Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi e precluso ai giocondi 1134 del 28 e 29 ottobre 2013

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi e precluso ai giocondi 1134 del  28 e 29 ottobre 2013

I corrotti sono in mezzo a noi ma non sono con noi

La globalizzazione dell’indifferenza ci rende tutti Innominati

Le leggi inique contro i meno abbienti sono immediatamente costituzionali

Le leggi che toccano la casta necessitano sempre di approfondimenti costituzionali

1134

Spiati della National Security Agency (NSA), gli stati d’Europa vanno in ordine sparso

Germania e Francia vogliono vederci chiaro, l’Italia si barcamena e disquisisce tra spionaggio e monitoraggio. La Germania vuole costituire una Commissione d’Inchiesta per indagare fino in fondo la questione Datagate. L’Italia minimizza come sempre, ma poi gli italiani scoprono spesso e volentieri di essere immersi fino al collo su questioni scottanti. I nostri servizi segreti affermano che si è trattato di metadati e non  di un controllo delle telefonate, salvo non contenessero parole sospette per la sicurezza.  Ma non si sa quali siano le parole sospette per le quali scatta o è scattato il controllo.

Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi e precluso ai giocondi – addì 28.10.2013

Lucchini, domani a Roma il presidio di SEL

La delegazione consegnerà ai parlamentari una lettera indirizzata ai presidenti di Camera e Senato

Non si lasci nulla di intentato per salvare la Lucchini e le migliaia di posti lavoro dell’indotto. E’ quello che domani, martedì 29 ottobre, Sinistra Ecologia e Libertà chiederà a Parlamento e Governo nel presidio convocato per le 11 davanti a Montecitorio, al quale prenderanno parte, tra gli altri, militanti e lavoratori delle aziende in crisi della val di Cernia.

Nell’occasione, verrà consegnata ai parlamentari di SEL una lettera indirizzata alla presidente della Camera, Laura Bordini, e al presidente del Senato, Pietro Grasso, nel quale viene ripercorsa tutta la vicenda Lucchini, sul cui futuro campeggia ancora una grande incertezza che potrebbe essere dissipata con la realizzazione del forno elettrico e l’inserimento nel processo produttivo della tecnologia Corea, “assai redditizia e molto più pulita, che Piombino potrebbe attivare per prima in Europa”.

“Con l’ammodernamento e adeguamento del porto – si legge ancora nella lettera – potrebbe essere costituito un unicum porto-stabilimento assai competitivo. E’ venuto il momento, ora, prima che sia troppo tardi di passare dalle parole ai fatti, attraverso un ruolo da protagonista del Governo nazionale nel promuovere e sostenere un piano di rilancio e riconversione della Lucchini, destinando ad esso risorse e individuando partner industriali”.

“Per tutti questi motivi – conclude SEL – ci rivolgiamo ai Presidenti di Camera e Senato, a tutti i Parlamentari di ogni schieramento, al Governo nazionale affinché non si lasci nulla di intentato, affinché in questi decisivi giorni si faccia di tutto e fino in fondo per salvare la Lucchini, per uscire dalla crisi ed assicurare un futuro a Piombino, alla Val di Cornia, all’Italia”.

Firenze, 28 ottobre 2013

Comunicato Ufficio stampa SEL Toscana

Torna a scendere la fiducia nelle imprese italiane: da 82,8 a 79,3

 

Dopo tre mesi in cui il dato era in crescita, ad ottobre la doccia gelata per i 3 punti di calo della fiducia delle imprese italiane. Anche le imprese si allineano al calo della fiducia dei consumatori.

