Libera Cronaca bene comune di pochi e palude per molti 1256 del 25 e 26 marzo 2014

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi e palude per molti 1256 del   25 e 26  marzo  2014

giuseppevezzoni@gmail.com

I corrotti sono in mezzo a noi ma non sono con noi

La globalizzazione dell’indifferenza ci rende tutti Innominati

Le leggi inique contro i meno abbienti sono immediatamente costituzionali

Le leggi che toccano la casta necessitano sempre di approfondimenti costituzionali

I sacrifici vanno fatti tutti insieme

1256

Ultim’ora di Libera Cronaca 1256

 

Presentazione ufficiale della candidatura a sindaco di Stazzema di Maurizio VeronaPresentazione sindaco 25.3.2014 006Presentazione sindaco  25.3.2014 001

Stazzema _ Ieri pomeriggio presso l’albergo La Pania di Pontestazzemese il vicesindaco di Stazzema Maurizio Verona ha ufficializzato la sua candidatura a sindaco di Stazzema per il quinquennio amministrativo 2014/2019 ed ha presentato il logo della lista Impegno per Stazzema 2019 Maurizio Verona sindaco.

Il logo si differenzia da quello del sindaco uscente Michele Silicani, oltre  dall’ovvietà del cambio nome ,  per la scritta Stazzema in rosso e per l’inserimento della data di fine mandato. Inoltre, al centro del simbolo, è stato inserito un albero al posto della castagna e un ramoscello d’olivo e il sole dietro la stilizzazione del Monte Forato ha assunto i colori della Pace o dell’arcobaleno.

Ieri, oltre al sindaco Silicani, la Giunta uscente di Stazzema e i consiglieri Tovani e Viviani, erano presenti il sindaco di Pietrasanta Domenico Lombardi e l’assessore Luca Mori, i sindaci di Seravezza  Ettore Neri, di Camaiore Alessandro Del Dotto, di Massarosa Franco Mungai, di Forte dei Marmi Umberto Buratti, il presidente della Provincia Stefano Baccelli, i segretari del Pd di Stazzema Massimiliano Bazzichi, di Forte dei Marmi Riccardo Tarabella e del Pd territoriale della Versilia Giuseppe Dati. Fra i presenti anche alcuni candidati della lista Impegno per Stazzema nel caso in cui il decreto Delrio, in discussione al Senato, sia modificato ed allargasse la rappresentanza della composizione del consiglio comunale dei piccoli comuni con meno di 5.000 abitanti a 12+1 (4 alla minoranza).  La composizione finora prevista è 7+1 (2 alla minoranza).  Unitamente a Maurizio Verona a sindaco si sono ripresentati l’assessore Egidio Pelagatti, i consiglieri Alessio Tovani e Marco Viviani.

Da precisare che l’assenza del sindaco di Viareggio Leonardo Betti era motivata dagli impegni istituzionali, poiché ieri ricorreva  la festa della SS. Annunziata, patrona della città di Viareggio.

La presentazione è iniziata  con l’intervento del segretario del Pd di Stazzema, Massimiliano Bazzichi, il quale, dopo i ringraziamenti di rito rivolti agli amministratori e al pubblico, ha ricordato che il percorso per la candidatura a sindaco di Maurizio è partito da tempo e  non c’è stato bisogno di ricorrere allo strumento delle primarie.  Verona ha dimostrato attaccamento al territorio e porta con sé l’esperienza Unione dei Comuni.

Maurizio Verona ha sottolineato che si candida a fare il sindaco nel comune dove vive e che sarà dato  spazio ai nuovi.  Ha spiegato che la data fatta seguire al nome della lista sta  a significare che il programma sarà un impegno di cose da fare durante il mandato amministrativo e  che sarà messo a punto ascoltando le comunità, gli operatori e le associazioni dello Stazzemese.  A tal scopo sarà aperto ( da oggi) il Comitato elettorale a Pontestazzemese.  Ci sono mesi di lavoro utile occorso per approntare la nuova squadra. Nel caso in cui  il  Decreto del Rio non sia modificato (7+1), i nostri candidati sono pronti a fare un passo indietro. Rimandiamo per questo l’ufficializzazione della lista. Mi impegno per un vero programma di mandato. La presenza dei sindaci e della provincia si spiega con la necessità di fare sistema, che è indispensabile la progressiva integrazione fra i comuni per riuscire a portare le istanze a vantaggio del territorio della Versilia in sede europea, ricorrendo anche  a forme di partenariato. Il candidato ha concluso con il ringraziamento rivolto al sindaco Silicani, ricordando che, nel percorso amministrativo, alla fine è  prevalsa la sua capacità mantenere uniti i rapporti tra gli amministratori,

