Libera Cronaca da Italia Bene comune di pochi e precluso ai giocondi 1136 del 30 e 31 ottobre 2013

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi e precluso ai giocondi 1136 del  30 e del 31 ottobre 2013

I corrotti sono in mezzo a noi ma non sono con noi

La globalizzazione dell’indifferenza ci rende tutti Innominati

Le leggi inique contro i meno abbienti sono immediatamente costituzionali

Le leggi che toccano la casta necessitano sempre di approfondimenti costituzionali

1136

 

Sarà’ voto palese in Senato per la decadenza da senatore di Silvio Berlusconi

Ancora non è stata decisa la data, forse il 5 novembre, ma i senatori dovranno votare alla luce del sole per la decadenza da senatore di Silvio Berlusconi. Non ci piace il cambio delle regole a corsa già iniziata ma stavolta in gioco c’era e c’è la verifica dinanzi agli italiani  se la legge  è davvero uguale per tutti. Qualcuno parla di parto di una mostruosità istituzionale ma tace per la mostruosa lentezza della decadenza da senatore di un condannato in via definitiva. Tace sulla mostruosità di questo governo definito politico dal Presidente Napolitano, che fa strame degli italiani e degli spazi istituzionali, ormai trasformati in corride quotidiane. Vergogna marcia: questo non è un governo ma una continua disfida, ma non tra cavalieri che si affrontano con coraggio e lealtà. Qui si va avanti con trappole,agguati e tradimenti continui. Tanto a pagare alla fine saranno gli italiani, le formiche di questo paese nelle brame e nelle brache dei giganti.

 In un paese quasi normale, non in un paese governato da Giganti qual siamo,  un senatore condannato non sarebbe restato un minuto di più dopo l’avvenuta  pronuncia della sentenza; in un paese normale le dimissioni sarebbero avvenute al momento del rinvio a giudizio, come avviene nei paesi in cui la democrazia è concreta e non ciarlona e aggiustaticcia com’ è in Italia, sempre a favore dei potenti di turno. Per colpire  i meno abbienti parlamentari e presidente della Repubblica  ci  mettono un minuto ad approvare e promulgare provvedimenti iniqui, mentre se la prendono comoda  e il Colle tollera l’uso di ogni cavillo ed escamotage affinché provvedimenti avversi alle lobby e alla casta politica abbiano i tempi della tartaruga e debbano essere verificati fino al livello della Corte Costituzionale.

Migliaia e migliaia di famiglie italiane da mesi non ricevono più i soldi della cassa integrazione in deroga, mentre la politica e i suoi uomini riscuotono ogni mese ricchissime indennità e rimborsi spese. Proviamo un’immensa vergogna vivere in un paese che ha perso decenza, solidarietà, spirito di servizio, dove nonostante la crisi manca l’esempio di condividere le difficoltà, di spezzare il pane per chi non ha pane. Siamo il paese in cui indiscutibilmente una cosa di sicuro abbonda: il brutto esempio!       

Giuseppe Vezzoni 30.10.2013

Ilva: 53 rinviati a giudizio, tra i quali il presidente della Puglia Vendola e il sindaco di Taranto

 

Un vero terremoto. Per gli inquirenti  c’è stata una saldatura di interessi che ha prevalso sulla tutela della salute pubblica. Questa è l’accusa di fondo a cui dovranno rispondere i 53 rinviati a giudizio. Per Vendola il reato a cui dovrà rispondere è di concussione aggravata per favorire il colosso metallurgico. Si prospetta un processo lungo. Ci vorranno anni per conoscere se le accuse dei magistrati inquirenti troveranno riscontro nelle sentenze che emetteranno le Corti giudicanti. Un percorso che troverà la parola fine solo in Cassazione.

Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi precluso ai giocondi. Addì 30.10.2013 

 

Impianti a biomasse: i comitati ambientalisti di Bagni di Lucca e Borgo a Mozzano contro le dichiarazioni del presidente Enrico Rossi