 

Mercoledì inizia il processo del disastro della stazione ferroviaria di Viareggio

Invito a partecipare

 

Viareggio_ Nell’ultima riunione di Assemblea 29 giugno e Associazione dei familiari, abbiamo deciso di essere presenti come momento alto di partecipazione e di visibilità all’apertura del processo per la strage ferroviaria di Viareggio mercoledì 13 novembre alle ore 09.00 con un corteo dai pannelli solari all’entrata del Tribunale (situato al polo fieristico di Lucca, ex Bertolli). L’appuntamento è a Viareggio con le auto nel parcheggio ‘Pam’ sotto il cavalcaferrovia alle ore 08.00 per essere a Lucca ai pannelli solari ( a 700 m. dal Tribunale) alle ore 08.45. Per informare e preparare la partecipazione al processo, abbiamo in programma varie iniziative per sabato 9 ore 17-19 a Lucca, domenica 10 ore 10-13 a Viareggio, una conferenza stampa, ecc. Chi è disponibile comunichi la sua presenza per essere in grado di sostenere tutte le iniziative.

Comunicato  stampa da parte Assemblea 29 giugno-addì 27.10.2013

 

Interventi selvicolturali finalizzati al controllo della vegetazione nei versanti a rischio idrogeologico in loc. Pontestazzemese e Retignano

l.24.10.,2013 Interventi pontestazzemese

l.24.10.2013 Intervento a Retignano

Stazzema_  La Giunta Esecutiva dell’Unione dei Comuni ha approvato  due progetti preliminare “Interventi selvicolturali finalizzati al controllo della vegetazione nei versanti a rischio idrogeologico” che vedono interessate le località Retignano e di Pontestazzemese per un importo complessivo di 600mila euro. I progetti sono stati redatti dall’U.O.C. Programmazione e Lavori Pubblici.

Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi e precluso ai giocondi-addì 28.10.2013

Rideterminata l’indennità di funzione del presidente del Consiglio Provinciale di Lucca, Andrea Palestini

det_04701_22-10-2013

 

Lucca- Dal 1 ottobre 2013  fino al termine del mandato il presidente del Consiglio Provinciale di Lucca, Andrea Palestini, gli è stata rideterminata l’indennità di funzione pari a 3.869, 95 a seguito dell’intervenuto suo  collocamento in aspettativa non retribuita da parte del datore di lavoro. Fino al 31 settembre 2013 l’indennità di presidente del Consiglio provinciale veniva corrisposta in forma dimezzata in quanto il collocamento in aspettativa era retribuito.

Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi e precluso ai giocondi-addì 28.10.2013

 

Domani consiglio comunale aperto sul testamento del nazista Priebke

 

Stazzema_ Domani, alle 17,30, presso il Palazzetto di Cardoso si terrà un consiglio comunale aperto ai superstiti,enti e associazioni per l’approvazione di una mozione che rigetterà il testamento del nazista Erich Priebke, morto recentemente, con cui non ha rinnegato nulla della sua fede al nazismo ed ha ribadito che agli ordini di sterminare i civili romani presso le Fosse Ardeatine non si poteva disubbidire. Il Gruppo Labaro Martiri di Mulina di Stazzema parteciperà per rappresentare le vittime della frazione.

Libera Cronaca da Italia bene comune di pochi e precluso ai giocondi – addì 28.10.2013

 

Testo bozza mozione “testamento Erich Priebke” integrato dopo la riunione dei capigruppo di Stazzema

l.26.10.2013 mozione priebke invita ai capigruppo

Questo è il testo della mozione che sarà presentata per l’approvazione del consiglio comunale aperto che si terrà nel Palazzetto di Cardoso, oggi, 29.10.2013, alle 17.30.

Le parti sottolineate sono state aggiunte dopo la riunione dei capigruppo di venerdì 25 ottobre  a seguito delle osservazioni  fatte dal capogruppo di Luce a Stazzema rispetto al testo originario, il consigliere Gian Piero Lorenzoni.  Erano presenti Tovani, Viviani e  Lorenzoni.

Con l’integrazione si è recuperata una grave dimenticanza e si impegna l’AC a seguire quello che accade  Germania e i passi da fare dopo l’archiviazione del procedimento penale deciso il 1 ottobre 2012 dalla Procura Generale di Stoccarda e il successivo  respingimento del ricorso avverso l’archiviazione, presentato dal superstite Enrico Pieri,   stabilito ancora  dai  magistrati inquirenti tedeschi il 21 maggio 2013.

