Libera Cronaca da Italia bene comune per pochi e palude per molti 1270 dell’11 e 12 aprile 2014

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi e palude per molti 1270 dell’11 e 12 aprile  2014

giuseppevezzoni@gmail.com

I corrotti sono in mezzo a noi ma non sono con noi

La globalizzazione dell’indifferenza ci rende tutti Innominati

Le leggi inique contro i meno abbienti sono immediatamente costituzionali

Le leggi che toccano la casta necessitano sempre di approfondimenti costituzionali

I sacrifici vanno fatti tutti insieme

1270

Attenzione:

Poiché oggi siamo impegnati totalmente, tra poco a Ruosina e nel pomeriggio a Camaiore, posteremo la Libera Cronaca domani aprendo con un comunicato che c’ è stato inviato dal Presidente dell’Unione dei Comuni Maurizio Verona e che ha per oggetto una convenzione che l’ente stipulerà con l’Università di Pisa. 

Ultim’ora : Precisazioni su  articolo  Ici  su unità collabenti

 

Stazzema_ Su quanto hai scritto volevo solo puntualizzare che i 10.000 euro che il comune deve pagare sono quelli con cui la sentenza della commissione tributaria condanna l’amministrazione a pagare le spese sostenute dai cittadini interessati ed a queste ovviamente si aggiungono le spese che il comune ha dovuto sostenere per pagare il proprio legale (avv. Cupido di Viareggio) Inoltre vanno aggiunte le spese a carico del comune (bilancio=cittadini) sostenute per il primo grado di giudizio che lo ha visto soccombere.

 Consigliere Gian Piero Lorenzoni- addì 11.4.2014- ore 21,34

 

RE: Precisiamo anche che l’articolo non sarebbe stato condiviso ma non sappiamo i motivi. Su Libera Cronaca  c’è spazio per spiegare ai cittadini –lettori questa non condivisione.

Giuseppe Vezzoni-addì 12.4.2014

Commissione regionale boccia il ricorso del comune di Stazzema sull’ICI  fatta pagare per le unità collabenti montanePruno 8.9.2012 001

 

Per ora sono solo tre i casi esaminati  dalla Commissione Tributaria Regionale per i quali è stato respinto il ricorso amministrativo del Comune di Stazzema e riconfermata la illegittimità del tributo dell’Ici retroattiva e della parificazione del rudere al valore di riferimento impositivo di un garage.

Tuttavia c’è da attendere la lettura della sentenza per essere più chiari. Sarebbero nove  i cittadini che hanno impugnato il provvedimento amministrativo, mentre un numero imprecisato di proprietari ha invece pagato senza battere ciglio. Pubblichiamo due pezzi dei molti pubblicati dal giornale che non c’è sulla questione unità collabenti e per far capire meglio l’imposizione del tributo amministrativo sui ruderi di montagna, l’individuazione del valore di imposta dei medesimi nonché l’Ici retroattiva.

Illegittima l’Ici arretrata sugli edifici collabenti (da Libera Cronaca del  12 ottobre  2012)

 

L’Amministrazione di Stazzema soccombe davanti alla Commissione Tributaria  Provinciale, che ha ritenuto illegittima la richiesta del pagamento retroattivo dell’Ici e il valore catastale calcolato sulle unità collabenti

 

