Libera Cronaca da Italia bene comune 1318 del 13, 14 e 15 giugno 2014

 

Libera Cronaca da Italia bene comune 1318 del 13, 14 e 15 giugno 2014

 DA STASERA NON SARA’ PIU’ INVIATO IL LINK GIORNALIERO  DI LIBERA CRONACA

Blogger Giuseppe Vezzoni-addì 16.6.2014 ore 17,50

Ultim’ora Libera Cronaca 1318 del 15.6.2014Pisa 22.5.2014 001

Giovedì, alla libreria Feltrinelli di Pisa, il prof. Paolo Pezzino presenterà la ristampa del libro Nel regno della mafia di Napoleone Colajanni

Ristampa curata da Gianluca Fulvetti

Pisa_ Tra le presentazioni organizzate dalla Libreria Feltrinelli di Pisa per il mese di giugno, giovedì 19 alle ore 18, Paolo Pezzino presenterà la ristampa di un classico della letteratura sulla mafia, “Nel regno della mafia”, scritto da Napoleone Colajanni nel 1900, che ho curato (aggiungendo una Introduzione) per i tipi di una piccola casa editrice di Ragusa che ha avviato un interessante progetto culturale incentrato sulla ristampa, appunto, di “classici” dedicati alla mafia.

Come è noto, il libro è una sorta di instant book scritto al tempo del processo contro il deputato Raffaele Palizzolo, mafioso, responsabile dell’uccisione dell’ex-sindaco di Palermo e Direttore del Banco di Sicilia Emanuele Notarbartolo, una vicenda di straordinario interesse e rilevanza, che ebbe a fare della mafia e dei rapporti tra mafia e politica una questione nazionale.

Gianluca Fulvetti-addì 14.6.2014

Studio Mattina, successo di audience con Claudia Mercurio e Francesco MastrandeaConduttori Claudia Mercurio e Francesco Mastandread'aIUTO 4

Notevole successo di audience per “Studio Mattina”, ripartita lunedì 10 marzo alle 10,30 i cui nuovi conduttori sono Claudia Mercurio (conduttrice de “Il bello del calcio” su Canale 21 insieme a Ivan Zazzeroni) e Francesco Mastandrea (speaker di Radio Marte, conduttore del programma “Marte comic show” insieme a Lino D’Angiò). Canale 9 è un’emittente televisiva napoletana a diffusione regionale. E per quanto si parli di mondo globalizzato, occorre ricordare che esiste anche una forma di “glocalizzazione”, per cui il “locale” si deve espandere ovunque, per permettere che non vada dimenticato il patrimonio che ogni società, nel suo “essere localizzata in un territorio”, possiede. E’ questa la forza delle nostre emittenti che estendono, come Canale, la loro attività su territori ben definiti. La sede di Canale 9 si trova in via Nicotera, a Napoli e si estende, come rete in cinque province campane, ossia Napoli, Caserta, Salerno, Benevento e Avellino, più la zona della Puglia confinante con la Campania. Oggi noi esseri umani facciamo convivere due forme di “spazio”, ossia quella che ci riguarda strettamente con l’estensione materiale del nostro corpo e l’altra. con cui entriamo in contatto attraverso i nuovi mezzi di comunicazione.

Manuel Castells (1966) sintetizza questo discorso teorizzando l’esistenza di due diverse forme di spazio che caratterizzano il vissuto dell’uomo contemporaneo: abbiamo da una parte lo spazio dei luoghi, ossia lo spazio della corporeità, della prossimità; dall’altro uno spazio dei flussi, ossia lo spazio della trasmissione simultanea di informazioni, di immagini, di capitali.” Tornando alla nostra emittente, il cui programma “Studio Mattina” sta nuovamente mantenendo desta l’attenzione degli spettatori, occorre ricordare che ha un palinsesto di tipo generalista, comprende sitcom, tg regionali, spot regionali ed anche cartoni animati. E’ divenuta più forte inglobando un’altra emittente che aveva il suo seguito: Teleoggi.Non si può difatti, dimenticare, ad esempio,TeleGaribaldi, la trasmissione comica andata in onda su scala regionale, tra il 1996 e il 2002 e successivamente da 24 dicembre 2008 al maggio 2009. Teleoggi è stata il trampolino di lancio per molti giovani comici che oggi sono divenuti conosciuti a livello nazionale. Nel dicembre 2009 Canale 9 conseguì dal Ministero delle Comunicazioni una concessione regionale che le consentì di trasmettere sul canale UHF 42 e nel dicembre 2010, con l’introduzione della LCN, regolamentata dall’ AgCom in Campania, Canale 9, divenne la prima emittente locale presente in lista. I nostri nuovi amici di “Studio Mattina”, Claudia Mercurio e Francesco Mastandrea stanno dimostrando la giusta capacità di trasmettere emozioni, cultura, notizie e continuità “fisica” con gli spettatori, tenendo fede alle nuove esigenze dello “spazio dei flussi”, come li ha intesi Castells nel suo “La nascita della società in rete” (pag 472), quando precisa:

E’ però fondamentale separare il concetto basilare di supporto materiale di pratiche simultanee, dalla nozione di contiguità, per poter dar conto della possibile esistenza di supporti materiali di simultaneità che non dipendono dalla contiguità fisica, dato che questo è proprio il caso delle pratiche sociali dominanti dell’età dell’informazione”.

E per supporto materiale intende un circuito di scambi elettronici, quali ad esempio le telecomunicazioni ed i sistemi di trasmissione televisive. Castells interpreta come spazio dei flussi un’entità, in parte reale ed in parte virtuale, che ha come primo fondamento un circuito di scambi elettronici e aggiunge che si tratta di fatto di “ un supporto materiale a pratiche simultanee. Pertanto è una forma spaziale, proprio come potrebbe esserlo “la città” o “la regione” nell’organizzazione della società mercantile o della società industriale”, assumendo come configurazione spaziale fondamentale “la rete di comunicazione”. Quando, dunque, in zone contigue o decisamente non contigue alla localizzazione di “Studio Mattina” i nostri conduttori Claudia Mercurio e Francesco Mastandrea accolgono in studio personalità diverse e rappresentative della cultura, sia in campo medico, che legale, giornalistico o di altri settori, dando spazio alle (molte) telefonate che giungono da vicino e da lontano, rendono possibile quell’opera di coniugazione tra ciò che è vicino e contiguo (spazialmente) e ciò che lo diviene per merito del potere della comunicazione radiotelevisiva.. Buon lavoro, dunque, agli amici di “Studio mattina”. (Bianca Fasano)

Da Accademia dei Parmenidei-addì 14.6.2014

 

Ultim’ora Libera Cronaca 1318 del 14.6.2014

Oggi le esequie di Vinicio Pardini, superstite di Sant’Anna di Stazzema

Stazzema_ Dopo  una lunga malattia è deceduto Vinicio Pardini, superstite di Sant’Anna di Sant’Anna di Stazzema. Aveva 84 anni. Al tempo dell’eccidio aveva 14 anni. Nelle sue testimonianze non ha fatto  sconti a nessuno: fascisti, nazisti e partigiani. Le esequie sono state celebrate nella chiesa di San’Anna da Don Filié. Poi la salma è stata portata a valle per la cremazione. Viveva con la figlia Maria in località Lavacchino,  nella frazione di Pontestazzemese. Un altro testimone dell’eccidio porta con sé quell’infernale sabato di 70 anni fa che fu il 12 agosto 1944. Alla famiglia e a tutti i parenti le condoglianze di Libera Cronaca e del Gruppo Labaro Martiri di Mulina di Stazzema.

Giuseppe Vezzoni- addì 14.6.2014

Le macchine sui piedi di Bianca Fasano

Non è vivibile: a Napoli (Vomero), tra Via Case Puntellate e Discesa Lacco, Vico Acitillo: tante abitazioni che affacciano su di una stradina stretta invasa dalle auto e dalle motoacitillo 1

C’è chi, per andare al lavoro, a piedi, passa per questo percorso di “Vico Acitillo”, cercando di sfuggire alle auto che, senza minimamente preoccuparsi dei pedoni, vi passano a velocità sostenuta. Anche auto di grossa cilindrata, le quali occupano praticamente il vicolo per intero e se non si sta attenti, ti passano sui piedi. Sì, perché i conducenti non sembrano rendersi conto del fatto che si tratta di una stradina su cui affacciano tante e tante case e botteghe. Una stradina su cui gli abitanti debbono anche trovare lo spazio per stendere i panni, in quanto nelle loro case, di spazio, non ve n’é. Serrati nelle stanze, con aperture piccolissime e porte super sprangate a causa del timore dei ladri, chi abita su quella “via” non può neanche uscire di casa senza il rischio che un’auto si porti via loro, eventuali carrozzini di bimbi, o il portoncino aperto di corsa.acitillo 4

Sembra proprio che in Italia, a Napoli, si sia deciso che vi sono persone destinate a vivere bene, altre meno ed infine quanti, per vivere, si debbono ritagliare gli spazi e debbono anche contenderli alle macchine.

