Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi e precluso ai giocondi 1127 del 18,19 e 20 ottobre 2013

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi e precluso ai giocondi 1127 del 18, 19 e 20 ottobre 2013

I corrotti sono in mezzo a noi ma non sono con noi

La globalizzazione dell’indifferenza ci rende tutti Innominati

Le leggi inique contro i meno abbienti sono immediatamente costituzionali

Le leggi che toccano la casta necessitano sempre di approfondimenti costituzionali

1127

ORDINANZA: A SCOPO CAUTELATIVO  DIVIETO DI CONSUMARE L’ACQUA DEGLI ACQUEDOTTI COMUNALI SU TUTTO IL TERRITORIO DI STAZZEMA Acqua  non potabile sull'intero territorio comunale

Stazzema: pioggia mediamente oltre i 200 mm  sull’intero territorioPioggia del 21 ottobre 2011 004Pioggia del 21 ottobre 2011 002

Nottata di forte pioggia,specialmente stamani  alle 3. Dai pluviometri si rileva una media di oltre 200 mm di pioggia caduta alle ore 6. Molte difficoltà in Arni, che dovrebbe essere isolata per l’allagamento della strada  in località Tre Fiumi  Alcuni smottamenti di tereno e allagamenti per edifici e laboratori in Versilia, come i sottopassi. Torrenti ingrossati. Per il momento non si segnalano frane consistenti. Assai peggiore la situazione in Garfagnana, dove la provinciale per Castelnuovo è interrotta in due punti, uno dei quali presso l’impresa Fassa Bartolo. Addì 21.10.2013 ore 9,35

Supplemento del 20 ottobre Libera Cronaca  n.127

Il 70° anniversario della strage di Sant’Anna parte dal 69esimo dell’eccidio

Domani a Palazzo Strozzi Sacrati la conferenza di presentazione

Stazzema_  Stavolta parte per tempo il 70esimo anniversario della strage di Sant’Anna di Stazzema. Con i progetti legati alla sentieristica del Parco della Pace di Sant’Anna di Stazzema e alle istallazioni multimediali del Museo Storico della Resistenza che  sono  già state  annunciate  lo scorso 12 agosto a Sant’Anna di Stazzema. Domani, lunedì 21 ottobre, alle 12, presso Palazzo Strozzi Sacrati, si terrà un’apposita conferenza di presentazione di questa progettualità. Alla conferenza stampa la vicepresidente e assessore regionale alla scuola e università Stella Targetti, l’assessore regionale alla cultura Cristina Scaletti, Maurizio Verona, presidente Unioni dei Comuni della Versilia, e Simone Caponera, coordinatore del progetto.

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi e precluso ai giocondi. (Da Regione Toscana 19/10/2013 18.55)

La foto del girotondo è stata scattata dopo l’eccidio?girotondoCopertina libro Versilia la strage degli innocenti

Stazzema_ Ieri mattina, come correttamente annunciato sul blog , siamo andati a verificare alcune foto su Sant’Anna di Stazzema e per sincerarsi in merito ad una testimonianza che  citeremo sulla ristampa integrata del libro  Un prete indifeso in una storia a metà- Don Giuseppe Vangelisti e il suo memoriale, una pubblicazione con cui  l’autore Giuseppe Vezzoni vuole  caratterizzare il prossimo settantesimo anniversario della strage del 12 agosto 1944. Abbiamo scoperto che esistono due foto di girotondi fatti davanti alla piazza della chiesa di Sant’Anna  dai bambini della frazione, ma immagini che, dalle informazioni ricevute, risalirebbero al dopo strage e non prima, come sembrerebbe dalla didascalia della copertina della seconda edizione del libro Versilia la strage degli innocenti,   il volume più venduto in assoluto sulla strage di Sant’Anna di Stazzema, almeno per quanto concerne le vendite dei libri nel Museo della Resistenza  e nelle edicole della Versilia e nonostante il falso storico che nel 1997 già si sapeva: non era stato il reparto di Walter Reder l’unità criminale  che aveva perpetrato il massacro ma il II battaglione del 35° Reggimento della  16esima Divisione SS comandata dal generale Max Simon.  Sedici anni fa ancora non si conosceva con certezza chi avesse al tempo il comando il II battaglione, lo si appurerà in seguito per merito del ricercatore italiano Carlo Gentile, docente presso l’Università di Colonia,  il quale individuerà nel capitano austriaco Anton Galler il boia di Sant’Anna di Stazzema.

Sulla fotografia del girotondo posta sulla copertina del libro citato sarebbero stati riconosciuti bambini nati dopo la strage, come Carla, Lucia e Eugenio, ma la didascalia  della fotografia in copertina farebbe pensare ai bambini che poi saranno uccisi:

I bambini di Sant’Anna di Stazzema fanno il girotondo davanti alla bottega della  Sofia, sulla piazza della chiesa dove furono poi massacrati il 12 agosto  1944”.

In una seconda foto, anch’essa posteriore all’eccidio,  anno 1962, è immortalato un girotondo fatto da bambini intorno al monumento che allora si trovava sul piazzale della chiesa. Sono stati riconosciuti questi bambini:  Carlo, Carla, Eugenio, Pierina, Lucia , Aldo e Lina.

