Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi 1046 del 4 e 5 luglio 2013

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi 1046 del 4 e 5 luglio  2013

I corrotti sono in mezzo a noi ma non sono con noi

1046

Restitution DAY dei Grillini:

1 milione e 500mila euro tornano nelle casse dello Stato. A quando la restitution day degli altri partiti? A quando la fine del magna magna della politica italiana?

Conti Pubblici: il deficit del primo trimestre 2013 sale dello 0,7% sul Pil.  Potrebbe rivelarsi irrealistica la previsione governativa  di deficit al 3% nel 2013mare e fiume 011

 

L’indebitamento netto della Pubblica Amministrazione sale dal 6,6% (primo trimestre 2012)  al 7,3%  ( primo trimestre 2013). Un dato negativo che pone a rischio la previsione di  mantenere il deficit al 3%  nel 2013. Nei primi tre mesi le uscite sono aumentate dell’1,3% mentre le entrate sono restate invariate. Il saldo primario (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo per 9.601 milioni di euro: -2,6% sul Pil.Il saldo corrente (risparmio) è stato nel primo trimestre  pari a -18.506 milioni di euro  mentre nel corrispondente trimestre 2012 era stato -16.819 milioni. L’incidenza sul Pil  è di -5,0%. Con questi “chiari di luna” pensare  alla soppressione dell’ Imu e alla rinuncia dell’ aumento di un punto dell’Iva appare una pia illusione. Intanto nel primo trimestre  è aumentata la pressione fiscale, salita al 39,2%, un dato che conferma l’implemento del + 0,6% rispetto al primo trimestre 2012. Come si evince si chicchera tanto ma la sostanza è che gli italiani continuano ad essere oppressi e (ri) oppressi fiscalmente. Il magna magna continua ad ingurgitare lacrime e sangue dai ceti meno abbienti e ad alimentare la depressione dei consumi. Prima le tasse poi il mangiare, se rimane qualcosa.

Giuseppe Vezzoni-addì 4.7.2013

Modifica legge elettorale in coda alla riforma costituzionalemare e fiume 012

Se per il presidente del Senato  Piero Grasso la legge elettorale bisognerebbe farla subito attraverso la via ordinaria, il via libera al Comitato dei saggi è stato invece vincolato  al fatto che la riforma della legge elettorale  sarà affrontata solo al termine del percorso  delle riforme, dopo che sarà stata decisa la nuova forma di governo. Pertanto  si procederà con la normativa che prevede la  legge di revisione costituzionale. Un passaggio molto più complesso e che implica la doppia lettura nei due rami del Parlamento e  la necessità  di una maggioranza assoluta per l’approvazione. Appaiono pertanto fumose le dichiarazioni, fra le quali anche quelle della Finocchiaro,  con le quali da un lato si  conferma  che la riforma del Porcellum va in coda alla riforma costituzionale di un  sistema politico che potrebbe  trasformarsi in presidenziale o semipresidenziale  e dall’altro  si indora la pillola ventilando la possibilità che nulla impedisce alle forze politiche di riformare il Porcellum per via ordinaria.  Un modo di fare  davvero molto furbacchione a cui si sta tenendo mano. Per questo il presidente del Senato Piero Grasso ha intuito che i partiti del Pdl e del Pd mal si staccheranno dal porcellum e faranno di tutto per non perderlo. Intanto  la riforma della legge elettorale è stata posta in coda alle priorità  che saranno affrontate durante i 18 mesi che si è dato il Governo Letta prima di tirare le somme. Bisognerà  inoltre attendere la decisione della Consulta, che a settembre si pronuncerà sulla costituzionalità del porcellum. Se la Corte Costituzionale riconoscerà l’incostituzionalità della legge, a quel punto non si potrà tornare a votare con questo strumento porcata per non delegittimare l’elezione del Parlamento. Ma se la Consulta riconoscerà l’incostituzionalità della legge elettorale, l’attuale Parlamento non sarebbe politicamente e democraticamente delegittimato e soprattutto il  tentativo in corso di revisionare la Costituzione?  La delegittimazione inizia solo dopo l’eventuale pronuncia della Consulta o automaticamente dovrebbe avere anche una conseguenza retroattiva? Se la legge elettorale è incostituzionale, è incostituzionale tutto ciò essa ha determinato, ossia questo Parlamento, il Governo e l’elezione del presidente della Repubblica. Noi la pensiamo  così! O siamo nel solco della democrazia o non ci siamo.