Ma la stradina è comoda, tanto che, nel caos della città di Napoli, laddove lo splendido litorale “e’ stato liberato” dal “25 di aprile” del nostro sindaco, e non si sa più dove passare con le automobili a causa di cento divieti, sono molti gli autisti che la conoscono e la percorrono sin dalle prime ore del mattino. Automobilisti che in questi giorni hanno letteralmente “bestemmiato i santi”, vedendola momentaneamente chiusa al traffico per lavori. Laddove, invece, i “legittimi proprietari”, felici della momentanea calma, si sono affacciati alle loro case sperando dentro di loro che gli aggiusti durino molto. Arriva anche il caldo e certamente quelle case, anche se munite di qualche condizionatore d’aria (che la preleva nel vicolo, tra i gas di scappamento di auto e motociclette), d’estate debbono essere davvero un forno.

Ma, cosa importa? A Napoli c’è il litorale “liberato”, laddove chi abita nelle vicinanze può percorrerlo in bici ed i turisti possono dire meravigliati: -“Che splendido paese è questo!”. Sempre, però, che non cerchino di percorrerlo in bus, in metropolitana o in taxi, in quanto, facendolo, non potranno non notare come sia praticamente impossibile per “la popolazione attiva”, vivere un giorno sereno. Non sarò il caso di ricordarsi che non esistono cittadini di serie a, b, c, d, effe?

Di qualcosa deve essersi conto anche il Comune di Napoli se, come si può leggere anche sul sito del Comune di Napoli: “fino a settembre 2014 non saranno in vigore i dispositivi di limitazione al traffico e sono previste due domeniche ecologiche al mese, la prima e la terza domenica del mese, dalle 9.30 alle 13.00“. Ecologiche, sì, le domeniche, anche per chi abita in Vico acitillo. Forse.E intanto, per muoverci in Napoli si è costretti a divenire sempre più tecnologici, utilizzando una “Applicazione mobile“ allo scopo di localizzare i dispositivi di traffico del comune di Napoli. Certamente, in quanto, per percorrere la città, dobbiamo essere ben informati sulle ZTL, sui varchi e i parcheggi, sullo stato delle linee di trasporto pubblico e su quello del traffico in tempo reale.

D’altra parte: tutto grasso che cola se gli automobilisti locali o stranieri sbagliano un varco: le multe sono una gan bella cosa per il comune di Napoli.
Mentre a Vico Acitillo, tra breve, fatti gli aggiusti, le auto ricominceranno ad imperare sui pedoni senza curarsi di nulla, come se alla guida di queste vi fossero dei robot e non gente comune che, appiedata. risulti anch’essa, pedone“.

Bianca Fasano

terre_e_vini_news_letter

 

Domani sera a Levigliani il concerto della Rio Americano Concert &JazzBand

 

Oggi e domani a Levigliani sventola la bandiera a stelle e strisce piu’ famosa al mondofoto

 

Buongiorno Giuseppe,invio di seguito articolo sull’evento organizzato dalla Filarmonica di Levigliani in occasione dei 110 anni dalla fondazione con preghiera di pubblicazione.Allego anche qualche foto per eventuale tuo utilizzo.Ringraziando anticipatamente per lo spazio che potrai dedicarci.Cordiali saluti.390561_3061285537271_122775755_n

Stazzema_ La Filarmonica S.Cecilia di Levigliani festeggia quest’anno il 110° anniversario dalla fondazione (1904-2014) e per l’occasione ospita per la prima volta una banda che proviene da oltreoceano: direttamente da Sacramento, capitale dello Stato della California (USA), Sabato 14 giugno arriva a Levigliani la RIO AMERICANO CONCERT & JAZZ BAND.

Il gruppo sarà a Levigliani per due giorni, visitando anche il sistema turistico “Corchia Underground”, ma il programma toccherà il suo apice Domenica 15 giugno quando la Filarmonica di Levigliani darà il via ai festeggiamenti con l’accoglienza dei colleghi americani alle ore 19:00 presso P.zza Ortali. La serata proseguirà con il concerto della RIO AMERICANO CONCERT & JAZZ BAND alle ore 21:00 presso P.zza Simi.

