Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi e palude per molti 1295 del 14 e 15 maggio 2014

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi e palude per molti 1295 del 14 e 15  maggio 2014 Montignoso sguardo sul mare dalla fortezza 14.5.2014 024 

Il consigliere Baldino Stagi risponde al sindaco  Silicani  in merito alle  Unità Collabenti ed altre questioni

Protoccollo  N. 3690  DEL  12.05.14

Spett.le  Comune di Stazzema, Att.ne     Sig.  Sindaco e    Sigg. Consiglieri e Assessori. Oggetto: replica protocollo n. 3609

Stazzema_ Egregio sig. Sindaco, credo di poter affermare, ormai, che lei è veramente un soggetto singolare,  infatti si è arrogato il diritto di rispondere ad una mia lettera pur non essendo lei il soggetto che avrebbe dovuto provvedere.

Pur sapendo che l’Ente da lei amministrato deve fornire risposte alle richieste entro 30 giorni, mi manda a dire che le mie domande saranno soddisfatte entro il 30 maggio, quindi con 16 giorni di ritardo su quanto la legge prevede, con l’evidente scopo di far passare le elezioni.

Le scuse dietro le quali lei si ripara sono semplicemente ridicole ed inaccettabili non perdendo forse l’ultima occasione per dimostrare un minimo di correttezza ed un barlume di trasparenza.

Tutto questo accade al termine del suo mandato per il quale lei sarà ricordato come un pessimo amministratore, come già le dissi in tempi andati con mia protocollata al n. 7468 del 15.10.12 e che  torno a ripetere visto che niente è cambiato da allora.

Lei è il sindaco che passerà alla storia di Stazzema per aver inventato tasse ingiuste ed inapplicabili, per aver fatto pagare alle famiglie somme insostenibili per riscattare le tombe dei propri morti, per aver accusato coloro che non hanno accettato questa ingiustizia, di essere degli evasori fiscali e lo ha fatto pubblicamente, nei locali pubblici, utilizzando i giornali per divulgare questa ignominia e senza mai dare segno di pentimento, senza mai smentire queste gravissime accuse, senza dare la possibilità di correggere l’informazione.

Ha accusato i consiglieri che si sono schierati con i cittadini, massacrati da queste ignobili imposizioni, di aver istigato alla disobbedienza fiscale i contribuenti, falsamente e senza mai aver avuto il buonsenso di retrocedere.

Che dire della vicenda dell’occultamento del ricorso straordinario al Capo dello Stato che alcuni cittadini hanno depositato in Comune e che lì è rimasto per 32 mesi dando così modo alla Magistratura di affermare che è stato commesso un reato che resta come macchia indelebile sulla sua amministrazione.

Ha poi inventato la tassa sui ruderi applicandola con retroattività quinquennale. Io e Lorenzoni ci siamo battuti contro questa follia ma abbiamo sempre trovato dall’altra parte il muro della irragionevolezza, motivato da una esigenza sempre crescente di fare cassa. Oggi lei e la sua giunta subite l’umiliazione di una condanna in secondo grado della Commissione Tributaria Regionale con motivazioni che non lasciano dubbi sull’operato di una amministrazione incompetente ed oppressiva.

Lei è il sindaco che ha sempre cercato di sminuire il lavori dell’opposizione, che ha usato toni di scherno ed espressioni  canzonatorie, che ha mostrato il suo carattere arrogante contro coloro che cercavano di far chiarezza o porre argine ad evidenti ingiuste disposizioni .

Lei è il sindaco che ha spesso offeso  consiglieri di minoranza, e basterà rileggere alcune lettere che le ho inviato in passato per ripercorrere questi eventi. Mi basti qui ricordare le accuse che mi ha lanciato, di fronte ad un giudice,  di  fare del mobbing nei confronti dei dipendenti comunali, sapendo bene invece come in Municipio si lamenti una atmosfera gravata da comportamenti opprimenti da parte di chi amministra.

Lei è il sindaco che ha omesso di dare risposte alle decine e decine di lettere ed interrogazioni poste dai consiglieri di minoranza, contravvenendo a precise disposizioni di legge.

Ha permesso che si potesse fare e disfare,  spostare e riposizionare, assumere e dare incarichi, dissestando le casse del Comune ed umiliando i dipendenti. Oggi abbiamo un disavanzo  colossale e la colpa di qualcuno deve pur essere.

