Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi 1031 del 14, 15 e 16 giugno 2013

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi  1031 del 14,15 e 16 giugno  2013

I corrotti sono in mezzo a noi ma non sono con noi

1031

  1. SONO LE ORE 18,35 DEL 17.06.2013,  FRA DUE ORE E MEZZO CI SARA IL CONSIGLIO DOVE IL SINDACO, SPERIAMO, SPIEGHERA’  I MOTIVI PER CUI, ORMAI DA MESI, HA REVOCATO LE DELEGHE ALL’ORMAI EX ASSESSORE MATTEI, E SUL SITO UFFICIALE DEL COMUNE  IL MATTEI E’ ANCORA FRA GLI ASSESSORI.  E’ UN COMUNE SPECIALE, VERAMENTE.
  2. Il Consigliere Comunale, orgogliosamente all’opposizione – Baldino Stagi
  3. P.S. incollo sotto la composizione della giunta copiata dal sito or ora.
  4. —————————————————————————————————————————————————————-
  5. Maurizio Verona

    Ruolo e competenze:  Attività estrattive – Urbanistica – Bilancio e finanze – Personale
    Fax: 0584.777259
    Lista appartenenza:  Impegno per Stazzema Michele Silicani Sindaco
  6. foto di Amerigo Guidi
    Amerigo Guidi

    Ruolo e competenze:  Politiche per lo sviluppo delle energie rinnovabili – Sviluppo del prodotto tipico locale – Sviluppo delle politiche forestali – Turismo
    Fax: 0584.777259
    Lista appartenenza:  Impegno per Stazzema Michele Silicani Sindaco
  7. foto di Danilo Maggi
    Danilo Maggi

    Ruolo e competenze:  Lavori pubblici – Coordinamento progetti speciali
    Fax: 0584.777259
    Lista appartenenza:  Impegno per Stazzema Michele Silicani Sindaco
  8. foto di Patrizio Mattei
    Patrizio Mattei

    Ruolo e competenze:  Politiche per lo sviluppo delle attività e delle strutture sportive – Polizia municipale e sicurezza – Bonifica montana
    Dove riceve:  nella sede municipale
    Quando riceve:  il giovedì pomeriggio orario 15.00-17.00
    Telefono: 389.5515262
    Lista appartenenza:  Impegno per Stazzema Michele Silicani Sindaco
  9. foto di Egidio Pelagatti
    Egidio Pelagatti

    Ruolo e competenze:  Protezione civile – Politiche del sociale – Pubblica istruzione – Manutenzione patrimonio comunale
    Dove riceve:  nella sede municipale
    Quando riceve:  il lunedì e il venerdì orario 11.00-13.00. Il mercoledì mattina su appuntamento.  

    Telefono: 346.0792760
    Fax: 0584.777259
    Lista appartenenza:  Impegno per Stazzema Michele Silicani Sindaco
    E-mal inviata da Baldino Stagi- 17.6.2013-ore 18,30

Domani sera in consiglio comunale discussione revoca  deleghe all’assessore  Patrizio Mattei

Stazzema– Domani sera, alle 21, si riunirà il Consiglio Comunale di Stazzema per discutere ed approvare un ordine del giorno che fra i suoi punti presenta la discussione della revoca delle deleghe  all’assessore Patrizio Mattei e la mozione a favore del ferroviere  licenziato Riccardo Antonini dopo che il giudice del lavoro  gli ha respinto alcuni giorni fa il ricorso finalizzato alla reintegrazione del posto di lavoro. Noi non  presenzieremo, ma  sul caso Mattei ci auguriamo che la verità venga fuori senza aggiustamenti. Le dichiarazioni riportate dalla stampa lo esigono.

Giuseppe Vezzoni-addì 16.6.2013

Unità collabenti

I poveri contribuenti non sono stati malconsigliati solo dai tecnici ma anche dagli amministratori, credo che molti ricorderanno di essere stati esortati da sindaco e assessori ad accatastare le macerie sparse in luoghi indicibili perché “non si sa mai”.
Baldino Stagi-addì 15.6.2013

141° Anniversario delle battaglie di San Martino e Solferino1 Patrie Battaglie edizione 2013 16 giugno

Pietrasanta- Domani mattina in Pietrasanta si commemorano  le patrie battaglie di San Martino e Solferino in memoria dei volontari pietrasantesi che dettero la loro vita per gli ideali risorgimentali che volevano l’Italia unita e libera da ogni giogo straniero.

Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi-addì 15.6.2013

Passo Croce 14.6.2013 010

A Passo Croce, nello stordimento azzurro del maremonti versiliese,  il colloquio è con l’animaPasso Croce 14.6.2013 001

 

Pensavamo di aver tolto l’ascesa a Passo Croce dal nostro cuore ma soprattutto dal nostro cervello di neononni. Sessantaquattro primavere da portare lassù, su quella terrazza naturale da cui la vertigine della bellezza ti stordisce con quel maremonti azzurro che fa della Versilia una terra baciata da Dio.Passo Croce 14.6.2013 004

Meno che mai avremmo pensato che ci saremmo ritornati ieri, prima giornata vera portata dall’anticiclone delle Azzorre affacciatosi quest’anno in ritardo sul Mediterraneo.

Ieri mattina ci faceva fatica anche infilarci i calzoncini, figurarsi se potevamo immaginare che avremmo pedalato per 17 km di salita fino a conquistare Passo Croce .

Insomma, siamo partiti da Mulina senza sapere dove andare ma soprattutto senza alcuna voglia di pedalare. Chi va in bicicletta sa quanto siano frequenti queste sensazioni e quanto l’amato mezzo divenga antipatico e indisponente se dentro di noi manca la spinta ad inforcare la bici.

Proprio in queste situazioni psicofisiche avviene spesso e volentieri il miracolo che ad un tratto ti fa risentire la gamba e la voglia che non avevi.Passo Croce 14.6.2013 013

È stato così anche ieri. Al bivio di Iacco, invece di continuare direzione mare, abbiamo imboccato la provinciale per Arni con l’unico pensiero di fare una passeggiata in salita per  2 km  e poi scendere a Pontestazzemese da La Risvolta per andare da qualche parte, ma senza faticare troppo.

Giunti a La Risvolta, pensando ai buchi e all’asfalto sconnesso che avremmo trovato scendendo Via Monte Grappa che riporta sulla provinciale di Marina in località Fornetto di Pontestazzemese, abbiamo optato di continuare a pedalare sul bell’asfalto che contraddistingue la provinciale d’Arni fino al bivio di Retignano.  A quel punto avremmo deciso se salire al paese, passare dal Campo Sportivo Comunale e percorrere la comunale direzione Acqua Filante e poi rientrare sulla via di Arni,  a 500 metri a valle del Ponte di Pellerano, sotto Levigliani, discenderla fino a Iacco e tornare a casa.

Questa era la nostra massima disponibilità  di pedalare ieri mattina. Invece, giunti al bivio per Retignano, abbiamo tirato di lungo perché quel chilometro del 10-12%  di pendenza che dalle prime case del paese porta  alla chiesa e al campo sportivo non l’avevamo  proprio per nulla in buzzo di fare. Meglio pedalare lungo la gradevole salita per Arni. Quel 6-7% di pendenza  era fin troppo.

Proprio in quei rettifili noiosi  che portano al Ponte di Pellerano abbiamo avvertito che alla  pedalata più scioltasi era unita una voglia di faticare.

Un ciclista ci supera e dopo un breve tentennamento abbiamo deciso di metterci alla sua ruota e di salire al suo ritmo: 12-13 km di velocità.

Fino al bivio di Levigliani abbiamo pensato che quel ritmo non l’avremmo potuto sostenere a lungo, ma  al bivio di Terrinca gambe e voglia  hanno portato la frequenza delle pedalate ad una velocità di 17km. Ci siamo lasciati indietro l’occasionale compagno e 2 km più avanti abbiamo imboccato la Via per Pian di Lago e Passo Croce.

Qui l’euforia è subito passata, la velocità è scesa tra i 7  e gli 8 km. Salita vera,ma voglia e gambe c’erano. Al diavolo l’età. Non la sentiamo quando andiamo su per il nostro passo, senza  repentini aumenti di ritmo  ma facendo attenzione a dosare  lo sforzo  senza  mai andare in difficoltà fino a piantarti, col cuore che ti schizza in gola.