Poiché il libro Versilia la strage degli innocenti ha ottenuto il patrocinio del Comitato Onoranze e del Comune di Stazzema servirebbe fare chiarezza: la foto della copertina ritrae veramente alcuni bambini di Sant’Anna che poi furono trucidati, come informa la didascalia, o è una foto posteriore all’eccidio e che volutamente ha inteso mistificare la storicità di un’immagine di vita paesana ripresa negli anni cinquanta del secolo scorso ?

Da un nostro riscontro, la siepe a destra della foto di copertina sembra non esserci  nelle fotografie che ritraggono questo scorcio di Sant’Anna risalenti al 1944/1945.

Giuseppe Vezzoni-addì 20.10.2013

Visita guidata al sito archeominerario delle MolinetteVisita guidata  alle Molinette del 20 ottobre 2013 002Visita guidata  alle Molinette del 20 ottobre 2013 014

 

Stazzema_  Il tempo ha retto e stamani circa 80 persone, dipendenti dell’azienda Nuovo Pignone di Massa e famigliari, sono state accompagnate, suddivise in tre gruppi, a visitare il sito archeo-minerario delle Molinette. A fine escursione si sono spostati a Pontestazzemese per il pranzo consumato presso il ristorante dell’hotel La Pania. Posteremo alcune foto in attesa di ricevere un commento sulla visita promessoci da una giovane partecipante.Visita guidata  alle Molinette del 20 ottobre 2013 020 Visita guidata  alle Molinette del 20 ottobre 2013 005Dobbiamo convenire che l’intervento fatto di pulizia alla grande ruota  e alla botte binaria in occasione della manifestazione Puliamo il mondo ha contribuito ad aumentare l’interesse per visitare il sito delle Molinette. Ovviamente, ogni volta che si sale alle Molinette, v’è  la presa di coscienza che questa area ha necessità, oltre  al  taglio di piante per prevenire stramazzi  e dissesti di terreno che potenzialmente possono rovinare il lavoro fatto e danneggiare definitivamente  ciò  che resta da preservare dei manufatti e dei macchinari, di finanziamenti sostanziosi per farne luogo di  notevole attrazione per un turismo ambientale, i cui punti di forza  siano il recupero dell’importante storia antropica che custodisce la valle del Canale della Radice e la  ricerca scientifica finalizzata ad una maggiore conoscenza delle peculiarità geologiche e naturalistiche di questo straordinario piccolo lembo di territorio in cui si concentrano i cunicoli minerali, i manufatti della fabbricazione della polvere nera e le sorgenti di acqua minerale.Visita guidata  alle Molinette del 20 ottobre 2013 008Visita guidata  alle Molinette del 20 ottobre 2013 006

Giuseppe Vezzoni-addì 20.10.2013    

Il programma della messa in onda su Telegranducato Tv delle riprese girate durante la manifestazione Donando…Si Cresce del 12 ottobre

 

Buonasera,trasmettiamo gli orari della messa in onda delle puntate registrate da alcune ns Associazioni su Telegranducato TV sabato 12 Ottobre al Palazzo Mediceo, sul tema “DONANDO … SI CRESCE”

GRANDUCATO TV (canale 14) delle trasmissioni registrate sabato a Seravezza:

LA DOMENICA alle 10.45 e alle 19.30- IL LUNEDI’ alle 23- IL MERCOLEDI’ alle 21.25.

Repliche anche su Granducato 2 (canale 187).La prima puntata è in onda  oggi 20 ottobre (e poi anche il 21 e il 23). La seconda comincia dal 27, la terza dal 3 novembre e la quarta dal 10.

     LE FARFALLE-LE

Così cantava Modugno! A mia ormai lunga memoria non ricordo di avere visto tante farfalle come nella presente stagione autunnale.

Alcuni attribuiscono il fenomeno alle bizze del tempo atmosferico che sta cambiando, altri pensano alla scomparsa dei predatori di farfalle e via dicendo.

Io, che non sono un entomologo, ho voluto interrogare sull’argomento una diretta interessata. Ho catturato delicatamente una bianca farfalla subito rassicurandola circa le mie pacifiche intenzioni e le ho chiesto:

“ Come mai così in tante a svolazzare a destra e a manca di questa stagione non proprio la più congeniale alle farfalle?”

Riavutasi dallo spavento, mi ha risposto così.

“Regina Farfalla ci convocò or non è tanto, presso una villa sul lago di Como e tra le tante raccomandazioni, una le premeva più di tutte.”

“ E quale mia gentil farfalletta?”

“ Care compagne – disse – dobbiamo inondare di garruli voli il nostro amato italico suolo. Noi siamo creature felici da null’altro attratte che dai fiori. Il nostro volo è una danza ritmata dalle armonie recondite dell’universo che le nostre antenne riescono a captare. Dobbiamo contagiare di felicità bambini, donne e uomini preoccupati di vivere e terrorizzati di morire.

Ci cibiamo posandoci su tanti fiori e l’ultimo diventa il nostro sudario fiorito sul quale le corolle ci cantano l’inno della vita perenne che la morte rinnova..”