La Filarmonica S.Cecilia di Levigliani è lieta di condividere con tutti gli appassionati questo importante traguardo e di proporre una serata dedicata alla cultura e al divertimento, all’insegna dell’amore universale per la musica.

Rosaria Minetti, presidente Filarmonica S. Cecilia di Levigliani-addì 14.6.2014

 ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Debito pubblico: ad aprile un aumento di altri 26,2 miliardi che portano alla stratosferica cifra di 2 milioni e 146,4 miliardi di euro.

Mentre si sta discutendo con che acqua spegnere l’incendio del debito pubblico, il fuoco divampa e sta per causare il crac definitivo. Il mangia mangia e l’iniquità della distribuzione della ricchezza pubblica ma soprattutto per l’iniquità infernale della contribuzione fiscale che colpisce i redditi bassi continuano la loro sfrenata corsa unitamente all’evasione, alla corruzione e agli sprechi nel paese bene comune di pochi. Salite le entrate fiscali dell’ 1,2% nei primi quattro mesi, anche se su base annua restano per ora invariate perché compensano un calo pregresso che c’è stato. I dati sono di Bankitalia.

Da quando c’è il Governo Renzi il debito è salito di 19.6 miliardi di euro il mese. Entrato nella cabina di comando quando il debito era a 2 milioni e 107, 2 mila miliardi di euro. Significa un carico di tassa occulta per ogni cittadino pari a 658 euro per un totale complessivo che sfiora i 36 mila euro pro capite. Lo denunciano Adusbef e Federconcumatori.

Intanto nell’ Eurozona si affaccia il rischio deflazione, che è il calo dei prezzi perché i cittadini non comprano. Calano i prezzi in Slovacchia e Portogallo, paesi che si aggiungono alla Grecia e a Cipro. La deflazione è una situazione economica che distrugge il potenziale produttivo.

Giuseppe Vezzoni-addì 13.6.2014

Alta velocità: la commissione d’inchiesta visita i cantieri

Sopralluogo in Campo Marte, dove è ferma la fresa Monna Lisa, e in viale Belfiore. La presidente Staccioli: “E’ stato molto utile per i nostri lavori toccare con mano la situazione”

Firenze –La commissione regionale d’inchiesta, nata in seguito alla comunicazione del presidente Rossi dello scorso settembre sugli sviluppi dell’inchiesta sull’Alta velocità di Firenze, ha visitato questa mattina i cantieri del passante ferroviario.

Ad accogliere la presidente Marina Staccioli(Fratelli d’Italia), il vicepresidente Eugenio Giani (Pd) ed i consiglieri Stefania Fuscagni (Forza Italia) e Mauro Romanelli (gruppo Misto), sono stati gli ingegneri Francesco BocchimuzzoBocchimuzzo e Chiara De Gregorio della Direzione investimenti sulla direttrice Centro Nord di Rete Ferroviaria Italiana.

Prima tappa è stato il cantiere di Campo Marte, dove i due tecnici hanno spiegato il funzionamento della grande fresa Tbm (Tunnel boring machine), soprannominata ‘Monna Lisa’ in omaggio alla città. I lavori di scavo delle gallerie sono fermi in attesa che vengano definite le corrette modalità di smaltimento delle terre di scavo.

Seconda tappa sono stati i cantieri sul viale Belfiore, nell’area ex Macelli, dove sorgerà la nuova stazione progettata da Foster. I commissari, con le planimetrie in mano, hanno visitato alcune aree tecniche e fatto il punto su quanto è stato realizzato e su quanto ancora resta da fare.

E’ stato molto utile per il nostro lavoro – ha commentato la presidente della commissione d’inchiesta Marina Staccioli – poter toccare con mano la situazione dei cantieri”.

Comunicato n. 591 del 13 giugno 2014-Commissione Trasporti e Infrastrutture

Ammodernamento e raddoppio linea ferroviaria Viareggio-Lucca-Pistoia: i socialisti plaudono a Nencini.