Per salire a Passo Croce, oltre all’allenamento occorre contrastare psicologicamente quei rettifili lungo cui non hai un attimo  per rifiatare perché ti smontano la volontà di andare  avanti. Al primo tornante e  al terzo, quello in località Le Lame, non si arriva mai. Bisogna guardare l’asfalto e mai davanti. I primi 3 km di salita sono i più duri, poi cambia il paesaggio e  si presentano allo sguardo i primi scorci sul mare, mentre il cielo inizia ad avere slarghi  sempre più grandi, non più impedito dalle fronde degli alberi.

La veduta del mare e quella luce sempre più viva aiutano molto ad andare su. Passato Pian di Lago, la salita si fa sentire nelle gambe, ma a quel  punto è il cuore che spinge per superare gli ultimi 2 km  di un’ascesa  che pare senza fine. Quando si vede la marginetta di Passo Croce  non pensiamo di avercela fatta. E’ il momento di stringere i denti: lungo quei 700-800 metri la  volontà e l’euforia ti lasciano. O vai a piedi o trovi la determinazione per non scendere dalla bici.Passo Croce 14.6.2013 023

La marginetta è davanti a te:  ingannevolmente vicina quanto beffardamente lontana per raggiungerla. Se gli ultimi cento metri li fai a piedi , perdi molto di quello che ti sei conquistato: la bellezza della Versilia, la conoscenza  della tua capacità di non mollare.

Noi ieri siamo tornati lassù a immergerci nel silenzio di questo lavacro che è Passo Croce, un luogo  che  regala  sensazioni purissime e vedute maestose. Anche un luogo di gratitudine estrema e di silenzio che inducono alla preghiera. Salire in bici al santuario del creato di Passo Croce è una sorta di pellegrinaggio, un voto da esaudire. Ad un certo punto la fatica inizia a rigenerarti, a purificarti. Non sali se non riesci ad abbandonare le scorie che abbiamo in abbondante scorta. Passo Croce 14.6.2013 028Ad un certo punto avverti una leggerezza interiore, una purezza che scindono da te la materialità del corpo. Senti che sei anima libera e felice e comprendi a fondo la frase di Charles Peguy, “io non sono lontano sono solo dall’altro lato del cammino”, che si legge su un marmo nella marginetta di  Passo Croce.

Giuseppe Vezzoni-addì 15.6.2013

Iva e Imu: le promesse dell’ultima campagna elettorale non saranno mantenute?

 

Impedire l’aumento dell’Iva e l’eliminazione dell’Imu sono stati i cavalli dell’ultima campagna elettorale. Chi li ha cavalcati ventre a terra come il Pdl e chi, al solito, li ha cavalcati ora  al galoppo ora al trotto come il Pd, dando l’impressione di non voler arrivare ad una decisione. Come abbiamo scritto ieri, questo Governo  non vuole prendere il toro per le corna come andrebbe invece agguantato. La giustificazione è che occorre conoscere il sistema prima di affrontare la riduzione della spesa, un processo al quale servirebbe un anno e mezzo di tempo. Ma questi signori che sono da una vita dentro le istituzioni e i partiti possibile che non conoscano il sistema, la macchina che ha permesso alla politica  di avere risorse su risorse nonostante queste  ultime  si facessero mancare addirittura alle imprese che  avevano realizzato opere pubbliche? Questi signori che aprono la bocca in campagna elettorale conoscono benissimo il sistema, e il mangia mangia che tramite esso si rifocilla. Un anno e mezzo per capire fa pensare  invece ad un anno e mezzo per prendere tempo, così come ha fatto l’Esecutivo Monti (ma anche del Pdl e del Pd), al quale è bastato  un lampo per colpire le fasce più indifese della popolazione e poi prendere tempo, meglio perdere tempo, per lasciare il sistema praticamente intatto,compresa la legge elettorale. Dopo 13 mesi del Governo Tecnico ecco i 18 mesi che si è preso il Governo politico  del Pdl e Pd guidato dal presidente Letta per fare le riforme, compresa  quella legge elettorale che ha perso la priorità perché adesso in agenda è spuntato il presidenzialismo o il semipresidenzialismo, con tutti i bilanciamenti di garanzia che tale modifica costituzionale comporta. Più che sudditi, i cittadini  italiani sono presi per scemi. Intanto attendiamo il primo luglio per verificare se l’Iva passerà dal 21 al 22%.

