Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi e precluso ai giocondi 1163 del 3 e 4 dicembre 2013

 

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi e precluso ai giocondi 1163 del 3 e 4 dicembre 2013

giuseppevezzoni@gmail.com

I corrotti sono in mezzo a noi ma non sono con noi

La globalizzazione dell’indifferenza ci rende tutti Innominati

Le leggi inique contro i meno abbienti sono immediatamente costituzionali

Le leggi che toccano la casta necessitano sempre di approfondimenti costituzionali

1163

Strage Prato, Nichi Vendola (SEL) si unisce al lutto cittadino

 
 

Prato si ferma per i suoi morti.

Mai più occhi chiusi davanti a disumanità e dignità calpestate
lavoro diritti
 
Lo ha scritto su Twitter il presidente di Sinistra Ecologia e Libertà, Nichi Vendola, unendosi al minuto di raccoglimento osservato a mezzogiorno nelle scuole e negli uffici pubblici di Prato.
 
 
 
Firenze, 4 dicembre 2013

Per lo scandalo Università e Ferrari,  sarà modificato il modello l’Isee

Siamo trasecolati dover ascoltare dai politici giganti le solite e trite affermazioni del giorno dopo, quelle che seguono lo scoppio di uno scandalo o il ripetersi dei disastri naturali o  tragedie sui luoghi di lavoro. Ma dove vivono,  verrebbe da chiederci se davvero fossimo i giocondi che ci fanno essere.  Con l’Isee si è dato in mano ai furbi lo strumento per non pagare o per far pagare agli altri anche i servizi a domanda individuale. C’è gente che fuma come una ciminiera, fa le colazioni al bar, vede il calcio e i film su Sky, gira in macchina ma è povera in canna per pagare i servizi, come il trasporto scolastico e la mensa, e gli affitti pubblici. Tolgono risorse a chi ne avrebbe veramente bisogno o a quegli studenti che meriterebbero di essere aiutati. Adesso si corre ai ripari dopo essersi accorti che lo strumento era utilizzato per una sistematica autodichiarazione falsa, dove il reddito nero la fa da padrone. Ogni giorno passano sotto gli occhi degli amministratori illuminati cittadini che lavorano in nero ma che poi non rinunciano a compilare l’Isee, ad usufruire dei vantaggi dati da modello Isee, su cui evitano  di riportare l’ammontare del conto corrente e dei risparmi. Un giovane studente che denuncia di non avere reddito ma risiede in una casa da solo non può essere considerato nella condizione in cui  può agevolarlo nell’assegnazione di un alloggio per frequentare l’Università. In queste situazioni va subito messo il dito della verifica, perché, salvo rarissimi casi, queste autodichiarazioni  sono scopertamente false. Infatti molti furbi  usufruiscono dell’alloggio ma tengono la macchina nel parcheggio sotto le finestre, mentre i figli degli operai fanno i pendolari col treno, quando va loro bene. Ci rifiutiamo di  credere  che il presidente del Consiglio Letta fosse ignaro di ciò che avviene nel paese che siamo diventati e la “l’università con Ferrari” l’abbia indotto a modificare l’Isee.  Più  dei casi dei finti poveri, a ferire i cittadini  sono i provvedimenti finti equi, ai quali anche  questo  governo di larghe contese  non sembra rinunciare.

Giuseppe Vezzoni- addì 3.12.2013

Strage Prato, SEL aderisce alla giornata di lutto

Il messaggio di Giuseppe Brogi (SEL Toscana) e di Nicoletta De Angelis (SEL Prato): “Unire dolore, impegno, speranze comuni”

La globalizzazione spietata ha un’ enclave in casa nostra e la morte ce la portiamo addosso.

Prato è la nostra Dacca, la città del Bangladesh dove in primavera nel crollo di un edificio-formicaio, nel quale si produceva abbigliamento per griffe occidentali, sono morte oltre mille persone.

Nessuno è innocente, a Prato e fuori di essa. Troppi occhi italiani sono rimasti chiusi: chi per convenienza, chi per indifferenza, chi per arrendevole disimpegno (“così va il mondo…”). Prendiamoci tutti – istituzioni, politica, economia, informazione – le nostre responsabilità, affinché, dopo le lacrime, le parole non rimangano sterile e momentaneo sussulto.