Lucca_ I socialisti della Provincia di Lucca ringraziano il Segretario nazionale del Partito Socialista Italiano e Vice Ministro alle Infrastrutture e Trasporti Sen. Riccardo Nencini per l’impegno decisivo profuso nello stanziamento di 220 milioni di euro per l’ammodernamento ed il raddoppio della linea ferroviaria Viareggio Lucca Pistoia. Un collegamento che avvicina Lucca al capoluogo toscano ed a tutte le principali direttrici ferroviarie italiane con grande impatto anche per l’ambiente per la riduzione dell’inquinamento atmosferico ed acustico propri del trasporto su gomma. Questo impegno economico di straordinaria importanza da parte dello Stato farà fare un salto di qualità alla vita di tutti gli abitanti della Provincia che , insieme al progetto della nuova viabilità nella Piana di Lucca, aspettavano questa opera da molti decenni. Non ultimo vogliamo rimarcare la grande ricaduta occupazionale per una opera strutturale di notevolissima importanza .

Partito socialista italiano, Federazione provinciale di Lucca-addì 13.6.2014

Il tema: sopra-vivere…vivere sopra!!!!! (noi viviamo quassu’)

I nostri paesi, le comunita’, il lavoro, il territorio, l’energia….Laboratori fino al 29 giugno

Stazzema_ Chi sono gli abitanti che ancora vivono, anzi sopravvivono, sui nostri monti? Gente normale: parecchi anziani, qualche giovane ancora legato alla casa paterna e alle poche realtà produttive presenti, qualcuno risalito al paese spinto dalla crisi, pochi per scelta ragionata.

Crediamo debba essere invertita questa tendenza deleteria: il territorio abbandonato a se stesso e soprattutto gli ex-coltivi (selve e campi) sono diventati un pericolo incombente e minaccioso per abitazioni, vie di comunicazione e sia per le frazioni montane che per la piana versiliese.

Va detto e sottolineato che gli interventi fatti dopo l’alluvione del ’96 hanno saputo resistere anche in questo inverno particolarmente piovoso, allontanando lo spettro di un nuovo disastro. I corsi dei fiumi ridisegnati, imbrigliati e bonificati raccolgono agevolmente quantità ingenti e talvolta eccezionali di precipitazioni. Quello che ci dovrebbe preoccupare è invece la natura dei nostri monti, sono i versanti ripidi delle Apuane coperti da castagneti ormai non più curati né coltivati. Ormai soltanto in pochi sono in grado di intervenire con la sapienza e la fame antica e la mancanza di manutenzione delle strade, unita a una scarsa regimentazione delle acque piovane fanno il resto, completando un quadro davvero preoccupante.

La situazione in quest’inverno molto piovoso è precipitata, ma i segni premonitori erano comparsi già da tempo: occorre metter mano alla situazione e far presto! Gli abitanti dell’Alta Versilia resistono al fango e ai disagi, alle frane e agli smottamenti: non tutti per gli stessi motivi, ma qualcosa in comune li unisce, ovvero il desiderio o la necessità di vivere sopra e non in pianura.

Ecco, è questo il valore delle nostre comunità; comunità che sono ancora vive e vitali, che si organizzano e propongono un modo nuovo di vivere, e non di non più di sopravvivere quassù. A partire dalla priorità della messa in sicurezza del territorio che può essere fonte di lavoro e di energia!

La nostra proposta è questa: coinvolgere Governo, Regione, Amministratori locali, Associazioni di Volontariato, imprese private, pubbliche e/o consorziate, ma soprattutto i cittadini (o meglio i paesani) in un patto di rinascita, di rinnovato impegno solidale e di unità di intenti mettendo da parte campanilismi e diatribe personali e/o ideologiche.

Per questo quest’anno il consueto appuntamento con il Solstizio d’Estate sarà collegato al tema del vivere in montagna: l’obbiettivo è quello di portare nei nostri borghi con le numerose iniziative legate al Solstizio d’Estate, dall’alba sul Pianello al fuoco di San Giovanni, soprattutto giovani e nuove forze capaci di farci fare un passo avanti importante, affinché il passaggio dei raggi di Bèlen nella Pania Forata non sia soltanto un ripetitivo e semplice evento astronomico legato ai giorni di inizio estate, ma l’avvio di una nuova stagione propizia per il rilancio delle nostre comunità! Volegno-Pruno-Cardoso 20 –24 giugno 2014

Da Roberto Natalini-addì 13.6.2014

 

Il consigliere Stagi replica su Libera Cronaca alle critiche su facebook per il mancato riconoscimento alla minoranza della vicepresidenza del consiglio comunale di StazzemaDSCN7117

Stazzema_ Approfitterei delle pagine del nostro quotidiano per ribattere ad alcune osservazioni apparse su un social network a cura di un certo Alessandro Vangelisti il quale dichiara, riferendosi alla mia segnalazione della mancata concessione della vicepresidenza del consiglio alla minoranza, che ci siamo rammaricati per aver perso “una poltrona” ed arriva a dire che abbiamo condotto una campagna elettorale “infamatoria” (forse voleva dire infamante) e che il cammino della amministrazione lo deciderà il cittadino, non le forze politiche (sigh!!!!).