IL CONSIGLIO COMUNALE DI STAZZEMA

Dato atto che il giorno 11 ottobre 2013 è morto Erich Priebke, capitano delle SS condannato all’ergastolo per aver partecipato alla pianificazione e alla realizzazione dell’eccidio delle Fosse Ardeatine del 24 marzo 1944;

Dato atto che Priebke aderì al Partito Nazionalsocialista e nel 1936, entrò a far parte della Gestapo, la forza di polizia del Terzo Reich e nel 1943 fu inviato a capo della sezione di stanza a Brescia e, l’anno dopo, va a Roma dove viene aggregato, con il grado di capitano alle SS;

Il 23 marzo del 1944, un gruppo di partigiani dei GAP della brigata Garibaldi preparò un attentato con una bomba di 18 chili collocata nel carrettino da spazzini che esplose nel momento preciso in cui un battaglione di reclute altoatesine percorreva via Rasella, provocando la morte di 33 soldati;

Dopo l’attentato, su ordine di Adolf Hitler e come rappresaglia, Kappler ordinò le esecuzioni di ostaggi italiani (nel numero di dieci italiani per ogni soldato tedesco ucciso), da fucilare nelle cave delle Fosse Ardeatine, nei pressi della capitale dove i condannati alle ore 15 furono condotti nelle grotte a gruppi di cinque e trucidati con dei colpi di fucile alla nuca. Le persone uccise alla fine furono complessivamente 335, cinque in più rispetto al numero stabilito dallo Stato Maggiore tedesco e tra le vittime dell’eccidio ci furono anche malati, vecchi, minorenni, oltre a 75 ebrei romani;

Erich Priebke ebbe un ruolo di preminenza nella redazione della lista di coloro che sarebbero stati uccisi e nell’esecuzione materiale dell’eccidio;

Dopo la guerra venne preso prigioniero e spostato in più posti di detenzione fino alla fuga a fine 1946 dal campo di prigionia di Rimini, e che si imbarcò per l’Argentina pochi giorni dopo il Natale del 1948, a Rio de La Plata. Da lì nel 1949 si spostò a San Carlos de Bariloche, una cittadina a 750 chilometri a sud ovest di Buenos Aires, ai piedi delle Ande, dove ha vissuto da libero da cittadino, recandosi alcune volte in Germania, come nel 1978, per partecipare al funerale di Herbert Kappler, lavorando come direttore nella scuola «Primo Capraro» e sfuggendo così alla cattura e ai processi per crimini di guerra;

Dopo molti anni di oblio, nel marzo del 1994, una squadra investigativa del programma Prime Time Live dell’emittente statunitense ABC, la mattina del 6 maggio 1994 Priebke lo rintracciò a San Carlos de Bariloche, in Argentina;

Il 9 maggio 1994 le autorità italiane inoltrarono la richiesta di estradizione ai giudici della Corte suprema argentina, richiesta che venne quindi accolta il 2 novembre del 1995. Il 21 novembre del 1995 Priebke arrivò in Italia, dove venne detenuto nel carcere militare di Forte Boccea, a Roma e subito interrogato dal procuratore militare Antonino Intelisano;

Ricordando che nell’ambito del procedimento contro gli autori dell’eccidio furono rinvenuti a Palazzo Cesi i fascicoli riguardanti centinaia e centinaia di eccidi nazifascisti in Italia tra cui il fascicolo relativo a Sant’Anna di Stazzema che ha consentito di avere giustizia dopo 61 anni per la strage;

Dato che la vicenda giudiziaria di Priebke si concluse prima nel 1995 con una condanna a 15 anni, poi successivamente rivista con una sentenza che chiuse l’iter processuale contro l’ex capitano delle SS del 17 novembre 1998 quando, la Corte di Cassazione si pronunciò per la conferma definitiva della condanna all’ergastolo;