Rovesciare come un guanto. Prato richiede un intervento di enorme portata, una radicale trasformazione della realtà con un piano di valenza nazionale che coinvolga il governo cinese, tutte le istituzioni italiane, in alto e in basso, le strutture economiche, concertato con la comunità cinese. E’ come se si dovesse ricostruire in altro modo e con scelte nette una zona devastata, quindi ripensare l’urbanistica, favorire la trasparenza e la fuoriuscita dall’illegalità in tutti i sensi, tessere permanentemente rapporti per una reale interazione, affermare i diritti umani e sociali attraverso la legge e lo Stato, in tutte le sue funzioni e servizi.
Uniti per un altro modello di vita, economia, benessere, socialità.
A Prato si può cambiare non solo con leggi, risorse, volontà e presenza statuale, che pure devono tangibilmente e decisamente esserci. Serve una comunione di intenti e di azioni tra la originaria comunità pratese e quella cinese, affinché non vi siano più separazione, zone grigie, disumanità, speculazione di chiunque sulla povertà e la voglia di riscatto per una vita migliore. Abbiamo tutti un solo nemico: un sistema economico cinico ed i suoi spietati esecutori dai quali vogliamo e dobbiamo liberarci.
Anche per questo, per unire dolore, impegno, speranze comuni, oggi saremo alla fiaccolata di commemorazione e domani aderiremo alla giornata di lutto cittadino e alla marcia silenziosa organizzata da Cgil, Cisl e Uil.

Nicoletta De Angelis, coordinatrice Sinistra Ecologia e Libertà Prato- Giuseppe Brogi, coordinatore regionale SEL Toscana

Firenze, 3 dicembre 2013

Comunicato Ufficio Stampa SEl Toscana

Strage Prato, on. Marisa Nicchi (SEL): Più risorse per controlli e sostegno a chi vuole sottrarsi a condizioni di lavoro inumane”

L’intervento in aula dopo l’informativa del governo: “Abolire la Bossi-Fini e coltivare il seme della convivenza”. Il coordinatore regionale Giuseppe Brogi questo pomeriggio alla fiaccolata in via Toscana

“Questo è il momento della vicinanza, non solo sull’onda emotiva della tragedia, ma anche della vicinanza come politica, capace di rompere le separazioni e superare gli ostacoli che impediscono scambio e reciprocità. Al cordoglio per le famiglie colpite e alla solidarietà per la città di Prato si devono accompagnare la volontà di intervenire per impedire il ripetersi di queste tragedie”. Lo ha dichiarato la deputata toscana di SEL Marisa Nicchi intervenendo oggi in aula a seguito dell’informativa urgente del governo sull’incendio, avvenuto a Prato, nel quale hanno perso la vita sette lavoratori di nazionalità cinese.

Nicchi, in aula, come gli altri deputati di SEL, con un fiore bianco, simbolo di lutto nella cultura cinese, ha denunciato la scarsità di personale e risorse per effettuare i controlli e proposto l’istituzione di una commissione parlamentare d’inchiesta sulle condizioni di lavoro nel nostro Paese. “A Prato – ha fatto notare la deputata – ci sono cinque ispettori INPS, dieci ispettori del lavoro e, dato incredibile, un solo ispettore INAIL per un intero, grande, distretto industriale. Auspichiamo quindi che in sede di legge di stabilità si discuta lo sblocco del turn over, prevedendo così mille ispettori in più. Occorre, poi garantire l’assoluta trasparenza per tutte le aziende che sono a capo di filiere, affinché esse rispondano di tutta la catena produttiva, e applicare i parametri di congruità in grado di smascherare il lavoro nero”.

“Servono – ha aggiunto – più misure che favoriscano e accompagnino l’uscita delle imprese cinesi dall’illegalità ramificata e organizzata con i suoi ricatti e serve il sostegno efficace a chi si vuole sottrarre alle condizioni di lavoro inumane. Chi denuncia, perde il lavoro e per la legge Bossi-Fini anche il permesso di soggiorno: abolire questa nefandezza è solo una scelta politica a costo zero”.

“Questo è il momento della vicinanza, non solo sull’onda emotiva dalla tragedia – ha detto ancora Nicchi – A Prato, terza città cinese di Europa dopo Parigi e Londra, non c’è solo la paura che fu cavalcata demagogicamente dal centro destra locale. C’è la vita che scorre in comune, nelle scuole, tra cinesi e pratesi: lì c’è il seme da coltivare della convivenza”.

Questo pomeriggio, il coordinatore regionale di SEL, Giuseppe Brogi, insieme ai militanti pratesi del partito e alla coordinatrice cittadina Nicoletta De Angelis, parteciperà alla fiaccolata di commemorazione delle vittime prevista per le 19 in via Toscana, di fronte al capannone dove è avvenuta la tragedia.

