Libera Cronaca dalla Gola del Rondone del 7 e 8 marzo 2013

Libera Cronaca dalla Gola del Rondone del 7 e 8 marzo  2013

 

VERITA’ EQUITA’ TOLLERANZA DIALOGOMimosa DSCN3976

8 MARZO 2013 

AMAIAMO LE DONNE PER IMPARARE

AD AMARE NOI STESSI

Vespro di donna apuana

Quando esplode il cielo

sul mar trasfuso a sangue

e l’ombra  delle cerulee cime

si posa sull’arenile,

rinvengo spesso

a quei finir del giorno

quando il lavoro

lo scandiva il sole,

il credo della campana,

lo scocciorare dei laveggini

lungo la strada.

Sospirati rumori

il cui sentir amato

il cuore della sposa

subito avvertiva

quando il cavatore

dal monte  a lei veniva:

dolce l’attesa

col bimbo al murello della via.

Giuseppe Vezzoni-8 marzo 2013

La Libera Cronaca augura in questa giornata amore, lavoro, famiglia. 

IL PANE OGGI E’ LA MIMOSA DELLE DONNEPane fatto in casa 002

Bianca Capello e Maria Cristina di Lorena : Due personaggi femminili oggi pomeriggio al Palazzo mediceo di Seravezzalocandina_8-03-2013

Berlusconi condannato- Rinviati a processo l’ex ministro Mancino ed altri nove imputati 

Un anno di reclusione a Silvio Berlusconi; due anni e tra mesi a Paolo Berlusconi. La vicenda riguarda la intercettazione Fassino-Consorte,  nella fase della scalata a Bnl da parte di Unipol, pubblicata su Il Giornale quando l’intercettazione doveva restare coperta dal segreto istruttorio. Comunque sugli altri gradi di giudizio  pende la più che probabile prescrizione  che chiuderà la vicenda che vede  Berlusconi accusato del reato concorso in rivelazione di segreto di ufficio.

Il Gup di Palermo Pier Giorgio Morosini ha rinviato a giudizio i dieci imputati dell’udienza preliminare sulla trattativa Stato-mafia.  Sono rinviati a processo i mafiosi Totò Riina, Antonino Cinà, Leoluca Bagarella e Giovanni Brusca; il figlio dell’ex sindaco mafioso di Palermo, Massimo Ciancimino; gli ex ufficiali dell’Arma, Antonio Subranni, Mario Mori e Giuseppe De Donno; l’ex senatore del Pdl Marcello Dell’Utri e l’ex ministro Nicola Mancino, che è stato presidente anche   del Consiglio Superiore della Magistratura (CSM).

Libera Cronaca dalla Gola del Rondone-addì 7.3.2013

 

È disonesto mettere il Pd e il Pdl sullo stesso piano

A leggere gli editoriali di Libera Cronaca sembrerebbe che tutti i mali della situazione politica ed economica italiana siano nati nell’ultimo anno e mezzo sotto il governo Monti, infatti in questi editoriali non ho mai letto una parola sul perché si è arrivati a questo governo. Eravamo già in una situazione drammatica dal punto di vista della situazione finanziaria del nostro Stato oppure no? Chi pensa accettando le tesi di Berlusconi-Brunetta che lo spread è stata tutta un’invenzione per far fuori il caimano allora può smettere di leggere queste mie righe. Io penso invece che la situazione fosse drammatica e che Berlusconi ne fosse ampiamente consapevole, anche se ora lo nega, e che si sia tirato da parte per far ricadere anche su altri la responsabilità di una politica economica di rigore da cui non si poteva in quel momento prescindere. Quali alternative aveva allora il Pd? O appoggiare il governo Monti o andare alle elezioni.