Garfagnana-Media Valle_ Il Presidente della Regione, Enrico Rossi, in occasione della recente visita del Ministro Orlando alle zone alluvionate, si è speso a favore degli impianti a biomasse raccontando una serie di sostanziali e inaccettabili panzane. Rossi ha parlato genericamente di “filiera corta” e di “legname sparso in giro” che, a suo dire, se raccolto produrrebbe energia. A quale legname fa riferimento con precisione il presidente Rossi? A noi risulta che la potenziale produttività Toscana  economicamente sostenibile di  biomasse da aree forestali utili per il settore energetico si ferma ad appena 320.000 tonnellate annue.  Anche aggiungendo a questo legname le 9.320 t/anno ricavabili dalla manutenzione degli alvei fluviali e del verde urbano, si avrebbe una produttività massima di  neppure 330.000 t/anno (Manuale Arsia – Stima della potenzialità produttiva delle agrienergie in Toscana-  E.Bonari – pag.72 e  tabella pag 85). Considerato che sul territorio regionale sono già attive innumerevoli centrali a legna che già utilizzano diverse decine di migliaia di tonnellate di cippato l’anno e considerato che 150.000 t/anno di legname sarebbero assorbite dall’enorme impianto dell’Alce di Fornoli, autorizzato col contributo istruttorio della Regioneci si domanda con quale legname verrebbero alimentate le ulteriori decine e decine di impianti che Rossi ha in progetto per la nostra Regione. Purtroppo l’autorizzazione fornita ad ALCE ha di fatto annullato qualsiasi velleità di attuazione di una programmazione energetica sulle biomasse da energia che, nella nostra provincia ed in quelle limitrofe, non ha più alcun senso. O forse dobbiamo leggere l’auspicio politico di Rossi relativo ai cosiddetti piccoli impianti come alternativi all’impianto autorizzato ad ALCE?

Ma la menzogna più spudorata che Rossi ha messo in campo a Gallicano è quella relativa all’assenza di inquinamento degli impianti a biomasse. Tanto per capirci: l’ impianto da 1 MWe come quello progettato a Gallicano, e poi dichiarato illegittimo, era autorizzato ad emettere 1,2 tonnellate di PM10 all’anno, alle quali si sarebbero aggiunte altre tonnellate di polveri sottili secondarie formatesi a valle della ciminiera per le reazioni fotochimiche delle tonnellate di ossidi di azoto e di anidride solforosa emessi. Per non parlare dell’impianto dell’Alce, 150.000 t/anno di legno per produrre 16,5 MWe, autorizzato ad emettere annualmente tonnellate e tonnellate di polveri, monossido di carbonio, ossido di azoto, anidride solforosa, COT, ammoniaca, acido cloridrico, acido fluoridrico, oltre a metalli pesanti, IPA, diossine.

Rossi forse non sa, o non vuol sapere, che la combustione di legna, dopo quella del carbone, è quella che produce più polveri e che non esistono filtri in grado di fermare le nanopolveri, né tantomeno ci sono modi per impedire la formazione delle polveri secondarie.

Rossi dovrebbe sapere che è ormai dimostrata la stretta correlazione tra l’incremento della concentrazione di particolato e l’aumento dell’insorgenza di ictus, scompensi cardiaci e tumori polmonari, e dovrebbe sapere che le recenti analisi eseguite dall’ARPAT dimostrano che nella Mediavalle l’aria è già inquinata, “paragonabile a quella della Piana di Lucca”, con superamento del limite di legge proprio per il parametro polveri.

Le dichiarazioni del Presidente della Regione sono irricevibili, perché  cozzano con i dati reali.

28 ottobre 2013

COMITATI  AMBIENTE  ESALUTE  DI  BAGNI  DI  LUCCA  E  BORGO  A MOZZANO

 

UE. RICCARDO NENCINI : SOSTENIAMO MARTIN SCHULZ PER LA PRESIDENZA. PD E SEL FACCIANO LO STESSO

“Alla Presidenza della Commissione Europea il Partito Socialista Italiano sosterrà Martin Schulz”. Lo ha detto Riccardo Nencini, Segretario nazionale del PSI, a Bergamo dove  si è svolto un incontro pubblico con Martin Schulz, presieduto dalla deputata del PSI, Pia Locatelli e organizzato dalla fondazione Zaninoni. “C’è bisogno di coraggio, esperienza, autorevolezza” – prosegue Nencini riferendosi a Martin Schulz. “Soprattutto c’è bisogno di un’Europa meno legata alle banche, di un’Europa solidale, che guardi ai diritti civili e sociali. La destra populista – prosegue Nencini- cresce ovunque in Europa e c’è bisogno di una barriera di civiltà e libertà. Per questi motivi sosterremo Schulz alle prossime elezioni europee. Invito la sinistra riformista italiana, Pd e Sel, a fare la stessa cosa” .