Stazzema- La notizia era attesa che  il Comune di Stazzema potesse uscire soccombente dai ricorsi che alcuni cittadini proprietari di unità collabenti ( edifici fatiscenti, ruderi, in pratica inagibili con valore catastale zero) avevano presentato ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale dopo essersi visti notificare nel 2011  il pagamento dell’Ici con modalità retroattiva di cinque anni.  Ma la sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Lucca, che ha ritenuto illegittima la richiesta dell’Ici retroattiva, è intervenuta anche sul parametro di rendita catastale  di questi ruderi, giudicata oltremodo elevata a fronte del valore catastale che il Comune ha attribuito alle aree edificabili residenziali. Adesso l’Amministrazione di Stazzema ha davanti  sé il ricorso alla Commissione Tributaria Regionale per vedersi riconosciuta la validità del provvedimento fiscale assunto  per le unità collabenti. Sulla scia delle prime sentenze favorevoli ai cittadini ricorrenti, potrebbe aprirsi una fase  in cui i ricorsi potrebbero essere molto numerosi, finalizzati  al recupero delle somme pagate per l’Ici arretrata. Al momento non è prevedibile come evolverà questa vicenda, ricordando che il provvedimento dell’Ici arretrata e l’esosità del valore catastale  calcolato per le unità collabenti fu oggetto di un serrato confronto nel consiglio comunale in cui si affrontò la delibera della  Giunta  comunale del 29 marzo 2011. La Libera Cronaca è intervenuta ben 15 volte in merito agli edifici rurali e alle unità collabenti. Invitiamo i lettori a verificare le edizioni della Libera Cronaca del 24 maggio 2011 e del 2 giugno 2011.  Anticipiamo  solo  questa  dichiarazione:  “A noi questo provvedimento sulle unità collabenti ci appare come un’operazione di equità fiscale”. Adessol’amministrazione comunale di Stazzema deve dimostrare, ricorrendo alla Commissione Tributaria Regionale, che è stata fatta un’operazione di equità fiscale. Non può sperare che i ricorsi si fermino agli attuali otto. Qualora  fosse anche così, la sentenza della Commissione Tributaria Provinciale resterà comunque un profondo vulnus sull’operato amministrativo, giudicato in queste primi due sentenze  tutt’altro che equo ma illegittimo.

Da Libera Cronaca del 13 ottobre 2012

 “Con la sentenza della Commissione Tributaria provinciale in merito all’illegittimità di richiedere il pagamento retroattivo in merito all’illegittimità di richiedere il pagamento retroattivo quinquennale dell’Ici e l’irragionevole valore catastale attribuito alle unità collabenti, ruderi considerati alla stregua  di un garage, emerge il silenzio dei professionisti  di settore differentemente da quanto ha invece fatto il dott. Mirko Cecconi, il quale ha impugnato gli  avvisi di accertamento inviati dall’amministrazione comunale di Stazzema ai suoi assistiti e li ha difesi davanti alla Commissione Tributaria Provinciale di Lucca. Cosa succederà adesso non lo sappiamo, anche perché siamo alla prima fase di giudizio. I termini che si leggono nel testo della sentenza, violazione, irragionevolezza, illegittimo, non condivisibile, errato, patente violazione macchiano un provvedimento amministrativo assunto dalla Giunta Comunale di Stazzema ma mai disciplinato con un passaggio in Consiglio comunale.  Sulla questione ci fu al tempo solo un’interrogazione del Gruppo Luce a Stazzema a cui hanno risposto, con chiusura, l’assessore Amerigo Guidi e il capogruppo di maggioranza Marco Viviani. Dall’amministrazione di Stazzema adesso  sono attese le  spiegazioni, soprattutto per il grande risalto dato dai giornali  alla sentenza”.

Così scrivevamo 18 mesi fa.

In seguito la Giunta comunale, con le delibere  n.34 e 35 del 9 aprile 2013 aveva autorizzato il Sindaco Michele Silicani a costituirsi in giudizio nei ricorsi depositati presso la Commissione Tributaria Provinciale di Lucca, presentati dai Sigg. Maggi Maria e Gastaldi Renato (ricorso n.1334/2011), Buselli Rita (ricorso n.1338/11) , Bernardini Nella, e dalla Società ENEL Produzione S.p.a., e a ricorrere contro la sentenza avversa n.20/05713  emessa dalla Commissione Tributaria  provinciale di Lucca in merito alle unità collabenti. “Il Comune di Stazzema– era ribadito in delibera-  ritiene che i provvedimenti adottati rispettino pienamente l’ordinamento tributario: sia per quanto concerne il ritenere imponibili ai fini ICI le aree su cui insistono gli immobili cosiddetti collabenti, sia in relazione alla delibera G.C. n.26 del 29/03/2011  riguardante la definizione dei valori di riferimento per il calcolo dell’imposta”.

A tal fine  la Giunta Comunale dava mandato all’avvocato Vincenzo Cupido di difendere gli interessi dell’ente e di ricorrere presso la commissione regionale contro le sentenze avverse irrogate dalla commissione tributaria regionale.