“ Anche voi– mi suggerì amorevolmente la farfalla – dovreste trovare il vostro fiore!”

“ Quale? Quello azzurro che affascinava il poeta Novalis?”

“ Non conosco Novalis ma conosco i fiori e quello che dovreste cercare si chiama indifferentemente bellezza, bontà, amore.

E’ per quel fiore che si nasce bruchi e si diventa farfalle. Addio!?”

Oriente Angeli- addì 20.10.2013

Re: Caro Oriente, c’è della  malinconia in questo tuo incontro con la farfalletta ma anche un auspicio di fondo a cui cerchi di indirizzare. V’è tuttavia una dolenzia spirituale nelle tue righe che voglio stravolgere un poco con spirito faceto: il fiore della bellezza,bontà e amore non è certo né azzurro né rosso, e neppure bianco. Come italiani siamo fregati, perché le farfallette sono bruchi con affilate ali a cesoia. Servono per posarsi sulla fioritura  senza effluvi di questa Repubblica: quella  d’oro.

 Giuseppe Vezzoni-addì 20.10.2013

Il Gruppo Misto regionale rende nota la cifra restituita

 

Buonasera Giuseppe, Volevo precisare che l’avanzo del Gruppo Misto sono €12900 che ho restituito io e le rimanenti più o meno lo scomparso Dario Locci.

Marina Staccioli- addì 17.10.2013

Re: Ringraziamo il consigliere Marina Staccioli per la sua trasparenza, ma il giornale che non c’è, seppur onorato dell’attenzione, non dovrebbe essere il destinatario. Come voce nata fra i cittadini avremmo avuto più piacere leggere che la resa dei conti in merito al finanziamento pubblico con cui è spiegato dettagliatamente le spese dei gruppi consiliari regionali toscani era stata consegnata senza problemi al Procuratore della Corte dei Conti che l’aveva richiesta. Assai meno piacevole apprendere che prima di ottemperare a tale richiesta il Presidente Enrico Rossi ha sollevato presso la Corte Costituzionale un conflitto istituzionale tra due poteri dello Stato.

Vorremmo osservare che viviamo un momento in cui i conflitti costituzionali sembrano un pochino pelosi e tutti, a qualsiasi livello, dovrebbero dimostrare ai cittadini che si ottempera alla giustizia senza soverchi problemi. Meglio lasciar perdere la difesa delle prerogative istituzionali su certi temi, come il finanziamento pubblico o il presunto patto tra Stato e Mafia, e affidarci sereni ad una magistratura che si difende solo quando sono gli altri a contestare, a sollevare dubbi di incostituzionalità e a subire le condanne. Ciò che i cittadini hanno sotto gli occhi è questa landa di insensibilità che può essere attraversata e superata unicamente con una vigorosa svolta politica che al momento non si intravvede.   

Il Presidente della Repubblica, nel sostenere la Legge di Stabilità, ha avvertito di non dar prova di incoscienza. Al Capo dello Stato hanno risposto senza alcuna condivisione i giovani industriali italiani denunciando un governo sordo alle esigenze del paese e senza la dignità di darsi una legge elettorale. Più duro  De Benedetti, che ha denunciato un declino morale e definito l’Italia zavorra  della crescita mondiale, perverso scambio di interessi per Alitalia e via a seguire.

Una trappola  da cui si può uscire con una rivoluzione civica .culturale e morale. Un qualcosa di straordinario che il paese sembra aver irrimediabilmente perduto.

 Ma non possiamo rassegnarci, dobbiamo continuare ad essere incoscienti per uscire da una situazione di frustrazione che oltre a quella materiale vorrebbe intrappolare il libero discernere.

 

E’ voler dare prova di incoscienza democratica e morale continuare a non vedere il  giovarsi dei privilegi, continuare ad assistere all’ ingrasso della casta? È da incoscienti pretendere rispetto su ciò che il popolo sovrano,meglio somaro, avrebbe chiesto: basta con il finanziamento pubblico dei partiti, basta con questa indecenza che si fa passare per  giusti costi della democrazia ma che sono invece i protervi costi dell’ostaggiocrazia del paese che siamo diventati?

È da incoscienti pretendere la fine del magna magna in questo momento in cui sette operai  su dieci temono di perdere il posto di lavoro e si vedono rifilata dalla coraggiosa legge di Stabilità l’elemosina di pochi euro a fronte delle migliaia di euro che gli illuminati Giganti di questa Repubblica trovano immancabilmente alla  fine  del mese? È da incoscienti denunciare il perdurare delle iniquità nonostante la crisi e soprattutto di fronte al fatto che  milioni di formiche non ce la fanno ad arrivare alla quarta settimana, che gli indigenti sono quattro milioni, che aziende e dipendenti sono state portate sulla strada perché gli enti pubblici non hanno onorato i loro debiti? Questa sì che è stata vera incoscienza, peraltro supportata da una legge specifica, approvata e promulgata in un paese che è nato  sui sentieri dalla resistenza ma che li ha man mano abbandonati, soprattutto durante la cosiddetta Seconda Repubblica, realizzando  una   privilegiata autostrada per pochi.