Ha voluto conferire la carica di assessore al sig. Oreste Giurlani al solo scopo di salvaguardarne la poltrona di presidente dell’ UNCEM  consentendo così al suo vice di mantenere privilegi e compensi.

Ha rilasciato, in più occasioni, dichiarazioni alla stampa senza conoscere i dispositivi delle sentenze, lo ha fatto a riguardo della causa sugli usi civici di Terrinca diffondendo la falsa notizia della vittoria come fece in occasione del responso della Corte Costituzionale circa il ricorso dei cittadini sulle concessioni cimiteriali. Naturalmente non si è mai preso la briga di smentire o correggere le sue affermazioni senza preoccuparsi minimamente del danno e dell’offesa arrecati ai cittadini, senza vergognarsi di aver diffuso notizie infondate nella sua veste istituzionale.

Lei è il sindaco che ha permesso il protrarsi di atti illeciti sulle cave senza voler dare corso alle necessarie verifiche, anzi, ostacolando coloro che avrebbero voluto far chiarezza, permettendo che lo scempio, il danno ambientale e patrimoniale, si protraessero per anni, fino a quando cioè l’architetto Puccini del Parco Apuane (l’unico ad aver fatto il proprio dovere nella vicenda insieme al geometra Colombo) non ha preso la decisione di verificare lo stato delle cose ponendo fine alla escavazione abusiva.

Ed ancora voglio ricordare le ordinanze fatte rispettare solo quando fa comodo o quando non vanno a danno di certe persone o certi ambienti.

Il teleriscaldamento di Pruno e Volegno, altra invenzione straordinaria per la quale il Comune deve pagare un mutuo di 40.000 euro l’anno mentre incassa cifre che fanno ridere senza che nessuno voglia spiegare chi e come si paga effettivamente per questo capolavoro di spreco. La tanto auspicata filiera del legno rimane ancora una chimera, ci avete regalato invece le palme col punteruolo rosso accatastate illegittimamente al Col del Cavallo.

Lei che dichiara ai giornali di percepire 2.000 euro al mese di indennità ma poi tace sugli incarichi che vengono affidati al suo studio professionale da enti o comuni.

Un accenno sui denari spesi inutilmente per quello che avete definito il decoro urbano, opere che hanno deturpato le frazioni in maniera irrimediabile.

Questa è solo una  piccolissima lista degli accadimenti che segnano il suo decennale impero, e lo definisco impero visto che nessuno della sua maggioranza ha mai avuto il buonsenso di porre un argine al diluvio di inefficienza ed incapacità marciando compattamente nella stessa direzione.

E’ certo che per il suo vice sarà difficile dimostrare di essere estraneo ed incolpevole di cotanto disastro.

La saluto, dott. Silicani, sollevato sapendo che il suo mandato è finalmente giunto al termine.

Terrinca 12.05.2014

Il consigliere comunale Baldino Stagi, del gruppo Luce a Stazzema

 

Elettrodotto Terna, passa in Regione la mozione di Staccioli

moz_elettrodottoterna

 

Toscana_ Questa mattina è stato fatto un importante passo nella vicenda del nuovo elettrodotto Terna: in sede di consiglio regionale infatti, è stata approvata la mozione presentata dalla consigliera di Fratelli d’Italia Marina Staccioli, e sottoscritta dai colleghi Giovanni Donzelli (FdI), Giuseppe Del Carlo (Udc), Ardelio Pellegrinotti (Pd), Marco Remaschi (Pd) e Monica Sgherri (Fed.Sin.), con la quale si impegna la Regione Toscana ad intervenire sulla vicenda sulla base di quanto già approvato nel consiglio comunale di Lucca del 28 aprile scorso.

“Sono estremamente soddisfatta dell’approvazione della mozione – spiega Staccioli – questo atto costituisce una ulteriore garanzia per i cittadini e le amministrazioni locali che il progetto presentato da Terna dovrà essere rivisto in funzione dei punti approvati a larghissima maggioranza nel consiglio comunale di Lucca sul tema”.

“Come detto i punti di impegno della Regione sono quelli ottimamente individuati nella delibera comunale, che per l’appunto nascono dalle valutazioni e criticità rilevate unitamente da amministrazioni e cittadini – prosegue la consigliera – adesso dovrà essere giocoforza seguita la via della concertazione tra società, amministrazioni e cittadini, di modo che la realizzazione di questa infrastruttura avvenga nel rispetto della volontà del territorio”.