Pochi giorni fa la Commissione Tributaria regionale ha respinto il ricorso del Comune di Stazzema in merito a tre casi finora esaminati. Per la seconda volta il Comune di Stazzema è soccombente perché ha emesso un provvedimento tributario ritenuto illegittimo nei casi presi in esame. Sicuramente, per smorzare l’eco che sicuramente avranno in campagna elettorale queste tre sentenze avverse, non è difficile prevedere che l’amministrazione ricorrerà al terzo grado di giudizio. Tuttavia le tre sentenze emesse dalla Commissione Tributaria Regionale invece di legittimare provvedimento di  far pagare l’Ici  anche per  ruderi  montani,com’era nelle aspettative dell’amministrazione di Stazzema, ne ha confermato ulteriormente la illegittimità. Un brutto commiato per il sindaco di Stazzema Silicani ed altri membri di Giunta, come Guidi e Maggi, che hanno approvato le delibere e fatto il ricorso alla Commissione tributaria regionale. Per il candidato sindaco Verona, l’assessore Egidio Pelagatti e i consiglieri Viviani e Tovani si profila una campagna elettorale in cui dovranno spiegare la scelta dell’Ici sui ruderi e convincere che con le sentenze di terzo grado sarà ristabilita la legittimità del provvedimento tributario. Anche per l’ex assessore Patrizio Mattei le sentenze della Tributaria Regionale rappresentano una sconfessione del suo agire in Giunta.   Qualora fosse ribadita l’illegittimità anche per gli altri casi, verrebbe a determinarsi una situazione che porrebbe il Comune di Stazzema in una posizione assai scomoda e politicamente e moralmente non equa nel caso in cui  decidesse di non restituire l’indebito prelievo (stando allo stato attuale del contenzioso) ai proprietari di unità collabenti che hanno pagato senza fare ricorso. Le cifre potrebbero essere di diverse decine di migliaia di euro, considerato che al momento il Comune di Stazzema, stante le sentenze emesse della Commissione Tributaria regionale e Provinciale, dovrebbe rimborsare circa 10mila euro oltre le spese per il legale che ha assistito l’ente. Non sappiamo invece se nel quantificare i rimborsi siano  già state tenute di conto le spese legali sostenute dai cittadini  che hanno impugnato il provvedimento.

Giuseppe Vezzoni-addì 11.4.2014

 

Dell’Utri non c’è? Ma guarda un po’ che sorpresa !

 

Se dell’Utri è uccel di bosco, si faccia come  è stato fatto con la Shalabyeva e di sua figlia per rientrare dalla vergogna assoluta: si riporti a casa. Il ministro Alfano deve sentirsi politicamente responsabile se l’eventuale fuga, peraltro prevedibilissima, fosse confermata. Non vorremmo proprio assistere, così come è stato con il presidente Letta  che l’ha salvato il ministro dell’interno Alfano, che anche il presidente Renzi sia cieco su una latitanza che doveva essere prevenuta e per la quale c’è una responsabilità politica grossa come un palazzo. Dell’Utri ha fatto sapere che non è fuggito ma che è  a curarsi, però non dice dove.

Gli itagliani, ovviamente, possono  sopportare  anche questo caso politico, così come assistono al fatto che Berlusconi, condannato in via definitiva, offenda i giudici, soprattutto quando ciò viene giustificato dai suoi legali come espressione di un’attività politica. Ma sarebbe un’attenuante questa? Per noi è un’aggravante, perché alimenta il clima anti giudici.

Nonostante ciò è stato accolto al Quirinale e gli è riservato un trattamento che nella nazione che ha la più bella costituzione del mondo e che afferma solennemente che di fronte alla legge siamo tutti uguali non sarebbe certo concesso a nessun altro cittadino condannato per corruzione. Era invece giusto pretendere che Berlusconi facesse ammenda pubblica per le continue diffamazioni ai giudici e poi concedergli un anno ai servizi sociali. Nel paese che siamo diventati ci si comporta però in maniera diversa: si premia il diffamatore  e poi si avverte che non lo faccia più e magari gli si concede di fare politica e tollerare qualora gli sfuggisse una delle sue notorie espressioni correlate alla politica contro ai giudici.