Giuseppe Vezzoni-addì 18.10.2013  

Maggio Musicale, sen. Petraglia (SEL): “Irresponsabile scaricare i costi del risanamento sui lavoratori”

Pronto un emendamento alla Legge di Stabilità per la riassunzione del personale in esubero

“E’ impensabile e irresponsabile pensare di scaricare sui lavoratori i costi del risanamento del Maggio nel momento in cui a salvarlo sono i soldi pubblici. Non possiamo mettere in secondo piano le enormi responsabilità della politica e dei soprintendenti che si sono succeduti negli anni, le cui scelte sbagliate hanno portato alla liquidazione coatta della Fondazione, scongiurata soltanto dall’approvazione Decreto Cultura”.

Così la senatrice toscana di Sinistra Ecologia e Libertà, Alessia Petraglia, al termine dell’assemblea convocata oggi dai lavoratori del Maggio Musicale Fiorentino.

“Aver fermato la liquidazione della Fondazione Maggio Musicale rappresenta sicuramente uno dei risultati più importanti del Decreto, insieme alla conferma dei finanziamenti FUS – spiega la senatrice – Tuttavia, non mancano punti critici, a cominciare dal principio del risanamento basato sulla riduzione del costo del personale. Nel caso del Maggio, non possiamo nascondere le grandi responsabilità della politica e dei soprintendenti che si sono succeduti, così come non possiamo nascondere il fallimento di un modello di gestione che privatizzava gli enti con l’obiettivo di renderli più efficienti e vincolare meno la dirigenza. Visti i risultati, sarebbe deresponsabilizzante pensare che il costo del risanamento venga pagato soltanto dai lavoratori, nel momento in cui sono risorse pubbliche a salvare il Maggio”.

“Durante la discussione in Senato del Decreto – prosegue la senatrice – la maggioranza delle larghe intese (con l’eccezione della collega Di Giorgi) ha respinto, nonostante il parere favorevole dei ministri Bray e D’Alia, un emendamento a mia firma che chiedeva l’assunzione del personale in esubero presso altri enti appartenenti al MIBAC sul territorio. Ripresenterò un analogo emendamento in sede di discussione della legge di stabilità, auspicando che almeno una parte della maggioranza ritorni su una decisione sbagliata e inspiegabile”.

“Al contempo – conclude Petraglia – continueremo a seguire con grande attenzione il piano di risanamento che presenterà il commissario Bianchi, per evitare che venga realizzato sulla base di interpretazioni distorte e peggiorative del testo del Decreto”.

Firenze, 18 ottobre 2013

Comunicato stampa

 

 Toh, Giulio ha letto liberacronaca, gli stazzemesi no!

 

Chi avrà letto i miei semplici articoli, negli stessi parlo sempre della – Pulizia del proprio orticello- in tutti i sensi. Non si può puntare l’indice altrove se gli “scepaloni” offuscano di vedere lontano. Credo che spese folli o insostenibili ve ne siano anche nei nostri Enti Locali. Spesso sulla Liberacronaca, con coraggio da parte della Redazione, si leggono notizie in merito. Sono una condanna, un richiamo verso orecchi troppo sordi. Eppure, siamo un fazzoletto di terra dove sarebbe facile dare segni forti e di buona amministrazione. Quelli delle pensioni minime e da mille euro, sono stufi e non possono leggere compensi così alti a poche persone. Non capisco perché i Sindaci non cominciano da lì. Va da se che non si può fare di- un’erba un fascio-, ma, laddove l’orto continua ad essere invaso da erbacce, necessita un forte e salutare diserbante. Io la vedo così.

Giulio Salvatori-addì 18.10.2013

Strage di Cefalonia: condannato in contunace  il caporale Alfred Stork

 

Il Tribunale militare di Roma ha irrogato  la condanna  all’ergastolo all’ex caporale novantenne Alfred Stork, effettivo della terza Compagnia del 54esimo battaglione Cacciatori di montagna. È stato riconosciuto colpevole di aver partecipato alla fucilazione di «almeno 117 ufficiali italiani» nell’isola di Cefalonia, nel settembre 1943. La Corte ha accolto la richiesta del Pubblico Ministero Marco De Paolis  di infliggere l’ergastolo a Stork, considerato ormai  l’ultimo imputato  dell’ eccidio di Cefalonia”, la strage della Divisione Acqui  perpetrata  dai tedeschi  sull’isola greca  a seguito  della resistenza che reparti della divisione  misero in atto dopo  l’armistizio dell’8 settembre 1943. L’imputato è stato condannato in contumace, ma in Germania è libero cittadino.  Durante le indagini svolte in Germania, Stork avrebbe ammesso la responsabilità di aver partecipato alla fucilazione  dei 117 ufficiali italiani compiuta da due plotoni tedeschi presso la Casetta Rossa, luogo dove fu passato per le armi l’intero stato maggiore della Divisione. La sua ammissione di responsabilità, mai più riformulata, è stata rilasciata in assenza dell’assistenza del suo legale fiducia e pertanto non è stato possibile utilizzarla come prova della sua auto colpevolezza, tuttavia la Corte del Tribunale di Roma  ha avuto elementi per condannarlo lo stesso.