Come dice l’editoriale DEL 5-6 MARZO il Pdl si era disintegrato politicamente il 12 Novembre 2011 con le dimissioni del Governo Berlusconi. Se il Pd avesse pensato solamente a conservare i propri privilegi di casta sarebbe andato subito alle elezioni, quasi sicuramente non sarebbe riuscito a perdere, e non avrebbe corso il rischio di resuscitare il proprio avversario politico. Chi glielo ha fatto fare al Pd di appoggiare un governo tecnico? Io credo la consapevolezza che il paese in quel momento non si sarebbe potuto permettere il vuoto di potere di una campagna elettorale.
Che poi la politica economica del governo Monti sia stata iniqua ed abbia penalizzato le classi più deboli non ci sono dubbi.

Non mi piace fare l’avvocato d’ufficio del Pd, proprio per niente. Il Pd ha molte colpe e molte responsabilità politiche se siamo arrivati alla situazione attuale. Sono invece costretto a farlo, il difensore d’ufficio intendo, perché secondo me è disonesto, ripeto disonesto intellettualmente, accumunare Bersani a Berlusconi, antiberlusconismo e anticomunismo. L’antiberlusconismo ha una sua logica di esistere ancora perché la nostra società è malata di berlusconismo e dei suoi valori negativi. L’anticomunismo non ha invece nessuna ragione di esistere dal momento che il comunismo non esiste più e comunque il comunismo trasmetteva valori positivi, anche se poi questi valori furono traditi dagli Stati del socialismo reale.

Ripeto che per me è disonesto, ripeto disonesto intellettualmente, mettere sullo stesso piano Pd e Pdl che per me non sono nemmeno lontanamente paragonabili. Si pensa forse che se Berlusconi quel 12 Novembre 2011 fosse stato quasi certo di vincere come lo era il Pd allora, nel caso si fosse andati alle elezioni subito, avrebbe appoggiato il Governo Monti? Certamente no e questa è già una grossa differenza.
Siccome il Pd è l’unica forza di sinistra strutturata di una certa consistenza secondo me sarebbe più opportuna una critica costruttiva che lo spingesse a migliorare e a non ripetere gli errori commessi. Non è accettabile metterlo sullo stesso piano di un partito come il Pdl guidato da un avventuriero che ha scelto la carriera politica per sfuggire ai processi che pendono sul suo capo. Se il nostro paese oggi è ridotto così lo si deve in massima parte al ventennio di governo/malgoverno berlusconiano e dei suoi degni compari di destra, i leghisti rappresentanti, a volte consapevolmente a volte no, degli interessi dei ricchi industriali padani imbevuti di egoismo e di razzismo.
Oppure si accetta l’assunto montiano e anche di parte dei 5 Stelle che non abbia più senso parlare di destra e di sinistra? La sinistra mette al primo posto la giustizia sociale e quindi l’uguaglianza e tutto il resto dovrebbe essere funzione di questi due valori. La destra invece condiziona tutto alla libertà dell’individuo e se questa causa ingiustizie sociali e povertà si accontenta di attenuare queste conseguenze. Questa differenza esisterà sempre, destra e sinistra esisteranno sempre, chi lo nega è un mistificatore.
Nello scenario politico creatosi ora dopo le elezioni come al solito non si capisce Libera Cronaca cosa proponga. Secondo Libera Cronaca Bersani dovrebbe dimettersi e non provare neppure a fare un governo. E quindi? Dovrebbero governare i 5 Stelle? Dovremmo tornare alle elezioni subito? Vorrei conoscere il pensiero propositivo di Libera Cronaca. Sono francamente stufo di questo atteggiamento solo distruttivo. Sembra che l’unico obiettivo del Giornale che non c’è sia quello di eliminare i privilegi della casta come se ciò bastasse a risolvere i problemi dei disoccupati, dei giovani che non trovano lavoro, dei pensionati che non riescono più a sopravvivere, insomma della povertà crescente.

