Libera Cronaca dalla Gola del Rondone del 24 e 25 gennaio 2013

Libera Cronaca dalla Gola del Rondone del 24 e del 25  gennaio  2013

 

VERITA’ EQUITA’ TOLLERANZA DIALOGO

Terremoto magnitudo 4,8. La scossa avvertita in quasi tutta la Toscana. A Lucca e Pisa in maniera maggiore.

Alle 15,50 circa del nostro orologio ( 15,48)  è stata avvertita nello Stazzemese una scossa di terremoto che è durata circa 7/8 secondi. Magnitudo 4,8. Epicentro in Garfagnana.  I bimbi della scuola materna di Mulina di Stazzema sono stati portati all’aperto .

I bambini  delle scuole sono stati portati a casa con gli scuolabus. La scossa ha creato un poco di apprensione ma sopratutto ci sarà da vedere se il terremoto è l’avvisaglia di un evento sismico più rilevante e che si teme possa coinvolgere la Garfagnana come è avvenuto nel 1920. Allora il sisma fu di intensità pari a 6,4 della scala Richter,con epicentro Fivizzano, e fu preceduto da una prima scossa di intensità minore. Va ricordato che il 24 aprile 1984 ci furono, con epicentro in mare tra  Pisa e Livorno, due scosse di terremoto, alle 19,20 e alle 21,46, con intensità del 5, 7 della scala Richter .  Il 10 ottobre 1995 altra scossa, con epicentro la Lunigiana, intensità 5 scala Richter. Ricordiamo che nell’inverno del 1984 o gennaio 1985, dopo una scossa di terremoto non particolarmente intensa, fu dato un allarme per un possibile sisma che in quel tempo si temeva avvenisse in Garfagnana, dato che ci si avvicinava  a quel periodo di tempo, circa 70 anni trascorsi dal sisma del 1920, con cui empiricamente si pensava allora che aumentasse la percentuale del possibile ripetersi di una scossa di pari intensità. La scossa premonitrice ci fu nel 1920 e, considerando quel ricorso storico, fu dato l’allarme e i ragazzi non furono mandati a scuola per un giorno o due.

Giuseppe Vezzoni- addì 25.1.2013

L’ultimo terremoto avvenne un anno fa-  il 27 gennaio 2012-  e creò molta preoccupazione e  anche qualche lieve danno: crepe e caduta di intonaci in alcune chiese e case.  

Giuseppe Vezzoni-addì 25.1.2013

Bankitalia prende le distanze da Mps e accusa: celati i documenti- Ancora crollo – 8,19%

 

Con una nota la Banca d’Italia denuncia che la documentazione sui derivati, Santorini e Alexandria, «è emersa solo di recente, a seguito del rinvenimento di documenti tenuti celati all’Autorità di Vigilanza» e «portati alla luce» dai nuovi dirigenti. Adesso divampano le polemiche politiche, ma scindere vicinanze mai rigettate con la veemenza e la perentorietà di adesso  sembra l’abbandono dell’equipaggio dalla tolda  della nave che affonda  con tutti i passeggeri. Chi pensa che il buco di Mps sia solo un fatto bancario è disposto a vedere volare gli asini. Il buco Mps è l’ennesimo segno di un paese in cui gli onesti sono in balia dei disonesti, dei truccatori di carte,  di impunità e coperture politice-istituzionali che fanno del paese che siamo diventati una delle nazioni più corrotte del mondo, dove il predare, il falsificare, il coprire spesso e volentieri l’ha fanno franca, oppure il giudizio inappellabile di condanna è a certi livelli frastagliato e ritardato attraverso il ricorso a innumerevoli cavilli, tanto che consente anni e anni  di libera esistenza. Il buco Mps è l’ennesima dimostrazione di un sistema paese, politico-istituzionale, che fa emergere i macro scandali come quest’ultimo quando l’acqua è alla gola: o affogare o tirare il salvagente, che dovrà essere pagato da coloro che non hanno colpa e non da chi ha imbrogliato e da chi non ha controllato e non ha posto i rimedi  necessari. L’abbiamo scritto due anni fa  e forse più che il sistema italiano mirava a prendersi i piccoli risparmi e a ridurre le pensioni.