Giuseppe Vezzoni-Addì 18.10.2013  

 

Trecentomila euro toscani per un film su Amanda Knox e l’omicidio di Meredith Kerchner?

E’ recente notizia sui quotidiani che la Regione Toscana abbia finanziato più di 300.000 euro (Fondo Cinema) per la realizzazione di un film che affronterebbe, anche se indirettamente come dichiarato dal regista, la questione della vicenda di AMANDA KNOX e dell’omicidio di Meredith Kerchner a Perugia . La regione avrebbe finanziato tale cifra per agevolare la promozione dei paesaggi toscani e altre amenità di tipo paesaggistico.

E’ davvero buffo vedere che seppure con rimandi ad altre prerogative, indirettamente si affronti un finanziamento corposo per arrivare poi alle descrizioni, con sottofondi di probabile morbosità e attenzione al sangue e alla cronaca nera, autorizzando in fondo non la riservatezza su una vicenda ancora tutta da chiarire, ma l’agevolazione ad opere di cinematografia in cui potrebbe esserci prospettive di vedere la protagonista indiretta come un’assassina, allo stesso modo della vicenda di Annamaria Franzoni di Cogne.

La regione avrebbe fatto probabilmente bene a riservare tali fondi per la promozione diretta dei suoi patrimoni artistici, culturali e turistici piuttosto che ad un’opera di cinema piuttosto discussa.

Sergio Mancini-addì 18.10.2013

Re:  Se è vero,  ma  non  crediamo a questa notizia, più che buffo  sarebbe inconcepibile che la promozione del paesaggio toscano possa passare da un fatto di cronaca criminale.  A questo punto, se vero, speriamo tanto che la Regione della Valle d’Aosta non prenda spunto per promozionare il Monte Rosa attraverso un film sulla tragedia di Cogne.

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi e precluso ai giocondi-addì18.10.2013 

 

Le associazioni diffidano Ato- Costa dal portare avanti la revisione del Piano straordinario e a sospendere la procedura di gara per l’individuazione del socio privato di Reti Ambiente

Diffida ATO

Toscana_La Rete Ambientale della Versilia, il Comitato Non Bruciamoci Pisa,  il Comitato No Inceneritore verso Rifiuti Zero Livorno e il WWF Lucca,  hanno inviato ieri mattina in forma stragiudiziale ai componenti il Consiglio Direttivo Ato-Costa, al Presidente pro tempore del Consiglio e al Direttore Generale. Nella diffida vengono evidenziati i punti critici sia dell’affidamento al gestore unico dei rifiuti, sia al piano straordinario Ato-costa.

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi e precluso ai giocondi-addì 18.10.2013

Mostra  Propaganda of the Deed  di Sam Durant

 La storia del movimento anarchico carrarese  raccontata attraverso la realizzazione in marmo dei busti dei protagonisti del movimento e delle casse, sempre in marmo, utilizzate per contenere la dinamite

Carrara_ Salve Giuseppe, qualche anno fa venni a casa sua perché stavo cercando una vecchia cassa per il trasporto della dinamite per un progetto di scultura sull’anarchismo, si ricorda? Ora finalmente dopo varie tappe la mostra sarà a Carrara dal prossimo sabato 19 ottobre, inaugurazione alle 18. Sarei contenta di rivederla in questa occasione.

Cordialmente, M. Teresa Telara- addì 18.10.2013

Re: Gentile Maria Teresa, purtroppo sabato ho un impegno a cui non posso sottrarmi ma verrò a visitare la mostra. Posterò l’evento stasera, sul blog  liberacronacachenonce e ogni comunicazione o e foto che mi vorrà inviare. Adesso il sito della polveriera delle Molinette è visitabile e domenica ci sarà una visita guidata per i dipendenti del Nuovo Pignone  di Massa e Carrara. Avrei piacere che lo visitasse, magari portando qualche artista.  La ringrazio della sua cortesia. Restiamo in contatto.

Cari saluti, Giuseppe Vezzoni-addì18.10.2013 

Il Comune di Carrara e Ars Gratia Artis, in collaborazione con Franco Soffiantino Contemporary Art Productions e Telara Studio d’Arte hanno il piacere di invitare all’evento di inaugurazione della mostra

The City of Carrara and Ars Gratia Artis in collaboration with Franco Soffiantino Contemporary Art Productions e Telara Studio d’Arte are pleased to invite You to the opening event of the show

Sam Durant Propaganda of the Deed 

I Protagonisti dell’Azione Anarchica a cura di Federica Forti

curated by Federica Forti

Centro Arti Plastiche di Carrara (CAP), Via Canal del Rio – Carrara
19 ottobre – 25 novembre

19 october – 25 november

Conferenza stampa oggi, venerdì 18 ottobre ore 12.00 Centro Arti Plastiche di Carrara

Press conference Friday 18 October 12.00 a.m. Centro Arti Plastiche di Carrara

Opening sabato 19 ottobre ore 18.00

Opening Saturday 19 October at 6.00 p.m.

www.database-carrara.com

Il catalogo della mostra include testi di:

 / The catalogue of the show includes texts by:

Giovanna Bernardini, Assessore alla Cultura del Comune di Carrara / Councillor for Culture of the City of Carrara – Federica Forti, curatrice / curator
Emanuela Menconi, cugina di Gino Lucetti / Gino Lucetti’s cousin 
Massimo Mazzone, artista/ artist- Stefano Taccone, critico / critic
Gian Maria Tosatti, artista / artist

La mostra è inserita in DATABASE, programma culturale che porta l’arte contemporanea a rileggere il patrimonio storico, artistico ed ambientale di Carrara.
The show is included in DATABASE, cultural program encouraging contemporary art to reinterpret the historic, artistic and environmental heritage of Carrara.