Acquisto F. 35

Se il Parlamento non può  porre veti al Governo, il Governo può andare in deroga a ciò che hanno stabilito le forze politiche che lo sorreggono? A questo punto il Governo può acquistare gli F35 senza il parere della maggioranza del Parlamento ma poi coerentemente  dovrebbe dimettersi o essere sfiduciato. Ma noi crediamo che anche in questo caso, come per la modifica della legge elettorale e il Dl sul taglio delle provincie, la mozione sul programma dell’ammodernamento delle forze  armate con cui è stato proibito al Governo l’acquisto degli F.35 senza la preventiva autorizzazione del Parlamento, sia stata il solito fumo negli occhi che il mellifluo agire della politica italiana e soprattutto del Pd sparge per confondere l’opinione pubblica. Sono situazioni inammissibili ma tutto è fagocitato nell’ammissibile   tutto italiano. Pensiamo al taglio delle province  attraverso un decreto legge: è credibile  che nessuno sapesse che era incostituzionale  o  che sussistevano riserve di costituzionalità per quel provvedimento del nulla assunto con un Dl dal Governo Tecnico  (sic!)  ma anche del Pdl, del Pd e del Terzo Polo. Siamo inoltre  certi che  ciò che si appresta a fare il Governo Letta,  di nuovo il taglio delle provincie con una legge  stavolta di revisione costituzionale (quindi campa cavallo che l’erba cresce),  sia costituzionale se nella forbice lenta e poco arrotata ci saranno unicamente le provincie? Lo scopriremo tra due o tre anni, se ci siamo ancora come italiani!

Giuseppe Vezzoni-addì 4.7.2013

Parco delle Apuane non fortemente voluto, piuttosto imposto

Alpi Apuane– Ho letto con interesse l’intervento del consigliere nazionale, della conosciuta Associazione Ambientalista Italia Nostra, Sig.ra Franca Leverotti. Intervento completamente dedicato al tema: Attività Estrattiva nel Parco delle Apuane. Non ho nessuna intenzione di dibattere sui numerosi passaggi della Leverotti, sulle sue certezze né sulle sue verità, ma su quanto dichiara in conclusione del suo intervento che recita: – Non è da escludere infine che la stessa popolazione, che ha fortemente voluto il Parco, ne chieda l’abolizione … – Credo che ciò non avverrà, perché sono convinto che per popolazione, la consigliera, sottintenda quella che vive nel Parco. Allora mi permetto di ricordare alla Sig.ra Leverotti, che le comunità locali tutte non volevano il Parco. Solo su richiesta e per l’ingerenza di popoli alloctoni ( quasi il 100% delle firme furono raccolte nelle province di Firenze, Arezzo e Pistoia) si istituì il burocratico carrozzone, oggi palese bersaglio delle Sue critiche.

Alvaro Avenante-addì 4.7.2013

Cinema, “Letta si rimangia l’unico strumento di sostegno”

 

Chiurli, “Tax Credit non rinnovato, mozione in Aula”

 

Toscana- “Il Governo Letta fa marcia indietro sull’unico strumento di sostegno al cinema italiano, nonostante i roboanti proclami sull’importanza della cultura”. Così il consigliere regionale Gabriele Chiurli (Gruppo Misto) commenta la decisione di non rinnovare il Tax Credit, meccanismo che ha consentito negli ultimi tre anni di ottenere un credito di imposta a coloro che investivano nell’industria cinematografica italiana.

Niente tagli alla cultura, aveva promesso il premier, pena le dimissioni dello stesso Presidente del Consiglio dei ministri – continua Chiurli – e invece uno dei pochi strumenti di aiuto al settore viene stralciato nell’indifferenza generale”.