Fabio Maccari- 7 marzo 2013

Re: Spesso facciamo proposte ma  evidentemente non si leggono, specie adesso che gli italiani hanno votato vanificando le aspettative del tanto peggio tanto meglio. Onestà intellettuale vorrebbe che non si mettessero addosso affermazioni mai fatte, così come vorrebbe  che la responsabilità delle inique scelte  fatte dal Governo Monti nei confronti delle classi più deboli del paese non fossero appioppate  alle altre  formazioni compartecipanti all’equa iniquità del Governo Tecnico. Il Pd ha approvato unitamente al Pdl e il Terzo Polo i provvedimenti del Governo Monti.  Se è onestà intellettuale valutare questi provvedimenti come atti di responsabilità nazionale, è anche onestà intellettuale considerarli  profondamente disonesti, soprattutto se  siamo davanti a scelte che hanno colpito i meno abbienti  e mantenuto il bengodi della politica nelle mani dei partiti. Soprattutto se le scelte sono stati approvati da un partito che rivendica di essere dalla parte di chi ha di meno.   In merito alle due onestà intellettuali che hanno determinato il voto di protesta anche a sinistra, ci sembra che a prevalere sia stata la seconda.

È onestà intellettuale dar la colpa  agli altri  di non aver  modificato la legge elettorale porcellum,  sorvolando sul fatto che si voleva modificarla  rendendola peggiore?

Noi scriviamo che è disonestà politica e intellettuale avallare questa mistificazione. La legge porcellum stava bene al Pdl e anche al Pd. A riprova di quanto scriviamo c’è la legge elettorale della Regione Toscana. Non esiste nel consesso delle nazioni democratiche  la norma che una coalizione che raccoglie  circa il 30% dei suffragi sul 75% dell’elettorato votante possa ricevere un premio del 55% in seggi rappresentativi.

E’ disonestà intellettuale  riconoscere questa norma vergognosa e antidemocratica, mentre è onesto intellettualmente utilizzarla per avocare una vittoria degna di rappresentare la democrazia e la volontà degli elettori di questo paese?

Non abbiamo mai scritto che Bersani debba dimettersi, abbiamo invece scritto che per il bene del paese Bersani e Berlusconi farebbero bene a fare un passo indietro e lasciare uno spazio di manovra per scongiurare il ritorno al voto e innescare una tempesta sui mercati finanziari che potrebbero portare l’Italia al default. Tutto il Nord è rimasto saldamente nelle mani del centrodestra, compresa la Lombardia squassata dagli scandali e dalla tempesta giudiziaria.  Bisogna essere onesti di capire che il programma elettorale del Pd non ha saputo modificare questa realtà politica e che , per conseguenza, non avrebbe scampo un Governo che abbia come fondamento unicamente il programma di Bersani, un programma che non ha attratto i cittadini del Nord d’Italia.

E’ disonestà intellettuale esprimere il dissenso, non allinearsi, dire basta ai ducetti, anche a Grillo beninteso, di  questa repubblica sempre più delle banane? È disonestà difendere chi ha di meno, dire basta al finanziamento vergognoso dei partiti, bocciato dal popolo italiano con un referendum diremmo plebiscitario?

Noi non modificheremo una VIRGOLA di quanto stiamo scrivendo da anni. Continueremo con serenità  a manifestare la nostra posizione mentre consideriamo intellettualmente disonesto semplificare  che le gravi situazioni del paese che siamo diventati si possono risolvere  con l’eliminazione dei  privilegi della casta.

Libera Cronaca ha sempre evidenziato che la politica deve dare l’esempio  sui sacrifici da fare e non quello di armiamoci e partite.  Noi non mettiamo sullo stesso piano il Pd e il Pdl, è il Pd che si è messo sullo stesso piano del Pdl durante i 13 mesi del Governo Monti.  Non facciamo difficoltà a riconoscere che l’onestà intellettuale ha compreso che tale scelta è dipesa per l’alto senso di responsabilità dimostrata dal Pd,   rifiutiamo invece che si possa demonizzare come disonestà  chi come Libera Cronaca critica l’equa iniquità fatta calare come una mannaia sui ceti meno abbienti.  Specialmente dopo che gli italiani hanno poi fatto il sunto con il voto, pur costretti a farlo con il porcellum. Ognuno  può valutare liberamente e formarsi un proprio giudizio, ma nessuno può però imporre come deve essere interiorizzato il risultato elettorale né mistificare un’eventuale posizione critica.