Dato atto che la condanna fu scontata per intero agli arresti domiciliari e che nel 2009 gli venne concesso il permesso, per alcune ore alla settimana, di uscire dalla sua abitazione romana pellegrinaggio spesso di nostalgici che ancora in occasione del suo centesimo compleanno lo omaggiarono come un esempio;

Dato che Erich Priebke è morto l’11 ottobre 2013, lasciando un “testamento umano e politico” realizzato dall’ex capitano delle SS nei giorni a cavallo del suo centesimo compleanno;

Dato atto che la vicenda umana di Priebke è consegnata alla storia e definita dalla verità giudiziaria che ha sancito una volta per tutte le sue responsabilità nell’eccidio delle Fosse Ardeatine, ma ciò che indigna sono le sue parole di nazista che rivendica la storia e il percorso del nazismo, tanto che ancora in una intervista dichiarava che “La fedeltà al proprio passato è qualche cosa che ha a che fare con le nostre convinzioni. Si tratta del mio modo di vedere il mondo, i miei ideali, quello che per noi tedeschi fu la Weltanschauung e ancora ha a che fare con il senso dell’amor proprio e dell’onore”

E ancora che “a Norimberga sono state inventate una infinità di accuse, Per quanto riguarda quella che nei campi di concentramento vi fossero camere a gas aspettiamo ancora le prove. Nei campi i detenuti lavoravano. Molti uscivano dal lager per il lavoro e vi facevano ritorno la sera. II bisogno di forza lavoro durante la guerra è incompatibile con la possibilità che allo stesso tempo, in qualche punto del campo, vi fossero file di persone che andavano alla gasazione.…..Nei campi le camere a gas non si sono mai trovate, salvo quella costruita a guerra finita dagli Americani a Dachau..”

Nel luglio del 2013, in concomitanza con il suo centesimo compleanno, su alcuni muri di Roma sono apparse alcune scritte e svastiche inneggianti all’ex capitano delle SS: «Dio stramaledica i tuoi accusatori», firmato dalla sedicente sigla Comunità militante Tiburtina, «Auguri Priebke» e «Priebke eroe», quest’ultima apparsa nei pressi della sede dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia”

Considerato che la stampa e i Media hanno dato grande spazio alla vicenda della sepoltura di Priebke e troppo poco al suo cosiddetto “testamento” che dovrebbe scuotere gli animi di tutti per i contenuti assolutamente inaccettabili per le teorie negazioniste e l’ingiustificata difesa del suo operato di militare, in cui evidentemente non si limitò ad eseguire degli ordini, ma si rese fautore di efferati crimini, sfuggendo alla giustizia nel dopoguerra e perseverando nelle sue convinzioni di nazista;

Considerato invece, che l’elemento di vera riflessione dovrebbe essere su come sia possibile a 70 anni di distanza che queste teorie apologetiche rispetto all’operato di regimi totalitari come quello fascista e nazista, che gettarono l’Europa nel baratro delle Seconda Guerra Mondiale e seminarono morte in tutto il pianeta, possano ancora trovare seguaci e che criminali come Priebke possano avere una così grande considerazione mediatica per le sue opinioni;

Dato atto che i criminali tedeschi condannati per le stragi commesse sul territorio italiano ancora oggi vivono incensurati e concluderanno la loro vita terrena da cittadini rispettati nelle loro comunità perché le condanne dei Tribunali militari italiani non vengono eseguite in Germania ed i procedimenti iniziati dai Tribunali tedeschi stentano ad andare avanti;

Considerato che la verità giudiziaria contribuisce a quella storica e che ad animare le comunità colpite dalle stragi nazifasciste non sono sentimenti di vendetta, ma bisogno di verità su cui costruire un rapporto ancora più solido di amicizia e fratellanza tra i popoli di Europa;

