Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi e precluso ai giocondi 1187 del 31 dicembre 2013

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi e precluso ai giocondi 1187 del  31 dicembre 2013

giuseppevezzoni@gmail.com

I corrotti sono in mezzo a noi ma non sono con noi

La globalizzazione dell’indifferenza ci rende tutti Innominati

Le leggi inique contro i meno abbienti sono immediatamente costituzionali

Le leggi che toccano la casta necessitano sempre di approfondimenti costituzionali

1187

BUONA FINE E BUON PRINCIPIO

DA PARTE DI LIBERA CRONACA

31 dicembre 2013 – 1 gennaio 2014Mulina  Natale 2013 029

 

Più rispetto nei termini e confrontiamoci sui contenutiMulina  Natale 2013 024

Circa le affermazioni fatte qualche giorno fa dal sig. Rossi Giuseppe su queste pagine, secondo il quale i Consiglieri Comunali di Stazzema sarebbero tutti falsi, visto che per anni ha ricoperto la stessa carica, penso che potrebbe utilizzare un linguaggio più rispettoso per esprimere eventuali suoi dubbi sull’operato degli stessi, come Capogruppo della Maggioranza non mi sento comunque di dover prendere le difese dei consiglieri Comunali che compongono il Gruppo Impegno per Stazzema e prendo invece atto del ridimensionamento delle posizioni del sig. Rossi nel comunicato pubblicato ieri dalla Libera Cronaca.

Riguardo alle coraggiose scelte fatte dall’attuale Amministrazione Comunale di Stazzema e gli importanti progetti portanti avanti, primo tra tutti il recupero del Bosco, del quale fa parte l’impianto di Teleriscaldamento di Pruno e Volegno, sarà il tempo a giudicare se queste siano state iniziative positive per il nostro territorio. Oggi tutti noi possiamo affermare, sostenuti dai fatti, che se il territorio di Stazzema è nello stato di degrado che tutti noi ogni giorno vediamo con i nostri occhi, è anche a causa delle scelte fatte dalle Amministrazioni Comunali che hanno operato in passato, e anziché stare a fare le pulci sugli incassi che il Comune di Stazzema incamera dal Teleriscaldamento, sarebbe certo più proficuo proporre progetti ed iniziative a sostegno delle politiche ambientali portate avanti in questi ultimi anni dall’Amministrazione. A volte ci sono “incassi” che vanno ben oltre quelli strettamente economici, ma purtroppo c’è chi preferisce non comprenderli!

Riguardo al Consigliere Stagi credo che il suo linguaggio scorretto e offensivo sia ancora più condannabile visto che sedendo sui banchi del Consiglio Comunale di Stazzema non è un semplice cittadino che parla ma un rappresentante di una istituzione. Certamente non è facile dar risposte a chi vorrebbe sempre sentirsi dire ciò che nella sua mente si attende, risposte ne sono state date in Consiglio Comunale, sia dagli amministratori che dai tecnici e funzionari, sono state inviate per iscritto ma nonostante questo Stagi continua a dirsi insoddisfatto. E’ vero che Stagi in questi anni ha inviato agli amministratori di Stazzema tante istanze e richieste ma è altrettanto vero che queste istanze hanno sempre per oggetto gli stessi argomenti, quasi come se lui fosse dispensato dal doversi preoccupare di tutti gli innumerevoli problemi a cui ogni giorno il Comune di Stazzema è chiamato a dare risposte.

Nel nostro gruppo è ormai chiaro chi sia la persona più adeguata a guidare la futura amministrazione Comunale di Stazzema, nel solco della continuità dei progetti e idee innovative che in questi anni sono state portate avanti con impegno, per rimuovere Stazzema dall’isolamento prima di tutto Culturale, noi guardiamo al futuro del nostro Comune con fiducia ed ottimismo, perchè a Stazzema ci abitiamo ogni giorno, ci lavoriamo e soprattutto crediamo in questo territorio, convinti che se gli abitanti di Stazzema collaboreranno attivamente con l’amministrazione i risultati non tarderanno ad arrivare.

Crediamo nella condivisione e nel dialogo perchè da ogni posizione possono venire spunti per creare qualcosa di buono.

Colgo l’occasione per inviare a tutti gli Stazzemesi, ai redattori e a tutti i lettori della Libera Cronaca i migliori auguri per un sereno e proficuo 2014.