“A questo clima di indifferenza aggiungo anche quello del Consiglio regionale della Toscana – sottolinea il consigliere – presso il quale avevo da tempo presentato una mozione che impegnasse la Giunta a sollecitare il rinnovo del Tax Credit. La mozione, però, è stata accantonata per questioni puramente politiche. Per paura di aiutare le grandi case produttrici, si lasciano morire i piccoli e i medi imprenditori nel settore cinematografico”.

La misura, avviata in maniera sperimentale con la finanziaria 2008 e valida solo fino a dicembre 2013, prevedeva la possibilità di compensare debiti fiscali (IRES, IRAP, IRPEF, IVA, contributi previdenziali e assicurativi) con un credito maturato a seguito di investimento in progetti cinematografici.

 “Si tratta di uno strumento doppiamente utile – aggiunge Chiurli – in quanto da un lato fornisce un aiuto ad un settore, quello del cinema, perennemente in crisi, garantendo al tempo stesso la qualità dei prodotti nazionali. Dall’altro lato offre ai piccoli e medi imprenditori la possibilità di pubblicizzare il proprio brand attraverso i film ‘sponsorizzati’, riducendo i costi dell’operazione, anche in termini di rischio di investimento”.

“A pagare i danni del mancato rinnovo – spiega Chiurli – non saranno i blockbuster ma piuttosto i film d’autore e quelli di nicchia”. La mozione per il rinnovo del Tax Credit è iscritta all’ordine del giorno del Consiglio regionale.

Firenze, 4 luglio 2013

Comunicato stampa Ufficio Stampa Francesca Puliti per il consigliere regionale Gabriele Chiurli (Gruppo Misto)

 

Bilancio e prospettive delle iniziative per l’anniversario dei cinquecento anni della costituzione della Versilia Medicea

www.consiglio.regione.toscana.it_mixed_stampa_comunicato

Entrano nel vivo le celebrazioni per i 500 anni del Lodo di Papa Leone X, la sentenza arbitrale di Giovanni de’ Medici, figlio di Lorenzo il Magnifico, che il 29 settembre 1513 sancì il passaggio di Pietrasanta e del suo circondario dalla giurisdizione lucchese a quella fiorentina. Un atto che cambiò le sorti della Versilia, ne modellò la storia, la cultura, l’economia, persino il paesaggio, connotandola come oggi la conosciamo, ricca di competenze manifatturiere ed artistiche legate al marmo, amata e frequentata da scultori di fama internazionale, terra indissolubilmente legata all’ideale rinascimentale e alle glorie di Michelangelo Buonarroti.Lodo2 (1)

I comuni di Pietrasanta, Forte dei Marmi, Seravezza e Stazzema hanno voluto dare alla ricorrenza il significato di una vera festa dell’identità territoriale, sottolineando i valori di specificità, di unità e di originalità della Versilia, per molti oggi sinonimo soprattutto di spiagge e di vacanze, ma ancora tutta da scoprire nella sua vera e composita ricchezza.

Le celebrazioni interessano l’intero anno 2013 e sono affidate alla regia di un comitato che in questi primi mesi di lavoro ha potuto contare sul fortissimo interesse che il mondo associativo, gli enti e le aziende della Versilia hanno riservato alla ricorrenza. Tra gli eventi già passati in archivio (quattordici, con una copiosa affluenza di pubblico) si segnala il convegno di apertura delle celebrazioni che ha visto la partecipazione di S.E. monsignor Sergio Pagano, prefetto dell’Archivio Segreto Vaticano, la presentazione di un prezioso volume dedicato al campanile del Duomo di Pietrasanta e la pubblicazione del testo integrale del Lodo di Papa Leone X, trascritto, tradotto e criticamente annotato da Luigi Santini.

Da luglio il programma delle celebrazioni entra nella sua fase più intensa con ben 27 eventi già in calendario ed altri ancora allo studio o in fase di messa a punto. Una proposta ricca e variegata, che interessa pressoché tutto il territorio della Versilia Storica, dal mare alla montagna, con convegni, conferenze, mostre d’arte, progetti didattici, rievocazioni storiche, escursioni, spettacoli musicali, produzione e presentazione di libri e audiovisivi. Un cartellone realizzato pensando non solo ai cultori di cose storiche, ai frequentatori abituali di dibattiti e convegni scientifici, ma a tutti i versiliesi e ai tanti ospiti e amici di questa terra, interessati a conoscerla meglio, a riscoprirla nei suoi aspetti inediti o meno conosciuti.