Il presidente della Provincia Stefano Baccelli ha messo in rilievo  che l’amministrazione di Silicani  ha avuto come elemento fondamentale gioco di squadra e che ciò è stato possibile anche grazie a Michele Silicani. Verona, ha rilevato Baccelli, è la candidatura naturale  nel segno di una continuità amministrativa che ha determinato la concretizzazione di progetti che con le risorse di un piccolo comune non potevano essere sostenuti. Ha ricordato l’intervento su Tre Fiumi, 2 milioni 100mila euro, l’adeguamento 1 milione e mezzo per la via Sant’Anna di Stazzema. C’è stata passione e gioco di squadra. Stazzema è un Comune speciale perché è il comune di Sant’Anna di Stazzema, ha concludo Baccelli

Ettore Neri ha invitato a sostenere Maurizio Verona, ricordando il contributo che ha dato per la crescita dell’Unione dei Comuni. Risultati encomiabili sono stati ottenuti a Stazzema, dove forza fisica, passione e voglia di fare sono stati gli elementi fondamentali del team. La Versilia ha bisogno di un amministratore come Verona.

Alessandro Del Dotto ha messo in rilievo che in Verona c’è la consapevolezza che certi passaggi vanno affrontati insieme e che va ribaltata la situazione che i comuni debbano essere esattori  dello Stato. L’esperienza di Verona arricchisce il quadro amministrativo.

Domenico Lombardi ha riconosciuto a Verona capacità di ascoltare e la coerenza politica. La sua presenza e conoscenza sono state determinanti per l’ emergenza frane, la Versiliana e altri progetti. Maurizio Verona è pertanto un elemento di continuità ma anche di sicurezza per gli altri sindaci.  E’ un valore aggiunto per tutta la Versilia.

Franco Mungai ha ricordato che per  fare il sindaco uno deve essere matto, ma tuttavia lo spirito di servizio deve prevalere. Verona ha le caratteristiche di ottimo amministratore e gli auguro in bocca a lupo. Migliore scelta non ci poteva essere,

Umberto Buratti ha evidenziato le qualità positive sul campo dimostrate da Maurizio Verona attraverso la guida dell’ente Unione dei Comuni.   Di basilare importanza è il suo essere sempre informato su tutto. Verona è la persona adatta per avere il ruolo di sindaco di questo comune. È un esempio di lavoro assieme. La gente di Stazzema deve votarlo

Michele Silicani ha espresso il rapporto di stima che lo lega a Verona e la passione forte  che li ha uniti per  essere riusciti a portare Stazzema al livello di pari dignità tra gli altri comuni.  Stazzema non sfila più dopo la banda, Così non è più.  Spesso  sono  i rapporti di forza  a far saltare le amministrazioni e non quelli di stima reciproca. I valori delle persone si traduce in lavoro. Ognuno ha avuto il suo ruolo e ha rispettato quello degli altri. Noi sindaci dobbiamo fare squadra e la Versilia deve fare squadra. Il contatto coi paesi c’è sempre stato e continuerà ad esserci. A Tre Fiumi  la soluzione tecnica è stata assunta in concerto con le popolazioni.  Abbiamo dimostrato  che la crisi culturale e di rappresentazione politica  in montagna è ancora possibile fronteggiarle e vincerle.  Io sarò  sempre a disposizione.

Giuseppe  Vezzoni- addì 26.3.2014

Piano Paesaggistico: i Comuni della Versilia  si ribellano e approvano un ordine del giorno da presentare in Regione1 Documento approvato Consiglio congiunto Versilia  25.3.20142 Documento approvato Consiglio congiunto Versilia  25.3.20143 Documento approvato Consiglio congiunto Versilia  25.3.2014

 

Postiamo il documento approvato con tre voti contrari.(notizia da verificare) Stasera scriveremo il pezzo con dati più precisi. Fra gli amministratori di Stazzema erano assenti i consiglieri di minoranza Gian Piero Lorenzoni, Baldino Stagi e Antonio Giannelli. Tantissimi gli operai presenti ieri a Cardoso. Assente la Regione. Una rappresentanza dell’istituzione crediamo  fosse più che doverosa.

Giuseppe Vezzoni-addi 26.3. 2014

 

Libera Cronaca rifiutata

Non desidero più ricevere le notizie. Vorrei essere eliminata dalla mailing list.