Giuseppe Vezzoni-addì 11.4.2014  

 

Teatro di Seravezza: domenica 13 aprile uno racconto omaggio al grande Carlo Monnielisabetta salvatori

Lo spettacolo chiude una stagione tutta in positivo. Elisabetta Salvatori confermata direttrice artistica anche per il 2014/2015

 Seravezza_ Il cartellone 2013/ 2014 teatrale di Seravezza (Lu) si chiude domenica 13 aprile con un grande evento in ricordo del grande attore Carlo Monni a cura di Elisabetta Salvatori, attrice, ma anche ex compagna di Monni. Quello che andrà in scena alle ore 21.15  sul palco del Teatro delle Scuderie Granducali non sarà un vero e proprio spettacolo ma una serie di racconti, canzoni e immagini sulle più celebri storie d’amore di tutti i tempi: Otello e Desdemona, Orfeo e Euridice, la Bella e la Bestia, Ciranò, Francesco e Chiara ed altre. Storie raccontate con parole proprie da Elisabetta Salvatori dal titolo “Storie d’amore…a Carlo Monni”. Uno spettacolo scritto dalla Salvatori nel 2003 proprio per Monni. “Rispetto a quegli anni  – ha spiegato l’artista – assume un significato molto diverso perché Carlo non c’è più, ma mi sembrava doveroso ricordarlo in questo modo.  Tutte queste storie che non hanno un filo cronologico, ma durante lo spettacolo spiegherò del perché le avevo dedicate a Monni”.

Elisabetta Salvatori presenterà e racconterà ogni storia d’amore accompagnata da Matteo Ceramelli al violino e alla chitarra. Sullo sfondo a fare da scenografia una serie di grandi immagini di Carlo Monni alcune delle quali inedite. Questo spettacolo chiude la stagione teatrale del Teatro di Seravezza con il titolo “Seravezza col cuore”, diretto dalla stessa Elisabetta Salvatori e organizzato dalla Fondazione Terre Medicee e dall’ Assessorato alla Cultura del Comune di Seravezza, che ha registrato uno straordinario successo di pubblico e critica, quasi tutti gli spettacoli tutto esaurito, e che ha visto sul palco big come Simone Cristicchi, Giobbe Covatta, Francesco Guccini, Bobo Rondelli e tanti altri.

“Una scommessa vinta, un bilancio positivo e soprattutto vincente – hanno dichiarato il sindaco di Seravezza Ettore Neri e l’assessore alla cultura Riccardo Biagi –  che ha premiato l’originalità della nostra programmazione un po’ fuori dagli schemi classici che ci caratterizza. I nostri complimenti più sinceri alla direttrice artistica che ha avuto la sensibilità e la bravura per raggiungere questo traguardo e siamo già pronti per lavorare con lei alla prossima stagione 2014/2015”.

“Sono molto soddisfatta, è stata una esperienza davvero bella e stimolante – ha sottolineato Elisabetta Salvatori – e per questo voglio ringraziare il grande pubblico di Seravezza e l’Amministrazione Comunale che mi ha rinnovato la fiducia”.

Il Teatro Scuderie Granducali è in via L. Amadei 230, già Via del Palazzo a Seravezza. Il costo del biglietto da 16 a 8 euro secondo il settore.. Per informazioni: tel. 0584 757443,www.terremedicee.it

Seravezza, 11 aprile 2014

Ufficio stampa Fondazione Terre Medicee, agenzia  ILogo  

Seravezza Fotografia: Scatti ironici sugli oggetti dello status symbol"Displacements"

Domani sabato 12 aprile si apre la mostra del Circolo fotografico “L’Altissimo”