Tra gli appuntamenti più attesi si segnalano:

Michelangelo a Forte dei Marmi (due disegni preparatori di Michelangelo relativi alla facciata della basilica di San Lorenzo eccezionalmente esposti al Fortino di Forte dei Marmi – dal 13 luglio);

Processo a Leone X (dibattimento pubblico a cura del Tribunale “Rosario Poma” nell’ambito delle Manifestazioni Ferrucciane a Gavinana – 2 agosto);

Identità Competitive (riflessione sul valore della cultura, delle radici storiche e del paesaggio come fattori di progresso – 9 agosto);

Gli ultimi angeli (documentario sui cavatori di marmo del Monte Altissimo, eredi degli insegnamenti di Michelangelo – presentazione nel mese di settembre);

Serata speciale Pietrasanta in Concerto (omaggio musicale del maestro Michael Guttman ai cinquecento anni della Versilia – 6 settembre);

Papa Leone X e l’usura: i mercanti banchieri in età medicea (convegno dedicato al ruolo delle piazze finanziarie toscane nell’Europa del 1500 – 21 settembre); il doppio appuntamento su Carlo Maria Mazzoni e la sua straordinaria rappresentazione cartografica della Versilia Storica (28 settembre e 26 ottobre); Imago Versiliae (convegno e mostra sulla Versilia mediceo-lorenese – 11 e 12 ottobre);

La consegna delle chiavi (rievocazione storica del passaggio di consegne tra lucchesi e fiorentini a Pietrasanta – 13 ottobre);

L’impiego dei marmi della Versilia Medicea nella città di Firenze e in Toscana attraverso i secoli (mostra documentaria – dal 9 novembre);

Da Niccolò V a Leone X. Il Rinascimento nelle terre dei marmi (convegno – 14 dicembre).

Senza dimenticare naturalmente le iniziative che si terranno il 29 settembre 2013, a cinquecento anni esatti dalla promulgazione del Lodo con, tra l’altro, la stampa di una cartolina, l’emissione di uno speciale annullo filatelico e la presentazione di una preziosa medaglia celebrativa. Altre iniziative in programma nel corso dell’anno: un progetto didattico per le scuole, una pubblicazione che documenti l’intero programma delle celebrazioni, una serata di gala di chiusura nel mese di dicembre.

Il programma delle celebrazioni per i 500 anni del Lodo di Papa Leone X gode del sostegno dei quattro comuni promotori e di quattro main partner: Banca Versilia Lunigiana e Garfagnana, Fonderia d’Arte Massimo Del Chiaro, Fratelli Verona e Fondazione Vittorio Veneto Forte dei Marmi. Regione Toscana e Provincia di Lucca offrono il loro patrocinio. Numerosi collaboratori prestano la loro opera a titolo gratuito adoperandosi per la promozione e la buona riuscita degli eventi.

Versilia 3 luglio 2013

Comitato promotore per le celebrazioni del 500° anniversario del lodo di Papa Leone x- Segreteria Organizzativa – lodoleonedecimo.presidenza@gmail.com

Comunicato Ufficio Stampa – Stefano Roni – 335 7720573 – ronis@tiscali.it

NB: Domani pubblicheremo il calendario delle iniziative.

Mostra La commedia nell’arte. Maccari. Inediti e rari. 1920-1978

Sabato presentazione e vernissage al Mediceo di Seravezza ( 6 luglio -8 settembre )

Seravezza– Si svolgerà sabato 6 luglio alle ore 12, nella sala caminetto del Palazzo Mediceo a Seravezza  la conferenza stampa di presentazione della mostra La commedia nell’arte. Maccari. Inediti e rari. 1920-1978 aperta nel Palazzo Mediceo dal 6 luglio – vernissage ore 18 –  all’ 8 settembre 2013. Interverranno: Ettore Neri, sindaco del Comune di Seravezza – Franco Carli direttore della Fondazione Terre Medicee- i curatori  Piero Pananti, Nemo Galleni e Giuseppe Nicoletti. Seguirà l’anteprima della mostra. I colleghi sono invitati

Fabrizio Lucarini 3407612178-Chiara Mercatanti 3479778005-e-mail: press@ilogo.it

Comunicato  Ufficio Stampa ILogo per Fondazione Terre Medicee di Seravezza-addì 3.7.2013 

Serata di festa domenica  alla Croce Bianca di Querceta

Alla cortese attenzione dei redattori con preghiera di diffusione entro la giornata di sabato.