Daniela……25.3.2014

Re: Nel giorno in cui il giornale che non c’è ha toccato 550 visualizzazioni rendiamo pubblica la richiesta che ci è pervenuta dalla signora o signiorina Daniela. Abbiamo provveduto a cancellare l’indirizzo dalla mailing list ma siamo certi che leggerà ancora Libera Cronaca. Anche stamani.

Pertanto, La ringraziamo per l’attenzione che ci ha riservato e ci scusiamo della nostra, si presume, faziosità. Ma ciò che abbiamo scritto o pubblicato ieri continueremo a farlo oggi e domani, finché  Libera Cronaca esisterà. Senza guardare in faccia a nessuno.

Dal maggio 2010 sono quattro o cinque le richieste come quella che ci ha inviato la  signora Daniela, forse  perché disturbata dalla posizione che abbiamo tenuto  sulla questione marmo o per le precisazione dell’Asbuc della Montagna  di Seravezza.

 Ce ne scusiamo, ma la libertà di opinione è per noi più importante del numero delle visualizzazioni. Il nostro spirito di servizio è GRATIS, ed è nato a causa della porcheria di tappare la bocca che abbiamo subito. Non DIMENTICHIAMOLO!

Giuseppe Vezzoni-addì 26.3.2014   

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^ 

Usi Civici:  Il consiglio dell’Asbuc della Montagna di  Seravezza precisa

 

Seravezza_ Scusandoci del ritardo   nel rispondere alle sollecitazioni provenienti dal redattore della Libera Cronaca e di Baldino Stagi in particolare, del  15  marzo  u.s.   , il Consiglio dell’Asbuc Montagna di Seravezza intende precisare quanto segue:

Sulla sentenza emessa dal Dott.  Pietro Catalani il 5 febbraio 2014 sul quasi   trentennale contenzioso fra Henraux spa, Comune di Seravezza prima, Regione Toscana dal 2008, anche Asbuc dal 2012, i quotidiani locali  travolto  il  nostro  comunicato,  attraverso  la consueta tecnica dell’amplificazione e della diminuzione ad hoc.èàèèàòà

Ma poiché la sentenza non ha   ancora concluso il suo iter, che probabilmente terminerà nel prossimo giugno, non ci pare opportuno cantare vittoria né da una parte né dall’altra. La materia del contendere al di là della ratio giuridica, evidentemente importantissima, di cui è detentore il giudice monocratico   nel primo grado di giudizio, non si risolve che nei successivi gradi soprattutto nell’Appello, a cui in effetti l’Asbuc  di Seravezza concorrerà.

Ma vale in questa sede sottolineare che se il giudice considera validi i rogiti con i loro addendi enfiteutici, che sono pervenuti in mano di Alessandro  Henraux ed eredi dopo  il  1820, è  altresì fondamentale conoscere  le porzioni  di  territorio  che con  essi  la società oppositrice presumibilmente entrerà in  possesso (sempre in  attesa del  secondo  grado  di  giudizio).

E qui crediamo che ci saranno sorprese, tali da capovolgere le posizioni fin ora espresse: et de hoc satis.

Per quanto riguarda il secondo punto, ci dispiace dello sgomento dell’amico Stagi, di cui ammiriamo la pervicacia e l’impegno quotidiano nella politica attiva: non abbiamo mai nascosto la nostra grande riconoscenza a lui personalmente e all’avv.  Corfini,  di  cui  ci  piace ricordare una primissima  riunione degli  “Usi  civici” col  rimpianto  Maestro  Polidori: fu  su  stimolo  loro  che Seravezza compì i  primi  passi che poi  si  sono  concretizzati nella costruzione dell’Asbuc e nell’entrare  in  quel  contenzioso giuridico  a cui  si  faceva riferimento  sopra.   Entravamo,  neofiti  in  un  campo  nuovo e impervio,  con  la spesa di  molto  tempo  ed energie,  in  parte riversate anche sul  Centro  Cervati,  che dopo  una prima fase di  attività, dava segni  di  stanchezza e quasi  di  esaurimento.   E’ per  questo  che abbiamo  giudicato  necessario  indirizzare le nostre poche forze in  altre direzione. In  particolare  l’attivazione di  un  percorso  tribolato  che ci  ha portato  alla elezione dell’Asbuc e al  punto  cui  siamo  giunti.

25     marzo  2014

 Il  consiglio  Asbuc Montagna di  Seravezza

Re: Ringraziamo il consiglio dell’Asbuc della Montagna di Seravezza  per averci inviato queste precisazioni.