Giuseppe Vezzoni-addì 14.3.2013

 

Evasione fiscale, “la Regione rivede le previsioni al ribasso”

 

Staccioli,Scende il recupero, mentre si investono milioni negli interventi di contrasto”

 

Toscana“Diminuisce il recupero dei tributi non riscossi, mentre la Regione continua a investire milioni nelle azioni dirette al contrasto dell’evasione fiscale. Non sempre sapendo con quale ritorno”. A rivelarlo è la consigliera regionale Marina Staccioli (Gruppo Misto), in seguito alla risposta ricevuta dall’assessore al Bilancio Vittorio Bugli, ad una interrogazione sottoscritta anche dai colleghi Giovanni Donzelli, Paolo Marcheschi (FdI) e Gabriele Chiurli (Gruppo Misto).

“Il gettito relativo al recupero dell’evasione fiscale dei tributi regionali – afferma Staccioli – è passato dagli 86 milioni di euro del 2008 ai 160 del 2010-2011 per tornare a quota 120 milioni nel 2012. Per l’anno in corso la previsione è analoga”.

 “Al di là del fisiologico calo causa crisi – continua Staccioli – la diminuzione è preoccupante quanto più la Regione stessa ha investito in azioni di contrasto all’evasione. Solo per citare alcuni degli interventi più consistenti, nel 2008 è stato avviato il progetto ELISA (ora denominato TOSCA) che avrebbe dovuto ‘mettere in rete’ 75 enti locali in una complessiva azione di accertamento e riscossione coattiva”.

 “Ebbene ad oggi – sottolinea la consigliera – non si conoscono ancora con precisione i risultati di questa gigantesca operazione, se non dal punto di vista dei ritardi e della complessità riscontrata. Complessità che ha portato alla revisione degli obiettivi iniziali del progetto: basti pensare che nel momento del lancio l’allora assessore Nencini parlava di un potenziale recupero pari a mezzo miliardo di euro”.

 “Un dato positivo però emerge: le segnalazioni qualificate su presunte evasioni da parte degli enti locali sono più che raddoppiate nel corso degli ultimi 5 anni. Peccato che nella maggior parte dei casi lo Stato – rimarca Staccioli – non dia seguito a queste segnalazioni”.

“Il budget complessivo stanziato nel bilancio regionale per le azioni di contrasto all’evasione ammonta a circa 1,4 milioni di euro solo per il 2013. Un investimento sicuramente utile – conclude Staccioli – a patto che venga effettuato un attento monitoraggio sui costi-benefici di queste operazioni. Altrimenti si rischia di regalare altri soldi a chi evade”.

 Firenze, 13 giugno 2013

Comunicato Ufficio Stampa Francesca Puliti per i consiglieri regionali Staccioli  e Chiurli  del Gruppo Misto e Donzelli e Marcheschi del Gruppo Fratelli d’Italia.

 

La RSU del Comune di Seravezza chiede la revoca di due deliberazioni della Giunta Comunale

NOTA 12641

 

Seravezza- Con una nota inviata alla stampa, alla Corte dei Conti e alla Procura della Repubblica,oltre al sindaco , all’assessore al personale e ai capigruppo consiliari ,  i rappresentanti della Rsu del Comune di Seravezza chiedono la revoca di due delibere della Giunta Comunale, la n. 24 e la n. 30, assunte rispettivamente il  4 marzo e il 27 marzo 2013, perché considerate illegittime perché non rispettose dei regolamenti vigenti.

La nota è pervenuta a Libera Cronaca da parte di un rappresentante della RSU del Comune di Seravezza  – addì 14.6.2013

Estav sud est, “il concorso puo’ attendere; per un anno”

 

Chiurli, “Procedure ferme per l’assunzione di 11 operatori sociosanitari, a causa di una lacuna normativa”

 

Toscana“Manca la norma e il concorso può attendere: procedure ferme da oltre un anno per l’assunzione di 11 operatori sociosanitari, da parte dell’Estav Sud Est. E nel frattempo le Asl di Arezzo e Siena restano sotto organico”. A far emergere la questione è il consigliere regionale Gabriele Chiurli (Gruppo Misto), in seguito alla risposta dell’assessore Marroni ad una interrogazione in merito.

 “Il bando di concorso per 11 posti di operatore sociosanitario è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 2 del 10 gennaio 2012 – spiega Chiurli – con scadenza prevista per il 9 febbraio dello stesso anno. In seguito – aggiunge – i termini sono stati prorogati fino ad aprile 2012, registrando oltre 4.500 candidature”.

