Libera Cronaca da Italia bene comune 1364 del 19 e 20 agosto 2014

Libera Cronaca da Italia bene comune 1364 del 19 e 20 agosto 2014

giuseppevezzoni@mail.com

Ultim’ora Libera Cronaca 1364,postato ore 13,30 del 20.8.2014

In programma oggi, mercoledì 20 agosto, alle 16,00,  il II° Trofeo Paolo Conti cronometro individuale in montagnaarrivoDSCN8073DSC_0361

Stazzema: Si svolgerà oggi, 20 agosto, a partire dalle ore 16,00, sul percorso tra Pontestazzemese e Farnocchia il II° Trofeo Paolo Conti, cronometro individuale in montagna, prova unica valida per il Campionato Toscano di specialità nella categoria amatori. Il percorso ha la lunghezza di 7,5 km con partenza di fronte al Palazzo Municipale alle ore 16 ed è interamente in salita con punte di pendenza anche notevoli dopo la svolta in località Mulina. Il Trofeo è stato organizzato dalla Filarmonica Santa Cecilia di Stazzema, di cui Paolo Conti è stato per lunghi anni presidente, e dal GS Pedale Pietrasantino. Paolo Conti è stato una figura di spicco della politica stazzemese, prima consigliere comunale, e dal 2004 assessore alla Pubblica Istruzione, al Sociale e all’Associazionismo sino alla sua morte nel 2013. Lo scorso anno la cronoscalata ebbe un enorme successo tanto da suggerire la riproposizione dell’appuntamento nel 2014 allo scopo di dare continuità alla manifestazione.

“Siamo molto contenti di ripetere l’iniziativa dello scorso anno”, commenta il Sindaco Maurizio Verona, “nel ricordo di un amico e di una grande figura della politica stazzemese e versiliese. L’opera di Paolo Conti è in moltissime iniziative e nei servizi che abbiamo attivato come amministrazione quando era in Giunta e che intendiamo difendere anche in suo nome. Credo che conoscendo Paolo, la cosa migliore sia farlo con un inno alla vita come può esserlo una iniziativa sportiva. Ringraziamo gli organizzatori per aver ancora una volta voluto organizzare questo evento ed in particolare gli amici del Paese di Farnocchia in cui Paolo ha vissuto e che ha cercato di far crescere”.

Stazzema, 19 agosto 2014

Comunicato da Michele Morabito, funzionario Comune di Stazzema

Targhe rimosse o prossime per esserlo. Il consigliere Lorenzoni chiede spiegazioni

Stazzema_ Con lettera posta al protocollo stamani, il consigliere comunale Gian Piero Lorenzoni ha scritto al sindaco di Stazzema, all’assessore alla cultura e ai capigruppo consiliari in merito alla targa rimossa di Padre Ernesto Balducci nella sala del museo di Sant’Anna di Stazzema e a quella del 50° anniversario della strage di Sant’Anna che si trova nell’atrio del consiglio comunale e che potrebbe essere spostata. L’istanza del consigliere ritorna anche sulla rimozione della targa riportante la motivazione della Medaglia d’oro conferita al Comune di Stazzema che fu tolta dalla facciata e mai più ricollocata del palazzo comunale a seguito di un intervento di sistemazione e di tinteggiatura. La lettera è stata inviata per conoscenza anche al Presidente dell’Associazione Martiri di S.Anna.

Ho potuto leggere il depliant di Sant’Anna e nella parte in cui descrive gli spazi del locale Museo recita: “……..A piano terra l’ampia sala intitolata a padre Ernesto Balducci è adibita a convegni, conferenze e attività didattica……”ecc.

L’esattezza dell’indicazione pubblicizzata mi costringe a chiederle perché all’interno della stessa sala non è stata ricollocata la targa (…in marmo) riportante il nome di colui a cui la sala è stata intitolata? E’ di tutta evidenza che chi visita e/o utilizza la sala dovrebbe poter leggere quanto riportato nel materiale informativo distribuito.

Colgo altresì l’occasione per chiedere puntuali informazioni sulla mancata ricollocazione della lapide che riporta la motivazione della Medaglia d’Oro al Valor Militare, assegnata al nostro comune per la Versilia, che faceva bella mostra di sé sulla facciata del Municipio, dove era stata apposta prima che venissero eseguiti i lavori di ristrutturazione, ormai ultimati da parecchi anni.