Ripetiamo: Libera Cronaca ha una storia e non è leggendo la parte attuale che si può giudicare il giornale che non c’è. Chi ci conosce non ha dubbi da che parte ci collochiamo, ma sa anche che non ci mettiamo buoni e in riga. Noi proponiamo libertà di conoscere e  possibilità di confronto senza però rinunciare al nostro libero discernere. Rifiutiamo  i paraocchi né vogliamo metterli a nessuno. Libera Cronaca è aperta: non mette il bavaglio né se lo fa mettere.  

Riaffermiamo  che i cittadini hanno bollato con un voto di protesta la conclamata disonestà politica italiana da cui il Pd e la coalizione di centrosinistra non sono riusciti a scollarsi come immaginavano. La conseguenza è che non hanno convinto in quella maniera necessaria per ricevere il consenso a governare, neanche con lo strapieno di maggioranza che dà il 55% dei seggi alla Camera ad una coalizione vincente che non ha superato il 30% del 75%  dei votanti. Partecipazione che tra l’altro ha visto un milione e trecentomila elettori esprimere la loro preferenza con schede bianche e nulle.  E quest’ultimo dato non è da poco in una fibrillazione politica ed economica come l’attuale.

Concludiamo che bisogna prestare la massima attenzione all’onestà intellettuale quando si esprime, ma ciò non implica la rinuncia alla critica quando non convince. Se si toglie il dissenso, l’impunità intellettuale sarebbe assicurata in ogni caso.  Ma non saremmo più in un contesto di democrazia, nemmeno malandata com’ è quella di adesso in Italia.

Giuseppe Vezzoni-addì 7.3.2013  

Malasanita’, “oltre 120 procedimenti penali negli ultimi 3 anni”

 

Staccioli, “Sono 64 i decessi sospetti nelle Asl toscane dal 2010 al 2012”

Toscana“Chiarezza immediata sui casi delle morti sospette nelle Asl toscane”. A chiederla è la consigliera regionale Marina Staccioli (Gruppo Misto), alla luce dei dati emersi in risposta ad un’interrogazione con cui si chiedeva conto dei procedimenti penali in corso. “Ad oggi – spiega la consigliera – risultano pendenti 126 procedimenti penali per responsabilità civile terzi, 40 relativi al 2010, 45 al 2011 e 41 nel 2012. Di questi – aggiunge – 64 sono relativi a decessi: 22 casi nel 2010, 20 nel 2011 e di nuovo 22 l’anno scorso”. “I dati, registrati nel Sistema Regionale di Gestione Sinistri – continua Staccioli – fanno emergere una situazione che appare endemica al sistema sanitario toscano”. L’interrogazione fu all’epoca sollecitata dal caso di Leonardo Iardella, 40 anni, dimesso dall’ospedale di Carrara il primo giugno 2012 dopo un breve ricovero e rimandato a casa nonostante le proteste dei familiari. L’uomo morì poche ore più tardi e la vicenda diede adito a una denuncia da parte dei familiari. “Su questa vicenda l’assessore alla Salute non ha potuto fornire risposte – dichiara Staccioli – in quanto il procedimento è ancora in corso e protetto da segreto istruttorio. Mi limito a ricordare che solo pochi giorni fa all’ospedale Versilia è avvenuto un episodio simile”. Il riferimento è al caso di Rodolfo Giannotti, 50 anni, deceduto dopo una giornata di cure in ospedale, giudicato in grado di tornare a casa dal personale ospedaliero. “In epoca di tagli e sacrifici nel comparto sanitario – avverte Staccioli – è assolutamente vietato abbassare la guardia su fatti di questo tipo”.