Dolcezza violataCARLOCARLI_FAREGIUSTIZIA


Successo per la mostra di Carlo Carli a Roma. L’Archivio Centrale dello Stato inserisce tre opere nella propria collezione permanente

Una mostra coraggiosa, forte, che conferma tutta la sensibilità artistica, la passione politica e l’impegno sociale dell’autore. In estrema sintesi è questo il lusinghiero giudizio espresso dal pubblico su “Dolcezza Violata”, l’esposizione che Carlo Carli ha tenuto presso l’Archivio Centrale dello Stato a Roma in occasione delle celebrazioni per la Giornata Internazionale della donna. Una mostra di grande impatto psicologico, centrata sull’attualissimo tema della violenza di genere, che ha ottenuto un doppio riconoscimento da parte delle istituzioni: da un lato il patrocinio del Ministero dei beni culturali e il personale intervento di Marina Sereni, vicepresidente della Camera dei Deputati, alla cerimonia di inaugurazione; dall’altro il desiderio espresso a fine mostra dai responsabili dell’Archivio Centrale dello Stato di acquisire in via permanente tre delle opere esposte. Desiderio al quale l’artista toscano, onorato, ha risposto positivamente donando i più rappresentativi dei suoi lavori.
Nonostante la posizione defilata della sede espositiva, fuori dai canonici circuiti turistici della capitale, “Dolcezza Violata”, a cura di Elisabetta Vannozzi, ha fatto registrare vivaci e qualificate frequentazioni grazie anche alle iniziative collaterali promosse dall’Archivio Centrale dello Stato. Tra queste, una manifestazione dedicata alle donne con esposizione di fonti d’archivio e proiezione di documentari RAI su due figure femminili che hanno lasciato testimonianza di un forte impegno nel mondo dell’arte italiana – Palma Bucarelli e Pippa Bacca – e la presentazione di un interessante volume sull’emigrazione femminile negli Stati Uniti. Entrambi gli eventi sono stati arricchiti da visite guidate alla mostra di Carlo Carli. «Ai dirigenti dell’Archivio Centrale dello Stato e a tutto il personale va il mio sincero ringraziamento per il modo intelligente, vivace e attivo con il quale hanno accolto e supportato la mia mostra», dichiara Carli tracciando il consuntivo dell’esposizione romana. «Mi ha particolarmente fatto piacere la presenza dei giovani e delle scolaresche».
Tra le personalità che hanno visitato “Dolcezza Violata” lasciando significative testimonianze di apprezzamento figurano l’ambasciatore Themistoklis Demiri e il ministro consigliere Nike Koutrakou dell’Ambasciata di Grecia a Roma, la professoressa Gloria Nardini dell’Università dell’Illinois, e Anna Maria Buzzi, direttore generale del Mibac per la valorizzazione del patrimonio.

Immagine allegata: “Fare Giustizia”, una delle tre opere acquisite alle collezioni permanenti dell’Archivio Centrale dello Stato

25 marzo 2014

Comunicato da Stefano Roni per SCATIZZI DE PRÀ & PARTNERS-

casella postale 31 – 55042 Forte dei Marmi | Viale Gran Sasso 11 – 20131 Milano

T: +39 02 20509250 – F: +39 0584 769350 | info@scatizzidepra.it | www.scatizzidepra.it

 La mostra di Grazia Leoncini chiude domenica 30 marzoPresentazione mostra di Grazia Leoncini- da sin. Cristiana Ramacciotti, Lodovico Gierut e Rossano Ramacciotti (2014)

Viareggio_ Continua a Viareggio (Lucca), nei locali dei Musei Civici di Villa Paolina Bonaparte -Via Machiavelli, 2-la retrospettiva dedicata alla pittrice toscana Grazia Leoncini “Il Volo della Farfalla”, a cura di Cristiana Ramacciotti e Lodovico Gierut. L’esposizione comprende oltre trenta opere incorniciate (pastelli, oli e acrilici), oltre a settanta pastelli e acquerelli su carta inseriti in vari contenitori, nonché scritti di amici e di conoscenti dell’Artista stampati su pannelli. Domenica 30 marzo 2014 – ultimo giorno d’ esposizione – la “Polifonica Città di Viareggio” renderà omaggio a Grazia Leoncini con inizio alle ore 17,00. Ingresso libero.Pubblico alla presentazione della mostra retrospettiva di Grazia Leoncini (1949-2013) a Viareggio-Palazzo Paolina Bonaparte marzo 2014