Seravezza_ Si intitola “Displacements” la mostra collettiva che si inaugura domani sabato 12 aprile alle ore 16.30, presso le Scuderie Granducali di Seravezza (Lu), viale L. Amadei 230, organizzata dal Circolo fotografico “L’Altissimo” di Querceta nell’ambito dell’undicesima edizione di Seravezza Fotografia diretta da Ivo Balderi. Il percorso espositivo presenta tutta una serie di scatti che vogliono essere una riflessione sul rapporto tra le persone e le cose. Fotografie che esprimono un punto d vista ironico, irriverente e grottesco nell’atto di profanare quella “sacralità”, sorta di aura protettiva e distintiva di tutti quegli oggetti d’uso quotidiano elevati al rango di “status symbol”. La mostra rimarrà aperta ad ingesso gratuito fino al 21 aprile dal giovedì al sabato dalle ore 15 alle 19 e la domenica dalle ore 10 alle 19. Prosegue poi con grande successo di pubblico anche l’evento di punta di Seravezza Fotografia: la mostra del grande maestro della fotografia contemporanea Frank Horvat dal titolo “House with Fifteen Keys” esposta nel  Palazzo Mediceo di Seravezza ( riconosciuto Patrimonio Mondiale dell’Unesco). La mostra è aperta fino al 21 aprile ( giorno di Pasquetta, ma sarà aperta anche per Pasqua domenica 20), dal giovedì al sabato 15 alle 19 e domenica e festivi 10 -19. Il biglietto d’ingresso è di 6 euro (intero) e 4 euro (ridotto).

Seravezza Fotografia è organizzata dalla Fondazione Terre Medicee, dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Seravezza con il patrocinio della FIAF (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche) e  la collaborazione di UNA Hotels & Resorts.  Media partner la rivista “Foto Cult” e Deaphoto di Firenze. Info: tel. 0584757443, www.seravezzafotografia.it

 Seravezza, 11 aprile 2014

Comunicato Ufficio Stampa agenzia ILogo per Fondazione Terre Medicee

In attesa che la campagna elettorale inizi a Stazzema, Libera Cronaca si dà all’ippica, meglio alla biciVedute dal Castello Aghinolfi di Montignoso 11 aprile 2014  002

 

A poco più di un mese dalle elezioni comunali di Stazzema non c’è traccia della campagna elettorale. Ieri, a Retignano, è stata presentata la lista Impegno per Stazzema 2019. Maurizio Verona sindaco ma i nominativi  non sono stati resi noti.  Tacciono le forze politiche e tacciono soprattutto i cittadini. È un’occasione straordinaria per il giornale che non c’è di darsi all’ippica, meglio alla bici.Vedute dal Castello Aghinolfi di Montignoso 11 aprile 2014 003

Stamani  siamo andati ad ammirare il mare dal Castello Aghinolfi che sovrasta Montignoso, il Lago di Porta e i resti della Torre di Porta Beltame, luogo  un tempo di confine tra gli stati di Lucca, Firenze e Modena.  Poi giù fino  al semaforo sull’Aurelia  e girare ancora verso Montignoso e prendere la salita del Castello dal versante inverso e  scendere  a Strettoia e continuare fino al Centoquindici per  andare a imboccare l’Aurelia direzione Pietrasanta. Dalla Piccola Atene, com’è definita Pietrasanta,  abbiamo preso la via per Seravezza passando vicini al Guerriero di Botero e via Vallecchia  siamo rientrati a Mulina. Se non c’è niente da scrivere, se nessun stazzemese ha nulla da proporre o da contestare, il tempo per  pedalare c’è ,e pure avanza.

Giuseppe Vezzoni-addì 11.4.2014

 

 

Domani Commemorazione del 70° anniversario della morte dei partigiani Gino Lombardi e Piero Consani 

 

Seravezza_Stazzema_ Nell’ambito del 70° della Liberazione della Versilia, domani sarà onorato  il 70° anniversario della morte dei comandanti partigiani Gino Lombardi e Piero Consani. L’iniziativa è promossa unitariamente dai Comuni della Versilia, sezioni A.N.P.I. “Gino Lombardi- Versilia”- Camaiore, Massarosa, Viareggio e Istituto Storico della Resistenza e dell’ Età Contemporanea in Provincia di Lucca. Programma: Sabato 12 aprile: ore 9,30 Corvaia: omaggio alla targa di piazza Piero Consani. ore 10,15 Ruosina: concentramento, presso il Monumento ai Caduti, delle Autorità, delle Associazioni e dei Cittadini- Alzabandiera corteo fino al cimitero e omaggio alla tomba di Gino Lombardi interventi dei Sindaci di Seravezza e Stazzema. Orazione ufficiale.