Intanto vorrei dire che ho espresso pubblicamente il mio pensiero, se qualcuno ritiene di dover replicare bene farebbe a farlo con lo stesso mezzo, mostrando così la propria correttezza ed il giusto coraggio. Per quanto riguarda le presunte diffamazioni invito il sig. Vangelisti a contattarmi in modo che io gli possa mostrare una montagna di documenti che certificano inequivocabilmente come le affermazioni rilasciate durante la campagna elettorale collimano con la assoluta verità. Nessuna diffamazione, dunque, ma divulgazione di notizie e notizie, per altro, che i cittadini devono conoscere. Sottolineo poi che chi ha voluto ascoltarle le ha apprese con molto interesse. In quanto alle paventate diffamazioni, se qualcuno si sente offeso può far ricorso alla querela, sarà poi il giudice a stabilire se quanto abbiamo affermato corrisponde a verità o se c’è chi deve andarsi a nascondere.

Purtroppo ci sono ancora molti aspetti riguardanti la posizione di alcuni personaggi che rimangono “secretati” dal momento che gli interessati e gli enti coinvolti non hanno nessuna intenzione di dare i dovuti chiarimenti, ma prima o poi li dovranno dare a chi non potranno dire di no. Vorrei anche dire che se le risposte non arrivano, si può pensare che dietro al silenzio si nasconde del poco chiaro, anzi, di questo c’è ormai la certezza, tanto che dovrò decidermi ad inventar qualcosa per scoperchiare il pentolone.

Sicuramente a certi signori avrà dato fastidio sapere che si cominciano a divulgare cose che li riguardano e che almeno qualche cittadino sia venuto a conoscenza di certe meraviglie, di certi intrighi, di certi sotterfugi: ebbene, quei signori si dovranno abituare. Da parte mia non mollerò fino a quando non mi saranno date le risposte che da mesi vado cercando. Come gruppo ci ripromettiamo di continuare in questa azione di informazione affinché tutti, o almeno coloro che vorranno sapere, possano essere illuminati su alcuni retroscena riguardanti coloro che guideranno il comune nei prossimi 5 anni e su come è stato amministrato nei 10 passati. Per coloro che vorranno continuare a tenere occhi e orecchi chiusi facciano pure, sapendo però che per poter decidere coscientemente si deve prima conoscere.

Concludo dicendo al sig. Vangelisti che, in quanto a scorrettezza, i signori che hanno stravinto le elezioni sono imbattibili. Ci sono stati alcuni eventi che non posso rivelare ma che hanno superato ogni limite, tanto che sono stati segnalati alle autorità competenti, e mi fermo qui.

In quanto alla mancata poltrona, mi sia concesso dire che nei 5 anni in cui siamo stati nel consiglio comunale, ne io ne il collega Lorenzoni abbiamo percepito nemmeno un euro di gettoni di presenza e per quanto riguarda incarichi e poltrone siamo notoriamente gente che se ne strafrega di queste minchiate e lo stesso posso affermare dei nuovi arrivi del gruppo. Forse avrei dovuto evitare di scrivere queste righe, evidentemente siamo nel campo della assoluta disconoscenza dei fatti e lontani da concetto di democrazia ma…… auguro agli stazzemesi 5 anni di assoluto divertimento.

Il consigliere comunale sempre più orgogliosamente all’opposizione Baldino Stagi-addì 12.6.2014

Non molleremo nella nostra azione

Abbiamo lavorato in questi anni per il bene comune, quel bene comune che nessuno di loro conosce, quel bene comune che ci dovrebbe essere ma che non c’è e porta e porterà l’Italia ad un fallimento totale, ad un impoverimento economico culturale di dimensioni enormi. Noi non molliamo continueremo a mettercela tutta, come diceva mia nonna, finchè c’è vita c’è speranza.Saluti.