Con il contributo di

with contributions by:

Benetti Macchine, Gaspari Menotti, Marmoris srl, CMT Vatteroni, AvMap, Franchi Umberto Marmi, Rotary Club Massa e Carrara, Laboratori Artistici Nicoli, Ristorante Beccofino, B&B Villa Belverde, Cooperativa Cavatori Canalgrande, Pemart, Cave Lazzareschi, Successori Adolfo Corsi Carrara, Forti srl, Telara Studio d’arte, Colorificio Tirreno, Center Chrome, Danae project, Le Larderie di Colonnata, Biscottificio Piemonte, Cantine Bondonor, Ristorante Ciccio Marina, B&B Il Giardino Antico, Hotel Michelangelo, Villa Undulna.

ufficio stampa / press agent

Chiara Musso; Giuditta Deodato

press.database.carrara@gmail.com

ARS GRATIA ARTIS | ASSOCIAZIONE CULTURALE | Via Carriona, 430/A – 54033 Carrara (Ms)

e-mail: info@database-carrara.com |www.database-carrara.com

Comunicato inviato da Maria Teresa Telara-addì 18.10.2013

Domani nel Palazzo Mediceo di Seravezza recital poetico musicale per la mostra “Il lavoro dipinto” di Marcello Scarsellifoto mostra scarselli 3

Seravezza_ Parole, musica e arte. Sono questi gli ingredienti del suggestivo recital poetico – musicale “Il lavoro dipinto” che si svolgerà domani sabato 19 ottobre alle ore 17.00 nel Palazzo Mediceo di Seravezza (Lu), viale Amadei 230 ad ingresso libero. Si tratta di un evento organizzato nell’ambito della mostra la “Humanitas Machinae, (Il lavoro dipinto)” di Marcello Scarselli esposta fino al 27 ottobre nelle sale del Palazzo Mediceo, un ex operaio della Piaggio che ha trovato nell’arte il modo di raccontare il lavoro e la fabbrica. E questo lo fa con oltre 70 opere dove predominano i colori e il tratto informale ma che pongono l’accento su l’esperienza di vita che rappresenta il fare umano. mostra scarsellli SeravezzaLo spettacolo “Il lavoro dipinto” permette un’ulteriore lettura della sua arte e questo grazie a due delle più rappresentative voci della poesia italiana d’oggi: Serena Vezzoni e Luca Barsottelli accompagnati alla chitarra classica dal concertista Roberto Magri. Saranno eseguiti, anzi raccontati i tre originali poemetti su testi di Alberto Bellocchio, Massimo Dalle Luche, Umberto Piersanti, Giuseppe Cordoni e Paul Klee dal titolo: “La fabbrica”, “Il fratello maggiore”, “Per gli antichi campi”, che in catalogo fanno da introduzione e ponte al racconto delle grandi mutazioni che il lavoro in Italia ha subito in questi ultimi cinquant’anni. Il tutto accompagnato dalle musiche di Astor Piazzolla, Lennon/McCarty, Roberto Magri Ennio Moricone, Jorges Cardoso, Cahn/Brodsky, Francisco Tarrega. La mostra è curata da Giuseppe Cordoni e Filippo Lotti, ed ha un carattere itinerante che la porta a toccare prestigiose  location della Toscana. Essa, infatti, nella primavera scorsa, a Firenze è stata esposta nella “Limonaia” di Palazzo Medici Riccardi, e dopo questa tappa a Seravezza, sarà ospitata presso il Museo Piaggio di Pontedera, suo ideale punto di arrivo. Promossa dalla Fondazione Piaggio con il contributo di Geofor e BCC Fornacette, il patrocinio della Regione Toscana, Provincia di Firenze e con la collaborazione di FuoriLuogo – servizi per l’Arte, dell’associazione culturale “La Ruga” e Fondazione Terre Medicee, sarà aperta ad ingresso libero fino al 27 ottobre con questi orari: venerdì e sabato  15 – 19 e domenica 10.30 – 12.30; 15 – 19. Informazioni: Fondazione Terre Medicee, tel. 0584757443,  www.terremedicee.it    e- mail: info@terremedicee.it  oppure info@scarselli-art.com15- la fabbrica cm 50x70 (2)