 Da Gabriele Martinelli PSI di Lucca-addì 30.10.2013 Da  www.partitosocialista.it

 

Modelli F24 per pagamento della  Tares 2013 in ritardo a Stazzema

 

Stazzema- Domani scade il pagamento della prima rata del tributo Tares ma ancora a molti cittadini stazzemesi  non sono pervenuti i modelli F24 per il pagamento. A tal fine abbiamo chiesto al vicesindaco di Stazzema, Maurizio Verona, con delega al Bilancio, se i contribuenti incorreranno in eventuali sanzioni nel caso in cui, a causa del mancato ricevimento dei modelli, pagheranno la prima rata dopo la scadenza prevista. Il vicesindaco ha assicurato che non sono previste sanzioni amministrative per questo ritardo dovuto a causa  del  superlavoro e problematiche varie a cui ha dovuto far fronte il personale dell’Ufficio Tributi. Si è detto certo che in questi giorni gli avvisi di pagamento  giungeranno a destinazione anche di quei contribuenti che finora non li hanno ricevuti.  Verona ci ha autorizzati a scrivere che i cittadini non stiano in apprensione se dovranno versare il tributo della prima rata dopo il 31 ottobre. Non ci saranno ulteriori oneri.

Ricordiamo che la seconda rata, quella più onerosa, dovrà essere pagata entro il 30 novembre e che eventuali chiarimenti possono essere chiesti online, per fax o per telefono: ufficiotributi@comune.stazzema.lu.it-  Fax 0584777259- Tel. Fisso o584/775224

Giuseppe Vezzoni-addì 30.10.2013

Bonifica: adottato il bilancio preventivo 2014:

Nel 2014 forti investimenti e presidio del territorio, senza aumentare il contributo

Il consorzio di Bonifica Versilia Massaciuccoli rispetta il termine previsto dalla regione e adotta il bilancio preventivo per il 2014. Un documento molto difficile da stilare, a detta del Commissario Fortunato Angelini, che ricorda come dalla applicazione della riforma regionale il prossimo anno la bonifica Versilia Massaciuccoli confluirà nel nuovo e più grande Ente Toscana Nord.

Eppure nonostante questo passaggio, la crisi economica e la fragilità del territorio che richiede sempre nuovi lavori, il bilancio di previsione è stato redatto cercando di assicurare i principi di continuità degli obiettivi perseguiti fino ad ora.

Questi i punti principali:

– Nessun aumento sulla bolletta. Dal 2001 l’aliquota non è stata aumentata e anche la rivalutazione ISTAT non è mai stata applicata per intero ma in minima parte. La scelta è sempre stata quella di aggiornare gli archivi catastali e procedere ai dovuti recuperi per poter assicurare un flusso di cassa necessario a rispettare gli impegni di lavoro sul territorio, senza gravare sui contribuenti già conosciuti.

– Interventi periodici di pulizia a tutti i corsi d’acqua in gestione. La manutenzione puntuale due/tre volte l’anno in pianura e una/due volte nei canali collinari, negli anni ha dimostrato che mantenere in efficienza la rete dei canali sia la migliore forma di prevenzione contro il rischio idraulico.

– Presidio del territorio e mantenimento delle opere. Nonostante il territorio per la sua conformazione presenti moltissimi punti critici, il Consorzio ha organizzato tecnici e operai in squadre indipendenti sul territorio, che garantiscono il presidio e la manutenzione dei 22 impianti idrovori e delle opere idrauliche (cateratte, briglie, sifoni, sfioratori ecc.) in condizioni normali e anche di meteo avverso. Da qui l’impegno con i sindacati di garantire il turnover dei quattro dipendenti andati in pensione.

– Appalti e nuove opere: Il piano dei lavori straordinari 2014 prevede l’apertura di 18 nuovi cantieri per 6.000.000 di euro a cui se ne potranno aggiungere altri quattro per 1.800.000 euro per i quali è in corso la richiesta di finanziamento alla Regione.

– Forte legame con i Comuni e gli agricoltori: Prosegue la collaborazione con le amministrazioni locali nella ricerca comune di soluzioni pratiche per migliorare il deflusso delle acque nei punti di raccordo tra la rete gestita dal consorzio e quella di competenza dei Comuni. Confermati anche gli appalti diretti agli imprenditori agricoli per la manutenzione dei canali del territorio, pratica che negli ha dimostrato un miglior monitoraggio delle zone affidate agli agricoltori e una fonte di integrazione di reddito per questi ultimi.

Per diventare esecutivo il bilancio deve attendere la verifica della Regione – spiega il commissario Angelini – Il documento rivela ancora un impegno costante a ridurre i punti critici, a mantenere in efficienza il sistema idraulico e a garantire la piena applicazione dei contratti di lavoro senza incidere sulla contribuenza.”