Considerato che Stazzema, sede del Parco Nazionale della pace è da anni un luogo di riflessione sulla guerra e sui valori di democrazia e libertà e da anni dialoga con i giovani attraverso linguaggi sempre più evoluti e al pari con i tempi, per insegnare loro il valore assoluto della pace contro quelli della prevaricazione dell’individuo, della guerra, della violenza, dell’odo e del razzismo;

Considerato che in questi anni Sant’Anna di Stazzema si è aperta all’Europa, proprio per lanciare un messaggio di pace e di conoscenza di questi fatti troppo spesso dimenticati, ed è diventata il punto di riferimento a livello nazionale delle tante Città Martiri di Italia sui temi della memoria, ma in particolare sui temi della pace e che in questi anni si sono moltiplicati i rapporti con la Germania in particolare con la città di Essen, e nel 2011 una delegazione di Stazzema e del Parco Nazionale della Pace è stata ricevuta a Bruxelles dal Presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz, gettando le basi per la visita del Presidente il 12 agosto 2012 in occasione del 68° anniversario dell’eccidio; Considerato infine, che il 24 marzo 2013 il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e quello tedesco Jachim Gauck, proprio nel giorno dell’anniversario delle Fosse Ardeatine, hanno voluto essere a Sant’Anna di Stazzema per sancire un patto di amicizia nel nome della pace, tra due popoli, che furono alleati in nome di ideologie della distruzione;

CHIEDE AL GOVERNO

a) un impegno perché nella Scuola italiana sempre di più vengano discussi i temi dell’attualità, partendo dalla conoscenza della nostra storia d’Italia, delle stragi nazifasciste, della Resistenza e della Seconda Guerra Mondiale affinché i nostri ragazzi possano essere cittadini critici e consapevoli e , attraverso la conoscenza, possano valutare con cognizione le vicende di oggi

b) di sostenere, nel 70° anniversario delle stragi nazifasciste che hanno colpito il territorio italiano e che hanno causato 15.000 morti tra le popolazioni civili, tutte le iniziative come quelle che sta organizzando il Parco Nazionale della pace per tramandare alle giovani generazioni l’importante patrimonio della memoria, favorendo l’incontro dei giovani d’Italia e di Europa nei luoghi simbolo

dell’occupazione nazifascista come le Fosse Ardeatine, Sant’Anna di Stazzema, Marzabotto

c) un impegno nei confronti della Germania affinché, anche attraverso la revisione dei patti tra i due Paesi, le sentenze dei Tribunali Militari italiani siano riconosciute da quelli tedeschi e i criminali condannati per questi efferati crimini siano consegnati alla storia in ragione delle loro colpe

ALLA CAMERA DEI DEPUTATI E AL SENATO DELLA REPUBBLICA

a) che venga accelerato l’iter legislativo già avviato per il riconoscimento del reato di “negazionismo” perché tali teorie siano punite secondo il Codice Penale e riconosciute non solo come infondate, ma alla stregua di atti di vera e propria discriminazione verso coloro che furono vittime di queste atrocità

 

(Testo proposta di mozione che sarà portato all’approvazione del Consiglio comunale di oggi, 29 ottobre 2013)

Attenzione: bozza potrebbe subire delle modifiche.

Azzano e il Popolo della montagna

 

Collettiva d’arte dal 3 al 20 novembre 2013 Opere di Flavio BartolozziGrazia Leoncini,'La Cappella di Azzano', china e pastello su carta Magnani cm 21,5x30, 2000

 

Espongono Giuseppe Bartolozzi/Clara Tesi; Lino Benedetti; Marcello Bertini; Andrzej Beuermann; Marco Bianchi; Alberto Bongini; Emilio Buratti; Sigifredo Camacho B.; Giancarlo Cannas;Vincent Cappelli; Angela Careggio; Aristide Coluccini; Lorenzo d’Angiolo; Alfredo Fabbri; Massimo Facheris; Gian Paolo Giovannetti; Paolo Grigò; Amedeo Lanci; Paolo Lapi; Grazia Leoncini; Giuseppe Lippi; Riccardo Luchini; Renzo Maggi; Liliana Marsili; Franco Miozzo; Tito Mucci; Bruna Nizzola; Eugenio Pardini; Pigi (Pierluigi Paviola); Arturo Puliti; Enzo Quadrelli; Luigi Regianini; Antonio Russo; Renato Santini; Marcello Scarselli; Leopoldo Stefani e una lirica di Marta Gierut