Seravezza, 18 ottobre  2013

Comunicato Fondazione Terre Medicee Ufficio stampa  ILogo 

 Domani Libritivo ritornaLIBRITIVO ott13

Camaiore_ Dopo una lunga pausa, Libritivo ritorna! Dalle 19:30 il circolo culturale Thìasos (Camaiore, via XX Settembre 103) si trasformerà in un bosco incantato, in cui trovare libri, cibo e vino. Grazie, naturalmente, all’ allestimento, ideato e creato da Lab Art, mentre, come sempre, per la parte enogastronomica, i protagonisti saranno Joel (il gestore del circolo Thìasos con mansioni di barista), e Annarita del blog Il Bosco di Alici, che si occuperà invece di stuzzicare il nostro appetito. Libri vecchi e nuovi a disposizione e spazio per accoglierne di nuovi, grazie al bookcrossing di Angolo Giro.

www.angologiro.org
angologiro360@yahoo.it
Facebook

Comunicato Associazione culturale ANGOLO GIRO- addì 18.10.2013

Eventi  nei Comuni di Seravezza e Stazzema

Sabato 19:

Il Lavoro dipinto Recital poetico-musicale A chiusura della mostra di

Marcello Scarselli Presso Palazzo Mediceo a Seravezza Ore 17.00. Umberto Boccioni: il personaggio e le sue innnovazioni in campo artistico Laboratorio per bambini da 4 ad 11 anni a Palazzo Mediceo Seravezza- a cura di Galatea Versilia dalle ore 17.00 alle ore 19.00 Costo € 6,00 E’ GRADITA LA PRENOTAZIONE

Per info e prenotazioni: 3398806229 – 3491803349 galateaversilia@gmail.com

Domenica 20:

Festa Nazionale dei Nonni IX Edizione Presso le Scuderie Granducali di Seravezza Inizio ore 10.00, Ore 13.00 pranzo Ore 15.00 inizio spettacoli, Ore 18.00 elezione nonni dell’anno – 2013 Per informazioni: 339.2190902 339.6270150

La leggendaria Via Vandelli in Apuane (MS). Appuntamento alle 9.45 a Resceto (circa 10 Km da Massa) Pranzo al sacco da procurarsi individualmente. Rientro alle auto previsto per le ore 19.00. Pranzo al sacco da procurarsi individualmente. Dati tecnici dell’escursione a piedi: percorso di andata e ritorno medio-impegnativo, non ombreggiato; dislivelli in salita ed in discesa ca. 1200m; tempo medio effettivo di cammino 6h30’. Si consiglia di portare con sé uno zainetto giornaliero con sufficiente scorta d’acqua oltre al pranzo al sacco; indossare capi sportivi e scarpe da trekking.

Recapito della Guida: Walter 340 3006065 – Toscana Trekking

Visita guidata alla Molinette:  alle 10, con ritrovo presso la chiesa di Mulina, dipendenti e famigliari dell’azienda Nuovo Pignone di Massa e Carrara visiteranno il sito archeominerario delle Molinette. Sono attesi  un’ottantina di visitatori. Dopo la visita  il pranzo presso l’Hotel La Pania di Pontestazzemese. La visita è stata promossa dall’Associazione La Filiera della Castagna e si avvarrà delle conoscenze di due geologi e della guida del Parco Grazia Bartolucci. Nell’occasione sarà distribuito ai circa 25 nuclei famigliari copia del piccolo  stampato che fu redatto  a cura del Comitato Civico in difesa dell’acquai delle Molinette in occasione della visita guidata dell’8 giugno 2008.

Sagra della Castagna- Consueto appuntamento autunnale con la regina delle Apuane.  Ricco il menù proposto dal comitato paesano: dagli immancabili tordelli al ragù, alla carne alla brace e poi roast-beef con patate, polenta con rosticciana in umido. La castagna non mancherà nei dolci: torte con marmellata di castagne, frittelle di farina di castagne e frutti del bosco e i rinomati ciacci. Nel pomeriggio mondine a volontà. Dove: a Pomezzana, comune di Stazzema. A partire dalle ore 12.00 fino al tardo pomeriggio. A cura del comitato paesano.

Festa della Castagna Azzano – Seravezza

Festa della castagna -Autunno Apuano- A Bosa di Careggine Ore 10.00 la Via dei Vini – ore 13.00 Castagnata e vin brulè Organizzazione a cura del Parco Regionale delle Alpi Apuane

Castagnata al Rifugio Puliti- Arni – Alpi Apuane A cura del CAI sez. Pietrasanta

Festa della castagna a Cardoso: dalle 14,30 farina nuova e castagne di Avellino… e non è stato facile trovarne. Viva la sincerità!