Chi legge la Libera Cronaca sa che questo è vero, tragicamente vero. Scritto da un giornale che non c’è, da un giornalista che non c’è, da un cittadino che non c’è, da una coscienza civica che non c’è. Scritto invero da un populista che c’è, da un qualunquista che c’è, così come c’è purtroppo anche l’amara verità  del paese che siamo diventati: tutti dietro ai sempiterni pifferai, che per prendere i voti rinnegano le misure inique  che hanno votato e promettono, con una faccia tosta incredibile, quelle che non hanno voluto fare, sicuri e protetti nel castello porcellum della politica itagliana, senza il ponte levatoio sul fossato che divide  le gozzoviglie di pochi dal sacrificio e dagli stenti di molti. Con Mps,  il titolo perde anche oggi in borsa l’8,19% ( da lunedì le azioni hanno perso il 20%) abbiamo la riprova che c’è un sistema che vuol far credere al volo degli asini e che purtroppo ci sono milioni di visionari decisi a crederci, a pagare, piuttosto che riflettere sulla uniformazione delle  diversità del paese che siamo diventati.   Oggi il ministro del’economia Vittorio Grilli ha detto: «La situazione di Mps non è una novità, non è un fulmine a ciel sereno. Conoscevamo le sue problematicità già da un anno. Non ho evidenza di problemi in altre banche. Sui controlli dico solo che sono di competenza di Banca d’Italia». Come si vede inizia il  solito rimpallo delle responsabilità tra Bankitalia e Governo, ma la situazione evidentemente era conosciuta anche a livello politico e qualcuno ha taciuto.  C’è da augurarsi che le indagini della magistratura svelino l’arcano, ma già la parola localismo che sta girando l’ha dice lunga dove spostare la colpa. Ma la necessità di accedere a risorse pubbliche pari a 3,9 miliardi di euro Monti bond  non può essere circoscritto nel localismo.  In questo caso siamo di fronte ad uno scandaloso affaire nazionale che sarà pagato dai cittadini incolpevoli e non dalla la politica  italiana, dalle istituzioni e dagli organi di vigilanza che non hanno fatto il loro dovere.  Una domanda inizia a serpeggiare, se  questa è l’accusa del Governo sulla mancata vigilanza:  e se con Mps  fossimo di fronte all’emergere dell’ iceberg  derivati del sistema bancario italiano? 

Giuseppe Vezzoni-addì 24.1.2013

 

Riccardo Antonini non c’è stato a cospargersi il capo di cenere per essere riassunto. Processo l’11 marzo

 

Viareggio– Buongiorno,  il processo per la riassunzione di Riccardo si farà l’11 Marzo 2013. Il  simpaticissimo Moretti ha firmato l’accordo ma  Riccardo NO. Dentro l’accordo c’era la sua riassunzione ma c’era anche l’ammissione di cose inverosimili (la contestazione a Genova era organizzata da Riccardo, tutte le ingiurie ricevute a Genova provenivano da Riccardo, ecc). Con il ricatto della riassunzione gli hanno chiesto “il cospargimento di cenere sul capo”, ma lui non c’è stato. Pertanto, non trovando l’accordo il giudice ha stabilito la data del processo. IL MONDO CHE VORREI , esprime il massimo sostegno a Riccardo. GRAZIE
Carlo Beretti per il Mondo che vorrei-addì 24.1.2013

 

Perché non ho mollato …

Oggi era in programma l’udienza per la firma del “Verbale di Conciliazione Giudiziale” sulla mia reintegrazione. L’Ad delle ferrovie Moretti ha firmato, il sottoscritto No perché si tratta di un verbale che mette in discussione la dignità e la coscienza del sottoscritto. Se e quando rientrerò in ferrovia, questo sarà in piedi e a testa alta, non in ginocchio e con il cappello in mano, come vorrebbe il sig. Moretti.

Questa mattina ho assunto responsabilmente e coerentemente la difficile decisione di non sottoscrivere quel verbale per salvaguardare la mia dignità. Non era possibile sottoscrivere un documento che nega la verità, non era possibile sottostare a questo ricatto. Non si può, sempre e comunque, barattare la dignità. La strage di Viareggio non si compra, non si baratta, non si svende.

Il sig. Moretti pensava di incassare un “risultato” da spendere contro i lavoratori impegnati su sicurezza e salute e contro i familiari dell’immane tragedia di Viareggio oltre a farne una inutile e falsa strumentalizzazione politica. Forse non ha ancora capito che ‘Viareggio’ non sta sul mercato e non è disponibile a subire alcun tipo di ricatto o di compravendita.