Grazia Leoncini è nata a Viareggio nel 1949 e scomparsa a Massarosa nel 2013, sposata e con due figli, l’artista è stata sempre apprezzata da critici e da esperti d’arte, come da giornalisti e da poeti, e dai tanti colleghi con i quali ha partecipato mostre di gruppo anche a livello nazionale. Ha tenuto personali a Viareggio, Brescia, Seravezza, Milano, Pietrasanta. Sue opere sono state esposte anche nel 2013 nelle mostre/documento “Il Comprensorio dell’Altissimo” (Cardoso di Stazzema, Palazzo della Cultura, agosto 2013, Celebrazioni Lodo di Papa Leone X) e “Azzano e il Popolo della Montagna” (Sala espositiva Pubblica Assistenza).Grazia Leoncini, Figura di donna, olio su tela cm 44x69

Inserita in molti cataloghi quali “La valle di Marmo”, “Segni del dolore. La dimensione sacra della sofferenza”, “La spiaggia e il melograno”, “Massaciuccoli. Il lago degli artisti”, “Versilia Wine Art. Etichette d’autore”, “La mia Versiliana”, sulla sua attività hanno scritto qualificate firme, come Lodovico Gierut che le ha dedicato – nel 2007 – l’esaustiva monografia “Essere ed Oltre” in cui ne ha opportunamente messo in luce sia la grandi doti, esternate soprattutto con l’uso del pastello nell’esaltazione della figura  femminile interpretata nelle varie dimensioni, come una sensibilità e una generosità “sopra le righe” nonché “la leggiadria e l’eleganza del segno”. Tra gli esperti del settore che ne hanno scritto di recente, all’inizio del 2014, Giovanni Faccenda:

“Il segno, libero, continua a partecipare remote trepidazioni, un universo complesso e variegato nel quale Grazia Leoncini sapeva addentrarsi con intima consapevolezza. Restano, di questa pittrice dall’anima buona e candida, fogli e ritratti colmi di un’umanità ormai rara da trovare, il senso, profondissimo, della verità che è come la luce flebile di una stella lontana nel buio della notte che, ogni sera, ci cancella come gesso sulla lavagna”.

Ha illustrato alcuni libri di Bruna Nizzola e suoi dipinti sono collocati in spazi pubblici e privati: Comuni di Viareggio e di Camaiore, Museo della Carta di Pescia, Casa delle Donne in Viareggio. Ha documentazioni conservate sia nell’Archivio del “Comitato Archivio documentario Gierut”, sia in alcune delle massime Biblioteche Pubbliche, oltre che nell’“Archivio Grazia Leoncini” tenuto dalla figlia Cristiana Ramacciotti.

“ (…) Il suo linguaggio si colloca positivamente ben fuori della moda di talune superficiali sperimentazioni contemporanee fatte di grida e di forzature o di consumismo, e così la profondità del timbro autonomo è perennemente scandito da un’avvolgente spontaneità. Osservandone l’iter è bene notare – sin dai primi passi – una costante maturazione stilistica, portata in essere con costanza e con rigore, tanto che il fine raggiunto possiede una scioltezza cromatica di gran livello, con una linea pastellata che ci consegna la trasparenza e il mistero della bellezza. Se ben ricordo, qualcuno ha scritto che l’Arte non deve avere aggettivi, cosicché quella di Grazia Leoncini non può essere chiusa in semplici parole – reale o surreale, impressionista o conservatrice… – visto che è solamente, unicamente Arte. Il risultato è l’unitario e unico modo d’essere e di vivere”.  (Lodovico Gierut. Estratto dalla presentazione della mostra di Grazia Leoncini del 16 marzo 2014).

Orario 15,30-19,30. Ingresso Libero.

Mostra con vari patrocini tra cui Comitato Archivio artistico-documentario Gierutwww.gierut.it – Comune di Massarosa – Museo “Ugo Guidi”, Forte dei Marmi – Cartiere Magnani di Pescia – Circolo Filatelico “Giacomo Puccini”, Torre del Lago/Viareggio.

Info: www.grazialeoncini.it  viareggiocultura@comune.viareggio.lu.it  cristiana.ramacciotti@gmail.com lodovico@gierut.it

Comunicato inviato da Lodovico Gierut addì 25.3.2014

Avvertenza:Presentazione sindaco  25.3.2014 007Presentazione sindaco  25.3.2014 001

Domani  mattina posteremo come Ultim’ora di Libera Cronaca gli articoli sulla presentazione ufficiale di Maurizio Verona a candidato sindaco di Stazzema, avvenuta oggi  nella sala ristorante dell’albergo La Pania di Pontestazzemese, e sul consiglio straordinario congiunto fra i sette comuni della Versilia tenutosi sempre oggi pomeriggio a Cardoso.consiglio congiunto 25.3.2014 010

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...