Capogruppo Impegno per Stazzema- Marco Viviani-addì 31.12.2013

La vera vergogna è la piaga sociale dell’evasione   fiscale

Caro Vezzoni, in Italia le vergogne sono altre, sono i milioni di evasori fiscali che rubano soldi ai loro fratelli Italiani, sono coloro che gridano più di altri per poi comportarsi peggio, sono coloro che pensano di avere l’aureola come gli angeli e i santi e poi si comportano male.

Io, sig. Vezzoni, non mi vergogno di ciò che faccio, agisco sempre in buona fede pensando di agire nella legittimità , io non ho mai detto che la magistratura è corrotta perché non risponde alle mie aspettative, non ho mai detto che il Prefetto non fa il suo dovere perché non asseconda le mie aspettative, non ho mai neppure pensato che il Presidente della Repubblica è inadeguato perché non asseconda le mie aspettative, non ho mai pensato che l’avvocatura regionale, la regione e gli altri enti tramassero contro le mie aspettative, forse perché credo nelle istituzioni e perché penso che il mondo non ruoti intorno a me , io non mi sono mai sentito al centro dell’universo, mi sento un umile essere umano marginale nella società che cerca di dare il suo contributo.

Non penso e non ho mai pensato che ciò che faccio e ciò che dico sia la verità assoluta mi sento uomo e come tale soggetto a sbagliare, mi hanno educato a rispettare tutti e a rapportarsi con educazione nei confronti di tutti, però ho un difetto gli arroganti non mi sono simpatici e preferisco non rispondere alle assurde provocazioni figlie dell’arroganza.

Voglio comunicare ai lettori della Libera Cronaca che L’Unione dei Comuni sta pianificando un piano strategico della Versilia (Versilia 2020) con l’obbiettivo di realizzare un piano per intercettare risorse comunitarie necessarie a favorire uno sviluppo del nostro territorio.

Il Presidente della Regione Rossi nella visita dal 20 dicembre in Versilia ha annunciato chiaramente che dovrà essere l’Unione l’interlocutore unico per competere a livello comunitario e Regionale per ottenere risorse da investire nello sviluppo, nella sicurezza del territorio.

Voglio comunicare ai lettori della Libera Cronaca che a breve investiremo circa un milione di € in ambito forestale, risorse del PSR che serviranno a migliorare e diminuire il rischio idrogeologico del nostro territorio.

Voglio informare  che l’Unione dei comuni svilupperà un accordo con l’università di Pisa per lo studio e la sua conseguente valorizzazione dei siti minerari della Versilia.

Voglio comunicare che l’ ente che presiedo ha approvato una delibera per un piano delle piste antincendio sul territorio, e per un piano della mobilità leggera attraverso lo sviluppo della mobilità ciclabile della costa e dalla costa verso l’entroterra.

Togliendosi i paraocchi, la visione sia allarga e le prospettive cambiano, togliendosi i paraocchi chi accorgiamo che il mondo offre molto opportunità di sviluppo e che bisogna avere le capacità di mettersi in discussione ed in competizione per centrarle.
Caro Vezzoni io mi vergogno di migliaia di evasori italiani che mettono in grossa difficoltà gli Italiani onesti che pagano tutte le tasse. Questa piaga è la vera responsabile della crisi sociale che viviamo oggi. Questa piaga è la madre delle riforme pensionistiche, è la madre dell’inasprimento fiscale sulle classe più deboli, sui dipendenti pubblici e privati.

L’evasione è la piaga da debellare e per questo credo sia necessario che la nostra amministrazione attui nuovamente un accordo con le autorità competenti per combattere questo male sociale.

Saluti
Maurizio Verona-addì 31.12.2013

Buon Anno da Libera CronacaMulina  Natale 2013 015

Carissimi, siamo colti da un grossissimo pudore quando vi relazionate con Caro Giuseppe o Signor Vezzoni. Seppur ci fa piacere questa forma, sappiamo di non essere degni di ricevere una così calda attenzione e intrinseco rispetto. Ci sentiremmo più a nostro agio se evitaste tutto ciò. Non siamo mosche bianche e quanto traspare dallo scrivere  è sicuramente molto meglio di  quello che in realtà siamo. Chi scrive è chiamato comunque a dare un esempio virtuoso ma non è detto che ne sia sempre capace. Pertanto preferiremmo restare in disparte affinché gli sbagli  e gli  eventuali scadimenti del nostro porci non debbano essere colpevolizzati oltre quella normalità  di  uomini  qual siamo,  con i nostri limiti e gli inevitabili errori.