In questi mesi ho mostrato profondo senso di responsabilità accettando la proposta di conciliazione del giudice del 5 luglio 2011 (respinta dalle ferrovie) ed ancora con la proposta di conciliazione presentata questa mattina nella quale non pretendo dal sig. Moretti di riconoscere l’opera di denigrazione, di ricatto, di minaccia, di provocazione attuata nei miei confronti da quando sono impegnato in questa battaglia per sicurezza, verità e giustizia.

La forza per proseguire questa lotta la ricevo da numerosi familiari presenti anche al presidio di martedì 22 gennaio a Lucca.

Saputo di quanto accaduto questa mattina, un familiare a me molto caro mi ha inviato questo sms: “Ciao Riccardo, hai scelto la strada più difficile per te e per la tua famiglia, ma hai anche scelto l’unica che può cambiare questo sistema. Ti ringrazio a nome mio e della mia famiglia. Un abbraccio”.

Riccardo Antonini

Testo inviato da Assemblea 29 Giugno- addì 24.1.2013

      

 

 

Ripartizione Fondo Regionale  per la montagna 2012

a.23.01.2013 Finanziamewnto RT Unione dei comuni

 

Toscana- Versilia–  Con la deliberazione della Giunta regionale n. 935 del 29 ottobre 2012 con cui è stato approvato il Programma annuale 2012 del Piano d’indirizzo per le montagne toscane , comprendente la ripartizione delle risorse del Fondo regionale per la montagna 2012. Le risorse di cui sopra ammontano complessivamente ad euro 4.122.777,08  sono state ripartite ai sensi della citata deliberazione n. 935/2012: una quota pari a 3.266.356,17 euro  è stata suddivisa tra le unioni di comuni; una quota pari a 156.420,91 euro è stata destinata alla Provincia di Livorno; una quota pari 700.000,00 euro tra i comuni montani non inclusi in unione di comuni. L’Unione dei Comuni della Versilia ha ottenuto 108.159,76 euro per il progetto Lavori di ripristino mulattiere storiche e riqualificazione aree a supporto del turismo verde Sentiero Alta Versilia”.

Libera Cronaca dalla Gola del Rondone-addì 24.1.2013

 

Sabato 2 febbraio presentazione del libro Sant’Anna di Stazzema. Storia di una strage- (seconda edizione)

invito pezzino (1)

 

Seravezza-  La presentazione del volume Sant’Anna di Stazzema. Storia di una strage– (seconda edizione)- Bologna, il Mulino, 2013 di Paolo Pezzino avverrà sabato 2 febbraio, alle 17,30,  presso  le Scuderie Medicee di Seravezza. Presenteranno  il volume il Dott. Marco De Paolis, Procuratore Capo presso il Tribunale Militare di Roma, Michele Silicani, Sindaco di Stazzema. Sarà presente l’Autore.

“lI libro, straordinariamente documentato, racconta la storia della strage: in che contesto maturò, i protagonisti, carnefici e vittime, come si svolse, come non si fece giustizia nel dopoguerra e come la si è fatta a La Spezia. Nella seconda edizione un nuovo capitolo discute il caso dell’inchiesta tedesca conclusasi a fine settembre 2012 con una sconcertante richiesta di archiviazione da parte della procura di Stoccarda per insufficienza di prove”.

Libera Cronaca dalla Gola del Rondone-addì 24.1.2013

 

E’ deceduto Giocondo Landi, memoria storica  della frazione di ArniGiocondo Landi

 

In ricordo del nonno
Caro Giuseppe, vorrei spendere queste poche parole in ricordo di mio nonno Giocondo, venuto a mancare la scorsa notte (23 gennaio) presso l’Ospedale Versilia.
L’aggravarsi delle condizioni di salute hanno costretto il povero nonno ad un ricovero urgente in cardiologia e cosciente della drammatica situazione, ha lottato con coraggio, fino all’ultimo respiro assieme a noi, sempre presenti al suo fianco.
Vorrei ricordarlo per l’animo buono che dimostrava avere con tutti, sempre gentile e pronto ad aiutare il prossimo in qualsiasi situazione. Oltre a lasciare un vuoto incolmabile, con lui viene a mancare sicuramente un pezzo di memoria storica del suo paese e della sua gente di Arni. Non resta che custodire con gran orgoglio e profondo senso di rispetto quei piccoli ricordi che ogni sera ci affidava, tra storie di vita paesana, al duro lavoro nelle cave, alla seconda guerra mondiale e a tanti altri preziosi ricordi. Con tanto affetto, rimarrai sempre nei nostri cuori.