Querceta di Seravezza –  Domenica 7 luglio si terrà una serata di festa alla Croce Bianca per celebrare il primo anno di attività della Casa della Salute. Festa voluta dai volontari  e dai dirigenti dell’associazione, tutti impegnati nell’organizzazione del gioioso appuntamento. Festa popolare, si può senz’altro definire, allietata da musica, risate, canzoni, attualità. Il programma prevede la presentazione di alcuni sketch da parte di Lora Santini e Antonio Meccheri, autentici campioni del teatro dialettale, l’esibizione canora di Caterina Ferri e quella di  esuberanti  cantanti di musica rap noti fra i giovani con i nomi d’arte Effe, Bmc e Smil. Un interessante siparietto sarà dedicato al calciatore locale Giulio Donati, difensore della Nazionale under 21, da pochi giorni  ingaggiato dal Bayer Leverkusen. Giovanni Lorenzini de La Nazione e
Roy Lepore de Il Tirreno nel tracciarne il profilo tecnico e sportivo cercheranno di individuarne futuro e speranze. Il programma si  svilupperà con altri “numeri” a sorpresa. A proposito di…numeri ci saranno anche quelli di un’interessante lotteria per l’assegnazione di un quadro donato dal pittore versiliese Gian Paolo Giovannetti. La conduzione dello spettacolo è stata affidata a Claudio Sottili, un professionista impegnato in spettacoli e conduzioni di primo livello (vedi la Versiliana), che ha accolto con autentico entusiasmo l’invito a presentare un nuovo spettacolo a Querceta, paese  dove, per tantissimi anni, è stato il mattatore del Festival delle Contrade e del Palio dei Micci. Lo spettacolo si svolgerà nella piazza interna della nuova sede della Croce Bianca, spazio che l’associazione metterà a disposizione per altre manifestazioni nel corso dell’estate.

Comunicato  di Roberto Roni, presidente della Croce Bianca di Querceta-addì 4.7.2013

Concessioni cimiteriali perpetue: il ricorso non è stata ancora assegnato

Stazzema-  Lunedì è stato scritto al Consiglio di Stato per avere informazioni sul ricorso straordinario pendente che ha per oggetto la legittimità o meno  del provvedimento amministrativo sul rinnovo oneroso  delle concessioni cimiteriali perpetue ante il 1975. E’ stato risposto che il ricorso è in attesa di essere assegnato ad adunanza. Sono trascorsi  due anni da quando il Comitato Civico è riuscito a fare trasmettere il ricorso, depositato nel settembre 2008 presso l’Ufficio Protocollo del Comune di Stazzema, alla sede straordinaria del Consiglio di Stato. La questione del rinnovo oneroso delle concessioni cimiteriali perpetue è iniziata nel febbraio 2007 e ancora non è stata ancora scritta la parola fine.

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi-addì 4.7.2013

 

Mostra Il Leone e i suoi simboliDSCN7253

A Querceta la seconda tappa della mostra itinerante di scultura che celebra i cinquecento anni della Versilia Medicea


Querceta di Seravezza-
Aperta da ieri nella sala conferenze “Giuseppe Bambini” della Casa della Salute di Querceta la mostra “Il Leone e i suoi simboli” a cura di Erica Cavalli e Lodovico Gierut. Si tratta della seconda tappa – dopo Valdicastello Carducci – del percorso che porterà la mostra nei quattro comuni della Versilia Storica per riunire in un ideale abbraccio tutto il territorio che fu oggetto del Lodo di Papa Leone X nel 1513. La mostra si potrà visitare a Querceta fino al 18 luglio, dopodiché si sposterà al Palazzo della Cultura di Cardoso (dal 20 luglio al 18 agosto) per approdare infine a Villa Bertelli di Forte dei Marmi. Al taglio del nastro a Querceta erano presenti l’assessore alla cultura del comune di Seravezza Riccardo Biagi, il presidente della Croce Bianca Roberto Roni, il presidente del Comitato delle celebrazioni per i 500 anni del Lodo di Papa Leone X Riccardo Tarabella e il critico d’arte Lodovico Gierut.