Dopo questa precisazione, concordiamo con quanto scrive il presidente dell’Unione di Comuni, Maurizio Verona e il capogruppo Viviani, ma le risposte vanno date. E’ vero, l’evasione fiscale è uno dei mali (forse quello peggiore) della situazione economica e sociale italiana, ma non è il solo. Aggredire con determinazione questa piaga  tramite i controlli che possono essere attivati dagli  enti locali può davvero  determinare risultati  concreti. È sotto l’occhio di tutti l’esercizio di diffuse attività evasive, e fa rabbia che i furbi, meglio i disonesti, possono succhiare il sangue  di chi è onesto o onesto per forza  in virtù di una legiferazione fiscale che preleva ormai senza ritegno parte della qualità della vita, già divenuta infima, alle classi più indifese. In questi giorni sappiamo che il canone Rai per il 2014 sarà 113,50 euro annui e siamo costretti a vedere trasmissioni che perdono tempo e sperperano soldi facendo  servizi sui cagnolini di politici che hanno una qualità della vita superiore a tante famiglie di poveri cristi italiani. Fa rabbia vedere gente che non ha soldi per pagare i servizi a domanda individuale ma che frequenta bar, fuma e non si fa mancare nulla. Anche sulle residenze fittizie  ci sarebbe da indagare se dietro di esse si nascondano vantaggi fiscali. Insomma, c’è un vasto campo da indagare per trovare risorse occultate prima di innalzare le tasse e mettere in atto provvedimenti pesanti, come è capitato con le concessioni cimiteriali perpetue.

Si potrebbe continuare all’infinito e soprattutto nello specifico dello Stazzemese, ma  poiché oggi  si chiude questo tribolato 2013, la cui  luce in fondo al tunnel l’hanno vista coloro che la vedono sempre, ma non i giovani, gli operai e i pensionati mille euro, soprassediamo e rimandiamo tutto all’anno nuovo. Dobbiamo tuttavia rilevare che nella fascia delle pensioni che non arrivano a mille euro  ci sono cittadini  che hanno innegabili e gravi difficoltà economiche ma anche cittadini benestanti e facoltosi, i quali, invece di farsi una pensione adeguata, hanno optato di dotarsi di un bel conto in banca, di costruirsi case o quant’altro che gli potesse assicurare una serena vecchiaia.

Per finire, attendiamo che nel frattempo ci pervenga una maggiore conoscenza in merito ad  un provvedimento  preso giorni orsono per una attività di cava e per quanto riguarda due discariche che stanno per essere risanate con risorse pubbliche ma le cui responsabilità sono decisamente private: sia per quando concerne l’abbandono indiscriminato di materiali sia per quanti hanno assistito e non hanno denunciato i reiterati comportamenti di scarico abusivo. Sembrerebbero esserci anche delle carcasse di automezzi fra il materiale abbandonato nelle discariche, e che terreni interessati sarebbero incisi  da un principio  di frana che interessa anche una parte di una via di lizza.

Giuseppe Vezzoni-addì 31.12.2013

 

Primo Concerto augurale d’Epifania-Lunedì 6 Gennaio 2014 Scuderie Granducali Medicee di SeravezzaA5 CONCERTO EPIFANIA

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi e precluso ai giocondi 1187 del 31 dicembre 2013

  1. Marco Viviani ha detto:

    Eccomi di nuovo agli onori delle cronache, cos’è successo? In realtà niente di nuovo se non un’ennesima puntata dell’ormai trita e ritrita telenovela, la cui fine qualcuno cerca di far coincidere con la mia morte professionale, ma a cui io mi opporrò sempre con tutte le mie forze. Sui fatti accaduti qualche giorno fa e cioè sequestro delle cave e conseguente denuncia alla procura non mi posso esprimere in quanto essendo la vicenda in una fase delicata non intendo dare suggerimenti di come si articolerà la mia difesa alla controparte. Respingo comunque tutte le accuse così come riportate dall’articolo apparso su La Nazione del 31/12 e invito ad una verifica che ognuno può fare, se lo vuole, in prima persona e cioè dove nel suddetto articolo si afferma “la mancanza di idoneo impianto di depurazione delle acque” e “senza aver realizzato l’impianto necessario per l’intercettazione, raccolta e depurazione delle acque meteoriche e delle acque di processo e specificatamente nessuno dei sistemi previsti dalla determinazione dirigenziale rilasciata alla Da.Vi. srl cioè tubazioni, canalizzazioni e vasche di raccolta”. Tutto questo c’è, (lo hanno pure sequestrato) ed è ben visibile a chiunque si rechi nei pressi della cava. Tornerò sicuramente su questa vicenda e su altre che mi riguardano più avanti. Buon Anno Marco Viviani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...