Firenze 14.5.2014

Comunicato da Alberto Pardini, Segreteria Consigliere Regionale Marina StaccioliConsiglio Regionale della Toscana – Gruppo Consiliare Fratelli d’Italia

Rai, sen. Petraglia (SEL): “Al fianco dei lavoratori per difendere il servizio pubblico. Il Governo si confronti seriamente sulla riforma della Rai”

“Il taglio di 150 milioni delle risorse destinate alle sedi regionali Rai e la decisione di scorporare dal resto dell’azienda Raiway costituiscono un attentato gravissimo al servizio pubblico radiotelevisivo e al pluralismo dell’informazione. La presenza di un servizio capillare, diffuso sul territorio, accessibile a tutti i cittadini rappresenta un bene comune, un patrimonio di tutti i cittadini che non può essere dismesso inseguendo logiche meramente economiche, bensì deve essere valorizzato con un serio piano di investimenti e razionalizzazione delle spese”.

Lo afferma la senatrice di Sinistra Ecologia e Libertà e membro della Commissione Cultura di Palazzo Madama Alessia Petraglia.

“L’allarme lanciato dai lavoratori di Raiway – prosegue – non riguarda soltanto le ricadute occupazionali che si avrebbero con la cessione dell’apparato di distribuzione del segnale televisivo, ma anche e soprattutto le conseguenze per la Rai nel suo complesso. Siamo davanti a tagli in assenza di un piano strategico di rilancio dell’azienda, che deve riaffermare la propria peculiarità di servizio pubblico, investendo nel proprio sviluppo. Invece di pensare a tagliare i posti di lavoro e di liquidare la questione con una battuta del Presidente del Consiglio, il Governo si confronti su una riforma del sistema Rai che dia più voce alla società e meno i partiti in quel momento al governo, come dimostra l’abuso di utilizzo degli spazi Rai (e televisivi in genere) da parte di Pd, Forza Italia e Grillo”.

“Siamo al fianco dei lavoratori – conclude Petraglia – e siamo pronti a sostenerne le richieste anche proponendo interventi legislativi che superino le logiche del decreto 66/2014, sulla base del quale avverranno i tagli. La Rai è un bene comune e un patrimonio culturale che appartiene a tutti i cittadini, i primi ad essere danneggiati da un ridimensionamento irrazionale e funzionale soltanto ad indebolire il servizio pubblico”.

Firenze, 14 maggio 2014

Comunicato  ufficio stampa SEL Toscana

Wifi gratuita negli ospedali toscani, il consiglio regionale da il via libera

MOZ780_wifi negli ospedali

Gabriele Chiurli (Democrazia Diretta), “Una battaglia di trasparenza e accessibilità”

“In tutti gli ospedali della Toscana sarà presto possibile connettersi liberamente alla rete internet wifi”. Ad annunciarlo è il consigliere regionale Gabriele Chiurli (Democrazia Diretta), promotore di una mozione in tal senso, approvata oggi dall’Aula all’unanimità.

“La mozione – spiega Chiurli – impegna la Giunta a reperire le risorse necessarie,anche attraverso sponsorizzazioni private, per la copertura internet di tutte le strutture afferenti al sistema sanitario regionale”.

“Simili progetti sono già stati avviati in tutta Italia – afferma il consigliere regionale – dal Gaslini di Genova agli ospedali della Regione Piemonte e dell’Emilia Romagna. La stessa Regione Toscana ha intrapreso un progetto di navigazione internet gratuita e senza limiti per pazienti, visitatori e studenti, limitato per il momento al solo Ospedale fiorentino di Careggi”.

“Sulla scia di questa sperimentazione e di altre esperienze di connessione wifi libera, maturate ad esempio dal Comune di Firenze – aggiunge il consigliere regionale – il sistema sanitario toscano è oggi in grado di sviluppare un progetto su scala regionale. Un primo importante passo – conclude Chiurli – verso una maggiore trasparenza e accessibilità dei servizi pubblici”.