Firenze, 7 marzo 2013

Comunicato stampa Ufficio Stampa Francesca Puliti per il consigliere regionale Marina Staccioli, Gruppo Misto.

 

Caos ticket, “moratoria sugli anni precedenti il 2012”

 

FdI, “Impossibile accertare l’avvenuto pagamento. Chi ha avviato la campagna di recupero crediti ora paghi le spese postali sostenute”

Toscana– “Sanatoria sulle richieste di pagamento del ticket per gli anni precedenti al 2012. E adesso chi ha avviato la campagna di recupero crediti delle Asl paghi le spese postali sostenute”. A chiederlo sono i consiglieri regionali di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli (capogruppo) e Paolo Marcheschi e Marina Staccioli del Gruppo Misto, intervenendo sulla vicenda del recupero crediti avviato dalle Asl toscane. “Solo la Asl di Firenze – spiegano i consiglieri – ha inviato circa 13mila lettere ai cittadini per chiedere il versamento di ticket non pagati per prestazioni erogate tra il 2004 e il 2011. Per stessa ammissione dell’Asl, centinaia di queste lettere sono state inviate per errore a causa di un problema tecnico-informatico”. “Chiedere conto dell’avvenuto pagamento del ticket a distanza di anni – affermano – è un atto di arroganza istituzionale: per molti cittadini sarà impossibile dimostrare di essere in regola”. “Per questo abbiamo presentato una mozione con la quale chiediamo alla Regione di provvedere ad una sanatoria delle richieste fino al 2011 – dichiarano Donzelli, Marcheschi e Staccioli – ma non solo: si verifichi quanto è stato speso per dare il via alla campagna di recupero crediti a tappeto e si facciano sostenere queste spese a chi se ne è reso responsabile”.

Firenze, 7 marzo 2013

Comunicato stampa Ufficio Stampa Francesca Puliti  per i consiglieri regionali Giovanni Donzelli e Paolo Marcheschi (Fratelli d’Italia)  e Marina Staccioli (Gruppo Misto)

 

Poca compresibilità su documenti ufficiali del Comune di Stazzema

Vista la tua segnalazione sull’incomprensibilità di certe frasi che si trovano su documenti ufficiali del Comune, volevo porre alla tua attenzione la seguente che si trova sulla determina n. 49, riguardante l’affidamento delle trascrizioni delle registrazioni delle sedute del consiglio comunale:

“Visto che determina del responsabile del servizio 549/2009 si affidava il servizio alla ditta Stenotype Service di Giancarlo Givannini con sede a Viareggio è presente sul territorio nazionale dal 1992 e si occupa di verbalizzazione in Diretta, ma anche di acquisizione di sonoro dalle tradizionali fonti analogiche ecc. “ 

Baldino Stagi-addì 7.3.2013

Re: Ma le tariffe ai servizi cimiteriali  nel Comune di Stazzema sono rimaste invariate o sono state aumentate? Qualcuno può rispondere?

Libera Cronaca dalla Gola del Rondone-addì 7.3.2013

Invito a presentare il libro Mai Più  a Terrinca

Caro Giuseppe, mi corre obbligo di inviarti queste poche righe in considerazione della inspiegabile e colpevole indifferenza dimostrata dagli amministratori del Comune di Stazzema  nei confronti del tuo libro “MAI PIU’”  e della tua meritoria opera di ricerca storica e documentale su persone e fatti  riguardanti il nostro territorio. Considerata poi la reciproca stima che ci lega e l’interesse che il gruppo dei Colombani ha da sempre dimostrato per il tuo progetto e disponendo il Circolo Le Tanacce di Terrinca di una sala che ben si presterebbe all’uopo, e che tu ben conosci, a nome delle associazioni terrinchesi mi onoro di rivolgerti un invito ufficiale affinché tu voglia organizzare la presentazione dell’opera, a livello comunale, presso il Circolo Le Tanacce di Terrinca.  Certo che vorrai accogliere la proposta, ti confermo già da ora che i Colombani e i soci del Circolo sono a tua completa disposizione per quanto riguarda  gli aspetti organizzativi e logistici per una degna preparazione dell’evento.