 “Peccato che per nominare la commissione esaminatrice ci sia voluto un altro anno – afferma Chiurli – a causa di una lacuna normativa”. La normativa concorsuale, infatti, risale al 2001, anno in cui non era ancora stato istituito il profilo professionale di operatore sociosanitario. “Di qui i ritardi – dichiara il consigliere – che hanno portato alla nomina della commissione solo recentemente”.

  “Ad oggi – sottolinea – è in fase di predisposizione il calendario delle prove relative alla procedura. Possibile che nessuno si fosse accorto prima della carenza normativa? Nel frattempo le Asl di Arezzo e Siena non sanno più da dove attingere per le sostituzioni: la graduatoria dell’Asl di Grosseto, infatti, è stata esaurita nel corso degli anni. E a restare senza servizio (e senza lavoro) sono i cittadini toscani”.

Firenze, 14 giugno 2013

Comunicato Ufficio Stampa Francesca Puliti per il consigliere regionale Chiurli, Gruppo Misto-addì 14.6.2013

Via Slataper, “oltre 1 milione di euro per liberare la struttura”

 

Staccioli e Marcheschi, “Cordoglio per la morte di uno dei circa 190 occupanti. Ma la Regione deve agire sulla prevenzione”

 

Firenze- “Oltre un milione di euro tra risarcimento danni e progetto per l’integrazione delle 190 persone occupanti l’edificio di via Slataper, fino a poco tempo fa destinato a uffici della Regione”. Il conto, fatto dai consiglieri Paolo Marcheschi (FdI) e Marina Staccioli (Gruppo Misto) al termine della Commissione di Controllo dedicata alla questione, è però ben più salato.

“Proprio ieri – dichiara Marcheschi, Presidente della Commissione di Controllo – si è aggiunto un elemento drammatico alla vicenda di via Slataper: la morte di una persona. Credo onestamente che gli enti locali, e la stessa Regione, debbano rivedere con estrema urgenza la propria concezione di accoglienza. Non è un caso infatti, a mio avviso,  che in Toscana, ed in particolare a Firenze,  fenomeni di occupazione abusiva come questa del caso di via Slataper, siano più frequenti che altrove a livello nazionale”.

“Comune, Regione, Prefettura e Questura si rimpalleranno le responsabilità come al solito – dichiarano i consiglieri – ma purtroppo stavolta oltre i 700 mila euro di danni c’è stata anche una vittima che riporta l’attenzione sulle condizioni in sociali, umani e sanitari in cui vivono queste persone”. L’edificio, occupato a maggio 2011, ospita oggi quasi 200 persone di diverse etnie, “tutti profughi”, secondo quanto riferito oggi dall’assessore al Sociale Allocca, tra cui famiglie con minori. Per uscire dalla situazione di emergenza, già costata alla Regione circa 500mila euro per il pagamento di affitto e parte dei risarcimenti dovuti alla proprietà dell’immobile, l’assessorato ha finanziato un programma da 479mila euro, comprensivo di mediazione culturale, progetto di “autogestione” dei locali e ricerca di soluzioni abitative alternative. Il progetto dovrebbe concludersi a giugno 2014 con il rilascio dell’immobile da parte degli occupanti.

 “Non è accettabile che la Regione intervenga solo nel momento in cui la situazione diventa esplosiva – dichiara Staccioli – con la conseguente esplosione di costi sia sul piano sociale che economico. E’ necessario agire attraverso la prevenzione”.

 “Tollerare l’illegalità di occupazioni abusive, fenomeno ormai quotidiano che negli ultimi tempi ha subito un’escalation, andando a colpire anche privati e aziende – aggiunge Marcheschi – non risolve il problema e genera ingenti danni. Difficilmente risolvibili con un progetto come quello varato dalla Giunta per via Slataper”.

Firenze, 14 giugno 2013

Comunicato Ufficio Stampa Francesca Puliti per i consiglieri regionali Staccioli (Gruppo Misto) e Marcheschi ( Fratelli d’Italia)

 

Unità collabenti sono soggette all’Imu se lo strumento urbanistico vigente consente la ristrutturazioneArticolo Sole 24 ore 10 .6.2013

 

Sul Sole 24 ore di lunedì 10 giugno 2013 una chiarificazione in merito all’Imu per gli edifici inagibili denominati in termine  tecnico Unità Collabenti. Questi edifici, privi di rendita, sono soggetti all’imposizione Imu se lo strumento urbanistico vigente consente la ristrutturazione. Il pagamento è dovuto anche se non è in atto l’opera di ristrutturazione. Pertanto i proprietari di immobili inagibili che pensassero di non essere soggetti all’imposizione perché non è in atto nessun recupero edilizio sono in difetto e pertanto passibili di sanzioni.