Infine ho letto nella relazione tecnica di accompagnamento al progetto di ristrutturazione del palazzo municipale (v. all. GM 40_2014) che con la sistemazione del piano terra si prevede lo spostamento della lapide marmorea che ricorda il 50° anniversario dell’eccidio di Sant’Anna e che la stessa verrà collocata sul secondo pianerottolo delle scale, prima del primo piano.

Sembra di capire che lo spostamento della preziosa lapide commemorativa serva a far posto, sempre al piano terra, ad una diversa collocazione delle macchinette per la distribuzione del cafè e di alcuni generi alimentari. Con presente la invito a voler soprassedere alla decisione presa con la delibera citata e lasciare al suo posto la lapide che onora la memoria dei martiri di Sant’Anna e quanti caddero per la nostrà libertà. In attesa di ricevere urgente risposta scritta, saluto

Consigliere Comunale Gian Piero Lorenzoni,addì 19.8.2014

La Nazione di oggi, cronaca di Pisa, ha ricordato la commemorazione di Don Fiore Menguzzo a PisaA

Pisa-Stazzema_ Differentemente per quanto è avvenuto per la cerimonia commemorativa della strage di Mulina di Stazzema tenutasi lunedì mattina 11 agosto, stamani, su le pagine de La Nazione, è stata ricordata la cerimonia che nel pomeriggio dell’11 agosto si è svolta presso il colombario della famiglia Menguzzo sito nella Cappella San Giovanni del cimitero suburbano di Pisa. Per la prima volta don Fiore Menguzzo e i suoi famigliari trucidati dai nazifascisti sono stati ricordati nella città di residenza da cui sfollarono a seguito dei pesanti bombardamenti degli aerei Alleati che nel mese di giugno si abbatterono su Pisa. Per integrare l’informazione ricordiamo che alla cerimonia era presente anche Antonio Menguzzo e signora, nipote anch’esso di Don Fiore. Presenti pure i professori Anselmo Baroni e Michele Dossi, venuti da Trento, curatori della pubblicazione All’alba di Sant’Anna. Il 12 agosto 1944 di don Fiore Menguzzo e della sua famiglia (Il Margine), il libro scritto da Giuseppe Vezzoni in collaborazione con Graziella Menato.

Giuseppe Vezzoni-addì 19.8.2014

Coperta di un caduto della Buffalo ancora da collocareCoperta di un Buffalo morto a S.Ilario di Brancoli nel 1944 002

Stazzema_ Ormai sta per scoccare un anno da quando un signore di Querceta consegnò a Giuseppe Vezzoni una coperta di un militare della Divisione Buffalo che nel settembre del 1944 cadde durante la battaglia che gli Alleati ingaggiarono contro i tedeschi per la liberazione della Brancagliana. Siamo ancora in attesa che si programmi una cerimonia che ufficializzi la donazione di questo cimelio che nelle intenzioni del donatore dovrebbe restare esposto al pubblico nel Museo di Sant’Anna di Stazzema o, in subordine, in qualche luogo della memoria dell’estate del 1944 che potrebbe essere anche la chiesa di Mulina di Stazzema. A tal fine ripubblichiamo quanto scrivemmo su Libera Cronaca del 10.9.2013 dopo la proiezione nella chiesa di San Rocco del docu-film Inside Buffalo del regista Fred Kuwornu avvenuta la sera precedente.