Cordialissimi saluti Baldino Stagi-addì 7.3.2013

Re: Ringraziamo Il Circolo culturale I Colombani  e le associazioni  di Terrinca per l’invito, che accogliamo con viva riconoscenza, di presentare il libro Mai Più nella frazione stazzemese. La data giusta  sarebbe stata il prossimo  25 Aprile, ma in quei giorni potremmo essere a Lautembourg per la nascita della nipote Lilia (certi al 90%). Pertanto sposteremmo la presentazione a sabato 1 giugno, alla vigilia della Festa della Repubblica. Se va bene,ci risentiamo.

Giuseppe Vezzoni-addì 7.3.2013  

 

Auguri per il libro Mai Più dalla professoresa Beluffi

Caro Giuseppe, da Milano dove mi fermerò fino ad aprile, mi congratulo per il successo del tuo libro MAI PIU’ e per le presentazioni in ambienti altamente qualificati, fatte da personaggi che hanno ben capito l’importanza delle memorie e la tua paziente opera di ricerca e di connessione . Mi dispiace di non aver potuto essere presente ma, spiritualmente, c’ero. Cordialmente

Alba Tiberto Beluffi-addì 7.3.2013

Domani si inaugurerà un cippo in memoria di Giuseppe Nardini

Forte dei Marmi–  Ad un anno dalla morte prematura di Giuseppe Nardini,  compianto presidente dell’Ente Parco delle Apuane e della Contrada Il Ponte, sarà scoperto un cippo alla sua memoria. Domani, 8 marzo, alle 9,30  sarà celebrata una messa nella chiesa di Vaiana.  Conclusa la cerimonia religiosa si formerà un corteo, guidato dal sindaco di Forte dei Marmi Umberto Buratti e dalle autorità locali che saranno presenti alla cerimonia,  che si trasferirà in piazza Fratelli Meccheri, nel centro di Vaiana, dove sarà scoperto il cippo donato dallo studio Massimo Galleni a  ricordo di Giuseppe Nardini.

Libera Cronaca dalla Gola del Rondone-addì 7.3.2013

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Libera Cronaca dalla Gola del Rondone del 7 e 8 marzo 2013

  1. Lodovico Gierut ha detto:

    Mi complimento per chi ha avuto l’idea di ricordare Giuseppe Nardini, indimenticabile amico della Versilia.
    L Gierut

  2. fabio maccari ha detto:

    Ripeto alcune mie considerazioni fatte sugli editoriali di Libera cronaca:
    1- per me è disonesto intellettualmente mettere sullo stesso piano Pd e Pdl
    2- è parimenti disonesto intellettualmente accumunare Bersani a Berlusconi
    antiberlusconismo e anticomunismo
    Le motivazioni di queste affermazioni, per chi è interessato a leggerle, sono su Libera Cronaca del 7-8 Marzo.