Ovviamente questa delucidazione del consulente fiscale del Sole 24 ore apre la spinosa questione di quelle unità collabenti che sono state accatastate nonostante lo strumento urbanistico non ne consenta il recupero edilizio.  In questo caso i proprietari risultano becchi e bastonati, perché avrebbero accatastato, mal consigliati dai professionisti a cui si sono rivolti, un edificio inagibile che, stante lo strumento urbanistico vigente, non può essere recuperato, e  si sarebbero auto assoggettati all’Imu. A noi profani si apre però un interrogativo:  coloro che hanno accatastato un bene inagibile e non recuperabile devono lo stesso pagare l’Imu? L’ente pubblico può lasciare a questa tipologia di proprietari l’aggettivo becchi ma togliere quello di bastonati?

Giuseppe Vezzoni-addì 14.6.2013

 

La Capannina nell’Arte’, grande ritorno dell’aperitivo culturale a Forte dei MarmiIl fotografo Giacomo Mozzi

Vernissage domenica 16 giugno

La Capannina di Franceschi nella stagione estiva 2013 apre le porte al mondo dell’arte.

Forte dei Marmi- Dal 16 giugno al 15 settembre 2013, il locale di Forte dei Marmi si trasformerà in una galleria d’arte a cielo aperto, ospitando a rotazione artisti di fama nazionale ed internazionale. Lo storico ‘aperitivo’ che ha intrattenuto nel corso del Novecento artisti, scrittori, poeti e intellettuali (Montale, Repaci, Ungaretti, Levi e Pea, nobili quali Della Gherardesca, Rucellai, Spigliosi, Sforza, ma anche attori del livello di Totò etc..), torna in vita e si apre per tre mesi al mondo della cultura.

Dalle 19 fino alle 21 circa saranno esposti al pubblico mosaici, dipinti, sculture, ceramiche e fotografie, opere d’arte che regaleranno all’aperitivo de La Capannina quel valore aggiunto che la storia del locale e di Forte dei Marmi impone. Gli artisti che parteciperanno alla rassegna sono Choi Yoon Sook (scultrice), Giacomo Mozzi (fotografo), Piero Giannoni (mosaicista), Sabrina Zappalà (pittrice), Ivo Poli (ceramista), Andrea Pucci (scultore) e Gabriele Libero Balderi (pittore/installatore).

Deliziosi cocktails, un ricco buffet, musica di sottofondo e opere d’arte di alto livello saranno gli elementi portanti di tanti pomeriggi indimenticabili. A Settembre il gran finale con la Satira Politica ed il Premio Torriani.

La rassegna è patrocinata dal Comune di Forte dei Marmi. Orario: dalle 19 alle 21. Aperture a Giugno: 16, 22, 23, 28, 29 30. A luglio tutti i mercoledì, venerdì, sabato e domenica; ad agosto tutti i giorni; a settembre il sabato.

Gli artisti

Piero Giannoni, mosaicista noto in tutto il mondo che opera da anni presso lo ‘Studio Poli’ di Pietrasanta, è noto in particolar modo per i ritratti che ha donato a personalità di spicco a livello nazionale, quali Giorgio Napolitano, Paolo Conte, Vittorio Sgarbi, Giorgio Armani, ma anche per opere di carattere religioso, paesaggistico e naturalistico che riesce a produrre grazie a preziosi e colorati tasselli di vetro, giunti direttamente dall’isola di Murano.

Prestigiosa anche la collaborazione con il ‘Marble Studio Stagetti di Pietrasanta’, che vedrà la partecipazione della sua punta di diamante Choi Yoon Sook, artista coreana vincitrice nel 2012 dell’ ‘Art in the city’, 1° Premio internazionale d’arte. Le sue opere sono presenti in collezioni private e pubbliche in Italia, Stati Uniti, Inghilterra, Russia e Corea, sculture che diventano umane, personaggi antropomorfi per lo più in travertino e onice. La figura umana, racchiusa in pochi tratti essenziali ma accurati, è fissata nello spazio in posizioni dinamiche, studiatissime, ma allo stesso tempo naturali e leggere.