Firenze, 3 dicembre 2013

Comunicato Ufficio Stampa SEL della Toscana

Quarta edizione della Festa della Montagna a Stazzema

6, 7 e 8 dicembre 2013

Programma ricco di appuntamentiA5-festa-montagna-2013-fronte

Stazzema_ Inizierà venerdì 6 dicembre alle ore 21,00 presso il Palazzo della Cultura a Cardoso la Quarta Edizione della Festa della Montagna con lo spettacolo teatrale SEMI Coquelicot di Laerte Neri, anche se l’apertura ufficiale della festa si terrà sabato 7 dicembre alle ore 10,00 sulla piazza del Municipio a Pontestazzemese con la parata delle tradizioni locali dove sfileranno oltre le rappresentanze delle frazioni Stazzemesi le due Bande del Comune, dalle ore 11,00 mercatino dei piccoli, mercatino dell’artigianato e dei prodotti locali, la giornata proseguirà poi nel pomeriggio alle 14,30 e alle 16,30 con lo spettacolo di tamburi Suoni e Ritmi del gruppo Percussioni Pedrasamba, alle ore 15,30 presso la sala del Consiglio Comunale presentazione del DVD “Alla scoperta di Tesori Nascosti” a cura dell’Associazione Filiera della Castagna, alle ore 21,00 al Palazzo della Cultura di Cardoso spettacolo “Musica e Parole” a cura di un gruppo di solisti della Filarmonica Santa Cecilia di Farnocchia e di Ezio Marcucci.A5-festa-montagna-2013-retro

La giornata di Domenica 8 dicembre  inizierà alle ore 9,00 con la partenza da Pruno dei gruppi per la tradizionale festa a Mosceta, dalle ore 10,00 in poi a Pontestazzemese mercatino e intrattenimento per i bambini a cura del gruppo Scaut di Pietrasanta, alle ore 14,30 spettacolo di danze del gruppo folcloristico La Marina, alle ore 16,00 arrivo di Babbo Natale in piazza, alle ore 17,00 presso la sala del Consiglio Comunale presentazione del DVD “Sentiero Alta Versilia” a cura del CAI e Unione dei Comuni della Versilia, alle ore 18,30 conclusione della manifestazione con la premiazione del vincitore del concorso “Immagine Winter Colors – Farnocchia. Le opere in gara per il concorso saranno esposte presso il Municipio di Stazzema nelle due giornate della festa.

Grande soddisfazione per questa quarta edizione della festa viene espressa a nome dell’intera Amministrazione Comunale dall’Assessore al Turismo del Comune di Stazzema Amerigo Guidi e dall’Assessore al Sociale Egidio Pelagatti: “Questa iniziativa stia diventando un appuntamento importante per la crescita Culturale e Sociale del Territorio. L’organizzazione della manifestazione è stata coordinata per l’Amministrazione Comunale dai due Consiglieri più giovani Marco Viviani e Alessio Tovani che hanno collaborato a stretto contatto con i rappresentanti della Consulta del Volontariato di Stazzema che ha curato e organizzato nei dettagli gli eventi delle due giornate ed è proprio alla Consulta, alle tante associazioni di Volontariato di Stazzema e alle due bande musicali che va un sentito ringraziamento da parte degli amministratori per il loro grande impegno”.

Stazzema, 3 dicembre 2013

Comunicato stampa Comune di Stazzema-addì 3.12.2013

 

Auguri della Fondazione e del Circolo Fratelli Rosselli sabato 14 dicembre

Firenze_ Sabato 14 dicembre 2013 ore 17, allo Spazio QCR, consueto scambio di auguri di buon Natale e felice Anno nuovo tra i soci e gli amici della Fondazione e del Circolo fratelli Rosselli. Nell’occasione, verrà presentato il libro di Diego Dilettoso La Parigi e la Francia di Carlo Rosselli (Biblion edizioni, 2013),con interventi di Valdo Spini (Presidente della Fondazione) e Anna Dolfi (ordinario di Letteratura Italiana moderna e contemporanea,Università  di Firenze). Sarà  presente l’autore, che proietterà  immagini dell’epoca, alcune delle quali inedite, tratte dal volume.

Comunicato Circolo Fratelli Rosselli-addì 3.12.2013

 

Attenzione:

Rimandiamo a domani la replica sulla proposta di legge sugli usi civici che il consigliere comunale Baldino Stagi ha trasmesso oggi al sindaco di Stazzema Silicani e al vicesindaco Verona.  Il testo è molto articolato e critico nei confronti dei due amministratori.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...