Giuseppe Vezzoni-addì 11.4.2014

I sacerdoti nella Resistenza, se ne parlerà domani a Camaiore

Camaiore_ Nell’ambito delle manifestazioni per il 70° della Liberazione della Versilia, domani, sabato 12 aprile, alle ore 16, si svolgerà presso la Sala Bianchi Via delle Muretta  di Camaiore un incontro sul tema I sacerdoti nella Resistenza. L’iniziativa è promossa unitariamente dai Comuni della Versilia, sezioni A.N.P.I. “Gino Lombardi- Versilia”- Camaiore, Massarosa, Viareggio e Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in Provincia di Lucca.Programma: Saluti di Mons. Damiano Pacini; Gianluca Fulvetti, Direttore ISREC Lucca, Università di Pisa “Clero e Resistenza”; Giuseppe Vezzoni, studioso di storia locale “I preti del 12 agosto”; David Zappelli, Terra di Viareggio “Fra’ Bargagli, una storia minima”; Giovanni Cipollini, ANPI Pietrasanta coordina gli interventi di testimonianza su Don Alfredo Alessandri, il parroco del CLN; Don Luigi Sonnenfield Riflessioni a margine

Giuseppe Vezzoni-addì 11.4.2014

Cena della solidarietà domani in Capannina

 

Forte dei Marmi- Cena ARNo per la Ricerca e la Solidarietà alle 20,30 nel mitico locale La Capannina di Forte dei Marmi.Invito_cena_ARNoc22a60

 

Domani inaugurazione monumento brigate  partigiane a bivio Campocecina-Fosdinovo

inaugurazione monumento

 

Massa_Carrara- Domani,alle 9,30, presso il bivio Campocecina-Fosdinovo si inaugurerà il monumento alle brigate partigiane.

Quelle brevi pagine che mai ho dimenticato…

 Libera lettura di scelti brani dalla letteratura d’ogni tempo e paese

Serata ventitreesima

Serata Lettura 23

 

Pietrasanta_ Giovedí 17 aprile 2014, dalle ore 21 alle ore 22 al MUSA di PietrasantaVia Sant’Agostino, 61 in collaborazione con «Circolo Culturale Sirio Giannini» e «PerFormat Salute»

Al MUSA di Pietrasanta, su libera scelta di amici e iscritti, «Versilia Storica»  organizza al terzo giovedì del mese dei brevi incontri nel corso dei quali sono letti brani od episodi della letteratura che hanno lasciato dentro di noi una indelebile traccia di conoscenza o di educazione o che, altrimenti, ci hanno aiutato nella comprensione dei più reconditi meccanismi dell’animo umano o delle massime leggi che, fin dall’inizio dei tempi, governano i rapporti tra le persone ed i popoli.

IN PROGRAMMA

«Quam bene Saturno vivebant rege priusquam …», dal libro I delle «Elegie» di Albio Tibullo [pr.Palestrina (Roma), 54 a.C. – Roma, 19 a.C.] Lettore: Luigi

Santini

«Le visioni di un angelo ribelle», dalle «Illuminazioni» di Jean Nicolas Arthur Rimbaud [Charleville, 20 ottobre 1854 – Marsiglia, 10 novembre 1891] Lettore: Massimo Dalle Luche

«Dialogo di un Folletto e di uno Gnomo» e «Dialogo di un Venditore di almanacchi e di un Passeggere», dalle «Operette Morali» di Giacomo Leopardi [Recanati (Macerata), 29 giugno 1798 – Napoli, 14 giugno 1837]

Lettore: Enrico Baldi

Al termine delle letture, gli intervenuti potranno gustare “tarallucci e vino”,

gentilmente offerti dai Lettori

Dom. 18.05.2014 – Gita alla mostra «L’incanto dell’affresco», capolavori strappati da Pompei a Giotto, a Tiepolo – Museo d’Arte di Ravenna.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...