Spazio anche alla pittura con un’artista molto nota: la versiliese Sabrina Zappalà, autrice di numerose decorazioni esterne sia a Pietrasanta che a Forte dei Marmi, ma anche di delicati paesaggi su tela e su tavola in cui rimane intatto il fascino delle tecniche tradizionali nelle loro molteplici sfumature.

Per quanto riguarda la fotografia, la rassegna vedrà la partecipazione di Giacomo Mozzi, professionista del settore, autore di importanti reportage, collaboratore a livello fotografico e video del critico d’arte e giornalista Lodovico Gierut. Recentemente Mozzi ha partecipato alla Biennale Internazionale di arte contemporanea di Brescia.

Parteciperanno anche ‘Le Ceramiche Poli’ nella figura di Ivo Poli, il cui operato è richiesto da artisti del calibro di Igor Mitoray, Mauro Corda, Novello Finotti, Romano Cosci, Maria Gamundi, Ernesto Treccani.

E ancora Andrea Pucci, giovane scultore viareggino, autore di divertenti costruzioni di cartapesta per il Carnevale di Viareggio, ma anche di sculture in vetroresina, pitture e ritratti; e infine Gabriele Libero Balderi, promettente pittore e poliedrico artista, collaboratore del Centro Arti Visive di Pietrasanta-Lucca. Balderi fa parte del gruppo ‘RiGenerazioni’ (inserito nei percorsi della Biennale di Venezia 2011). Al suo attivo la costruzione di numerose opere di cartapesta del Carnevale di Viareggio.

Ogni artista, oltre ad esporre le proprie opere, ne realizzerà una dedicata esclusivamente a La Capannina di Franceschi, che rimarrà in esposizione permanente all’interno del locale

Comunicato  inviato da Lodovico Gierut- addì 14.6.2013

 

“Panariello e basta”, lunedì 19 agosto una sorpresa fuori programma nel Teatro della Versilianaclip_image008[2]

 

Pietrasanta– Il fitto cartellone 2013 della Versiliana di Marina di Pietrasanta si arricchisce di un eccezionale fuori programma, un omaggio alla Versilia con uno dei suoi protagonisti più amati: Giorgio Panariello che lunedì 19 agosto calcherà il palcoscenico della Versiliana, nel cuore della sua terra in cui hanno avuto origine i suoi più esilaranti personaggi, le sue gag più divertenti. Ancora una volta Giorgio Panariello, mattatore del palcoscenico, istrionico e imprevedibile intratterrà il suo affezionato pubblico con irresistibili monologhi che racconteranno vizi e virtù del nostro tempo ispirandosi all’attualità e alla società contemporanea. Intanto il botteghino della Versiliana registra ad oggi un netto incremento delle vendite su tutti gli spettacoli, un andamento molto incoraggiante rispetto al 2012. Alla stessa data di oggi la Versiliana infatti ha venduto circa il 60% in più dei biglietti dell’anno scorso.

In attesa dell’apertura della biglietteria nel parco prevista il prossimo 29 giugno, i biglietti per gli spettacoli sono acquistabili presso la biglietteria del Teatro Comunale di Pietrasanta nell’orario di apertura del cinema e presso tutto il circuito ticketOne.

www.laversilianafestival.it

Comunicato Ufficio Stampa  La Versiliana- addì 14.6.2013

0584 265777 -789

 

Estate a Seravezza 2013dépliant fronteretro

Seravezza- Buonasera, informiamo che presso la sede dell’Ufficio informazioni Turistiche di Seravezza è disponibile il dépliant Estate a Seravezza 2013.
Anticipiamo gli eventi in allegato

Ufficio Informazioni Turistiche di Seravezza- addì 14.6.2013

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Libera Cronaca da Italia Bene Comune di pochi 1031 del 14, 15 e 16 giugno 2013

  1. Baldino Stagi ha detto:

    Unità collabenti. I poveri contribuenti non sono stati malconsigliati solo dai tecnici ma anche dagli amministratori, credo che molti ricorderanno di essere stati esortati da sindaco e assessori ad accatastare le macerie sparse in luoghi indicibili perché “non si sa mai”.
    Baldino Stagi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...