“Il Leone e i suoi simboli” è un’originale e stimolante collettiva di respiro internazionale che prende spunto dal Marzocco, l’animale-totem del potere popolare nella Repubblica fiorentina. Il leone – che è anche l’emblema delle celebrazioni per i cinquecento anni del passaggio della Versilia Storica dal dominio lucchese a quello mediceo – diventa così motivo ispiratore di una ricerca estetica dedicata al territorio e alle circostanze storiche che ne hanno determinato l’evoluzione. I curatori hanno coinvolto nel progetto quattordici artisti di varie nazionalità che vivono o lavorano stabilmente in Versilia e che con questa terra hanno quindi un intenso rapporto di emozione e di esperienza. Espongono le loro opere: Alberto Bongini, Giancarlo Cannas, Erica Cavalli, Massimo Facheris, Majd Patou Fathallah, Paolo Grigò, Renzo Maggi, Giorgio Mariani, Vaja Mikaberidze (in arte Prasto), Mara Moschini, Szymon Oltarzewski, Alfredo Sasso, Marcello Scarselli, Gabriele Vicari.

Il critico d’arte Lodovico Gierut presenta la mostra scrivendo fra l’altro che “ne Il Leone e i suoi simboli gli scultori evidenziano sia l’internazionalità del territorio sia una lettura diversificata e personale dell’argomento connesso all’anniversario del Lodo di Papa Leone X. Usando i materiali più disparati come il marmo, il bronzo, la terracotta, la ceramica, il legno, la resina, il ferro e altro, essi mettono in rilievo attraverso il simbolo del “Leone” (con la “L” maiuscola) vari tratti storici in cui scorrono indiscusse vene fantasiose ed interpretative, figurali e non”.

Le immagini delle opere esposte, la biografia degli autori e la documentazione dell’evento saranno raccolti in un DVD che verrà distribuito con finalità benefiche.

Foto allegata: inaugurazione della mostra presso la Casa della Salute di Querceta. Da sinistra: Riccardo Biagi (assessore alla cultura del comune di Seravezza), Roberto Roni (presidente della Croce Bianca), Riccardo Tarabella (presidente del Comitato celebrazioni 500 anni Lodo Leone X), Lodovico Gierut (curatore della mostra)
Versilia, 4 luglio 2013
Comitato Promotore per le Celebrazioni del 500° Anniversario del Lodo di Papa Leone X

Stefano Roni Ufficio Stampa – Mobile: +39 335 7720573- Telefax: +39 0584 769350
Email: ronis@tiscali.it- Skype: stefanoroni

www.versiliamedicea.it

Comunicato stampa inviato da Stefano Roni- addì 4.7.2013

 Mostra “ Gaber al Piccolo” sabato nella Villa La Versilianaimage003

Pietrasanta- Nell’ambito delle manifestazioni del Festival Gaber, sabato 6 luglio alle ore 18 a Marina di Pietrasanta, presso la villa La Versiliana, inaugurazione della mostra fotografica Gaber al Piccolo. Una lunga serie di pannelli raffigurano primi piani e immagini di scena, opera del mitico fotografo di Strehler, Luigi Ciminaghi, documentano le storiche rappresentazioni di Giorgio Gaber sul famoso palcoscenico di via Rovello e del teatro Lirico. Il taglio del nastro, alla presenza delle autorità è affidato a Paolo Villaggio e Ombretta Colli.

Info: Fondazione La Versiliana tel. 0584 265777; mob +39 349.8613496 ; ufficio.stampa@laversilianafestival.it

Comunicato Fondazione La Versiliana-addì 4.7.2013

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...