Dipinti, Sculture,Grafica: Dal 3 al 20 novembre 2013 a cura di Emanuela Bonini e Lodovico Gierut-

Mostra con finalità socio-umanitarie e culturali. Inaugurazione presso la sede della P. A. 3 novembre 2013, ore 12,00. Ingresso libero. Orario 15-19. Info: 3339613134.

Organizzazione P.A. Azzano di concerto con il Comitato Archivio artistico-documentario Gierut www.gierut.it. Nel corso dell’esposizione sono a disposizione sia pubblicazioni di autori versiliesi,  sia filmati riguardanti l’Alta Versilia. Patrocinio Cartiera Magnani, Pescia.

“Azzano, piccolo paese della montagna apuana sito nel Comune di Seravezza – in provincia di Lucca – ben noto per la sua Pieve romanica su cui troneggia un magnifico rosone marmoreo chiamato “L’Occhio di Michelangelo” (Buonarroti trascorse vari anni in loco verso la fine del secondo decennio del ‘500, aprendo una strada nel cuore del Comprensorio del monte Altissimo), ospita sino al 20 novembre una mostra d’arte che rendendo un simbolico omaggio a tutti quegli artisti che nel corso del tempo vi hanno soggiornato, pone particolare attenzione sia alla tematica connessa alla lavorazione del marmo, sia ad una popolazione forte che è sempre andata avanti sia nella buona come nella cattiva sorte.

Il tema è visto e sono interpretato dai vari creativi con dipinti ad olio e a tempera, come a tecnica mista, con disegni a pastello e a china, o ad acquerello, tanto che ogni nota paesaggistica delle antiche cave, i volti d’uomini e di donne, gli animali e le nature morte, i castagneti e gli oliveti, raccontano figurativamente o con note d’astrazione il passato come il presente.

Il Comitato sorto per ricordare la poetessa Marta Gierut (con una lirica della quale si apre la rassegna) ha messo a disposizione tutti i lavori, tra i quali spiccano alcune firme di artisti molto noti oggi scomparsi il cui ricordo è comunque indelebile”.

 Comunicato  da Lodovico Gierut- addì 28.10.2013

Eventi Seravezza-Stazzema  –  29 Ottobre – 3 Novembre 2013

 

Martedì 29:

OperaQ Preparazione al progetto europeo finalizzato alla realizzazione di uno spettacolo da costruire in tre diverse città europee contemporaneamente Presso leScuderie Granducali Ore 20.30

Giovedì 31:

Campagna abbonamenti per la nuova stagione teatrale presso le Scuderie Granducali di Seravezza dalle 10.00 alle 14.00 Per cambio posti

Festa di Halloween Festa di Halloween nel centro storico di Seravezza. Tra streghe, fantasmi e divertimenti vari anche stand di artigianato tipico e di degustazioni varie. Seravezza, centro cittadino Alle ore 17.00 intrattenimento per i più piccini. Dalle 19.30 presso la Gastronomia Vegana Bonci ‘Vegan Halloween Party’. Ore 21.00 in Piazza Carducci: Alienanza Rock Band – Live in concert ‘Halloween Night’ a cura dell’Associazione Pro Loco Seravezza, dei commercianti e del Comune di Seravezza.