    A queste si risponde così da parte di LIBERA CRONACA:
    Onestà intellettuale vorrebbe che non si mettessero addosso affermazioni mai fatte,

    Questa controaccusa vorrebbe significare che Libera Cronaca non ha messo sullo stesso piano Pd e Pdl? Che non ha accumunato Bersani a Berlusconi? E’ onesta intellettuale affermare ciò?
    Di fronte alla negazione dell’evidenza io mi fermo qui e prometto che non disturberò più il manovratore.
    FABIO MACCARI

    P.S.
    Ho trovato sul web un bell’intervento di Barbara Spinelli sull’onesta intellettuale. Lo riporto qua di seguito:

    Mi sto accorgendo che nel Movimento si parla tanto di onestà rispetto ai soldi, riduzione degli stipendi d’oro, no al finanziamento ai partiti, , no ai benefit, no alle pensioni d’oro, no ai vitalizi dopo pochi anni, no ai doppi incarichi, no al finanziamento ai giornali, insomma un rigore economico che diciamo ci sta tutto, verso un maggiore rispetto per i poveri , contro gli sprechi inutili e quindi si chiede al candidati del M5S onestà.

    Purtroppo noto che manca una richiesta indispensabile affinchè il paese possa veramente cambiare in meglio, una altrettanto vigorosa richiesta di onestà intellettuale, cioè quella cosa che dovrebbe far riconoscere ad una persona il suo proprio limite di competenza, non sei bravo ad aggiustare un’auto, non fai il meccanico …. non ci capisci niente come medico, non ti metti a curare la gente …. non sai guidare un aereo non fai il pilota (meno male che in questo caso ci sono severissimi controlli) , ma in politica che controlli ci sono per evitare di mandare a governare gente incapace ed incompetente.
    Mi domando per governare bastano le buone intenzioni?
    C’è gente che si crede i grado di governare solo perché ha ascoltato Travaglio e lo condivide o solo perchè condivide quello che dice Grillo.
    Gente che non ha neanche uno straccio di laurea che si candida a fare i deputato!!!!!
    Non è snobismo, è riconoscere l’impegno e le competenze, cosa che fino ad ora in Italia non conta, bastano le amicizie.
    ma anche qui vogliamo che bastino le amicizie in rete per essere votati?
    Abbiamo valutato le persone per le loro competenze e capacità che servono a governare?
    La famosa meritocrazia … significa le persone devono fare le cose che sono capaci a fare e non proporsi solo perché 4 amici in rete ti votano.
    Ci sono problemi enormi, ma tutti si sentono irresponsabilmente in grado di saperli affrontare.
    Sono preoccupata, anzi preoccupatissima di questa deriva semplicistica che viaggia trasversalmente nel movimento. Gente che dice , ma se gli altri mi votano???? Ma ognuno dentro di sé sa .. ognuno dovrebbe dare ascolto non agli amici, ma alla sua propria etica (se ce l’ha) il suo senso di responsabilità (se ce l’ha) , al suo senso critico (se ce l’ha) .
    L’autocritica è onestà. Raccontarsi delle balle è prendere in giro se stessi e gli altri.
    IL pericolo per l’Italia non sono solo i disonesti, i truffatori, c’è un’altro pericolo forse più grande sono i vanagloriosi, i megalomani, i presuntuosi.
    In Italia siamo talmente abituati alla mancanza di professionalità, di competenza che la consideriamo secondaria, pensiamo tutti presuntuosamente di potere fare, basta il buon senso.
    Ma vi fareste curare da un medico poco preparato?
    L’Italia è piena di millantatori in buona, ma anche in cattiva fede.
    Questa io la chiamo disonestà intellettuale.
    Certo uno stipendiuccio di Euro 5.000,00 fa gola a molti che nella vita non sono stati capaci di fare molto altro …. . ma mettere lo Stato in mano ad inesperti è da incoscienti , incosciente sia chi si propone sia chi lo vota.

    FABIO MACCARI

    Ripeto alcune mie considerazioni fatte sugli editoriali di Libera cronaca:
    1- per me è disonesto intellettualmente mettere sullo stesso piano Pd e Pdl
    2- è parimenti disonesto intellettualmente accumunare Bersani a Berlusconi
    antiberlusconismo e anticomunismo
    Le motivazioni di queste affermazioni, per chi è interessato a leggerle, sono su Libera Cronaca del 7-8 Marzo.