Firenze, 14 maggio 2014

Ufficio Stampa Francesca Puliti, Segreteria regionale della Toscana

I bombardamenti aerei su Ponterosso e dintorni     primavera – estate 1944 

Ponterosso inaugurazione lapide

Pietrasanta_ Nell’ambito delle manifestazioni per il 70° anniversario della Versilia, venerdì  16 maggio 2014, a Ponterosso, alle ore 21,00,  presso il ponte stradale sulla Via Aurelia ci sarà lo scoprimento di una lapide commemorativa. Alle 21,30, al  Circolo unione sportiva Ponterosso, si terrà la proiezione del video, realizzato per il progetto “Geomemories “ dall’Istituto di Informatica e Telematica del CNR di Pisa. Ricordi dei testimoni. Enti promotori: U.S. Ponterosso –  Comitato “ Ponterosso nel cuore”-  Comune di Pietrasanta

Notizia inviata da Giovanni Cipollini-addì 14.5.2014

                   

Sei mesi per il divorzio se la separazione è consensuale e non ci sono figli minorennidivorzio_1970-300x222

“La Commissione giustizia, recependo l’emendamento dei socialisti, che riduce a 6 mesi il tempo necessario per ottenere il divorzio in caso di separazione consensuale e in assenza di figli minori, ha compiuto un importante passo avanti nel campo dei diritti civili, aggiornando e attualizzando la legge di 40 anni fa approvata grazie alle battaglie del Psi”. 

Così Pia Locatelli, deputata socialista e presidente onoraria dell’Internazionale socialista donne.

“Ci auguriamo adesso che il provvedimento venga approvato al più presto dall’Aula e che faccia da ariete per riportare all’attenzione del dibattito parlamentare quei temi etici che da troppo tempo attendono risposte”. Pia Locatelli Deputata socialista

Inviato da Gabriele Martinelli, del Psi di Lucca-addì14.5.2014

Che spettacolo stamani dalla Fortezza Aghinolfi di Montignoso!Montignoso sguardo sul mare dalla fortezza 14.5.2014 009Montignoso sguardo sul mare dalla fortezza 14.5.2014 005

Stazzema-  Sentivamo che era la mattinata giusta per ammirare lo spettacolo del mare che stamani poteva andare in scena dalla terrazza  naturale su cui si erge la Fortezza Aghinolfi di Montignoso. In bici siamo andati fino alla rotonda di Marina di Massa, poi, per rientrare a Mulina,  abbiamo svoltato al semaforo sul viale a Mare presso il Cinquale in direzione Campo di Aviazione e poi diritto fino al semaforo sull’Aurelia. A quel punto abbiamo imboccato la strada direzione Capanne e poi, dopo due chilometri, attraversato il ponte sul fiume Montignoso, la salita della Fortezza. Montignoso sguardo sul mare dalla fortezza 14.5.2014 020Quando la strada è uscita dal bosco e si è posta alo scoperto, parallela al mare, abbiamo capito subito che lo spettacolo del mare, raggiunta la sommità della salita, sarebbe stato straordinario per i colori e per la vastità e la nitidezza delle isole che potevamo abbracciare con lo sguardo. Infatti, si potevano distinguere le montagne innevate della Corsica e le Alpi Marittime, mentre  erano visibilissime la Palmaria, la Gorgona, la Capraia e più sfumata l’Elba.

Giuseppe Vezzoni-addì 14.5.2014      

Domenica la cucina dell’Alta Versilia al C.R.S. di RetignanoItinerari di Cultura gastronomica

Stazzema- Domenica, 18 maggio,  nell’ambito dell’iniziativa Itinerari di cultura gastronomica “La cucina dell’Alta Versilia”, Ezio Marcucci presenterà i piatti di un menu caratterizzato dal godimento di un pranzo che privilegia i cibi della tradizione e la riscoperta del gusto e dei prodotti del territorio. Il pranzo ha un costo di € 25,00 e serve la prenotazione. La disponibilità massima è di 40 ospiti.

Giuseppe Vezzoni-addì 14.5.2014

Di schifo in schifo ( pezzo postato stamani Libera Cronaca 1294)

Il complotto contro Berlusconi e il rinfacciarsi le responsabilità  tra Usa e Ue danno la misura del paese che siamo diventati e che siamo, con tre governi che non hanno avuto l’avallo del voto dei cittadini ma che sono stati decisi nelle segreterie dei partiti, prima fra tutte quella del Pd. Come ciò non bastasse, sentire affermare il ministro degli esteri Mogherini che è acqua passata quanto sta emergendo sul complotto per far cadere il governo  Berlusconi, dopo TangEspo2015 e lo scontro nella  Procura di Milano, significa istituzionalizzare una boiata assoluta. E’ un’affermazione inaccettabile quando la sovranità di un paese potrebbe essere stata appannaggio di giochi politici e di potentati economici e finanziari.