Halloween a Palazzo Mediceo Per un pomeriggio da brividi, vieni travestito da quello che ti piace e insieme daremo vita ad una storia paurosa in cui tu stesso sarai l’attore, inoltre ti attendono tranelli e prove di coraggio…non puoi mancare! Se hai tra i 4 e gli 11 anni e hai voglia di divertirti e spaventarti con noi ti aspettiamo! Dove: a Seravezza, presso il Palazzo Mediceo. Dalle ore 17.00.Costo: 6 euro. È gradita la prenotazione. Per info e prenotazioni: 339-8806229 // 349-1803349. A cura della Fondazione Terre Medicee.

Festa di Halloween Cardoso- Stazzema Dalle ore 17,00 alle 1,00. Cartomanti, Giocolieri,Truccatrici , Mangiafuoco, Streghe Danzanti e il simpatico Giullare Anulino in un’atmosfera da brivido. Per l’occasione il paese si trasformerà per una notte indimenticabile di Halloween, lungo le vie del paese non mancheranno banchetti dove potrete degustare prodotti tipici o cenare presso Pizzeria La Pania e Norcineria Barsanti. La serata sarà piena di musica con DJ SET.

Venerdì 1:

Anteprima Merano Wine Festival Presso il ristorante Antico Uliveto a Pozzi di Seravezza Alle ore 20.30 Cena degustazione che vede protagonisti vini selezionati per il Merano Wine Festival che prevede la selezione per qualità e non per etichetta: Il Calepino della Val Calepio e il MAS ovvero merlot annata storica che entra nel gota dei vini rossi a pochi anni dall’uscita della prima annata 2005. Per

informazioni e prenotazioni: 0584-768882 /3285777902

Sabato 2:

Laboratori invernali per bambini a Palazzo Mediceo Seravezza – a cura di Galatea Versilia dalle ore 17.00 alle ore 19.00. E’ GRADITA LA PRENOTAZIONE. Per info e prenotazioni:3398806229 – 3491803349 galateaversilia@gmail.com

Domenica 3:

Mercatino del Baratto A Minazzana – Seravezza. Per informazioni: Walter 320.3562216

Escursione al Monte Procinto – Alpi Apuane a cura di Toscana Trekking. Appuntamento alle 9.45 a Mulina di Stazzema, presso il parcheggio del BAR TRATTORIA “da Luciana”. Rientro previsto per le ore 17.30. Pranzo al sacco a carico dei partecipanti. In caso di ritardo o problemi a raggiunger il luogo dell’appuntamento, telefonate al numero 340 3006065 (sarà attivo solo domenica mattina). Dati tecnici dell’escursione a piedi: percorso anulare impegnativo; dislivello totale in salita 800 m ca; lunghezza del percorso 12.000 m; tempo medio di cammino 5h30′ ca. Si consiglia di portare con sé uno zainetto giornaliero con sufficiente scorta d’acqua; indossare capi sportivi e scarponcelli da montagna. Scheda tecnica: N° minimo di partecipanti: 10; Costo: 12,00€ a persona La quota comprende: servizio di guida GAE per tutta la giornata. Per info e prenotazioni: Alice 347 7922453- segreteria@toscanatrekking.it

MOSTRE

PROSEGUE Fino al 15 dicembre  I nostri padri etruschi: opera scultorea monumentale di Giuseppe Bartolozzi e Clara Tesi, un’installazione scultorea realizzata in marmo di Carrara, stoneglass, alluminio e vetro. L’opera resterà in mostra temporanea prima di essere collocata nella città russa di Sochi in occasione delle prossime Olimpiadi Invernali. Per ulteriori informazioni: http://www.openone.it

MERCATI

Martedì 29 Ottobre: mercato Contadino. A Querceta, Piazza Pellegrini.

Orario: 8.00-13.00.

Giovedì 31 Ottobre: mercato di Campagna Amica- a Pozzi di Seravezza, piazza Fratelli Cervi. Mercato di prodotti a km 0. Orario: 8.00-13.00.

Sabato 2 Novembre: mercato settimanale a Querceta, Piazza Matteotti. Orario: 8.00-13.00.

Comunicato da Ufficio informazioni turistiche di Seravezza-addì 28.10.2013

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...