    A queste si risponde così da parte di LIBERA CRONACA:
    Onestà intellettuale vorrebbe che non si mettessero addosso affermazioni mai fatte,

    Questa controaccusa vorrebbe significare che Libera Cronaca non ha messo sullo stesso piano Pd e Pdl? Che non ha accumunato Bersani a Berlusconi? E’ onesta intellettuale affermare ciò?
    Di fronte alla negazione dell’evidenza io mi fermo qui e prometto che non disturberò più il manovratore.
    FABIO MACCARI

    P.S.
    Ho trovato sul web un bell’intervento di Barbara Spinelli sull’onesta intellettuale. Lo riporto qua di seguito:

    Mi sto accorgendo che nel Movimento si parla tanto di onestà rispetto ai soldi, riduzione degli stipendi d’oro, no al finanziamento ai partiti, , no ai benefit, no alle pensioni d’oro, no ai vitalizi dopo pochi anni, no ai doppi incarichi, no al finanziamento ai giornali, insomma un rigore economico che diciamo ci sta tutto, verso un maggiore rispetto per i poveri , contro gli sprechi inutili e quindi si chiede al candidati del M5S onestà.

    Purtroppo noto che manca una richiesta indispensabile affinchè il paese possa veramente cambiare in meglio, una altrettanto vigorosa richiesta di onestà intellettuale, cioè quella cosa che dovrebbe far riconoscere ad una persona il suo proprio limite di competenza, non sei bravo ad aggiustare un’auto, non fai il meccanico …. non ci capisci niente come medico, non ti metti a curare la gente …. non sai guidare un aereo non fai il pilota (meno male che in questo caso ci sono severissimi controlli) , ma in politica che controlli ci sono per evitare di mandare a governare gente incapace ed incompetente.
    Mi domando per governare bastano le buone intenzioni?
    C’è gente che si crede i grado di governare solo perché ha ascoltato Travaglio e lo condivide o solo perchè condivide quello che dice Grillo.
    Gente che non ha neanche uno straccio di laurea che si candida a fare i deputato!!!!!
    Non è snobismo, è riconoscere l’impegno e le competenze, cosa che fino ad ora in Italia non conta, bastano le amicizie.
    ma anche qui vogliamo che bastino le amicizie in rete per essere votati?
    Abbiamo valutato le persone per le loro competenze e capacità che servono a governare?
    La famosa meritocrazia … significa le persone devono fare le cose che sono capaci a fare e non proporsi solo perché 4 amici in rete ti votano.
    Ci sono problemi enormi, ma tutti si sentono irresponsabilmente in grado di saperli affrontare.
    Sono preoccupata, anzi preoccupatissima di questa deriva semplicistica che viaggia trasversalmente nel movimento. Gente che dice , ma se gli altri mi votano???? Ma ognuno dentro di sé sa .. ognuno dovrebbe dare ascolto non agli amici, ma alla sua propria etica (se ce l’ha) il suo senso di responsabilità (se ce l’ha) , al suo senso critico (se ce l’ha) .
    L’autocritica è onestà. Raccontarsi delle balle è prendere in giro se stessi e gli altri.
    IL pericolo per l’Italia non sono solo i disonesti, i truffatori, c’è un’altro pericolo forse più grande sono i vanagloriosi, i megalomani, i presuntuosi.
    In Italia siamo talmente abituati alla mancanza di professionalità, di competenza che la consideriamo secondaria, pensiamo tutti presuntuosamente di potere fare, basta il buon senso.
    Ma vi fareste curare da un medico poco preparato?
    L’Italia è piena di millantatori in buona, ma anche in cattiva fede.
    Questa io la chiamo disonestà intellettuale.
    Certo uno stipendiuccio di Euro 5.000,00 fa gola a molti che nella vita non sono stati capaci di fare molto altro …. . ma mettere lo Stato in mano ad inesperti è da incoscienti , incosciente sia chi si propone sia chi lo vota.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...