Sulle orme di San Viano- Vagli A cura di EmozionAmbiente Per prenotazioni: Tiffany: 3391990425 Simonetta: 3294932189 Bartolomeo: 3293618235 Diego: 3382639604. Oppure scrivere a info@emozionambiente.it Prosegue fino al 27 ottobre Humanitas Machinae La mostra antologica itinerante di Marcello Scarselli Presso Villa Medicea- Seravezza. Ingresso libero Orario dal 22 al 30 settembre: dal martedì al sabato 15.00-19.00, domenica 10.30-12.30 e 15.00-19.00 dal 1 al 27 ottobre, venerdì e sabato 15.00-19.00, domenica 10.30-12.30 e 15.00-19.00

Notizie inviate dall’Ufficio Informazioni di Seravezza e integrate da Libera Cronaca-addì 18.10.2013

Il libro Un prete indifeso in una storia a metà potrebbe farcela ad uscire a Natale

Trovate  foto su Sant’Anna di Stazzema che potrebbero essere importanti per verificare l’attendibilità di una testimonianza che sta raccogliendo  un professore. Stamani  andremo a ritirarle. La testimonianza sarà riportata a grandi linee sulla seconda edizione del libro Un prete indifeso in una storia a metà- Don Giuseppe Vangelisti . Tra l’altro la foto del girotondo dei bambini che è riportata su diverse pubblicazioni inerenti la strage di Sant’Anna di Stazzema sembrerebbe non essere antecedente all’eccidio ma  risalirebbe ai primi anni ’50 del secolo scorso. Il condizionale è dovuto, perché ci potrebbero essere altre foto di girotondi che possono aver tratto in inganno chi ci ha fatto notare la posteriorità della foto ma non ha visto la foto specifica, scambiandola con altre. Stamani verificheremo e poi rettificheremo quanto scriviamo. Finora pensavamo che la foto si riferisse ad una scolaresca  che faceva ricreazione prima che fosse perpetrato l’eccidio. La didascalia della  foto di copertina del libro  patrocinato dal Comitato Onoranze ai Martiri di Sant’Anna di Stazzema “Versilia la strage degli innocenti” di Giorgio Giannelli, seconda edizione, anno 1997, riporta: “In copertina: i bambini di Sant’Anna di Stazzema fanno il girotondo davanti alla bottega  della Sofia, sulla piazza della chiesa dove furono poi massacrati il 12 agosto 1944”.Copertina libro Versilia la strage degli innocenti

Abbiamo verificato. Nella prossima edizione del giornale che non c’è informeremo. Comunque, per ora non rettifichiamo nulla. Chi vorrà intervenire, ha tutto lo spazio a disposizione. Ore 14,33

Giuseppe Vezzoni-addì 19.10.2013

Associazione Guide e le Mondine  nel Borgo Antico di Colognora locandina  colognora

La nostra Associazione è composta da Guide Ambientali Escursioniste abilitate della Garfagnana e Media Valle del Serchio. Legate al territorio in cui vivono, vogliono trasmettere la conoscenza del paesaggio, della natura, della storia e delle tradizioniai turisti che fanno visita in queste terre e a coloro che pur vivendo nella zona hanno l’interesse di approfondire la conoscenza del nostro territorio. L’Associazione Garfagnana Guide Vi aspetta alla festa « Mondine nel Borgo Antico » a Colognora di Pescaglia la prossima domenica 20 ottobre 2013. Saremo presenti con un banchetto promozionali, e saremo felici di introdurvi nel magnifico Museo del Castagno.

Da GARFAGNANA GUIDE Associazione di Guide Ambientali della Garfagnana e Mediavalle- addì 19.10.2013

 CASTAGNE IN BRODO OVVERO LE TULLORE

Se i nostri castagni  non languissero nella morsa di una mortale epidemia e se la stretta impietosa dell’edera non li soffocasse, ci si poteva attendere, come ad ogni ottobre, un buon raccolto di castagne.

Al contrario, queste nobili piante che hanno sfamato la nostra gente per generazioni, agonizzano sterili aspettando la morte.

Ma se per avventura qualche  selva  risultasse indenne dal ferale nemico e se ancora per felice evento qualche amatore riuscisse ad accendere il metato, si ricordi, in questa epoca in cui la culinaria oltre che – i culi in aria –    irrompe sui nostri teleschermi, un nostro antico e glorioso piatto speciale: le tullore!

Il nome deve essere stato coniato dalla fantasia locale e suggerito dal tullorare fragoroso del bollire delle castagne da cui, onomatopeicamente, il nome di tullore.

Dunque il piatto gustoso e semplice sarà formato da una congrua quantità di castagne secche: quelle che uscite dal metato, saranno state opportunamente mondate. L’operazione si ottiene ora mediante macchine all’uopo studiate , allora…per pestatura manuale ottenuta con le mazzalanghe.

I frutti, lavati e liberati dalla pecchia residua, si lasceranno bollire a lungo in acqua abbondante con aggiunta di un pizzico di sale e una occhiata di buon latte. A cottura avvenuta, si serviranno affogate nel loro profumato brodo di un indefinibile color marroncino che sta tra la cioccolata in tazza e il ranno ( a dimostrazione dell’armonia degli opposti!)

Il palato sarà gratificato dalla dolcezza di un piatto inusuale e l’organismo ringrazierà per la sferzata di energia zuccherina.

Temo, però, che le nostre care tullore più che un piatto reale finiranno per essere, per quanti le ricordano, un piatto nostalgico.

Nota: a) Mazzalanga; utensile in legno usato per la mondatura delle castagne. b) Pecchia: nella parlata alto-versiliese significa il residuo di buccia presente nella castagna secca. c) Ranno: Acqua sporca di colore marrone che defluiva dalla conca del bucato

Oriente Angeli-addì 19.10.2013

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...