Nel tardo pomeriggio di ieri, R.C. di Querceta, bussava alla casa di Giuseppe Vezzoni per consegnargli una coperta appartenuta ad un soldato della Divisione Buffalo caduto tra il 15 e il 19 settembre 1944 durante la sanguinosa liberazione della Brancoleria ( territorio lucchese-Media Valle) dalle truppe tedesche. La coperta è restata conservata in un armadio per 69 anni. Fu raccolta da Alemanno Carli, classe 1888, allora residente a Gignano di Brancoli, un parente di R.C. La coperta è accompagnata da un bigliettino scritto dalla mamma di R. C., oggi ultra novantenne, a memoria del significato della coperta: “coperta soldato americano (moro) morto sotto i bombardamenti a S.Ilario di Brancoli. Oltre alla coperta e il bigliettino era consegnata a Giuseppe Vezzoni anche una testimonianza, scritta dalla madre nel 1978: Sfollamento di Brancoli- Da Gignano a Lucca 1944. Riportiamo queste testuali parole che R.C. ha detto a Giuseppe Vezzoni al momento della consegna: “Ho sentito improvvisamente che questa coperta non poteva stare più nel mio armadio perché era fuori posto. Deve essere conservata in un luogo dove tutti possono vederla e sapere che è appartenuta ad un soldato di colore che ha perso la vita per liberarci, oppure deve essere consegnata al veterano della Buffalo, Ivan J. Houston, che questi giorni è in Lucchesia e che mercoledì sarà ospite a Seravezza. Mi fido di te. Fanne il meglio uso che riterrai di fare. Io non sono adatto per questo. So di consegnarla ad una persona che ammiro per i libri che scrive. Quasi sicuramente la coperta è appartenuta ad uno dei soldati della Buffalo ( da tre a quattro) caduti durante i combattimenti per la liberazione della Brancoleria, in località S.Ilario di Brancoli, luogo in cui ci sono delle lapidi a ricordo, così ci è stato detto. La consegna della coperta è stata resa pubblica ieri sera, prima della proiezione del documentario sulla Buffalo.

Chiediamo all’amministrazione di Stazzema di decidere quanto prima per sollevare Giuseppe Vezzoni dall’obbligo morale che si è assunto ma che non ha ancora onorato. Il settantesimo della liberazione della Versilia potrebbe arricchirsi anche della cerimonia di donazione della coperta del caduto della Divisione Buffalo Soldiers.

Giuseppe Vezzoni-addì 19.8.2014

Chiuse le mostre Gli allievi di Nera Simi e il Cenacolo StazzemeseMostra allievi di Nera Simi a Cardoso 001

Stazzema- Domenica si sono concluse le mostre Gli allievi di Nera Simi e il Cenacolo Stazzemese, rispettivamente allestite presso il Palazzo della Cultura a Cardoso e la Casa del Berlingaio in Stazzema capoluogo. Avremmo piacere di ricevere dagli organizzatori il quadro delle presenze e sapere se l’impegno profuso è stato gratificato dai risultati ottenuti. Le due mostre sono state sostenute economicamente anche dagli enti dell’Unione dei Comuni della Versilia e dal Comune di Stazzema, soprattutto per quanto riguarda l’allestimento espositivo e la stampa dei cataloghi.

Giuseppe Vezzoni-addì 19.8.2014

Domani di corre il 2° Trofeo Paolo Conti: cronoscalata Pontestazzemese-Farnocchia. Prova unica Campionato Toscano cat. amatoriale

volantino-cronoscaltata

Stazzema_ Domani le frazioni stazzemesi di Pontestazzemese e di Farnocchia, conseguentemente il tratto di strada lungo sette chilometri è mezzo che vede l’attraversamento della frazione di Mulina di Stazzema sarà interessati dai preparativi per la disputa del 2° Trofeo Paolo Conti, una cronoscalata per amatori suddivisi nelle diverse categorie, prova unica del Campionato Toscano. La prima edizione si disputò il 15 settembre 2013 ed arrise a Marcello Raffaelli. Al secondo posto si classificò Scotti. Domani la partenza scaglionata dei concorrenti inizierà alle 16. La cronoscalata è promossa dalla nuova società Filarmonica S. Cecilia di Farnocchia, dal G.S. Pedale Pietrasantino e patrocinata dal Comune di Stazzema.

Giuseppe Vezzoni-addì 19.8.2014

Venerdì 22 agosto Serata giovani nell’area medicea di Seravezza (ore 21,00)locandina_giovani_finale-1

Sabato 23 agosto a Palazzo Barberi di Pietrasanta Gli ultimi capolavori (ore 21,00)Gli ultimi capolavori

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Libera Cronaca da Italia bene comune 1364 del 19 e 20 agosto 2014

  1. Baldino Stagi ha detto:

    CI SAREBBE DA CAPIRE SE GLI AMMINISTRATORI CI SONO O CI FANNO. Baldino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...