti maestro ha destato molte emozioni nel vasto pubblico che ha riempito la sala del Palazzetto del Cardoso. Un sicuro merito alle curatrici di Crealizza, capaci di coinvolgere molte persone nella loro impresa.DSCN0324

Quando vari mesi fa incontri le ragazze di Crealizza, mi resi contro, con un certo entusiasmo, che non tutti i giovani di oggi, sono sfiduciati dal futuro, ma alcuni continuano a provarci e a crederci, mi resi conto che la scelta di dedicare una mostra a Pasquale Ancillotti a Cardoso risultava più che appropriata, ma non riuscivo a comprendere quali potessero essere gli effettivi risultati data la contenuta disponibilità economica che accompagnava l’iniziativa.

Vi erano tuttavia alcuni piccoli presupposti che hanno aiutato l’impresa della mostra degna delle molte avventure che hanno costellato la vita di Ancillotti. Il Gruppo Noialtri di Cardoso, ha raccolto con entusiasmo la sfida e si è proposto di organizzare il rinfresco, le imprese locali non hanno esitato a dare un piccolo contributo, e il Comune, nonostante la carenza di fondi, ha favorito il realizzarsi dell’evento. Il merito resta comunque delle curatrici, che hanno saputo unire le varie componenti.

La mostra continuerà a rimanere aperta per tutto il mese di settembre con vari eventi ed iniziative, che potranno aiutarci a comprendere meglio un’artista, scrittore e poeta, che rischiava di scomparire dalla memoria collettiva e rimanere intrappolato in una litografia appesa ad un chiodo in qualche angolo remoto di casa, o in una libreria stracolma di volumi, nascosto da polvere e da indifferenza.

Francesco Felici-addì 1.9.2014

Il Maestro presenta l’Allievo” VI Edizione 2014 http://www.ilmaestropresentalallievo.it

“Premio Ugo Guidi”

Montignoso_ Rassegna d’Arte Contemporanea rivolta agli studenti eccellenti delle Accademie di Belle Arti Statali Italiane ed Europee. Ideazione, cura e catalogo della mostra di Enrica Frediani 2014. Premiata dal Presidente della Repubblica col “Premio di Rappresentanza”. Premiata dal Presidente del Senato della Repubblica col “Premio di Rappresentanza”. Premiata dal Presidente della Camera dei Deputati col “Premio di Rappresentanza”. Patrocinio del MIBACT concesso dall’on. Dario Franceschini

6 Settembre – 4 ottobre 2014

Villa Schiff -Giorgini Loc. Piazza- Montignoso (Ms). Inaugurazione: sabato 6 settembre ore 18,00. Ingresso libero – Info: 360-491669. orari: martedì / giovedì 10- 12 ; giovedì / venerdì / sabato 17-19 – Festivi chiuso

Organizzazione: Comune di Montignoso e “Museo Ugo Guidi” con Associazione “Amici del Museo Ugo Guidi Onlus”. Col Patrocinio di: Regione Toscana, Provincia di Massa Carrara, Comune di Montignoso, Accademie di Belle Arti statali italiane

Sarà assegnato il “Premio Ugo Guidi 2014”, bronzo a tiratura limitata di “Capra”, 1971 del Maestro Ugo Guidi (1912-1977) e il “Premio Campolonghi” (blocco di marmo da assegnare all’opera vincitrice).

Le Accademie aderenti sono:

Bari – Decorazione – docente Julia Donata Carraro – Allieva – Annalaura Cuscito

Bologna – Scultura- Docente Paolo Delle Monache – Allievo Sun Lian

Carrara – Scultura – Docente Pier Giorgio Balocchi – Allieva Giorgia Razzetta

Catania – Pittura – Docente Gianluca Lombardo – Allieva Mirella Cavallo

Catanzaro – Decorazione – Docente Maria Gina Nicolosi– Allieva Anna Catizone

Firenze – Tecniche Pittoriche – Docente Andrea Podenzana – Allievo Oliviero Biagetti

Foggia – Scenotecnica – Docente Vincenzo Gagliardi – Allieva Isabella Piazzolla

Frosinone – Tecniche del Marmo – Docente Maria Claudia Farina – Allieva Marta Aucone

L’Aquila – Grafica e tecniche dell’incisione – Docente Valter Battiloro – Allievo Andrea Orlandi

Lecce – Tecniche del Marmo e delle Pietre Dure – Docente Giampiero Quarta – Allievo Marco Maschio

Macerata – Anatomia Artistica – Docente Anna Maria Cognigni – Allieva Iuliia Baziaeva

Napoli – Grafica d’Arte – Docente Erminia Mitrano – Allievo Andrea Matarazzo

Reggio Calabria – Pittura – Docente Lucia Nazzaro – Allievo Giulio Manglaviti

Roma – Scultura – Docente Oriana Impei – Allievo Dangyong Liu

Torino/Albertina – Plastica Ornamentale – Docente Paolo Serrau – Allievo Giovanni Salvaro

Urbino– Plastica Ornamentale – Docente Luisa Valentini – Allievo Ling Jie

Venezia – Anatomia Artistica e Disegno – Docente Annalisa Tornabene – Allieva Chiara Lorenzetto

Accademie Europee di Bilbao – Valencia ( Spagna)

(Progetto Erasmus) L’Aquila – Docente Valter Battiloro – Allievi : Laura García Riaño, Carlos Salvador Mira

per il progetto Statue Stele

Accademia di Belle Arti di Carrara Museo Archeologico – Castello S. Giorgio della Spezia.

I docenti: Paolo Bresciani, Sergio Cervietti, Piero Marchetti, Massimiliano Menconi: Allieve: Eunji An, Giulia Casali, Jessica Corazzini, Paola Garbini, Caitlin Southwick, Carolina Vatteroni.

La Giuria del “Premio Ugo Guidi 2014” è composta da: Rinaldo Bigi – Artista; Alba Gonzales – Artista; Vittorio Guidi – Museo Ugo Guidi; Nicola Micieli – Storico, critico d’arte; Barbara Paci – Gallerista

Ricerche sulle opere di David Abraham Bueno de Mesquita

Buongiorno signore Giuseppe Vezzoni. Molte grazie per il vostro aiuto. Resto in contatto con voi da farvi parte della progressione delle mie ricerche sulle opere di David A. Bueno de Mesquita a Stazzema. Molto cordialmente

Alexandre Meinesz-Bueno de Mesquita- 1.9.2014

Re: Siamo onorati dell’attenzione e seguiremo e informeremo sulla ricerca che in maniera più compiuta sta facendo per quanto riguarda l’attività artistica di suo zio David, in particolar modo la produzione pittorica che riguarda Stazzema. Cordialmente.

Giuseppe Vezzoni-addì 1.9.2014

Blog liberacronacachenonce nel mese di agosto 2014

Il blog liberacronacachenonce nel mese di agosto ha avuto un decremento di 29 contatti giornalieri rispetto a luglio. Complessivamente nel mese di agosto i contatti son stati 9062 per una media gornaliera pari a 292. Tuttavia questa flessione permette ancora di giungere a tagliare entro la fine di dicembre il nastro dei 500mila contatti dalla metà di maggio 2010. A tale risultato ne mancano 35.500.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...