Marina Staccioli-addì 12.6.2014

Domani sera concerto Solstizio d’estate 2014

Stazzema_ Domani sera si terrà olconcerto per il solstizio 2014, alle ore 20,30, presso laPieve di San Niccolo’ Pruno di Stazzema. Eseguiranno il concerto questi musicisti:Rebecca Lou Guerra pianista – Giuseppe D’Angelo pianista- Loreno Lieschi Pianista- Anna Harutunian cantante- Marco Teodosio Giacomino organista.

Ingresso a offerta libera. Il ricavato andràa favore Associazione Epilessia farmaco resistente sezione della Versilia

Da Roberto Natalini-addì 13.6.2014

Zitti zitti, quatti quatti, tre temi USL 12 affrontati da Giovanni Bolgioni, del Comitato per la difesa della Sanità Pubblica di SeravezzaDocumento Bongioni 1 001Bongioni 2 001

Seravezza- Postiamo su Libera Cronaca il testo digitalizzato diffuso al pubblico da parte del signor Giovanni Bolgioni di Seravezza, esponente del locale Comitato per la difesa della sanità pubblica.

Il cittadino apprezza il progetto avviato da parte dell’Asl 12 di Viareggio di avvicinare i medici specialistici pubblici ai medici di base e ai cittadini ma critica a nome del Comitato che l’iniziativa si stia sperimentando alla Croce Bianca di Querceta, struttura privata, e non negli spazi dell’ex ospedale Campana di Seravezza, edificio pubblico.

Il secondo tema riguarda la lievitazione degli stipendi del personale dirigente amministrativo e medico che nel 2013 è passato dai 26 milioni di euro del 2012 ai 31 milioni nel 2013, un incremento di 5 milioni, pari al 20%.

L’ultimo tema è il parcheggio a pagamento che dalla fine di giugno si inizierà pagare per un certo numero di stalli. Bolgioni prende spunto da una signora che afferma che inizierà a pagarlo quando “non ci saranno più i neri” per affermare che non è la presenza degli extracomunitari il problema della sanità pubblica, ma le visite specialistiche a distanza di mesi dalla prenotazione, i 59 dirigenti amministrativi che da soli costano 3 milioni e 700mila euro. Ricorda che le monete adesso dovranno essere sborsate obbligatoriamente mentre quelle che richiedono gli extracomunitari nell’indicare uno stallo libero sono facoltative.

Re: Dal documento rileviamo l’inesattezza sul numero di extracomunitari che stanziano presso i parcheggi dell’Ospedale Versilia. Sono assai di più di una dozzina

La presentazione del libro La Saga dei SimiDSCN6984

(25.5.2014 a Palazzo Mediceo di Seravezza)

Con la presente rimetto un mio commento sulla presentazione del Libro La Saga dei SImi della Prof. Alba Beluffi avvenuta in data 25.5 u.s. presso il Palazzo Mediceo di Seravezza che gradirei venisse pubblicato. La ringrazio e porgo i migliori saluti.