Berlusconi e gli italiani hanno il diritto di sapere cosa è veramente è accaduto e chi sono stati i protagonisti, pur non dimenticando  che nell’autunno 2011 l’Italia  era drammaticamente sotto spread, in una situazione difficilissima  per quanto concerneva l’aspetto finanziario ma non economicamente  e socialmente salassata  come poi è avvenuto con il governo Monti, benedetto dal Capo dello Stato Napolitano, e poi con il Governo Letta, nato e innervato politicamente sempre dal presidente Napolitano,  nonostante  che il risultato del voto degli italiani non lo permettesse, avendo votato programmi e impegni politici alternativi, che non prevedevano assolutamente quel tipo di governo delle larghe intese.

Toponi e topini  continuano a spolparsi ciò che resta di un paese che in quanto a schifo non conosce ancora il fondo ed ogni giorno ne dà una lampante dimostrazione, tanto a pagare gli enormi danni sono chiamati a farlo i soliti fessi: giovani, operai e pensionati.

Dopo le elezioni, con un Berlusconi che fa politica, nonostante sia condannato, e che in piena campagna elettorale si ritrova magicamente nelle mani la straordinaria carta del complotto e i vecchi arnesi del malaffare, tanto che li può sbolognare da Forza Italia poiché arnesi della Prima Repubblica, che sono stati tenuti in buono stato operativo dai partiti ma soprattutto dagli uomini che provengono da quella stagione che nel febbraio 1992 iniziò proprio a Milano e prese il nome di Tangentopoli,  avremo più chiaro chi pagherà gli 80 euro che come una manna vanno ad aiutare tanti redditi famigliari ma che potrebbero essere la fame per altrettanti redditi di pensionati, quando la fiscalità impositiva della trimurti, Tasi, Tare e Imu, sarà evidente e i conti dovranno tornare.

Ma davvero ciò che accade  nel paese che siamo diventati è occasionale e non voluto? C’è puzza di bruciato in quanto accade, sia per TangExpo2015 sia sul complotto. Chi muove i fili del teatrino delle marionette italiane? L’ex ministro del tesoro americano Geithner non sarebbe stato più corretto  se avesse rilevato nel 2011 il complotto contro Berlusconi invece di lanciare oggi uno scoop planetario  a favore  del suo libro Stress Test. Un libro che riconsegna a Berlusconi  giusta voce per  quel sopruso politico-istituzionale che tuttavia il silenzio dell’autore, allora ministro Usa, avrebbe consentito che fosse compiuto

Gli italiani devono sapere la verità se questa notizia non rappresenta una inquietante ingerenza democratica avvenuta o se è unicamente finalizzata ad uno scoop librario e ad una straordinaria trovata elettorale per recuperare il consenso. Tuttavia le Commissioni d’Inchiesta di questo paese, più che fare limpidezza,  di solito intorbidiscono ulteriormente una situazione politica e sociale che in Italia è notoriamente torbida, da sempre.

Una nota sulla situazione a Stazzema

Non siamo restati per nulla sorpresi se a Stazzema si usano mezzi vergognosi e anonimi per denigrare le persone, siano candidati  o comuni cittadini, Spesso la gentaglia ha maggiore ascolto e attenzione presso coloro che invece dovrebbero distaccarsene. Il giornale che non c’è esprime pertanto solidarietà alla candidata della lista Luce a Stazzema e a tutti i cittadini e candidati che sono stati e sono oggetto di questi vili comportamenti. Le offese che abbiamo ricevuto su facebook  e le corna indirizzateci da uno Punto nera, oltre ai passati atteggiamenti antidemocratici cui siamo stati fatti oggetto perché non rinunciamo a sparare m…., così una delicata signora ha definito su facebook un nostro pezzo sulla situazione del manto asfaltato della via comunale di Farnocchia e Pomezzana,  danno la misura del clima che da qualche anno a questa parte è subentrato a Stazzema. Questo è il nostro pensiero e lo vogliamo ribadire a chiare lettere.

Giuseppe Vezzoni-addì 14.5.2014 ore 8,50  

Domani sera Serata di lettura Quelle brevi pagine che mai ho dimenticato …

Libera lettura di scelti brani dalla letteratura d’ogni tempo e paeseSerata Lettura 24

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...