Consorzio di bonifica newsletter30/10/2013

 

Mozione “testamento Priebke”: integrazione informativa

 

Stazzema_ Al voto della mozione “Priebke”, approvata ieri pomeriggio all’unanimità dei presenti al consiglio comunale aperto di Stazzema,  non ha partecipato nemmeno l’assessore Pelagatti. Pertanto erano assenti al momento della votazione questi amministratori: per la maggioranza Patrizio Mattei, Sauro Mattei, Egidio Pelagatti; per la minoranza Michela Migliorini, Baldino Stagi e Maurizio Landi.  Per le integrazioni apportate  al testo della mozione va rimarcato l’importante contributo fornito dalla minoranza, di fatto solo il gruppo Luce a Stazzema di Lorenzoni, in special modo nella parte che ha riguardato l’impegno da tenere nei confronti della magistratura e delle istituzioni tedesche circa la richiesta di svolgimento di un giusto processo nei confronti dei responsabili ancora viventi della strage di Sant’Anna, già condannati in via definitiva in Italia.  Sono rimaste  cinque le SS ancora in vita  sulla  cui posizione è calata l’archiviazione della Procura di Stoccarda il 1 ottobre 2012. Tuttavia resta ancora la speranza e lo spazio, piccolo, per  aprire un processo in Germania. Due di questi cinque ex SS hanno ricevuto la condanna all’ergastolo in Italia. Sono Sommer e Gropler. Gli altri tre invece non sono stati incriminati.

Giuseppe Vezzoni-addì 30.10.2013

 

Mito e Poetica delle Cave fra Arte e LetteraturaViner

 

Tre incontri promossi dal Circolo Culturale “Sirio Giannini” dedicati a Pea, Viani e Giannini e al loro rapporto con la cultura del marmo, fiorita in Versilia a partire dall’età medicea

Seravezza_
“Enrico Pea, Lorenzo Viani, Sirio Giannini: mito e poetica delle cave fra arte e letteratura” è il titolo dell’interessante ciclo di conferenze promosso dal Circolo Culturale “Sirio Giannini”, in collaborazione con il Comune di Seravezza, nell’ambito delle celebrazioni per i cinquecento anni del Lodo di Papa Leone X. Un contributo originale, che per la prima volta introduce il tema letterario nelle iniziative dedicate alla nascita della Versilia Medicea. Gli incontri si terranno per tre venerdì consecutivi – 8, 15 e 22 novembre – con inizio alle ore 17 presso le Scuderie Granducali di Seravezza.

Un’ottima occasione, in particolare per gli studenti delle scuole medie superiori – ma senza dubbio per tutti quanti i versiliesi – di avvicinarsi a tre grandi autori del Novecento seguendo il fil rouge delle cave e dei cavatori, di quell’antica cultura del marmo sviluppatasi in Versilia a partire dai primi decenni del Cinquecento per volontà di Leone X e dei Medici che vollero porre le basi di una nuova economia nel Capitanato di Pietrasanta.

Primo appuntamento l’8 novembre con la conferenza di Costantino Paolicchi dal titolo “Enrico Pea e Giuseppe Viner. Nel paese di Moscardino”. In questa occasione, per presentare e introdurre l’intero ciclo, interverranno il sindaco di Seravezza Ettore Neri, il presidente del Comitato per le celebrazioni del Lodo di Papa Leone X Riccardo Tarabella e il presidente del Circolo Culturale “Sirio Giannini” Giuseppe Tartarini. Gli altri due incontri: “Lorenzo Viani a Giustagnana. I giorni del Bios” a cura di Costantino Paolicchi e Enrico Dei (15 novembre) e “Sirio Giannini. Gli umili eroi del marmo” con Costantino Paolicchi e Giuseppe Tartarini (22 novembre).

Comitato Promotore per le Celebrazioni del 500° Anniversario del Lodo di Papa Leone X
Mobile: +39 335 7720573-Telefax: +39 0584 769350 Email: ronis@tiscali.it
Skype: stefanoroni www.versiliamedicea.it

Versilia, 30 ottobre 2013

Comunicato Ufficio Stampa Stefano Roni

Domani è la notte di Halloween

comunicato_stampa_serata_31_10_2013invito_cena_di_halloween

 

Domani sera Libera Cronaca da Lauterbourg, fino a lunedì 4 novembre 2013

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...