Landi Giocondo, nato 01/05/1918 deceduto il 23/01/2013

Il nipote Federico Poli- addì 24.1.2013

Re: La Libera Cronaca è vicina al dolore della Famiglia di Giocondo Landi, memoria storica della frazione di Arni

 

Domani sera, alle 21,  alle Scuderie Granducali appuntamento con la prosa: TRACCE di e con Marco Baliani

SeravezzaSi allega alla presente il comunicato stampa relativo allo spettacolo di prosa TRACCE di e con Marco Baliani, venerdì 25 gennaio presso il Teatro Scuderie Granducali di Seravezza. Si tratta del terzo appuntamento con la rassegna UNO-CENTOMILA per la direzione artistica di Elisabetta Salvatori. Pregandovi di  segnalare l’evento, si ringrazia fin d’ora per lo spazio che potrete darci.

Nell’ambito della rassegna teatrale di prosa “Uno centomila” Seravezza – Scuderie granducali domani venerdì 25 Gennaio – ore 21.00 TRACCE Dall’omonimo saggio di Ernst Bloch di e con Marco Baliani

Tracce, ispirato all’omonima raccolta di aforismi e parabole di Ernst Bloch, è un racconto “diluito” il cui filo conduttore è rappresentato da quattro parole: “Stupore”, “Incantamento”, “Infanzia” e “Racconto”. Ogni parola è “protagonista” di una narrazione ricca di ricordi, pensieri ed emozioni personali, ma anche di citazioni letterarie (oltre allo stesso Bloch, anche Rilke, Benjamin, Chatwin…) e di scelte musicali affini e evocative: Bjork, Sainko, John Lurie e, unico brano non strumentale, La cattiva strada di Fabrizio De André. Così a commentato Baliani stesso questa suo ennesima eccellente opera: “Vorrei alla fine che gli spettatori si alzassero forse sconcertati, dispersi, ma colmi di altre memorie non dette, desiderosi di aggiungere altri racconti, di completare non il mio lavoro ma il loro percorso”.

Marco Baliani è attualmente uno dei migliori interpreti del nostro teatro. A partire dagli anni ottanta si dedica al teatro di narrazione, seguendo la strada aperta da Dario Fo, di cui è a tutt’oggi uno dei massimi esponenti insieme a Marco Paolini ed Ascanio Celestini. Da ricordare senz’altro gli spettacoli  Corpo di stato sull’omicidio Moro, Lo stranierodall’omonimo romanzo di Albert CamusLa Crociata dei Bambini – Ballata per canto e corpi, con le musiche di Goran Bregović . Nel 1994 ha vinto il premio IDI come regista, per lo spettacolo Come gocce di una fiumana. Nel corso degli anni ha anche lavorato come attore cinematografico con i registi Martone, Soldini, ArchibugiComencini. Info: www.terremedicee.it

Acquisto biglietti dei singoli spettacoli: E’ possibile acquistare i biglietti dei singoli spettacoli  presso la segreteria della Fondazione Terre Medicee, tutti i martedì e giovedì dalle ore 10.00 alle 14.00, oppure on-line sul circuito ww.bookingshow.com e nei punti vendita autorizzati: Versilia Vacanze  Fantasy world Viaggi v.le Europa, 188 – Lido di Camaiore   Via Rinascita, 6–Ripa tel. 0584 619479  – Tel. 0584 769399. I biglietti si acquistano anche  la  sera stessa della rappresentazione  a partire dalle ore 20,30 direttamente presso il Teatro delle Scuderie

Comunicato stampa Ilogo per Fondazione Terre Medicee-addì 24.1.2013

Antro del Corchia:  definiti i vincitori del 1° Concorso “Presepi in Grotta”Alunni e Presepi

StazzemaBuongiorno, in allegato il Comunicato riguardante la classifica finale e le suole vincitrici del 1° Concorso “Presepi in Grotta”. Con cortese preghiera di pubblicazione e diffusione. Grazie e buon lavoro, Daniele Neri, Responsabile Comunicazione & Marketing Sistema Turistico-Culturale

Si è concluso il 1° Concorso riservato alle Scuole della Toscana, promosso dall’Associazione Turistica “Apuane da Vivere”, con il patrocinio del Comune di Stazzema, del Comune di Forte dei Marmi, del Parco Regionale delle Alpi Apuane e dell’Unione dei Comuni della Versilia. Le sacre rappresentazioni esposte all’interno della Grotta Turistica Antro del Corchia, hanno ottenuto un discreto successo che rende fiduciosi gli organizzatori a replicare la manifestazione nelle prossime edizioni di “…e vieni in una Grotta…” le aperture straordinarie del periodo natalizio. In base ai “voti di preferenza” espresso direttamente dai visitatori, gli Istituti vincitori sono risultati:

1) I.C. Martiri di Sant’Anna di Stazzema, con “Presepe in Grotta”, che si aggiudica il 1° premio pari ad euro 600,00;

2) Liceo Artistico Stagio Stagi di Pietrasanta, con “Natività con Angeli”, che si aggiudica il 2° premio pari ad euro 300,00;

3) I.C. Camaiore 2 di Lido di Camaiore, con “Bianco e caldo Natale riciclato” che si aggiudica il 3° premio pari ad euro 100,00.

L’Antro del Corchia continua intanto la sua attività che, da Marzo in poi, sarà per lo più ancora dedicata alle Scuole. Tutte le scolaresche interessate potranno prenotare, a loro piacimento, una visita completamente loro dedicata e personalizzata. Oltre all’escursione in Grotta infatti sarà possibile visitare le Miniere dell’Argento Vivo, i Musei di Levigliani e definire percorsi didattici e formativi, attivando dei laboratori, propedeutici o di completamento all’attività sul campo, sotto il controllo e la guida di personale esperto e competente. Per prenotazioni o maggiori informazioni è attivo il numero 0584-778405 (tutti i giorni dalle 9.30 alle 13.00) ed il sito  www.antrocorchia.it.                                        

Associazione turistica Apuane da vivere e Cooperativa sviluppo e futuro Levigliani- Comunicato Ufficio Stampa Sistema Turistico – Culturale “Corchia Underground” addì 24.1.2013

 

Giornata della Memoria 2013: dall’Olocausto ad oggi domani alla Croce Verde di Pietrasanta

Pietrasanta – Domani, venerdì 25 gennaio 2013, alle ore 17, Sala “Maurizio Tosi” – Croce Verde di Pietrasanta: “ DALL’OMOCAUSTO AD OGGI”. Interventi: “Dal paragrafo 175 ai lager” – Marco Vignolo Gargini. “Legislazione ed omofobia– Mirko Zanaboni e Donella Bramenti. Associazione Ireos – Firenze :“A che punto siamo?” A cura dell’Associazione Consultorio TransGenere di Torre del Lago Puccini. Soggetti promotori: Anpi – Croce Verde – Arci – Ireos – Consultorio TransGenere. Intervenite!

Comunicato  inviato da Giovanni Cipollini-addì 24.1.2013

 

 

 “Leggere giova gravemente alla salute”.

 

Forte dei Marmi-  Nella sala dell’Hotel Logos di Forte dei Marmi il 27 gennaio,giorno della Memoria 2013, nell’ambito del ciclo di incontri organizzato dalla Giovane Holden Edizioni in collaborazione con il Circolo Culturale IPLAC di Mestre e Hotel Logos di Forte dei Marmi, l’iniziativa “Leggere giova gravemente alla salute”. Simona Bertocchi relazionerà sui libri proposti per l’occasione: “ La regina rossa” di Augusta Bianchi e “Il ritorno” di Giorgio Virdigni. L’incontro si terrà alle 17 e le letture saranno a cura di Manola Pieruccioni.

Da Simona Bertocchi questo invito: “Vi aspetto domenica 27 alle ore 17,00 al LOGOS HOTEL in via Mazzini 153 – Vittoria Apuna – Forte dei Marmi . Il tema è LA MEMORIA , pezzi di storia, racconti di uomini e donne che hanno vissuto quegli anni feroci. Gli autori porteranno dei testi autobiografici ricchi di documentazione per tramandare e fare conoscere quello che non dobbiamo dimenticare. Vi aspetto numerosi certa della vostra sensibilità e partecipazione”.

Simona Bertocchi-addì 24.1.2013

 

Il pensiero del potere e delle emozioni: domani sera presentazione gratuita del corso per una maggiore consapevolezza,serenità e chiarezza del pensiero.il-potere-del-pensiero

Pontedera– Vi aspettiamo venerdì 25 p.v. ore 21,00 al Centro FuturaMente a Pontedera (Via F.lli Bandiera, 9/11 – accanto alla nuova sede della Polizia Municipale) per la presentazione gratuita di questo interessante corso (partirà il 4 febbraio alle ore 21,00) sui pensieri, la mente e le nostre emozioni. Più riusciamo a conoscerci e meglio riusciamo a vivere.

Giornata della Memoria

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...