Irio Milla

E’ con gioia che ho raccolto l’invito della prof. Alba Tiberto Beluffi di partecipare alla presentazione del suo stupendo libro “La Saga dei Simi” al Palazzo Mediceo di Seravezza il giorno 25 maggio u.s.. E’ con altrettanta gioia che, non essendo un critico d’arte, in quanto mi dedico alla professione di avvocato, ho a suo tempo raccolto le insistenti richieste dell’amica Alba di adoperarmi professionalmente per farle raccogliere l’archivio del Simi, in un primo momento, e, successivamente per aiutarla a far pubblicare il libro. Inizialmente avevo preso un po’ sottogamba la vicenda ma mi accorsi subito che in realtà la mia attività mi consentiva di scoprire un autore praticamente dimenticato e quasi sconosciuto. Prima di conoscere la Prof. Beluffi non conoscevo il Simi, pur essendo un appassionato d’arte l’avevo solo sentito nominare. Ed è grazie alla caparbietà, alla meticolosità dell’autrice, non solo leggendo il libro ma anche occupandomi di tutte le vicende correlate alla pubblicazione e al reperimento degli archivi, che sono venuto a conoscenza di un autore che solo grazie alla prof. Beluffi ho cominciato ad apprezzare ed amare. L’apprezzamento è nato non solo perché l’autrice è un’amica da anni, che ho conosciuto grazie al figlio Duccio che nella pubblicazione del libro ha avuto un ruolo importante, ma anche dal fatto che il Simi affonda le sue radici in una terra a me molto cara, la Versilia che nel “cor mi sta”, come scriveva il Carducci. Quando ho appreso che mi dovevo occupare del Simi, del suo archivio e della pubblicazione del libro ed ho cominciato a conoscerlo come pittore nato e cresciuto in Versilia e, soprattutto, nell’entroterra Versiliese, mi sono subito appassionato. Leggendo il libro si può capire appieno quanto la stessa autrice afferma e quanto sia riuscita a trasmettermi nel descrivere quella che definisce la “bella favola” di come è venuta in contatto con il Simi e con i suoi quadri. L’autrice scrive testualmente: “Mi sentivo in qualche modo sotto una tutela quasi sconcertante, come se il progetto non partisse da me, ma mi venisse imposto da una presenza incombente e in qualche modo preponderante sulla mia volontà”. L’autrice scrive di essere stata per una serie quasi infinita di coincidenze, che ben descrive nella prima parte del libro, sotto uno Spirito Guida che l’ha portata quasi spinta verso la conoscenza, la raccolta di materiale artistico e, infine, alla pubblicazione del libro. Trovo che il grande merito sia quello non solo di averci fatto conoscere il Simi, un grande pittore contemporaneo amico di Telemaco Signorini e Giovanni Fattori, ma, soprattutto, di essere riuscita a diffondere la sua opera un po’ a tutti. La caparbietà di questa donna è altresì stata quella di essere riuscita a far acquistare ad una banca prestigiosa come la Banca del Credito Cooperativo della Versilia, molte delle opere del Simi di cui è venuta in possesso. E’ stato un grande gesto, non solo di coraggio ma di diffusione dell’opera dell’Artista, così che chiunque entrando in banca è in grado di ammirare le opere. Credo infatti che quello Spirito Guida che ha ispirato e condotto l’autrice a dedicarsi per anni, con meticolosità e sacrifici alla ricerca e alla raccolta di materiale dell’artista, anche superando non pochi ostacoli che le si sono frapposti, sia riuscito a far si che la prof. Beluffi faccia percepire al lettore la grandezza dell’artista Filadelfo Simi e della sua figliola Nera che oggi possiamo conoscere più approfonditamente proprio grazie ad Alba. Il mio consiglio spassionato è quello di leggere il libro apprezzandone i contenuti. Debbo ringraziare quindi la prof. Beluffi di avermi fatto conoscere un Autore pressoché sconosciuto fino a quando non ho incontrato quella che possiamo definire la “Madre Spirituale” di Simi (Avv. Irio Milla)

Un arcobaleno di marmi nel parco regionale delle Alpi Apuane

Estate nei Parchi e nelle Aree Naturali Protette- Alla scoperta delle Alpi Apuane 2014

Settimana residenziale per bambini 11-14 anni Pruno di Stazzema (LU) dal 06 al 12 LUGLIO 2014

Le attività: I ragazzi saranno stimolati a responsabilizzarsi nella gestione delle proprie cose e della propria persona, a socializzare, sviluppando senso di collaborazione e partecipazione, al rispetto dell’ambiente e degli altri.

Verranno svolte attività di apprendimento informale come escursioni e attività sul campo come proiezioni di film sul tema del marmo. Durante ogni escursione ogni ragazzo porterà con se un piccolo pezzo di marmo colorato e alla fine della settimana si comporrà un totem arcobaleno che rimarrà come ricordo della splendida esperienza vissuta dai ragazzi.

Tutti gli spostamenti avverranno a piedi e con l’ausilio di mezzi pubblici come autobus e treno per garantire la sostenibilità e per trasporre ai ragazzi buone pratiche di educazione ambientale.

La struttura: L’Ostello “LA PANIA” è un “Esercizio consigliato dal Parco delle Apuane” ed è situato nel cuore dell’area naturale protetta, circondato da verdi montagne nei pressi del borgo di Pruno di Stazzema(LU).

Tutti gli operatori sono guide parco qualificate con pluriennale esperienza in soggiorni estivi.

COSTO: Il contributo richiesto alle famiglie è di 170 euro.

INFORMAZIONI:

Parco delle Alpi Apuane, via Corrado Del Greco 55047 Seravezza(LU)

http://www.parcapuane.it Tel. 0584.75821

Trovate il modulo per l’iscrizione sul sito del Parco Apuane alla pagina http://www.parcapuane.toscana.it/Priv_File_Notizia/551.pdf

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...